Ukraine 2017 (5/9). Kiev, Part I: City of Churches

[Italian version below]

2 Sept 2017. I didn’t know what to expect from Kiev – or Ukraine at all, for that matter. So I thought having no expectations at all would be the wisest approach.

What I can say for sure, after a brief stay in the capital, is that Kiev is many cities in one, and to put together an honest and faithful portrait of its multiple sides one would have to be there for much longer than the mere two days we could afford to spend in the city.

Regardless of one’s religious feelings (or lack thereof), the religious Kiev demands an extremely high level of attention. In fact, our first morning around Kiev was highly ‘religious’. Obviously and inevitably, it started from Andriivskyi descent (Андріївський узвіз) itself, where our hostel was conveniently located.

Head up the descent and keep going to the top. It might take a while: the street has a lot to offer, and its many distractions might slow you down a bit. Trust me, though: it’s worth every step of the way. As we walked up in the silver morning light, I couldn’t help noticing how everything was nice and pretty and quaint, ‘streetsy’, artsy and street-artsy: bars and cafés (one right next to Bulgakov Museum), stalls selling handmade traditional clothes, and tiny shops.

The artsy rate grows higher toward the top, where the street forks and Aleya Khudozhnykiv (Алея художникiв) displays a real and actual outdoor art gallery, where every painter has its own stretch of wall to lean its works against.


St. Andrew’s Church

The top of the street is also where the uniquely majestic St. Andrew’s Church (Андрiївська церква) sits, overlooking the Podil neighbourhood. The church is a landmark of Kiev and Ukraine, and rightly so: its fifty shades of blue and gold glimmer in the (day)light and glow in the dark from the square beneath the hill.

I’m not the religious type, as I have pointed out repeatedly, nor am I a huge fan of religious architecture. But with some religious buildings you can’t but acknowledge how utterly stunning and beautiful they are. St. Andrew’s is a case in point. I can’t say anything about the interiors: we we-ren’t allowed inside, as the church was being renovated.

The outside, though, is indeed utterly stunning and beautiful. Perched atop a grassy hill (which is seemingly posing a potential threat to the stability of its foundations), it has teal green domes that look like they’re covered in velvet with golden ‘buttons’ drawing lines all over their surface. The neat lines of its walls highly contrast with the hill slope below and the curvy lines of its domes.

Once you’ve walked up the stairs to the building, take a few minutes to walk all around the perimeter of the church.

On the right-hand side there’s a balcony, and the view from there is breathtaking. If you happen to be there on a bright, sharp day, you will see everything: Kiev bridges, its skyline, the Dnepr waters and its many islets. Exactly, wow.


St. Michael’s Golden-Domed Monastery

When we left Andriivskyi descent, we headed toward the centre. We walked past the Ministry of Foreign Affairs, whose amphitheatre-like shape, massive columns and sculpted flags in the marble low relief are hard to miss. If you gaze up and down the austere-looking building, though, you can already glimpse St. Michael’s Golden-Domed Monastery (Михайлівський золотоверхий монастир).

That, obviously, was also going to be our next stop.

The monastery dates back to the Middle Ages and was repeatedly renovated at later stages, till the Soviets tore it down in the late 1930s. The current appearance of the monastery is the result of a fresh reconstruction that took place in the early 2000s. As the name suggests, the complex is especially known for its shiny golden onion domes, unmistakable even from a distance.

The cornflower blue of its exteriors, though, is what struck me most. It makes it look like a marzipan house, like it’s straight out of a fairy tale. In fact, it happens to be another landmark of Kiev and Ukraine.

We didn’t have time to explore the interiors (the museum in the bell tower and the refectory). So we contented ourselves with a stroll around the area, and gaze in awe at the perfection of the architecture and the detail of the windows’ décor. The monastery really is a work of art in itself, and the monumental fresco right by the entrance is another powerful reminder of that.


Toward Saint Sophia’s Cathedral

As you step out of the monastery onto the square, it won’t take you more than a few seconds to guess now where you’re heading next. Saint Sophia’s Cathedral (Собор Святої Софії) is located in Sofiyska Sq., at the opposite end of Volodymyrsky proyizd from St. Michael’s, so it’s only a short walk from one monument to the other.

We walked past Princess Olga’s Monument (Памятник княгинi Ользi), where Kiev princess (Olga, obviously) stands fierce and severe on a podium together with St. Andrew (on her right) and Cyril and Methodius (on her left).

