Sofia 2018 (3/3). Sofia in one day: so where were we?

[Italian version below]

 

Still in Sofia, obviously, and about to leave the Mineral Baths.

Part II: From the Largo to the National Palace of Culture

Okay, a bit further on, and you will reach The Largo (Ларго), a complex that includes three buildings: the Presidential Palace, the National Assembly and the TZUM shopping centre. The ensemble stands out in the urban landscape, for its architecture (it was built according to the principles of Socialist Classicism) as well as its key institutional function.

The Presidential Palace is the austere-looking building with two guards always standing by the door.

The National Assembly Building (Народно Събрание) is the vaguely triangular building overlooking the square, and is where the Bulgarian Communist Party (BGP) was formerly headquartered.

The Shopping centre TZUM, or ‘Central Department Store’ (in Bulgarian ЦУМ, Централният универсален магазин) is the one that overlooks the Serdika ruins. It’s a place where you can find mostly expensive brands and pricey boutiques.

The official name of the Largo is in fact Independence Square (Площад Независимост). As you will notice, the square is paved in yellow cobblestones as are some of the streets in the area. The bricks were given to the city in the late 19th century when Prince Ferdinand of Bulgaria married Princess Marie Louise of Bourbon-Parma. Only in the early 20th century were they actually laid down. Rumour had it that they would be removed at some point. In fact, they are still there and there will remain: they identify the ‘downtown’ of Sofia, so, however slippery they get when it rains, they stay. If you ask me, they do look quite characteristic.

What’s more, on Prince Alexander I Square (площад Княз Александър I) ‘yellow meets yellow’ where the colour of the cobblestones kind of matches that of the former royal palace, i.e. the imposing building that takes up almost entirely one side of the square and is now home to the National Art Gallery.

While you’re at or near the art gallery, you’re likely to also want to go have a look at the National Theatre Ivan Vazov (Народен театър “Иван Вазов”), Sofia’s oldest and probably most important theatre – certainly one in many theatres scattered all around the city.

Since you’ve got that far, you might also want to go have a look at Saint Sofia Church (Света София). Walk down Georgi S. Rakovski St., past the Russian Church, and you will see it on your right.

Saint Sofia is the second oldest church in the city, has a characteristic early-Christian cross design, and was originally part of Serdika.

Take a closer look: the church does not have a bell tower. In fact, when the Ottomans took over, the church was turned into a mosque and minarets were added. Then, in the 19th century, two earthquakes partially destroyed it, and the project was abandoned. As part of the renovation that took place later on, the church bell was placed outside, on one of the trees in front of the façade.

Your next stop is most likely to be the one and only Alexander Nevsky Cathedral (Свети Александър Невски).

The project is relatively recent: it dates back to the late 19th century, when it was built to commemorate the Russian soldiers that fought the Russo-Turkish War, thus liberating Bulgaria from the Ottomans.

Super popular, ‘mainstream’ landmarks are rarely my favourite, but with this cathedral I really have to say: wow. It’s stunningly beautiful and majestic, both outside and inside, where candles and chandeliers create the warmest atmosphere, and the three largest domes look like they’re partially blended into each other.

Useful bit of information: taking photos is strictly forbidden, but if you pay an extra ten Leva at the entrance (otherwise free of charge, as all/most Sofia churches), they give you a permit which allows you to take as many photos of the interiors as you like for up to two hours.

(As for Saint Nedelya, which we had visited first thing in the morning, well, no photos are allowed, full stop.)

If you want to try and take a few furtive shots, both in Saint Nedelya and in Alexander Nevsky without permit, do so ‘at your own risk’: the church keepers keep a constant eye on the visitors to make sure no unauthorised photos are taken, men remove their hats when entering the church and, more in general, everybody complies with the basic visiting rules in general.

