Postcards from Russia (3/8). 10 ways to complete the sentence ‘Moscow is the city where…’ – #6 to #10

[Italian version below]

 

So, about Moscow. Let’s pick up where we left off!

6. If you take public transport, you might bump into grumpy, annoying or rude people

This remark closely recalls what I said about local people in entry number 2. Again, one should never generalise, as there will always be multiple exceptions that contradict the rule (and thankfully so). It’s also true that public transport often brings out the worst in us and, in this case, Moscow is no exception. Not even the stunning beauty of some of its metro stations can always make up for a not-entirely pleasant ride.

If you’re a first-time visitor and you’re not familiar with the metro map and the geography of its central –and most crowded– stations, finding your way around might not be the easiest task. It doesn’t get better if you’re travelling at rush hour and there really is a LOT of people around. So be patient, and patiently let the escalator ‘swallow’ you underground. As the Russian saying goes, все будет хорошо: everything will be fine.

Also, maybe don’t be too ‘theatrical’ if you wish to take photos of the metro stations. I was especially mindful of that, as I was never able to clarify whether it was actually forbidden, only frowned upon, or it was all just a groundless urban legend. I did steal a few shots here and there and, as I understand, photographing in the metro used to be banned, but it’s no longer the case. Just don’t be too much of a show-off, while you’re down there. 

Moscow, metro station

Moscow, metro station

 

7. You will want and have to visit at least a number of truly stunning churches, regardless of your religious beliefs

I know, I know, I’ve said the same about Kiev. Again. But it’s a fact: you go to Moscow, ergo you go see at least a few churches, if not because they are religious buildings, because they’re super unique. Like these:

 

Cathedral of Vasily the Blessed (Василий блаженный)

This one is commonly referred to as St. Basil’s Cathedral, and you know it even though you think you don’t. It’s the super colourful one that features in virtually all Red Square photos ever taken.

Any stereotypical remark you’ve heard about how beautiful St. Basil is will no longer be a stereotype, once you’ve seen it for yourself: it really is as unique as it can be. Its multi-colour domes are a delight for the eye, and there are no two of them alike; the polychromy is mesmerising.

The interiors live up to the expectations understandably raised by the exteriors. The walls are colourful, the towers stunningly high. So yes, ‘wow’ makes for an accurate conclusive remark.

St. Basil’s Cathedral

St. Basil’s Cathedral

 

Cathedral of Christ the Saviour (Храм Христа Спасителя)

Christ the Saviour is St. Basil’s ideal counterpart. Where the latter is a palette of colours, the former is a triumph of white and gold. If you stand in front of the cathedral on a sunny day without sunglasses, the light will almost blind you.

The beauty of this church and its surroundings, with the river flowing right behind it and the elaborate iron bridge crossing over it, are objective and unquestionable.

Cathedral of Christ the Saviour

Bridge behind the Cathedral of Christ the Saviour

Again, the interiors are equally marvellous, richly decorated and evocative. Plus, this church happens to be the one where in February 2012 Russian punk rock group Pussy Riot staged a well-known performance. Said performance was deemed blasphemous by the Orthodox clergy and resulted in the arrest of three band members, who were charged with hooliganism and consequently convicted.

(Pussy Riot are strenuous opponents of the Putin regime, as well as his close ties with the leaders of the Orthodox Church, whose support for Putin during the 2012 electoral campaign triggered the performance in the first place.)

Cathedral of Christ the Saviour

 

Kazan Cathedral (Казанский собор)

This small yet splendid church is situated across the Red Square from St Basil and, despite its being outsized by virtually all buildings and monuments overlooking the square, it doesn’t go unnoticed.

