Norway 2017 (5/6). Mount Rønvik and (almost) Keiservarden

[Italian version below]

Say you have half a day left to spend in Bodø. It’s not enough to go somewhere out of the city: you have a flight to Oslo in the afternoon, and you can’t afford to miss it. It’s still enough time to actually do something, though, and not just wander about the centre or by the harbour – you’ve done a lot of that, and you’d do more, but you also want to see some place you still haven’t been to.

If there’s one thing you should not miss is the area around Mount Rønvik and Keiservarden.

Two preliminary remarks are required:

1. You can spend much longer than just a bunch of hours around Mount Rønvik. There are several trails around there, and that, alongside the lakes and the one and only Keiservarden, will keep you busy for as long as you like.

2. It’s so close to the city that you can actually head there anytime you want as often as you want.

Getting there is super easy. Walk down the street called Sjøgata (one of Bodø’s high streets) not toward the city centre, but in the opposite direction. Turn left into Rønvikveien, keep to the main road and turn right into Fjellveien (there will be signs guiding you around). It’s quite a walk from the centre, but there’s also a bus going that way, if you want to make it faster.

The road takes you to a car park area at the head of the trail. Admittedly, while I was there none of that was actually visible: the heavy snow had coated the whole landscape with a thick white blanket that made it objectively impossible to tell trail, grass and rocks apart.

I picked what resembled the main trail, and walked uphill, where the snow soon turned into the most slippery ice. I did not have spikes underneath my boots, so I struggled a bit (read: a lot) to keep going (read: standing). By sticking to the (few) patches of earthy and snowy ground, though, I made it. I found myself in front of a roundish frozen pond (Nedre Vollvatnet) where the trail also forked, making it hard for me to choose which way to go.

After some pond-ering (pun intended), I turned right, crossed the wooden bridge over the lake, and… well, virtually disappeared into fresh snow through the trees. The trail went uphill, which kind of suggested there’d be something good up there. In fact, it wasn’t even a proper trail, but the boot tracks meant others had walked that way before, so I did the same. There’s a first flat spot, where you can easily guess the view is amazing, but the bare trees are rather thick, and you don’t get the full extent of it.

I felt I could be contented with getting that far, that I could make do with that and go back. It was uber slippery, and I had (almost) fallen 75948574 times already.

Oh but the trail is just there, think how beautiful it is over there…

Okay, just a little farther.

‘A little farther’ meant the actual top – which, super honestly, I didn’t know was that close after all. The view was breathtaking – and not only because the wind blew so hard it literally took my breath away. It was The Perfect 360-degree View: the pink sky, the Bodø from above, snowy Landegode, the sea, the mountains… I was there all alone, and it was perfect.

I somehow managed to make it back down to the pond, which also meant falling another 394758493 times, but by then even falling had become quite ordinary, so I barely noticed it.

Back at the wooden bridge, I noticed a super snowy path that went all around the lake and disappeared behind the mountain slope. It looked tempting, hadn’t it been for All The Ice. ‘Seriously, you can’t also head there, be happy with all you’ve done’, I sternly told myself.

Oh but the trail is just there, think how beautiful it is over there…

Okay, just a little farther.

I kept going for another 15-20-25 minutes, and gradually came to realise that I was bumping into a lot of people along the way: small groups of friends, middle-aged couples, lonesome hikers, and parents with kids… Of all the places I saw in and around Bodø, that one turned out to be the most crowded of all.

I kept going till the trail went along a second, slightly larger, half-frozen pond (Øvre Vollvatnet), yet the snowy path did not stop. Nor did I, because I was too curious to see where it went. I was only a bit worried about getting back to the hostel too late, but I thought in that case I’d just quickly pick up my backpack and rush to the airport.

I was just having some thoughts of this kind, when the trail grew slightly steeper, then steeper, then…

My heart skipped a beat. Another, yet much larger lake (Svartvatnet) was right there in front of me, and I was amazed well beyond words. What’s more, when I followed the path to the left of the lake, the sun came out – and not the usual kind that shines super bright when the sky clears up. It was pale, kind of pastel orange, almost as if it didn’t want to shine too bright so as not to stand out too much against the black and white of the landscape.