While Alexander Nevsky Cathedral is Sofia’s top-list and most popular landmark, its ‘secular’ counterpart is probably the Palace of National Culture, or NDK (Национален дворец на културата, or НДК in Bulgarian). It’s a multifunctional conference and exhibition centre opened in 1981 to celebrate the city’s 1300th birthday. The complex is also home to a few cool, interesting bars – namely, Memento and Club Peroto. Regardless of whether you have time to visit them, though, you will certainly want to take a photo of the staircase that leads up to Club Peroto. Being the bar a literary café, what could the staircase look like if not a pile of books? It’s objectively super cool.

 

Part III: Additional cultural tips and sites

There is obviously a lot more to Sofia than the relatively few places I’ve mentioned in this post. Like the university building, Rakovski St. (aka ‘Bulgarian Broadway’ because of its many theatres), churches I couldn’t tick off my list, parks I didn’t have the time to visit, bridges I wasn’t able to cross, Vitosha mountain (!!), and much more.

So really, I could only stick to places and sights I have seen and/or visited in first person.

There is, though, one last thing I’m keen to mention, and it’s this: keep an eye out for cool street art in Sofia. It’s virtually everywhere, and you don’t want to miss it. Trust me on that.

 

A few extra thoughts

As I have repeatedly mentioned, I haven’t seen but a small portion of Sofia, so any final statement or remark is also to be taken as uber subjective and partial.

I can say for sure one thing struck me a lot about the city, and it’s the exceptionally multi-faceted identity it belies – which obviously also means contradictory. It does have its negative sides to it, but also reveals a super rich cultural background.

On the one hand, the contradictions are right before your eyes the whole time. You have fancy brands and stylish boutiques on one side of Vitosha St., but take a closer look, and you will see homeless, beggars, stray cats and dogs here and there both at street level and underground. I mean, it’s a large city, no surprises here.

On the other hand, the contradictions arise from a multi-layered cultural background, and they rhyme with ‘variety’. Take the Square of Tolerance, where the four temples of different religions overlooking the same square stand out as a powerful reminder of something more and something better. (Easier said than done, but that’s another story.)

The four churches (alongside other buildings, sites and areas) also act like a summary of key periods in the city’s history: the Romans, the Ottomans, the Jewish population (partly) spared deportation in the early 1940s, and the Soviet influence, which might contribute to explaining why matrioshki are (still) displayed in stall windows near the underground.

Plus, as I wandered the streets of Sofia, I couldn’t help thinking how beautiful it is at night. If you stroll down side streets here and there, and eventually step out onto a large boulevard, keep your head up along the way and take in all the majestic, imposing buildings lined up on its sides. Those, with the silence and the darkness, make for the perfect night walk home.

If you go to Paris, London or Rome, you might find it quite easy to see and recognise the ‘typically’ French, British or Italian.

If you go to Sofia (as with other, less ‘mainstream’ capital cities), it might be that nothing in particular strikes you as ‘strictly Bulgarian’.

There are virtually only a few actual landmarks more popular than most. Those, however, can’t possibly be enough to set the standard of what could rightfully be called ‘typically’ Bulgarian – which might lead the one-time tourist to not realise where Sofia’s urban identity lies.

Except, maybe Sofia’s actual urban identity is right there before the eyes of the visitor from the very start. However, the fact that it lies in the very blend of historical and cultural layers Sofia is built on makes it hard to give the city a standard, universal label.

But then, maybe that is the whole point.

 


 

Sofia 2018 (3/3). Sofia in un giorno: dove eravamo?

 

Ancora a Sofia, ovviamente, e in procinto di spostarci dal Bagno Minerale.

Parte II: Dal Largo al Palazzo Nazionale della Cultura

Poco oltre raggiungerete il Largo (Ларго), un complesso di tre edifici: il Palazzo Presidenziale, l’Assemblea Nazionale e i grandi magazzini TZUM. L’insieme si distingue nel paesaggio ur-bano, tanto per la sua architettura (che segue i canoni del Classicismo Socialista) quanto per il loro ruolo istituzionale.

Il Palazzo Presidenziale è l’edificio austero con due guardie sempre sull’attenti ai lati della porta.

L’Assemblea Nazionale (Народно Събрание) (Народно Събрание) è il palazzo vagamente triangolare che si affaccia sulla piazza. È lì che prima aveva sede il Partito Comunista Bulgaro (BGP).

