Ucraina 2017 (1/10). Considerazioni preliminari

Considerazione preliminare n. 1

Se qualcuno avesse detto alla me undicenne che un giorno avrei visto il mare solo dalla riva in tutta l’estate, e che quel mare sarebbe stato il Mar Nero, la mia giovane controparte sarebbe stata probabilmente molto sconcertata o molto divertita. Sì, ero una di quelle persone che tutti gli anni andava in vacanza al mare: sempre le solite due settimane a luglio, sempre nello stesso posto.

Come si intuisce facilmente dal modo in cui l’ho detto, quello scenario apparentemente improbabile e remoto si è verificato proprio quest’anno e, devo dire, è stato bello salutare l’estate 2017 con tutta la bellezza che mi ha regalato.

Odessa, Mar Nero

 

Considerazione preliminare n. 2

9 lug 2017. Eravamo in piedi in fondo al tram 5 da piazza Mendlovo verso il centro. Era una domenica, e i miei e mia nipote erano venuti a trovarmi a Brno. Io e Bobby stavamo giusto dicendo dove saremmo potute andare a settembre, quando entrambe avevamo preso dieci giorni di ferie. Pensavamo di sapere per certo che saremmo andate nei Balcani, anche se non c’era ancora nulla di definito.

Una di noi due deve aver (sempre casualmente) nominato l’Ucraina, tipo che bello sarebbe andarci e come sarebbe facile volare su Kiev da Praga o Budapest.
Qualche secondo di silenzio riflessivo e poi, lì e in quel momento, sapevamo entrambe per certo dove saremmo andate.

‘Un futuro luminoso in cambio di un quaderno di appunti’

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

tre × 3 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.