As we got closer to the square, we realised that some super popular sports event or festival was taking place in the square. The area was colonised by a crowd of highly fit sporty people jumping and dancing all over the place to the sound of abnormally loud music from loudspeakers strategically placed around its perimeter. On one side of the square the statue of Ukrainian military hero Bohdan Khmelnytsky patiently observed the excited crowd from astride its horse.

Though initially a bit disoriented, we managed to skip the fitness frenzy, and briskly walked straight past the gates. Again, no time for a thorough visit, so we only bought the tickets for the cathedral territory.

The complex includes a number of monuments and gardens. Entering the premises felt like stepping into a bubble of peace and quiet. The church dates back to the 11th century, and so do its mosaic and fresco decorations. It also had a key role in the old Kievan Rus times, especially culture wise, since it was also home to the very first Kievan Rus library.

Unlike St. Andrew’s and St. Michael’s, it’s also characterised by a fairly sober appearance: its domes are mostly green with relatively little gold and brick-wall patches here and there. It’s the bell tower that stands out for its elaborate decoration and shape, similar to boxes of different shapes piled on top of each other.

Just outside St. Sophia we stumbled upon a rather odd-looking sight: a maze-like structure entirely made from unhinged doors, windowpanes and wooden boards. As it turned out, it was a project by the International Committee of the Red Cross centred on a specific category of victims of the war in Eastern Ukraine: the missing.

Wandering through the labyrinth turned out to be a rather alienating, disorienting experience, which must have been the whole point of the installation and most definitely hit the mark. I won’t dwell on it any further right now, but I’ve included some extra info and thoughts on it in a dedicated post.


Saint Volodymyr’s Cathedral

After we visited Saint Sophia, we thought we needed a break from all the religious sightseeing, so we headed straight to Maidan Square, the true beating heart of the city. (More about Maidan in the next Kiev post).

Only in the afternoon did we ‘accidentally’ go back to it when, down Taras Schevchenko Boul. (бульвар Тараса Шевченка), Kiev’s high street, we came across Saint Volodymyr’s Cathedral (Патріарший кафедральний собор св. Володимира) and, obviously, stopped briefly to visit it.

Saint Volodymyr is relatively recent (it dates back to the late 19th century) and probably isn’t Kiev’s most representative church – (also) blame the other religious complexes I’ve talked about for that.

Its architecture, though, is objectively flawless, and its interiors, which combine Art Nouveau influences, golden décor and warm, dim lights, are extremely interesting and beautifully evocative.


Kievo-Pecherska Lavra

4 Sept. Yes, 4th September: it’s the day I visited the Kievo-Pecherska Lavra (Києво-печерська лавра) and, yes, I remember it very well, Why? Er, because it was… how to put it? Intense, that’s what it was like.

The Kievo-Pecherska Lavra, also one of the Seven Wonders of Ukraine (and also Saint Sophia is), is a religious, historical and cultural landmark of exceptional importance. The Lavra, whose name literally means ‘Kiev Monastery of the Caves’, is a Christian Orthodox monastery founded in the 11th century and still active, with dozens monks residing in its premises.

From afar the complex looks like a ‘citadel’, sitting on the grassy hills overlooking the river. It covers a fairly large area and includes several buildings, monuments and caves (hence the name). It would be rather pointless on my part seeking to make a list of all of them, since:
– I would fail to mention one or more of them
– I honestly do not know all of them by name
– We have not been inside any of them. Why? Because the jeans we were wearing were just above the knee, and you won’t be allowed in, unless properly dressed.

Most of the Lavra buildings have a few features in common: the white-and-green architecture, one or more golden domes that glisten in the sun, and a number of worshippers and/or pilgrims in the vicinity of the church entrance.

The atmosphere is one of the most solemn, austere and deferential I’ve ever experienced, and there’s an almost surreal silence lingering in the air. The Lavra is a tourist ‘attraction’, yet, strikingly enough, I believe we saw more habitual goers than tourists as we walked its paths and alleys.

Here and there along the way we also had a few ‘pious women’ throw furtive black looks at us (sometimes in a ‘Black-Mirror-like’ way, which felt a bit creepy). Our outfits were probably a tad too informal by the Lavra standards, so we came across as somewhat disrespectful.

In our defence, I can say the degree of religious zeal that ‘fills the Lavra air’ caught us completely unprepared. We didn’t expect it.