I grandi magazzini TZUM, o ‘Grandi magazzini centrali’ (in bulgaro ЦУМ, Централният универсален магазин), si trovano nell’edificio proprio di fianco alle rovine di Serdika. Comprendono per lo più boutique d’alta moda e vendono soprattutto marchi costosi.

 

Il nome ufficiale del Largo è in realtà Piazza Indipendenza (Площад Независимост). Noterete che la pavimentazione della piazza e dell’area intorno a essa è formata da sanpietrini gialli. Questi ultimi, donati alla città a fine Ottocento per il matrimonio fra il principe Ferdinando di Bulgaria e la principessa Maria Luisa di Bourbon-Parma, vennero poi di fatto utilizzati solo a inizio Novecento. A un certo punto sembrava li dovessero eliminare, invece sono ancora lì e lì resteranno. Contribuiscono a identificare il centro di Sofia, per cui, per quanto siano super scivolosi quando piove, resteranno lì. Io personalmente li trovo abbastanza caratteristici.

Fra l’altro, in piazza Principe Alessandro I (площад Княз Александър I) ‘giallo chiama giallo’ nel punto in cui il colore dei sanpietrini riprende quello dell’ex palazzo reale, l’imponente edificio che occupa quasi per intero uno dei lati della piazza e oggi è sede della Galleria d’Arte Nazionale.

Già che siete in zona galleria, andate a vedere anche il Teatro Nazionale Ivan Vazov (Народен театър “Иван Вазов”), il teatro più antico e forse più importante di Sofia – di sicuro uno fra i tanti che ci sono in città.

Da lì potete agilmente arrivare alla Chiesa di Santa Sofia (Света София). Prendete via Georgi S. Rakovski, superate la Chiesa Russa e ve la troverete sulla destra.

Santa Sofia è la seconda chiesa più antica della città, ha una pianta a croce paleocristiana e in origine faceva parte di Serdika.

Fateci caso: la chiesa non ha un campanile. In effetti, quando gli Ottomani presero il potere, l’edificio divenne una moschea e vennero con tanto di minareti. Poi, nel XVIII secolo, due terremoti ne causarono la parziale distruzione e il progetto venne abbandonato. Nell’ambito della ristrutturazione che ebbe luogo successivamente, la campana venne posizionata fuori, su uno degli alberi davanti alla facciata.

 

È altamente probabile che, a questo punto, la vostra prossima tappa sia l’unica e sola Cattedrale di Alexander Nevsky (Свети Александър Невски).

Il progetto è relativamente recente e risale a fine Ottocento, quando venne costruita per commemorare i soldati russi che presero parte alla guerra russo-turca e posero fine al dominio ottomano.

Di solito i monumenti-simbolo delle città non sono i miei preferiti, ma per questa cattedrale devo dire, veramente: wow. È semplicemente maestosa e bellissima, fuori e dentro, dove candele e lampadari creano un’atmosfera super calda, mentre le tre cupole principali sembrano fondersi l’una nell’altra.

Una dritta utile: è super vietato fare foto, ma se pagate un extra di 10 Leva all’ingresso (che altrimenti è gratuito), vi danno un permesso ad hoc e potete fare tutte quelle che volete per le due ore successive.

(In Santa Nedelya, invece, fare le foto è vietato e basta.)

Se volete provare comunque a ‘rubare’ qualche scatto, sia in Santa Nedelya sia in Alexander Nevsky, fatelo ‘a vostro rischio e pericolo’: i custodi tengono d’occhio i visitatori perché questi non facciano foto (senza permesso), perché gli uomini si tolgano il cappello all’entrata e, in generale, perché rispettino le regole di base.

 

Se la Cattedrale è il principale monumento religioso di Sofia, la sua controparte ‘profana’ è probabil-mente il Palazzo Nazionale della Cultura, o NDK (Национален дворец на културата, o НДК in bulgaro).

