Sofia 2018 (2/3). Here, there and (almost) everywhere

[Italian version below]

So, about Sofia. In my first post about the city I explained that I do not expect to know all about it. In fact, quite the opposite. In spite of that, I’m quite sure I will end up writing (a lot) more than I’m expecting as I type these initial lines. I’m not even sure I should still apologise for that at this stage, since with every post it always, invariably ends up like this, so hey.

But enough with the digressing.

The Palace of Justice at night

Vitosha Street

 

Sofia: some basic, essential info

Okay, did you know that in its original form the city dates back to roughly 6,000 years ago?

And Bulgaria is the third richest country in Europe in terms of archaeological monuments. Only Italy and Greece (which rank respectively first and second) have a richer heritage.

And the history of the country is super tumultuous and characterised by significant turnovers and changes in power.

First there were the Thracians, followed by the Greeks and the Romans. Then the Byzantines came, but they had quite a hard time sharing their territories with the Bulgar tribes that sought to also settle within the borders.

A Bulgarian State took shape, but was quite short-lived, as in the 14th century the Ottoman Turks appeared and imposed their rule, which remain in place for five centuries.

The Russians eventually defeated the Ottomans, and a Bulgarian State seemed to be coming to life.

Serdika

But then the two World Wars broke out and, after WWII, the country fell under the Soviet influence, despite its not being formally part of the USSR.

With the fall of the Berlin Wall and the collapse of USSR, the first presidential elections took place and democracy was reinstated.

And that’s about it.

Last but not least: Sofia’s favourite animal is the lion. Keep an eye out, and you will notice that lions are everywhere: outside the Palace of Justice, on the gates of the Presidential Palace, on top of plinths and pedestals here and there in the city, and in the Bulgarian currency, which is called Lev (Лев), ‘lion’ in Bulgarian. Coincidence? I think not.

Okay, now that we’ve mentioned some basic details, let’s get down to the business of sightseeing.

 

Part I: From the Palace of Justice to Tolerance Square

The main places of interest we saw during the Free Sofia Tour, a two-hour walking tour organised by the non-profit non-governmental organisation ‘365 Association’, which has been organising these tours since 2010. The tour is free of charge and takes place two or three times a day (depending on the season) 365 times a day, regardless of the weather. It was super interesting, and took us around the centre and through the city’s (long) history and (rich) culture. I can’t help pointing out (as briefly as I can) the key spots we came across during the visit.

Palace of Justice

The Palace of Justice is the starting point of the tours. You can’t fail to notice it: it’s very close to Vitosha St., and its white façade with round-shaped columns and bronze lions (lions!) doesn’t go unnoticed.

Close to the Palace is Saint Nedelya Church (Света Неделя). ‘Saint Nedelya’ literally means ‘Saint Sunday’ or ‘Holy Sunday’, though the origin of its name is rather debated (here are further details on it).

Originally built in the Middle Ages, it has been reconstructed several times, but is probably mostly known for the attempted attack carried out in the church by representative of the Bulgarian Communist Party on 16 April 1925.

Sveta Nedelya Church

They placed a bomb in the church (just by the roof) and detonated it during a funeral. The goal was to kill as many politicians and members of the military elite as possible, amongst them king Boris III.

Except, when the bomb went off the king was not there. He was busy doing something that appears to be very ‘Bulgarian’, as they put it: he was late. Yes, late, and the bomb went off before he arrived at the church.

If you stand outside the church and have a look around, chances are you will notice, at the opposite end of the square, a tall column and, on top of it, the Statue of Saint Sofia (Света София).

‘Saint’ Sofia

Built in 2000 on the spot where formerly stood a Lenin statue (now displayed in the Museum of Socialist Art), it’s saint only by name. For one thing, her figure was (and is?) considered too scantily dressed to make her a saint. Additionally, the woman portrayed is said to be a woman from the city, who had three daughters: Faith, Hope and Love.

Close to the statue is the entry to Serdika (or Serdica) (Сердика) metro station – which might sound like a very ordinary thing to say, but in fact also means entering a large-scale archaeological site.

Serdika

Serdika

The Serdika complex includes an astounding amount of ruins, structures and artifacts from Sofia’s Roman past. They were uncovered while the metro line was under construction, and are now displayed (partly below street level, partly in the open air) in the very heart of the city.

The Serdika complex also includes two churches. One is the super tiny church of St. Petka of the Saddlers (Света Петка Самарджийска), also located near the metro station. In the Middle Ages saddlers used to perform their rituals in the church, hence the name Saint Petka, saint patron of saddlers. The church was built with a very small door, so the visitor had to bow while entering, showing respect.

