Postcards from Russia (2/8). 10 ways to complete the sentence ‘Moscow is the city where…’ – #1 to #5

[Italian version below]

1. Institutional buildings are monumental and overwhelming

Of course I’m (also) talking about the Cremlin complex (Кремль) and its high, bright red walls. But have you ever heard of the Seven Sisters? And not the chalk cliffs by the English Channel, that is.

The Seven Sisters are a group of seven skyscrapers built in the Stalinist era (between 1947 and 1953) in an elaborate Baroque-Gothic style. The original plan included nine buildings, but two of them were never erected. The Seven Sisters include:

– Hotel Ukraina (Гостиница Украина), today home to a luxurious Radisson hotel
– Kotelnicheskaya Embankment Apartments (Жилой дом на Котельнической набережной)
– Kudrinskaya Square Building (Жилой дом на Кудринской площади)
– Hilton Moscow Leningradskaya Hotel (Хилтон Москоу Ленинградская) – yes, it’s a Hilton hotel today
– Ministry of Foreign Affairs (main building) (Министерство иностранных дел)
– Moscow State University (main building) (Московский государственный университет)
– Red Gates Administrative Building (Высотное здание на площади Красных Ворот).

One of the Seven Sisters: the Ministry of Foreign Affairs

The Seven Sisters are imposing, gigantic, almost dystopian-, Big-Brother-like in size and aspect – which is no surprise, if you think about the era they belong to. If you stand in front of them, they loom over in an almost threatening way, and from a distance they end up in your field of vision when you least expect it, when you think you should not be able to see them from your standing point. Truth be told, I did end up mistaking one for another a couple of times, when glimpsing one from afar.

You might not see all the Seven Sisters if you’re only in Moscow for a few days, but you will most likely bump into at least one or two of them along the way. And, chances are, you will know if’s one of them.

 

2. If you’re not used to large cities, you might feel a tad disoriented because of its huge spaces and distances

I understand this sounds like an attempt to expand on entry no. 1. And I know that huge spaces also characterise other megalopolises, if not the majority of them.

With Moscow, though, let’s face it, it’s not like with other European capitals. Moscow is mind-blowingly huge, and likely to belittle you, unless one’s got to know it and located familiar spots here and there around the city.

And there’s also the potential language barrier, the Cyrillic all over the place, and the fact that locals may not always come across as exceptionally friendly or amicable – with all due exceptions, of course, and in terms of first impression.

Moscow is the only Russian city where I have lived (so far), which I have not just visited as a traveller. I hated and loved it so much while I was there (always thinking the feeling was mutual), yet it’s one of those places one has to see at least once, if one has the opportunity. It can’t not leave an impression.

Moscow river

Lenin Library

 

3. Traffic jams have a (lack of) logic of their own

Literally. You might not witness their full potential, if you keep to the city centre during your stay in Moscow, but that doesn’t make them less noteworthy.

To give you an idea, imagine you’re sitting in an electric bus (trolleybus in Russian) on your way home from university, and your bus drives down a prospekt (a very long and very broad, multi-lane street, usually located in urban areas). A junction between two prospekts is directly proportional to the size of the prospekt itself, i.e. very very broad. Your bus makes to turn left at the junction because the traffic light is green, but the light goes red while the bus is still in the middle of the junction. It stops right there, obviously, and so do the other cars in the process of turning right or left at the junction. Meanwhile, other cars are already queuing up in all the available lanes.

The result is… striking. What you see from your bus is a ‘sea’ of vehicles pointing in random directions without apparent meaning or purpose. They look like a mass of cars swept away by a tidal wave.

It might take a while for the traffic to resume its ‘normal’ pace – long enough for the bus driver to turn off the engine altogether and let everyone out, so they can reach their final destination on foot; it will be quicker for everyone.

Based on a true story, obviously.