Kazan is the name of another Russian city, and a beautiful one (more about it in the dedicated post). The church’s name owes nothing to the city per se. What happened is, the end of the 16th century and the early 17th century marked the end of one Tsar dynasty and the establishment of the Romanov dynasty. Around that time, Russia was invaded by Poland-plus-Lithuania, aka the ‘Polish-Lithuanian Commonwealth’. The Prince that led Russian forces against the enemy managed to rid Moscow of the invaders. He claimed he owed the victory to the icon of Our Lady of Kazan, whom he had prayed multiple times.

So the prince funded the construction of a church dedicated to the Virgin of Kazan, which went on to become the Kazan Cathedral, and also one of the most significant churches in the city. Except, in 1936 Stalin ordered the destruction of all churches around the Red Square. While St. Basil was spared, the Kazan Cathedral was demolished, and only rebuilt in the early 90s.

Kazan Cathedral

 

Novodevichy Convent (Новодевичий монастырь)

Unlike the Kazan Cathedral (and many other religious buildings in the city), the 16th-century Novodevichy Convent has been virtually untouched since the 17th century.

The complex includes several churches, towers and buildings, whose functions and purposes I will carefully avoid mentioning here, as that is way beyond the scope of this post. What I can say for sure is, the complex is beautiful, what with the bright colours and well-preserved architecture, as well as its strategic location close to the river.

Novodevichy Convent

Novodevichy Convent

 

8. Looking at some monuments and buildings is like leafing through a history textbook

Okay, one has to be highly selective here (or this post will be officially without end), so I shall only mention a handful of places from the list. Like, say:

 

The whole of the Red Square itself

This is ‘one of those places’, where the concentration of history and culture is at its highest. Alongside the buildings and monuments mentioned in entry no. 5, there you even have the Lenin Mausoleum, which, as you might know (because it’s an exceptional fun fact), is the resting place of Lenin’s embalmed body.

Red Square

 

Lubyanka Square (Лубянская площадь)

Lubyanka is the square where, in the building by the same name, the KGB (Комитет государственной безопасности), the Soviet Secret Services, had their HQ. Later, it was the FSB (Федеральная служба безопасности), the Russian Secret Services, that were headquartered there, alongside the KGB Museum.

 

Victory Park (Парк победы)

Victory Park is the complex that commemorates Russia’s victory against Nazi Germany during World War II. It is located on Poklonnaya Hill, one of the highest spots in Moscow.

Officially opened in 1995, the park is scattered with the following: terraces, religious buildings, fountains (and a lot of them), an obelisk (topped by the statue of… Nike, who else? The goddess of Victory), the People’s Tragedy Sculpture (which commemorates the victims of the Holocaust), military equipment and tanks, and the semi-circular Museum of the Great Patriotic War.

Victory Park

Speaking of which, it is worth noting that the Great Patriotic War does not exactly coincide with World War II as we know it: it refers to the conflict Russia fought against Germany as a result of the German invasion of Soviet Union.

And, really, Victory Day (celebrated on 9 May) is one of the most important days of the year in the country, a day Russians call and truly consider ‘святой‘, ‘sacred’, one they don’t ever joke about, so don’t make jokes about it yourselves. Saying it would come across as inappropriate really is a euphemism.

Victory Park

 

Seven Sisters

Well, after entry no. 1 you know pretty much all about them, don’t you?

 

9. You can easily find The Yummiest Street Food Anywhere You Like

Remember remember the word ‘pirozhky’ (пирожки). You’re going to need to use it when, tired from all the walking and sightseeing, you will be looking for some tasty and energetic comfort food to keep you going.

That’s what piroshky are for. They’re small pies made from puff pastry, which come in different shapes and fifty shades of filling: potato, mushrooms, meat, tvorog cheese (творог, a type of cheese that reminds of ricotta, though it’s not quite the same thing), cabbage, blueberry jam, strawberry jam- yes, there is a lot of them.

Dumplings

My favourite piroshky place was the kiosk right behind the cathedral of Christ the Saviour, by the iron bridge. I honestly don’t know if that stall is still there, but if and when I go back to Moscow I will definitely go have a look around the area, hoping to find it.