Serdika. Saint Petka of the Saddlers

The other church is St. George Rotunda (Ротонда Свети Георги). This 4th-century Early Christian church (seemingly the oldest in Sofia) stands in a courtyard between the Sheraton Hotel and the Presidential Palace, which location is all but coincidental. In the Soviet years, technically religion was not banned, but it was heavily frowned upon. The regime believed that, by keeping religious buildings ‘hidden’ or ‘unseen’, the people would ‘forget’ all about them and grow increasingly detached from religion itself. So new, taller buildings were erected all around the Rotonda, in the hope that it’d be harder for people to find it.

Saint George Rotunda

Coincidentally enough, the Rotonda also happens to be very close to the Square of Tolerance (Площад на толерантността), which is marked by four places of worship from four different religions:

– The Orthodox church of Saint Nedelya (already mentioned above)

– Banya Bashi (Баня Баши) Mosque

– Saint Joseph (Свети Йосиф) Catholic cathedral

– The Synagogue.

Banya Basha Mosque

Catholic Cathedral of Saint Joseph

If from the mosque you walk through the small park right next to it, you will find yourself in front of a super majestic complex with partially ‘striped’ walls: the Central Mineral Baths (Централна минерална баня). The building dates back to the early 20th century and served as public baths till 1986.

At both ends of the façade there are two large basins with water running from a few taps. We were able to try the water, which is hot and steamy, and has a vaguely sulphurous aftertaste.

The building is currently home to the Sofia City Museum, but debate over what to make of it has been going on for a few years already.

Central Mineral Baths

Okay, just stay right there now, head over to the next post and we can move on to the next stop!

 


 

Sofia 2018 (2/3). Qua, là e (quasi) ovunque

Allora, Sofia. Come ho detto nel primo post sulla città, non penso di sapere tutto della città. Casomai il contrario. Eppure, sono abbastanza sicura che finirò per scrivere un (bel) po’ più di quanto penso mentre digito queste prime righe. Non so neanche quanto abbia senso scusarmi per questa cosa, visto che lo faccio in ogni post, ma insomma, pazienza.

Ma basta divagare.

 

Sofia: informazioni di base

Okay, sapevate che nella sua forma originale la città risale a circa 6000 anni fa?

E la Bulgaria è il terzo paese in Europa in termini di patrimonio archeologico. Solo Italia e Grecia (rispettivamente prima e seconda) ne hanno uno più consistente.

E la storia del paese è super tumultuosa e caratterizzata da importanti avvicendamenti e cambi di potere.

Prima c’erano i Traci, seguiti dai Greci e dai Romani. Poi sono arrivati i Bizantini, ma non hanno avuto vita facile a spartirsi il territorio con le tribù proto-bulgare che cercavano di insediarsi all’interno dei confini.

Ha quindi preso forma un primo stato bulgaro, ma la cosa è durata poco, perché nel XIV secolo sono arrivati i Turchi Ottomani, che hanno imposto il loro dominio e sono rimasti al potere per cinque secoli.

I Russi alla fine hanno sconfitto gli Ottomani e lo Stato Bulgaro ha cominciato a prendere vita.

Solo che poi sono scoppiate le due guerre mondiali e, dopo la fine della seconda, il paese è finito sotto l’influenza sovietica, benché formalmente non faccia parte dell’Unione Sovietica.

Con la caduta del Muro di Berlino e il crollo dell’URSS, si sono poi svolte le prime elezioni presi-denziali ed è stato reintrodotto un regime democratico.

E questo è quanto. Circa.

Ultimo, ma non per importanza: l’animale preferito di Sofia è il leone. Fateci caso e non potrete non accorgervi che i leoni sono ovunque: fuori dal Palazzo di Giustizia, sui cancelli del Palazzo Presidenziale, in cima a plinti e piedistalli qua e là in città e anche nella valuta del paese, che si chiama Lev (Лев), ‘leone’ in bulgaro. Coincidenza? Non credo.

Okay, ora che abbiamo nominato alcune informazioni di base, cominciamo ad andare per davvero a fare un giro in città.

 

Parte I: Dal Palazzo di Giustizia alla Piazza della Tolleranza

I principali luoghi di interesse li abbiamo visti durante il Free Sofia Tour, un tour a piedi della durata di due ore organizzato dall’associazione no-profit e non governativa ‘365 Association’, che organizza questi giri dal 2010. Il tour è gratuito e si svolge due o tre volte al giorno (a seconda della stagione) 365 giorni l’anno, a prescindere dal meteo. È stato super interessante e ci ha portato in giro per il centro e attraverso la (lunga) storia e la (ricca) cultura della città. Non posso non nominare (più in breve che posso) le tappe principali della visita.