And yet, jokes aside, it was somewhat fascinating to see such heartfelt devotion in the eyes, gestures and countenance of many of the people we saw and came across. It looked and felt like something routine, ordinary to them, like something you’ve internalised to the point that you barely realise you’re doing it.

If you’re a regular churchgoer (or an architecture enthusiast), you could probably spend up to a whole day around the Lavra premises. If you’re not religious type, well you might still end up spending there longer than initially planned, especially if you get lost and can’t find the exit – which, needless to say, is the incident that befell us when we resolved to leave.

We eventually found a ‘secondary’ gate on the side opposite to the entrance we’d used to access the Lavra. We had sort of no idea where we were, but we found ourselves right by the river, which was super nice and super refreshing.

The Lavra was the very last bit of religious sightseeing we had in Kiev – which, as you can see, was quite a lot, overall. That is why I thought I’d talk about the ‘mundane’ counterpart of the city in a dedicated post. Straight after the whole Lavra experience, there were only two answers to any possible question we might have: a bench and ice cream.



Ucraina 2017 (5/9). Kiev, parte I: città di chiese

2 set 2017. Non sapevo cosa aspettarmi da Kiev (o, se è per quello, dall’Ucraina in generale). Così ho pensato che la cosa più saggia fosse non aspettarmi niente.

Anche se ho trascorso pochissimo tempo nella capitale, posso certamente dire che Kiev è tante città in una e mettere insieme un ritratto fedele delle sue mille sfaccettature richiederebbe un soggiorno ben più lungo rispetto ai miseri due giorni che abbiamo potuto passarci noi.

A prescindere dal grado di fede di ciascuno, la Kiev religiosa richiede un altissimo livello di attenzione. In effetti, la nostra prima mattinata in città è stata altamente ‘religiosa’. Siamo ovviamente partite dalla via chiamata Andriivskij uzviz (Андріївський узвіз), zona strategica in cui si trovava il nostro ostello.

Prendete la strada in salita e continuate fino alla cima. Può darsi che vi ci voglia un po’ ad arrivare su: la via ha tanto da offrire e le sue distrazioni potrebbero distrarvi. Fidatevi, ne vale la pena. Mentre salivamo, la luce del mattino era quasi color argento e tutto, tutto sapeva di bello, colorato e aveva un aspetto ‘di strada’ e artistico: bar, caffè (uno proprio accanto al Museo di Bulgakov), bancarelle di abiti tradizionali fatti a mano, e negozietti.

Il tasso artistico aumenta verso la cima della strada. Lì questa si divide e Aleya Khudozhnykiv (Алея художникiв) ha l’aspetto di una vera e propria galleria d’arte a cielo aperto, in cui ogni pittore ha il suo tratto di muro su cui esporre i propri lavori.


Cattedrale di Sant’Andrea

In cima alla strada si trova anche la maestosa Cattedrale di Sant’Andrea (Андрiївська церква), che sovrasta il quartiere di Podil. La chiesa è giustamente un punto di riferimento assoluto a Kiev e in Ucraina: le sue cinquanta sfumature di blu e oro brillano al sole durante il giorno e sono illuminate ad arte quando c’è buio.

Non sono un tipo religioso, come ho ribadito più volte, né sono particolarmente appassionata di architettura religiosa. Di alcuni edifici, però, non si può che riconoscere la bellezza unica e straordi-naria che li caratterizza. Sant’Andrea è uno di questi. Sugli interni non mi posso esprimere: non si poteva entrare, poiché la chiesa era in ristrutturazione.

L’esterno, però, è veramente di una bellezza unica e straordinaria. Costruita in cima a una collinetta erbosa (che, a quanto pare, minaccia la stabilità delle fondamenta), ha cupole color ottanio che sembrano coperte di velluto e ‘bottoni dorati’ lungo la superficie. Le linee rette della costruzione sono in netto contrasto con la collina sottostante e il profilo delle cupole.

Fatte le scale che portano all’ingresso, prendetevi qualche minuto per fare il giro intorno alla chiesa.

Dalla balconata sulla destra c’è una vista spettacolare. Se poi ci capitate in una bella giornata, con il sole e il cielo azzurro, vedrete tutto: i ponti di Kiev, lo skyline, le acque del Dnepr e i suoi tanti isolotti. Esatto, wow.


Monastero dorato di San Michele

Scese da Andriivskij uzviz, siamo andate verso il centro. Siamo passate davanti al Ministero degli Esteri, i cui forma ad anfiteatro, colonne massicce e bandiere scolpite a bassorilievo difficilmente passano inosservati.