 

4. If you don’t speak at least a bit of Russian, well, you might have a hard time

I don’t know if and/or how things have changed over the past few years. I remember that, when I was in Moscow, it wasn’t that easy to find Russian-English, bilingual signs on the street – or elsewhere, for that matter.

I had gone to Moscow to improve my Russian, in fact, so the lack of English all around technically helped. Going from the Russian spoken at university in class to the actual Russian spoken by Russian people every day everywhere, though, was quite traumatic at first, so back then some extra spark of recognition of a more familiar language would have been greatly welcome.

That said, it is true that popular monuments and attractions are usually more visitor-friendly, and the staff are more likely to speak English, on average. Should that not be the case, well, if you went to rural Vietnam you wouldn’t expect locals to speak English, yet you’d somehow be able to get the message across, right? So, no fear 🙂

Metro and street signs

 

5. There are, in fact, many cities in one

Okay, this entry goes hand in hand with no. 2 and, yes, I know I’ve made the same remark about Kiev. Again, it’s a fairly standard statement to make, if you’re talking about a large capital city, so no wonder.

So here’s four sides of the same Moscow (to name just a few of them):

 

Red Square (Красная площадь)

The Red Square is the Moscow everybody knows and has seen at least once on TV, in a book and/or a magazine. Ask a sample of people to name one place in Moscow they’ve heard of, and chances are most of them will pick the Red Square.

Its popularity is well justified, though, since the square includes buildings and monuments of unique importance: St. Basil’s Cathedral, Lenin’s Mausoleum, the shopping centre GUM, Kazan Cathedral, the Kremlin walls, the State Historical Museum and the Tomb of the Unknown Soldier.

So be prepared: a visit around the Red Square might take much longer than you expect!

Red Square

 

Arbat (Арбат)

Arbat is a super popular street in the heart of Moscow’s historical centre. I’m not 100% sure it’s that well known to people that have never been to the Russian capital, but regardless of that, the logic is elementary: you go to Moscow, therefore you go to Arbat.

The Arbat I’m talking about is the old Arbat (Старый Арбат). Yes, there’s also a new Arbat (Новый Арбат), but that’s an ordinary multi-lane, tower-block street that owes its name to the sole fact that it runs parallel to its original counterpart.

Old Arbat is a one-km pedestrian street among the oldest in the city. It’s lively, dotted with colourful souvenir shops, cafes and restaurants, as well as the odd busker here and there.

There is also a Pushkin Museum and, in its vicinity, the bronze statue of a gentleman seemingly deep in thought. That would be singer-songwriter and musician Bulat Okudzhava (Булат Окуджава), (also) known for his Arbat-themed songs, the most popular of which is The Arbat Song (Песенка об Арбате), a beautiful portrait of Old Arbat street.

Old Arbat

 

Chistye Prudy (Чистые пруды)

Chistye prudy literally means ‘Clean Ponds’, and is the name of a large pond situated along the Boulevard Ring in the northeast of Moscow. It is yet another top-list landmark of the Russian capital – at least, it is for me, as I loved the place while I was there.

Get off at Chistye Prudy metro stop, and forget all about traffic and skyscrapers as you stroll down Chistoprudny Boulevard (Чистопрудный бульвар), along the pond. At night the area is lit up by tiny lights all year round, which makes it look even more picturesque.

Fun fact: in the old days the place was known as ‘Dirty Ponds’, because people used to throw rubbish in the ponds on a regular basis. In the early 18th century the area was all cleaned up and renamed accordingly.

Chistye Prudy

Chistye Prudy

 

Vorobyovy Gory (Воробъевы горы)

Literally named ‘Sparrow Hills’, Vorobyovy Gory is a hill on the banks of the Moskva river (Москва-река), as well as one of the highest spots in the whole of Moscow (200 mt above river level – Moscow is flat oh so flat).

If you get off at Vorobyovy Gory metro station, you’ll find yourself strolling down paths lined by leafy trees, immersed in a silence and quiet that little have to do with usual Moscow. The riverbed is amazingly broad, and sunset views from there really are quite something.