Il Palazzo di Giustizia è il punto di partenza del tour. Non potete non notarlo: è vicino a via Vitosha e la sua facciata bianca con il colonnato e i leoni in bronzo (leoni!) non passa inosservata.

La Chiesa di Santa Nedelya (Света Неделя) è vicina al Palazzo. ‘Santa Nedelya’ letteralmente significa ‘Santa Domenica’, anche se l’origine del nome è in realtà piuttosto dibattuta (dettagli ulteriori li trovate qui).

La chiesa originale risale al Medio Evo, ma è stata ricostruita parecchie volte. Probabilmente è nota soprattutto per l’attentato organizzato da esponenti del Partito Comunista Bulgaro il 16 aprile 1925.

Nella chiesa (proprio presso il tetto) è stata piazzata una bomba, poi detonata mentre era in corso un funerale. L’obiettivo era uccidere il maggior numero possibile di politici e militari presenti, nonché re Boris III.

Solo che, quando la bomba è esplosa, il re non c’era. Era impegnato in un’attività apparentemente molto ‘bulgara’, come mi è stata definita: era in ritardo. Sì, in ritardo, per cui la bomba è scoppiata prima che arrivasse in chiesa.

 

Se siete fuori dalla chiesa e vi guardate intorno, è probabile che noterete, all’estremità opposta della piazza, una colonna con in cima la Statua di Santa Sofia (Света София).

Collocata nel 2000 nel punto in cui prima sorgeva una statua di Lenin (ora esposta al Museo di Arte Socialista), è santa solo di nome. Intanto, le sue vesti erano (e sono?) considerate troppo succinte per farne una santa. E poi, la donna raffigurata pare sia una donna originaria della città che ha avuto tre figlie: Fede, Speranza e Amore.

 

Nei pressi della statua c’è anche l’ingresso alla fermata Serdika (o Serdica) (Сердика) della me-tropolitana. Che magari sembra un’osservazione da poco, ma in realtà vuol dire entrare in un sito archeologico su vasta scala.

Il complesso di Serdika include una quantità straordinaria di rovine, strutture e manufatti dall’antica Roma. Questi sono riemersi durante i lavori di costruzione della metro e sono ora esposti (in parte nei sotterranei e in parte all’aperto) nel cuore della città.

Serdika include anche due chiese. Una è la piccola chiesa di Santa Petka dei Sellatori (Света Петка Самарджийска), anch’essa situata nei pressi della fermata della metropolitana. Nel Medio Evo i sellatori organizzavano cerimonie nella chiesa, da cui il nome Santa Petka, santa patrona, appunto, della categoria. La porta della chiesa è molto piccola, perché il fedele si chinasse quando entrava, in segno di rispetto.

L’altra è la paleocristiana Rotonda di San Giorgio (Ротонда Свети Георги). La chiesa, che risale al IV secolo (e pare essere la più antica di Sofia), si trova nel cortile fra l’Hotel Sheraton e il Palazzo Presidenziale. La posizione è tutto fuorché casuale. In epoca sovietica, la religione non era formalmente bandita, ma non era decisamente vista di buon occhio. Il regime riteneva che, ‘nascondendo’ alla vista gli edifici religiosi, anche il sentimento religioso si sarebbe intiepidito. Così, intorno alla Rotonda furono costruiti nuovi palazzi più alti, nella speranza che sarebbe stato più difficile trovarla.

Si dà il caso che la Rotonda sia anche molto vicina alla Piazza della Tolleranza (Площад на толерантността), identificata da quattro luoghi di culto appartenenti ad altrettante religioni:

– la chiesa ortodossa Santa Nedelya (di cui ho parlato più sopra);

– la Moschea Banya Bashi (Баня Баши);

– la chiesa cattolica San Giuseppe (Свети Йосиф);

– la Sinagoga.

 

Se dalla moschea attraversate il parchetto lì accanto, vi troverete davanti a un edificio super ele-gante con i muri parzialmente ‘a strisce’: il Bagno Minerale Centrale (Централна минерална баня). L’edificio risale all’inizio del XX secolo ed è stato utilizzato come bagno pubblico fino al 1986.

Ai lati della facciata ci sono due vasche piene di acqua corrente che esce da rubinetti. L’acqua, che abbiamo assaggiato, è calda e fumante e ha un vago retrogusto di zolfo.

L’edificio è attualmente sede del Museo della Città di Sofia, ma già da qualche anno si discute del futuro del complesso.

Okay, adesso giusto il tempo di passare al prossimo post e riprendiamo il giro!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

one × 1 =