And if you don’t come across that specific kiosk, do make sure that you come across pirozhky at least, and also don’t miss out on Russian traditional cuisine, which comes in the shape of dumplings variously filled, called pelmeny (пельмени) or varenyky (вареники), soups like borsch (борщ) and schi (щи), and a lot more.

But that’s another story.

Pirozhky!

 

10. Railway stations have cool, evocative names

Moscow has nine railway terminals, each of which serves a specific route. It’s the route itself that explains the name of the station: you read its name, and you can easily guess where trains leaving from there take you.

So you have Leningradskiy Station (Ленинградский вокзал) because that one takes you to Saint-Petersburg (formerly Leningrad), while if you’re leaving for Kazan, you want to go to Kazanskiy Station (Казанский вокзал), if your destination is Kiev, you go for Kievsky Station (Киевский вокзал), and- well, you get the gist.

As for the Trans-Siberian journey, it begins at Yaroslavskiy Station (Ярославский вокзал). You might want to note that down somewhere.

Leningradskiy Station

 


 

Cartoline dalla Russia (3/8). 10 modi per completare la frase ‘Mosca è la città in cui…’ – Dal n. 6 al n. 10

 

Dicevamo, Mosca. Riprendiamo da dove ci siamo interrotti…

6. Se prendete i mezzi pubblici, potreste imbattervi in persone scontrose, antipatiche o maleducate

Questa affermazione richiama quanto ho detto al punto 2. Di nuovo, non bisognerebbe mai generalizzare, perché ci saranno sempre molteplici eccezioni che confermano la regola (per fortuna). È altrettanto vero che i mezzi pubblici spesso tirano fuori il peggio di noi e, in questo sì, neanche Mosca fa eccezione. Neanche la straordinaria bellezza di alcune fermate della metropolitana riesce a compensare un viaggio non proprio piacevole.

Se siete a Mosca per la prima volta e non conoscete la mappa della metro né la geografia delle sue fermate principali (e più affollate), potreste non riuscire a orientarvi facilmente. La situazione non migliora se viaggiate all’ora di punta e c’è veramente TANTA gente in giro. Per cui armatevi di pazienza e, con pazienza, lasciatevi ‘inghiottire’ dalla scala mobile che vi porta giù. Come dice il proverbio russo, все будет хорошо: andrà tutto bene.

Ecco, magari non siate troppo espliciti se volete fotografare le stazioni della metro. È una cosa a cui facevo particolarmente caso, perché non sono mai riuscita a capire se fosse vietato, solo visto non di buon occhio o una leggenda metropolitana. Io qualche foto qua e là l’ho fatta e, per come l’ho capita, fare foto era proibito in passato, ma non è più così. Magari non siate troppo ‘teatrali’, mentre siete là.

 

7. Vorrete e dovrete visitare almeno un certo numero di chiese veramente bellissime, a prescindere dalle vostre idee religiose

Lo so, lo so, ho detto la stessa cosa di Kiev. Ancora. Ma è un dato di fatto: andate a Mosca, ergo andate a vedere almeno certe chiese, se non perché sono edifici religiosi, perché sono uniche nel loro genere. Tipo queste:

 

Cattedrale dell’Intercessione (Василий блаженный)

Questa è più nota come Cattedrale di San Basilio e la conoscete anche se pensate di non conoscerla. È quella tutta colorata che vedete praticamente in tutte le foto della Piazza Rossa.

Qualsiasi luogo comune a proposito della bellezza di San Basilio non sarà più un luogo comune quando l’avrete vista: è veramente splendida. Le sue cupole multicolore sono bellissime, né ce ne sono due uguali fra loro; sono di una policromia quasi ipnotica.

Gli interni non disattendono le aspettative comprensibilmente create dalla struttura esterna. Le pareti sono coloratissime e le torri all’interno incredibilmente alte. Insomma, ‘wow’ è una buona osservazione conclusiva sull’argomento.