I was in the middle of the perfect Arctic landscape, and it was, beyond doubt, one of the most unforgettable, breathtaking views I’d ever seen.

I walked along one side of the lake till I spotted a couple of signs. That is when I noticed the Keiservarden sign pointing toward the trail uphill. ‘Oooh there it is!’, exclaimed the tiny voice in my head, to which its stern counterpart replied: ‘Seriously, it’s time you went back, you’re going to be late!’. I pond-ered (again). Then I pond-ered some more.

Oh but the trail is just there, think how beautiful it is-

Enough. Okay, just a little farther.

Let me get this straight: I did not make it to the very top of Keiservarden. I really didn’t have enough time, and little could my spikeless boots against the hyper icy rocks. But ohmygod the things I saw up there.

First the trail goes straight uphill through the trees. Soon, though, the trees disappear, and the terrain turns into rocks and flights of steps. And, yes, I do mean actual steps. In fact, when it comes to Keiservarden, two fun facts are especially worth mentioning:

1. The hill owes its name to German emperor Wilhelm II, who visited it in 1891. Keiservarden means ‘The Emperor’s Cairn’, which refers to the cairn (‘varde’ in Norwegian) built on top of the plateau to commemorate the emperor’ climb. (A cairn is a human-made stack of interlocking dry stones.)

2. The main path that leads to the hilltop is called Keiserstein. It has always been a super popular hiking destinations, which also meant over the years it’d gradually but increasingly wear out. In 2009 a special project was started, and Sherpas ‘borrowed’ from Nepal (re)built the path using stone steps made from a local stone similar to that from Keiservarden itself. Keiserstien was then successfully reopened in 2016.

(Fun fact within the fun fact: Nepalese Sherpas have contributed to (re)building a number of hiking trails and routes in Norway so far.)

Keen as I was to make it to the very top, I realised I was objectively running out of time, plus I did feel my boots didn’t have the best grip on the icy stones. So yes, I had to go back.

It is true, though, that the farther you hike uphill, the more amazing the view gets. Keiservarden might not be the highest peak in the area (let alone in the whole of Norway), yet the view you enjoy from up there is truly mesmerising: there’s the whole of Bodø, the Salten region, Vestfjord, where Landegode Island rises out of water with its unmistakable pointed tops, and Lofoten. Enough said.

On my way back to the centre, I bumped into a large, fluffy red cat sitting on the pavement by the main road. When he spotted me from across the road, he ran toward me as if recognising a familiar face, and started rubbing his head against my legs. I stopped there with him for a while, but when I made to leave he followed me. I patted him some more, then some more, then… He kept following me. ‘Okay’, I thought, ‘that’s it. I will miss my flight now.’ I could see myself showing the cat door to door around the neighbourhood in search of the legitimate owner. He wouldn’t let me go.

I gave it one last try. He looked away for a microsecond, and I made a sudden move, trotting off down the pavement as fast as I could without looking back. When I threw an inconspicuous glance back, he was (thankfully) still there, basking in the (pale) sun and contentedly sitting in the snow. Pheeew.

I did make it back to my hostel early enough to pick up my backpack and take my time to go to the airport. Despite icy Keiservarden and the red cat, I knew for sure I wouldn’t miss my flight, after all, which came partly as a huge relief. Partly.

Mount Rønvik and Keiservarden are proof that the Arctic landscape in winter is utterly mindblowing in its uniqueness and beautiful beyond imagination. And I truly, genuinely miss it.

 


Norvegia 2017 (5/6). Monte Rønvik e (quasi) Keiservarden

Immaginate di avere ancora mezza giornata da passare a Bodø. Non è abbastanza per andare da qualche parte fuori città: avete un volo per Oslo nel pomeriggio e non potete permettervi di perderlo. È comunque abbastanza per fare qualcosa, e non solo passeggiare in centro e nella zona del porto – già lo avete fatto parecchio e lo fareste ancora, ma magari volete anche andare in un posto che non avete ancora visto. Se c’è una cosa che non dovreste perdervi per nulla al mondo, è la zona intorno al Monte Rønvik e Keiservarden.