When it comes to parks in Moscow, Gorkiy park (Центральный парк имени Горького) is usually the first that springs to mind. Which makes sense: it’s the city park by definition, plus reaching its monumental entrance by crossing the bridge over the river guarantees to offer amazing views.

Vorobyovy Gory

Vorobyovy Gory

I mentioned Vorobyovy Gory in particular for purely subjective, if not selfish reasons: it was fairly close to my Moscow dorm, and every time I went to the city centre by metro, and the metro stopped at Vorobyovy Gory, I caught a glimpse of the view, and always thought ‘I could get off here instead of going where I’m going’.

The best thing would be to visit both Vorobyovy Gory and Gorkiy park. They’re only two metro stops from each other (respectively Vorobyovy Gory and Park Kultury, both on the red line), so you’ll have to come up with a very good excuse for skipping either of them!

 

Okay, let’s take a break from the tour (and from the list). Move on to the next Moscow post for entries 6 to 10!

 


 

Cartoline dalla Russia (2/8). 10 modi per completare la frase ‘Mosca è la città in cui…’ – Dal n. 1 al n. 5

 

1. … Le sedi istituzionali sono monumentali e gigantesche

Certo che parlo (anche) del Cremlino (Кремль) e dei suoi muri alti e rossi. Ma avete mai sentito parlare delle Sette Sorelle? E non le scogliere in gesso affacciate sul Canale della Manica.

Le Sette Sorelle sono un gruppo di sette grattacieli costruiti in epoca stalinista (fra il 1947 e il 1953) in un elaborato stile fra il gotico e il barocco. Il progetto originale includeva nove edifice, ma due di questi non furono mai costruiti. Le Sette Sorelle sono:

– l’Hotel Ucraina (Гостиница Украина), che oggi ospita un lussuoso Radisson;
– l’edificio residenziale sul lungofiume Kotel’ničeskaja (Жилой дом на Котельнической набережной);
– l’edificio in piazza Kudrinskaya (Жилой дом на Кудринской площади);
– l’Hilton Moscow Leningradskaya Hotel (Хилтон Москоу Ленинградская) – sì, oggi è un Hilton;
– Ministero degli Esteri (l’edificio principale) (Министерство иностранных дел);
– l’Università Statale di Mosca (la sede centrale) (Московский государственный университет);
– Torre del Ministero dell’Industria Pesante (Высотное здание на площади Красных Ворот).

Le Sette Sorelle sono imponenti, enormi, quasi distopiche, ‘alla-Grande-Fratello’ per dimensione e aspetto. Il che non stupisce, se si pensa all’era a cui appartengono. Se siete in piedi da-vanti a una del gruppo, avrete l’impressione che l’edificio incomba minaccioso su di voi. Da lontano, invece, lo ritroverete nel vostro campo visivo quando meno ve l’aspettate, quando pensate che dal vostro punto di osservazione non dovreste riuscire a vederlo. Ammetto che un paio di volte ne ho confuso uno con un altro, generalmente da lontano.

Magari non le vedrete tutte se siete a Mosca solo per qualche giorno, ma con ogni probabilità vi imbatterete almeno in una o due delle Sette Sorelle per la via. E, con ogni probabilità, ve ne accorgerete.

 

2. Se non siete abituati alle grandi città, potreste sentirvi un filo disorientati da grandi spazi e distanze

Capisco che questa suona come un tentativo di approfondire il punto 1. E lo so che i grandi spazi caratterizzano anche altre megalopoli, per non dire quasi tutti.

Mosca, però, diciamocelo, non è come le altre capitali europee. Mosca è pazzescamente grande e capace di farti sentire minuscolo, se uno non la conosce e non ha punti di riferimento familiari in giro per la città.

E poi c’è la potenziale barriera linguistica, il cirillico ovunque e il fatto che i moscoviti non sembrino particolarmente amichevoli – con le dovute eccezioni del caso, ovviamente, e in termini di prima impressione.