Se guardate l’austera facciata dell’edificio, però, già vedrete un pezzo del Monastero dorato di San Michele (Михайлівський золотоверхий монастир).

Quello era ovviamente anche la nostra tappa successiva.

Il monastero risale al Medio Evo, ma ha subito interventi successivi, finché non venne distrutto negli anni Trenta, in piena epoca sovietica. L’aspetto attuale è il risultato di una recente ristrutturazione svoltasi nei primi anni Duemila.

Come si intuisce dal nome, il complesso è noto soprattutto per le sue cupole dorate a cipolla, inconfondibili anche da lontano.

Il blu fiordaliso degli esterni, però, è quello che mi ha colpito di più. Lo fa sembrare una casa di marzapane tipo quella delle fiabe. Non a caso, è un altro punto di riferimento fra i più importanti di Kiev e dell’Ucraina.

Non avendo tempo di esplorare gli interni (il museo nel campanile e il refettorio), ci siamo accontentate di fare un giro fuori e ammirare la perfezione dell’architettura e la decorazione delle finestre. Il monastero è veramente un’opera d’arte e l’affresco monumentale proprio accanto all’ingresso ne è un promemoria molto efficace.


Verso la Cattedrale di Santa Sofia

Quando uscite dal monastero e siete lì sulla piazza, non vi ci vorrà molto a indovinare la vostra prossima meta. La Cattedrale di Santa Sofia (Собор Святої Софії) si trova in piazza Sofiyska, all’estremità opposta di Volodymyrsky proyizd rispetto a San Michele. Dal monastero alla catte-drale è proprio una breve passeggiata.

Ci siamo imbattute nel Monumento alla Principessa Olga , dove la principessa di Kiev (Olga, ovviamente) se ne sta, fiera e severa, in piedi su un podio insieme a Sant’Andrea (alla sua destra) e Cirillo e Metodio (alla sua sinistra).

Man mano che ci avvicinavamo alla piazza, abbiamo notato che era in corso un evento sportivo apparentemente molto popolare. La zona era colonizzata da una folla di super sportivi. Questi saltavano e danzavano sulle note di musica esageratamente alta, diffusa da altoparlanti distribuiti in modo strategico intorno alla piazza. Su un lato di quest’ultima il monumento dell’eroe militare nazionale Bohdan Khmelnytsky a cavallo osservava paziente la moltitudine di persone.

Superato lo smarrimento iniziale, siamo riuscite a evitare la frenesia del fitness e raggiungere Santa Sofia. Ancora, dato il poco tempo a disposizione, abbiamo preso il biglietto solo per gli esterni.

Il complesso include parecchi monumenti e i giardini. Superare l’ingresso significa entrare in una bolla di quiete e silenzio. La chiesa risale al 1200, come anche i mosaici e gli affreschi. Ha avuto un ruolo chiave anche nella Rus’ di Kiev, soprattutto a livello culturale, visto che ha ospitato anche la prima biblioteca della stessa Rus’ kievana.

Al contrario di Sant’Andrea e San Michele, Santa Sofia ha un aspetto abbastanza sobrio: le sue cupole sono quasi tutte verdi con relativamente poco oro e, qua e là, mattoni a vista. È la torre campanaria che si distingue per la decorazione elaborata e la forma, simile a scatole di varia forma impilate le une sulle altre.

Subito fuori da Santa Sofia abbiamo trovato una struttura piuttosto singolare: una specie di labirinto interamente formato da porte, finestre e ante scardinate. Questo si è poi rivelato essere un progetto del Comitato della Croce Rossa Internazionale, incentrato su una categoria ben precisa di vittime della guerra in Ucraina orientale: i dispersi.

Vagare per il labirinto si è rivelata un’esperienza piuttosto alienante, ma se il progetto aveva quello scopo, l’ha decisamente raggiunto.

Qui non mi soffermerò sull’installazione, ma trovate informazioni e riflessioni aggiuntive in questo post dedicato.


Cattedrale di San Volodymyr

Dopo Santa Sofia, avevamo bisogno di una pausa dalla visita di monumenti religiosi. Così, siamo andate dritte verso piazza Maidan, il vero cuore pulsante della città. (A Maidan è dedicato il prossimo post su Kiev.)