 

Cattedrale di Cristo Salvatore (Храм Христа Спасителя)

Cristo Salvatore è l’ideale controparte di San Basilio. Se quella è una tavolozza di colori, questa è un tripudio di bianco e oro. Se è una bella giornata e siete in piedi fuori dalla cattedrale senza occhiali da sole, poco ci manca che la luce sarà vi accechi.

La bellezza della chiesa e dei dintorni, con il fiume che scorre dietro la chiesa e l’elaborato ponte in ferro battuto che lo attraversa, sono fuori discussione.

Gli interni sono ugualmente preziosi, riccamente decorati ed evocativi. Senza contare che proprio questa è la chiesa in cui nel febbraio 2012 il gruppo punk rock russo Pussy Riot si è esibito in una nota performance. Il clero ortodosso ha giudicato l’esibizione ‘blasfema’ e tre ragazze della band sono state arrestate e condannate per hooliganismo.

(Le Pussy Riot sono strenue oppositrici del regime di Putin e dei legami di quest’ultimo con i leader della Chiesa Ortodossa, il cui appoggio a Putin durante la campagna elettorale del 2012 ha dato lo spunto per la stessa performance delle ragazze in chiesa.)

 

Cattedrale di Kazan (Казанский собор)

Questa piccola, ma splendida chiesa si trova sul lato opposto della Piazza Rossa rispetto a San Basilio e, benché praticamente tutti gli edifici e monumenti della piazza la superino per dimensione, non passa inosservata.

Kazan è il nome di un’altra città russa, bellissima fra l’altro (si veda il post dedicato su Kazan). Il nome della chiesa non ha nulla in comune con la città in sé. In pratica, tra fine Cinquecento e inizio Seicento si concluse una dinastia di zar ed ebbe inizio quella dei Romanov. In quel periodo la Russia fu invasa dalla Polonia-più-Lituania, ovvero l’allora Confederazione polacco-lituana. Il principe che guidava le forze russe contro il nemico riuscì a liberare Mosca dagli invasori. Attribuì la vittoria all’icona di Nostra Signora di Kazan, cui aveva più volte rivolto le sue preghiere.

Il principe finanziò così l’erezione di una chiesa dedicata alla Vergine di Kazan, che divenne poi Cattedrale di Kazan, nonché una delle chiese più importanti della città. Solo che nel 1936 Stalin ordinò la distruzione di tutte le chiese in zona Piazza Rossa. Mentre San Basilio venne risparmiata, la Cattedrale di Kazan fu demolita e ricostruita solo a inizio anni Novanta.

 

Convento di Novodevichy (Новодевичий монастырь)

Al contrario della Cattedrale di Kazan (e molti altri edifici religiosi moscoviti), il cinquecentesco Convento di Novodevichy è rimasto quasi intatto dal Seicento in poi.

Il complesso include diverse chiese, torri ed edifici aggiuntivi, le cui funzioni eviterò accuratamente di elencare qui, poiché va ben oltre l’intento del mio post. Quello che posso senz’altro dire è che Novodevichy è meraviglioso, grazie ai suoi colori brillanti, alle ottime condizioni di conservazione e alla posizione strategica non lontano dal fiume.

 

8. Guardare alcuni palazzi e monumenti è come sfogliare un libro di storia

Okay, qua bisogna fare un po’ di selezione (altrimenti questo post non finirà mai), per cui ne menzionerò solo pochi. Questi:

 

Tutta la Piazza Rossa

Questo è ‘uno di quei posti’, ad altissima concentrazione di storia e cultura. Oltre a edifici e monumenti già nominati al punto 5, ci trovate anche il Mausoleo di Lenin, dove, come probabilmente già sapete (perché è una curiosità non da poco), è conservata anche la salma di Lenin imbalsamato.