Mosca è l’unica città russa in cui ho vissuto (finora) e che non ho solo visitato durante il viaggio. L’ho amata e odiata così tanto mentre ero là (con l’idea che il sentimento fosse sempre reciproco), eppure è uno di quei posti che uno deve vedere almeno una volta, se ne ha l’opportunità. Non può lasciare indifferenti.

 

3. Gli ingorghi stradali hanno una (mancanza di) logica tutta particolare

Letteralmente. Magari non ne vedete di particolarmente estesi, se restate nel centro storico du-rante il vostro soggiorno moscovita. Vale comunque la pena parlarne.

Per darvi un’idea, immaginate di essere sul filobus (trollejbus in russo): state tornando a casa dall’università e il bus viaggia lungo un prospekt (strada molto lunga a più corsie, generalmente situata in zone urbane). Un incrocio fra due prospekt è direttamente proporzionale alla larghezza dello stesso prospekt, ovvero molto molto ampio. Il vostro bus gira a sinistra perché c’è verde, ma il semaforo diventa rosso proprio mentre siete in mezzo all’incrocio. Il bus si ferma lì e, con lui, si fermano le altre macchine che stavano svoltando a destra o a sinistra. Intanto, altre macchine sono già in coda al semaforo in tutte le corsie a disposizione.

Il risultato è… singolare. Dal vostro bus vedrete un ‘mare’ di veicoli rivolti in tutte le direzioni apparentemente senza logica o senso. Sembrano macchine spazzate via da un’onda anomala.

Potrebbe volerci un po’ perché il traffico torni ‘normale’, abbastanza perché l’autista decida di spegnere il motore e far uscire tutti, così che ognuno possa raggiungere la sua meta a piedi. Farà sicuramente più in fretta.

Tratto da una storia vera, ovviamente.

 

4. Se non parlate almeno due parole di russo, potreste non avere vita (sempre) facile

Non so se e/o come siano cambiate le cose negli ultimi anni. Quando ero a Mosca, ricordo che non era così facile trovare cartelli bilingui russo-inglese per strada – o altrove, se è per quello.

In realtà ero a Mosca per imparare meglio il russo, per cui la mancanza di inglese tecnicamente mi ha fatto comodo. Passare dal russo parlato a lezione in università al vero russo parlato dai russi nella quotidianità è stato comunque traumatico all’inizio, e lì per lì almeno un barlume di familiarità linguistica sarebbe stato più che benvenuto.

Detto ciò, è pur vero che i monumenti e le attrazioni più popolari sono più ‘a misura di turista’ e lo staff generalmente parla inglese.

Se così non fosse, beh, diciamo che se andaste nel Vietnam rurale non vi aspettereste che la gente del posto parlasse inglese, eppure riuscireste a farvi capire comunque, giusto? E allora non avete nulla da temere 🙂

 

5. Ci sono, di fatto, tante città in una

Okay, questa constatazione va di pari passo con il numero 2. E mi rendo conto che ho fatto la stessa considerazione a proposito di Kiev. In fin dei conti, si tratta di un’affermazione abbastanza ricorrente, quando si parla di grandi capitali.

Per cui ecco quattro lati della stessa Mosca (per nominarne giusto alcuni):

 

Piazza Rossa (Красная площадь)

La Piazza Rossa è la Mosca che conoscono tutti e tutti hanno visto almeno una volta in TV, sui libri e/l sui giornali. Chiedete a un campione di persone di nominare un posto di Mosca che conoscono: con ogni probabilità quasi tutti nomineranno la Piazza Rossa.

La sua popolarità è più che meritata, visto che la piazza include quasi interamente edifici e monumenti di enorme importanza: la Cattedrale di San Basilio, il Mausoleo di Lenin, i grandi magazzini GUM, la Cattedrale di Kazan, le mura del Cremlino, il Museo Storico di Stato e la tomba del Milite Ignoto.