Si tratta di un centro multifunzionale per conferenze ed esposizioni, inaugurato nel 1981 per cele-brare il 1300° ‘compleanno’ della città. Il complesso ospita anche alcuni bar interessanti, tipo il Memento e il Club Peroto.

A prescindere dal fatto che abbiate tempo di entrare nei locali, vorrete senz’altro fare una foto alla scalinata che porta su al Peroto. Il bar è in realtà un caffè letterario, per cui cos’altro poteva sembrare la scalinata se non una pila di libri? È super bella.

 

Parte III: Dritte extra

Va da sé che a Sofia c’è molto più delle (relativamente) poche cose che ho nominato. Tipo l’edificio dell’università, via Rakovski (nota anche come ‘Broadway bulgara’ per via dei suoi tanti teatri), chiese che non ho potuto cancellare dalla mia lista, parchi che non ho avuto tempo di visitare, ponti che non sono riuscita ad attraversare, il monte Vitosha (!!) e via dicendo.

Insomma, ho potuto solo parlare di luoghi e monumenti che ho visto e/o visitato in prima persona.

C’è, però, un’ultima cosa che tengo a dire, ed è questa: fate caso alla street art di Sofia. È pratica-mente ovunque e non vorrete perdervela. Parola mia.

 

Giusto un paio di cose

Come ho detto più volte, non ho visto che una piccola parte di Sofia, per cui qualsiasi conclusione deve essere considerata soggettiva e parziale.

Se c’è una cosa che mi ha sicuramente colpito della città, è l’identità incredibilmente multiforme che tradisce – che, ovviamente, vuol dire anche contraddittoria. Ha i suoi lati negativi, ma rivela anche un patrimonio culturale ricchissimo.

Da un lato, le contraddizioni sono sotto gli occhi di tutti. Da un lato di via Vitosha ci sono boutique di moda e grandi firme. A uno sguardo più attento, però, ci sono anche senzatetto, mendicanti, cani e gatti randagi qui e lì, sia per strada sia in metrò. È una grande città, non è la prima.

Dall’altro, le contraddizioni risultano da un sostrato culturale complesso, che fa anche rima con ‘variegato’. Prendete la piazza della Tolleranza, dove quattro chiese di quattro credo religiosi diversi condividono la stessa piazza, quale efficace promemoria di qualcosa di più grande e migliore. (Più facile a dirsi che a farsi, ma questa è un’altra storia.)

Le quattro chiese (come anche altri edifici, monumenti e zone) sono anche una sorta di riassunto di periodi chiave della storia della città: i Romani, gli Ottomani, gli ebrei (parzialmente) sfuggiti alla deportazione negli anni Quaranta e l’influsso sovietico, che magari contribuisce a spiegare perché le matrioshki sono (ancora) esposte nei negozietti della metropolitana.

 

E poi, mentre andavo in giro per Sofia, non potevo fare a meno di pensare quanto è bella di notte la città. Se vagate un po’ a zonzo per le strade secondarie e poi sbucate su un boulevard, guar-date in su mentre camminate e fate caso agli edifici maestosi e imponenti che incorniciano la strada. Quelli, uniti al buio e al silenzio, fanno la strada perfetta per tornare a casa.

Se uno va a Parigi, Londra o Roma, magari gli torna abbastanza facile trovare e riconoscere quel che è ‘tipicamente’ francese, inglese o italiano.

Se uno va a Sofia (o in altre capitali meno ‘gettonate’), magari non c’è niente in particolare che colpisce come ‘strettamente bulgaro’. Ci sono pochi monumenti di riferimento noti ai più. D’altra parte, questi non possono bastare a dare un’idea di cosa è davvero ‘tipicamente’ bulgaro. Ciò fa sì che il visitatore occasionale difficilmente colga l’effettiva identità urbana della città.

Ma invece, forse l’identità urbana di Sofia è effettivamente davanti agli occhi del turista fin da principio, solo che la mescolanza di strati storici e culturali su cui è costruita la città fanno sì che difficilmente si possa dare alla città un’etichetta uniforme e universale.

O forse, è proprio quello il punto.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

18 − six =