 

Piazza Lubyanka (Лубянская площадь)

Lubyanka è la piazza in cui, nell’omonimo edificio, aveva sede il KGB (Комитет государственной безопасности), i Servizi Segreti sovietici. Poi il palazzo divenne la sede dell’FSB (Федеральная служба безопасности), i Servizi Segreti russi, e del Museo del KGB.

 

Parco della Vittoria (Парк победы)

Parco della Vittoria è il complesso che commemora la vittoria della Russia contro la Germania nazista nella Seconda guerra mondiale. È situato sulla collina Poklonnaya, uno dei punti più alti di Mosca.

Ufficialmente inaugurato nel 1995, il parco è arricchito da terrazze, edifici religiosi, fontane (e anche parecchie), un obelisco (sormontato dalla statua… della Nike, di chi sennò? La dea della vittoria), la Scultura della Tragedia dei Popoli (dedicata alle vittime dell’Olocausto), attrezzature militari e carri armati, nonché il semicircolare Museo della Grande Guerra Patriottica.

A questo proposito, val la pena ricordare che la Grande Guerra Patriottica non coincide esattamente con la Seconda guerra mondiale come la conosciamo: si riferisce infatti al conflitto che la Russia combatté contro la Germania dopo l’invasione tedesca dell’Unione Sovietica.

E, veramente, il Giorno della Vittoria (che si festeggia il 9 maggio) è uno dei giorni più importanti dell’anno nel paese, uno che i russi considerano e definiscono ‘святой‘, ‘sacro’, un giorno su cui non si fanno battute, per cui non fatene neanche voi. Dire che risulterebbe inappropriato è veramente un eufemismo.

 

Sette Sorelle

Beh, dopo il punto 1 sapete tutto sull’argomento, no?

 

9. Potete agilmente trovare Cibo di Strada Buonissimo ovunque

Tenete bene a mente la parola ‘pirozhky’ (пирожки). Vi servirà quando, provati dal lungo girovagare e peregrinare per la città, cercherete del comfort food gustoso ed energetico per proseguire il giro.

A questo servono i pirozhky. Sono piccoli tortini salati a base di pasta sfoglia, di forme diverse e con cinquanta sfumature di ripieno: patate, funghi, carne, formaggio tvorog (творог, che ricorda un po’ la ricotta, ma non è proprio la stessa cosa), cavolo, marmellata di mirtilli, marmellata di lamponi… sì, ce ne sono tanti.

Il mio banchetto di pirozhky preferito era quello proprio dietro la cattedrale di Cristo Salvatore, all’inizio del ponte. Non lo so se c’è ancora, ma se e quando tornerò a Mosca andrò senz’altro a vedere, sperando di trovarlo al suo posto.

E se anche non trovate quel chiosco in particolare, cercate di trovare almeno i pirozhky e, già che ci siete, provate anche la cucina tradizionale russa, che include diversi tipi di ‘simil-tortelli’ ripieni, chiamati pelmeny (пельмени) o varenyky (вареники), zuppe come il borsch (борщ) e lo schi (щи) e molto altro.

Ma questa è un’altra storia.

 

10. Le stazioni ferroviarie hanno nomi molto fighi ed evocativi

Mosca ha nove stazioni di riferimento, ciascuna delle quali è legata a una rotta ben precisa. È quest’ultima che dà il nome alla stazione: se ne leggete il nome, potete facilmente intuire dove vanno i treni che partono da lì.

Tipo, avete la stazione Leningradskij (Ленинградский вокзал) che vi porta a San Pietroburgo (già Leningrado), mentre se andate a Kazan, vi serve la stazione Kazanskij (Казанский вокзал), se la vostra meta è Kiev cercate la stazione Kievskij (Киевский вокзал)… insomma, avete capito come funziona.

Per quanto riguarda la Transiberiana, quella parte dalla stazione Yaroslavskij (Ярославский вокзал). Magari questa ve la volete segnare.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

nineteen + 15 =

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.