Solo nel pomeriggio l’abbiamo ‘casualmente’ ripresa, quando, lungo Boulevard Taras Schevchenko (бульвар Тараса Шевченка), strada centralissima di Kiev, siamo passate accanto alla Cattedrale di Volodymyr (Патріарший кафедральний собор св. Володимира) e, ovviamente, ci siamo fermate a visitarla.

San Volodymyr è relativamente recente (risale a fine Ottocento) e probabilmente non è la chiesa più rappresentativa di Kiev – colpa (anche) degli altri complessi religiosi di cui ho parlato finora.

La sua architettura, però, è obiettivamente perfetta e gli interni, che combinano influenze Art Nouveau, decorazione in oro e luci calde e tenui, sono davvero interessanti, bellissimi ed evocativi.


Pecherska Lavra

4 set 2017. Sì, 4 settembre. È il giorno in cui ho visitato la Pecherska Lavra (Києво-печерська лавра) e, sì, me lo ricordo molto bene. Perché? Beh, perché è stato… come dire? Intenso, ecco com’è stato.

La Pecherska Lavra, che è anche una delle Sette Meraviglie dell’Ucraina (come, del resto, Santa Sofia), è un monumento religioso, storico e culturale di straordinaria importanza. La Lavra, il cui nome letteralmente significa ‘Monastero delle grotte di Kiev’, è un monastero cristiano ortodosso fondato nel Duecento e ancora attivo, con diverse decine di monaci residenti al suo interno.

Da lontano il complesso sembra una ‘cittadella’ situata in collina in mezzo al verde e affacciata sul fiume. La Lavra copre un’area abbastanza estesa e include diversi edifici, monumenti e grotte (da cui il nome di ‘monastero delle grotte’). Non avrebbe molto senso se mi mettessi a fare un elenco di tutti, visto che:
– ne dimenticherei qualcuno;
– onestamente non li conosco tutti per nome;
Non siamo entrate in nessuno degli edifici. Perché? Perché i jeans che avevamo erano appena sopra il ginocchio e non vi lasciano entrare se non siete abbigliati in modo consono.

La maggior parte degli edifici della Lavra ha alcune caratteristiche in comune: l’architettura bianca e verde, una o più cupole dorate che brillano al sole e uno o più fedeli e/o pellegrini nei pressi dell’ingresso.

L’atmosfera è fra le più solenni, austere e reverenziali che abbia mai visto: nell’aria aleggia quasi una sorta di silenzio surreale. La Lavra è un’‘attrazione’ turistica, eppure, mentre giravamo per i suoi vialetti e le sue stradine, credo di aver visto più frequentatori abituali che turisti

Qua e là per la strada abbiamo anche incrociato qualche ‘pia donna’ guardarci un po’ male (alcune male ‘alla Black Mirror’, in modo abbastanza inquietante). Il nostro abbigliamento era probabilmente un po’ troppo informale per gli standard della Lavra, per cui abbiamo fatto la figura delle irrispettose.

A nostra discolpa, posso dire che il grado di religiosità che ‘riempie lo spazio’ nella Lavra ci ha colto del tutto impreparate. Non ce l’aspettavamo.

Eppure, battute a parte, è stato in un certo senso affascinante vedere manifestazioni di così grande devozione negli occhi, gesti e atteggiamenti di tante persone che abbiamo incrociato. Dava l’impressione di essere qualcosa di ordinario e abituale per loro, qualcosa che uno ha interiorizzato al punto da non rendersi conto di averlo.

Se siete praticanti (o appassionati di architettura), in giro per la Lavra potreste passarci anche tutto il giorno. Se non siete religiosi, potreste comunque passarci più tempo di quanto inizialmente pre-visto, soprattutto se vi perdete e non trovate l’uscita – che, ovviamente, è esattamente quel che ci è successo quando abbiamo deciso di andar via.

Alla fine abbiamo trovato un’uscita ‘secondaria’ sul lato opposto all’ingresso da cui eravamo entrate. Non avevamo idea di dove fossimo, ma ci siamo ritrovate lungo il fiume ed era tutto molto bello e rinfrancante.

La Lavra è stata l’ultimo dei monumenti religiosi che abbiamo visto a Kiev – che, come avrete capito, sono stati tanti. Ecco perché ho pensato di parlare della controparte ‘mondana’ della città in un post a sé.

Subito dopo il capitolo Lavra c’erano solo due risposte a qualsiasi domanda potessimo avere: una panchina e un gelato.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

fifteen − 8 =