Norway 2012 (3/3). Overnight Hurtigruten: from Svolvær to Tromsø

[Italian version below]

It was almost 10 o’clock at night when Bobby and I boarded the MS Nordlys Hurtigruten in Svolvær, the capital of the Lofoten Islands. We’d be travelling overnight and the whole of the next morning, only to arrive in Tromsø around 2.30 in the afternoon.

We had spent four whole days island hopping around Lofoten (with a bit of Vesterålen along the way), it felt almost kind of weird to go back to mainland.

We didn’t spend that long waiting for the boat on the pier. In fact, we got there just in time to witness a fearless seagull fish a huge crab out of the water and contentedly crunch on it on the asphalt of the pier. Then the Hurtigruten came, and we boarded.

We hadn’t booked ourselves a cabin, so we headed straight to one of the bars and placed our bags on two comfy-looking chairs that were to be our beds for the night – which night promised to be the brightest of all nights. (As for the chairs for the night, well, let’s just say I’ve had comfier in life so far.)

It obviously might take a while to get used to 24-hour daylight above the Arctic Polar Circle. For me, for example, it’s not about not sleeping when you go to bed at night, but more about not being able to tell the time, like if it’s 8 o’clock in the evening (‘Ah that’s why I’m hungry’) or past midnight (‘Ah that’s why I’m sleepy’).

That evening the sky was overcast, yet exceptionally bright. I thought that maybe the weather would get a little better, after all the nonstop rain, wind and cold we had experienced till then.

We went straight on deck, as did the majority of our fellow travellers: it was too early to stay in.

Don’t ever allow yourself to stay away from the deck for too long, if you can, or you might regret it. I mean, the landscape. I think I kept staring at the scenery for about two to three hours nonstop. Well, it kept changing by the second, so one had to keep an eye on it.

On one side of the boat the mountains suddenly turned orange, so intense was the sunlight reflecting on them. On the other side the mountains were visible in the distance, where their outline made them look like a black frame to the sky.

We eventually went back inside around 1.40 in the morning, and collapsed into our ‘armchairs’ – yes, still the chairs I mentioned above, i.e. ordinary café-like, wooden chairs with a cushion seat. I tried hard to fall asleep, but just couldn’t bring myself to get some shuteye.

How can I think of sleeping? What if I fall asleep and miss out on the best part? What if the clouds part and the sun peeks out and I miss it?

I must have asked myself one too many questions, because that’s exactly when I fell sound asleep in my chair.

I woke up suddenly, with a start, like when you have to wake up early, but fail to hear the alarm clock and sleep till late. I looked out of the large window and… I could barely believe my eyes.

The sun was out, round and bright, and the mountains looked like pieces of cut-out blackboard neatly glued against the sky.

It was 2.40 in the morning, and the sun was ‘setting’.

I grabbed my coat and ran up on deck. I expected to find a large crowd of people staring at the scenery, taking photos and memorable selfies like there was no tomorrow. Not that I could blame them, I mean, look at tha-

But there was no one. The deck was empty. I was alone. Why? Where is everyone? Why are they asleep now?

I stayed there for a while, took photos, and thought that was the most breathtaking view I’d ever enjoyed in my life.

I went back downstairs, collapsed into my chair (again), and fell asleep (again). I woke up some time later, because it felt like someone had turned on a spotlight, and was pointing it toward me.

But, again, it was the sun. It was 4.20 in the morning, and the sun was ‘rising’.

I ran back up on deck and, again, to my surprise, I was alone. It was unbelievably silent all around, and as for the view, well, again I thought that was the most breathtaking view I’d ever enjoyed in my life.

The air was so clear, the sun almost white, and the light exceptionally bright. The mountains looked lush and green, covered in meadows and trees. And the water, it was so calm that it really was like a mirror, the landscape casting a perfect reflection into it.

I remember thinking that I was standing in the middle of a painting.

I stood there for a while, as still, motionless and silent as I could. It was all so mesmerising that it looked like nothing could spoil such beauty anyway.

I eventually went back inside to get some actual sleep. When I woke up around 8.30, the sky was heavy with clouds, the view looked misty and grey and, oh the irony, after that night not once did we get sunny weather again during our travel. That night, though, exceeded any possible expectation I might have had about sea travel up North.

And that is why I would recommend it to anyone asking for suggestions. True, if you pick the Hurtigruten it’s potentially going to be rather pricey. Mine, however, is an educated guess: I haven’t been on one in years, nor am I too familiar with the ticket fares these days.

And, true, you need to have some time on your hands. I mean, you can’t visit Norway on a weekend trip and expect to visit Norway and go on a Hurtigruten/boat voyage. It deserves to be experienced properly.

Time and money aside, though, it’s mostly and especially about filling your eyes with such beauty that it stays with you forever and, years on, it’s still as vivid as if it had all just happened. So, really, if you ever have an opportunity to take a trip at sea in Norway, be it on the Hurtigruten or some other boat, just go out there and see for yourself.

 


 

Norvegia 2012 (3/3). Viaggio notturno in Hurtigruten: da Svolvær a Tromsø

Erano quasi le dieci di sera quando io e Bobby siamo salite sull’Hurtigruten MS Nordlys a Svolvær, la capitale delle isole Lofoten. Avremmo viaggiato tutta notte e il giorno dopo saremmo arrivate a Tromsø nel primo pomeriggio, intorno alle 14.30.

Avevamo passato i quattro giorni precedenti in giro per le Lofoten (con un pochino di isole Veste-rålen a un certo punto) e faceva quasi strano pensare di tornare sulla terraferma.