Quindi preparatevi: visitare la Piazza Rossa potrebbe richiedere molto più tempo del previsto!

 

Arbat (Арбат)

Arbat è una via molto popolare nel cuore del centro storico di Mosca. Non sono sicura al 100% che sia nota a chi non è mai stato nella capitale russa, ma al di là di quello, la logica è elementare: andate a Mosca, quindi andate ad Arbat.

L’Arbat di cui parlo è la vecchia Arbat (Старый Арбат). C’è anche una nuova Arbat (Новый Арбат), ma quella è una normale strada a più corsie incorniciata da grattacieli, che deve il suo nome al solo fatto di essere parallela alla sua controparte originale.

La vecchia Arbat è una strada pedonale di circa un chilometro, fra le più antiche della città. È vivace, punteggiata di negozi di souvenir colorati, caffè e ristoranti, oltre al cantante di strada qua e là lungo la via. C’è anche un Museo di Pushkin e, lì vicino, una statua in bronzo di un signore apparentemente molto pensieroso. Ecco, quello è il cantautore e musicista Bulat Okudzhava (Булат Окуджава), noto (anche) per le suo canzoni su Arbat, la più nota delle quali è La Canzone di Arbat (Песенка об Арбате), un ritratto bellissimo di Arbat.

 

Chistye Prudy (Чистые пруды)

Chistye prudy letteralmente Stagni Limpidi’ ed è il nome di un ampio laghetto situato lungo la Boulevard Ring nella parte nord-ovest di Mosca. È un’altra meta da tenere presente quando si va nella capitale russa – di sicuro lo è per me: amavo quel posto quando ero a Mosca.

Scendete alla fermata della metro Chistye Prudy e dimenticatevi traffico e grattacieli mentre passeggiate lungo Chistoprudny Boulevard (Чистопрудный бульвар) lungo il laghetto. La sera la zona è sempre illuminata da lucine, che la rendono ancora più suggestiva.

Curiosità: in passato il sito era noto come ‘Stagni inquinati’, perché le persone erano solite riversare la spazzatura nei laghetti. A inizio Settecento, poi, la zona è stata ripulita e rinominata di conseguenza.

 

Vorobjovy Gory (Воробъевы горы)

Vorobjovy Gory, che letteralmente significa ‘Colline dei corvi’, è una collina sulle rive del fiume Moscova (Москва-река), oltre che uno dei punti più alti di Mosca (200 m sopra il livello del mare – Mosca è davvero pianeggiante).

Se scendete alla fermata Vorobjovy Gory, vi ritroverete a camminare lungo sentieri fiancheggiati dagli alberi, immersi in un silenzio e una quiete che poco c’entrano con la Mosca che si conosce di solito.

Il fiume è ampio e i tramonti da lì meritano davvero.

Quando si parla di parchi a Mosca, di solito si nomina il Parco Gorkij (Центральный парк имени Горького). Ci sta: il Gorkij è il parco cittadino per definizione, senza contare che arrivarci attraversando il ponte sul fiume è garanzia di una vista non da poco.

Mi sono soffermata su Vorobjovy Gory per ragioni puramente soggettive, se non egoistiche: era abbastanza vicino al mio studentato di Mosca e ogni volta che andavo in centro in metropolitana vedevo uno scorcio del parco e pensavo che ‘forse potrei scendere qui anziché andare dove devo andare’.

La cosa migliore sarebbe andare sia a Vorobjovy Gory sia al Parco Gorkij. Distano solo due fermate di metro l’uno dall’altro (rispettivamente Vorobjovy Gory e Park Kultury, entrambe sulla linea rossa), per cui vi servirà una buona scusa per saltarne uno dei due!

 

Okay, facciamo una pausa dal tour (e dalla lista). I numeri dal 6 al 10 sono nel prossimo post, ancora su Mosca!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

3 + five =

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.