Due considerazioni preliminari sono d’obbligo:

1. Potete anche passare più di mezza giornata in zona Rønvik. Ci sono parecchi sentieri e quelli, insieme all’unico e solo Keiservarden, vi terranno impegnati per tutto il tempo che volete.

2. È così vicino alla città che ci potete andare quando volete tutte le volte che volete.

Arrivarci è facilissimo. Prendete la strada chiamata Sjøgata (una delle vie principali della città) nella direzione opposta a quella che porta in centro. Svoltate a sinistra in Rønvikveien, rimanete sulla strada principale e girate a destra in Fjelleveien (ci sono i cartelli, non potete sbagliare). Non ci si mette pochissimo dal centro, ma al limite c’è anche un bus che va in quella zona.

La strada porta fino al parcheggio all’inizio dei sentieri. In verità, quando ero lì io nulla di tutto ciò era visibile: per via dello spesso strato di neve che copriva tutto era obiettivamente impossibile di-stinguere fra sentiero, erba e rocce.

Ho imboccato quello che aveva l’aria di essere il sentiero principale. Questo andava in salita, dove la neve ben presto è diventata ghiaccio super scivoloso. I miei scarponi non avevano i chiodi, per cui facevo un pochino (leggi: un pochino tanto) fatica a proseguire (leggi: stare in piedi). Alla fine, andando a cercare i (pochi) tratti di terra e neve, ce l’ho fatta.

Mi sono trovata davanti a un laghetto vagamente circolare (Nedre Vollvatnet). Lì il sentiero si biforcava e io non sapevo già più da che parte andare.

Dopo attenta considerazione, sono andata a destra, ho attraversato il ponticello di legno sul laghetto e… tecnicamente sono sparita nella neve in mezzo agli alberi. Il fatto che il sentiero fosse in salita lasciava intuire che ci fosse qualcosa di bello da vedere da su. Che poi, il sentiero non era un vero e proprio sentiero, ma le impronte di scarponi precedenti facevano capire che altri fossero già passati di lì, per cui ci sono passata anche io. C’è un punto pianeggiante intermedio, da cui la vista ‘pare’ super bella, ma gli alberi spogli sono piuttosto fitti ed è difficile farsi una vera e propria idea.

Ho pensato che avrei potuto accontentarmi di essere arrivata fino a lì e tornare indietro. Era uber scivoloso ed ero già (quasi) caduta 75948574 volte.

Ma il sentiero è proprio lì, che bello dev’essere là… 

Okay, ancora un pochino.

‘Ancora un pochino’ vuol dire arrivare in cima – che, onestamente, non immaginavo fosse così vicina. La vista era da togliere il fiato – e non solo perché il vento era talmente forte da togliermelo letteralmente. Era La Vista a 360° Per Eccellenza: il cielo rosa, Bodø dall’alto, l’isola di Landegode con la neve, il mare, le montagne… Ero lì da sola ed era perfetto.

In qualche modo sono riuscita a tornare giù al lago, ovviamente cadendo circa altre 394758493 volte – ma ormai anche cadere era diventata l’abitudine.

Tornata al ponte, ho notato un sentiero super innevato che costeggiava il lago e spariva dietro la montagna. Mi tentava molto, non fosse stato per Tutto Quel Ghiaccio. ‘Seriamente, non puoi andare anche là, accontentati di quello che hai fatto’, mi sono detta con rigore.

Ma il sentiero è proprio lì, che bello dev’essere là…

Okay, ancora un pochino.

Ho proseguito ancora 15-20-25 minuti e pian piano ho notato che stavo incontrando un sacco di gente lungo la via: gruppetti di amici, coppie di mezza età, escursionisti solitari, genitori con bambini… Di tutti i posti in cui sono stata a Bodø e dintorni, questo è in assoluto quello in cui ho trovato più gente.