Non abbiamo dovuto aspettare a lungo sul molo. Anzi, siamo arrivate lì giusto fatto in tempo per vedere un gabbiano pescare un granchio fuori dall’acqua e ritagliarsi un angolo di molo in cui sgranocchiarselo per i fatti suoi. Poi è arrivato l’Hurtigruten e ci siamo imbarcate.

Non ci eravamo prenotate la cabina, per cui siamo andate dritte verso uno dei bar della nave a occupare due sedie apparentemente comode che ci avrebbero fatto da letto per la notte – notte che, fra l’altro, prometteva di essere fra le più luminose di sempre. (Quanto alle sedie, diciamo che sono stata più comoda altre volte.)

Va da sé che uno ci mette un attimo per abituarsi a 24 ore di luce quando va a nord del Circolo Polare Artico. Per me, per esempio, non si tratta di non riuscire a dormire quando vado a letto, per colpa della luce. Più che altro, mi è difficile capire che ore sono, se sono le 8 di sera (‘Ecco perché ho fame’) o mezzanotte passata (‘Ecco perché ho sonno’).

Il cielo era coperto di nuvole, eppure incredibilmente chiaro. Ho pensato che magari il tempo sarebbe un pochino migliorato, dopo la pioggia, il vento e il freddo non-stop accumulato nei giorni prima.

Siamo andate subito sul ponte, come del resto la maggior parte degli altri viaggiatori: era presto per restare in cabina.

Se riuscite, cercate di non stare lontano dal ponte per troppo tempo o potreste pentirvene. Cioè, il paesaggio. Credo di aver guardato il paesaggio per circa due-tre ore di fila. Del resto, cambiava ogni secondo, era necessario tenerlo d’occhio.

Da un lato della nave a un certo punto le montagne si sono colorate di arancione, tanto era intenso il riflesso del sole sulla roccia. Dal lato opposto le montagne si vedevano in lontananza e il loro profilo sembrava fare proprio da cornice al cielo.

Alla fine siamo rientrate intorno all’1.40 del mattino e siamo sprofondate nelle nostre ‘poltrone’ – sì, sempre le sedie di prima, ovvero normalissime sedie da bar con la seduta morbida. Ho provato davvero ad addormentarmi, ma non c’è stato verso.

Come faccio a pensare a dormire? E se dormo e mi perdo la parte più bella? E se il cielo si apre ed esce il sole e non lo vedo?

Devo essermi fatta troppe domande, perché in quella mi sono proprio addormentata sulla sedia.

Mi sono svegliata di soprassalto, come quando uno che deve svegliarsi presto non sente la sveglia e dorme fino a tardi. Ho guardato fuori dal finestrone della nave e… non credevo ai miei occhi.

C’era il sole, tondo e luminoso, con le montagne nere che sembravano ritagliate e incollate sullo sfondo del cielo. Erano le 2.40 del mattino e il sole stava ‘tramontando’.

Ho preso il giaccone e sono corsa sul ponte. Mi aspettavo di trovarci un sacco di gente, rapita dal paesaggio, intenta a fare foto e selfie memorabili come se non ci fosse un domani. Non che potessi biasimarli, con quella vist-

Ma non c’era nessuno. Il ponte era deserto. C’ero solo io. Perché? Dove sono tutti? Perché dormono proprio ora?

Sono stata lì un po’, a fare foto e pensare che fosse il paesaggio più incredibile di sempre.

Tornata giù, mi sono ri-seduta e ri-addormentata. Mi sono svegliata di nuovo un po’ dopo, perché era come se qualcuno avesse acceso un riflettore e me lo stesse puntando addosso.

Ma, di nuovo, era il sole. Erano le 4.20 e stava ‘sorgendo’.

Sono tornata di corsa sul ponte e, come prima, ero sola. C’era un tale silenzio tutt’intorno e il paesaggio, beh, di nuovo ho pensato che fosse il più incredibile di sempre.

L’aria era così tersa, il sole quasi bianco e la luce chiarissima. Le montagne erano verdissime, tutte coperte di prati e alberi. E l’acqua, così calma che davvero era uno specchio capace di restituire il riflesso perfetto.

Ricordo di aver pensato che mi trovavo nel mezzo di un quadro.

Sono stata lì un po’, zitta e super immobile. Era talmente spettacolare che nulla poteva comunque interferire con la bellezza del paesaggio.

Alla fine sono rientrata per dormire per davvero. Quando mi sono svegliata, verso le 8.30, il cielo era così coperto, il paesaggio grigio e nebbioso e, guarda caso, dopo quella notte non abbiamo più visto il sole per il resto del viaggio. Quella notte, però, è bastata a superare qualsiasi a-spettativa potessi avere sul viaggiare per mare al Nord.

Ecco perché, se qualcuno mi chiedesse un consiglio, gli direi senz’altro di farlo. Vero, se uno sceglie l’Hurtigruten sceglie un’opzione potenzialmente non proprio a buon mercato. O almeno, suppongo sia (ancora) così: non lo prendo da anni ormai, né so bene quali siano attualmente i prezzi dei biglietti.

E poi, altrettanto vero, uno deve avere un minimo di tempo a disposizione. Uno non può andare in Norvegia un weekend e pensare di vedere la Norvegia e fare un viaggio in nave/Hurtigruten. Perché è un’esperienza che merita di essere fatta come si deve.

Ma in realtà, soldi e tempo a parte, si tratta soprattutto di trovarsi davanti qualcosa di talmente bello che poi uno se lo ricorda per sempre e il ricordo è talmente vivido che sembra sia appena successo.

Per cui, davvero, se avete l’opportunità di viaggiare per mare in Norvegia, che sia con l’Hurtigruten o con un altro mezzo, fatelo: tutta quella bellezza andate la vedrete con i vostri occhi.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

three + three =