A un certo punto mi sono ritrovata a costeggiare un secondo lago, un po’ più grande del primo e ghiacciato a metà (Øvre Vollvatnet), ma il sentiero proseguiva anche oltre. Allora ho proseguito anche io, perché volevo vedere dove portava. Temevo solo mediamente di tornare troppo tardi in ostello, ma alla fine ho pensato che alla peggio avrei recuperato al volo lo zaino e mi sarei fiondata in aeroporto.

Stavo giusto facendo questa riflessione, quando il sentiero si è fatto più in salita, poi ancora un pochino, poi…

Mi è venuto un mezzo colpo. Un altro lago, ben più grande degli altri due (Svartvatnet) era proprio lì davanti a me ed era di una bellezza indescrivibile. Proseguendo lungo il lago, poi, è pure uscito il sole – e non il classico sole che brilla luminoso quando il cielo diventa sereno. Era pallido, arancione pastello; sembrava quasi non voler splendere troppo forte per non distinguersi troppo dal bianco e nero del paesaggio.

Ero nel mezzo del paesaggio artico perfetto e, senza dubbio, di una delle cose più belle e pazzesche che io avessi mai visto fino a quel momento.

Ho costeggiato un lato del lago finché non ho notato dei cartelli. E che ho visto il cartello per Keiservarden puntare verso il sentiero in salita. ‘Oooh, ma eccolo!’, ha esclamato la vocina nella mia testa. Al che, la sua rigorosa controparte ha ribattuto: ‘Dai, è ora di tornare indietro, fai tardi!’. Ci ho pensato su (di nuovo). Poi ci ho pensato su ancora un po’.

Ma il sentiero è proprio lì, che bello dev’esser-

Taci. Okay, ancora un pochino.

Diciamolo subito: non ci sono arrivata fin su in cima a Keiservarden. Non avevo davvero abbastanza tempo e i miei scarponi non erano il massimo sulle rocce ghiacciate. Ma oddio cos’ho visto lassù.

Prima il sentiero va su dritto in mezzo agli alberi. Ben presto, però, gli alberi non ci sono più e il terreno diventa tutto rocce e rampe di scale. E, sì, intendo proprio gradini.

Quando si parla di Keiservarden, ci sono due fatti curiosi che val la pena ricordare:

La collina deve il suo nome all’imperatore tedesco Guglielmo II, che ci andò nel 1891. Non a caso, Keiservarden vuol dire ‘Cairn dell’imperatore’ e si riferisce al cairn (‘varde’ in norvegese) costruito sulla cima per ricordare la visita dell’imperatore. (Un ‘cairn’ è una costruzione formata da pietre impilate a secco.)

2. Il sentiero principale che porta in cima si chiama Keiserstein. È sempre stata sede di escursioni super popolare e la cosa, a lungo andare, ha un po’ logorato le condizioni del terreno. Nel 2009 è stato avviato un progetto ad hoc, nell’ambito del quale sono stati ‘ presi in prestito’ Sherpa nepalesi che hanno (ri)costruito il sentiero usando, appunto, gradini in pietra ricavati da una pietra locale molto simile a quella di Keiservarden. Keiserstien è stato poi riaperto nel 2016.

(Curiosità nella curiosità: gli Sherpa nepalesi hanno partecipato alla (ri)costruzione di diversi sentieri e rotte escursionistiche in Norvegia.)

Per quanto ci tenessi molto ad arrivare su, a un certo punto sono dovuta tornare indietro. Il tempo stringeva e i miei scarponi non avevano questa gran presa sulle rocce con il ghiaccio.

È vero, però, che più in alto si va, più la vista si fa sempre più incredibile. Keiservarden non sarà la cima più alta nella zona (e ovviamente in Norvegia), ma il panorama è spettacolare: c’è tutta Bodø, la regione di Salten, il Vestfjord, dove l’isola di Landegode sbuca dall’acqua con le sue inconfondibili cime appuntite, e le Lofoten. Direi che basta.

Mentre tornavo verso il centro, mi sono imbattuta in un gigante gatto rosso seduto sul marciapiede sul ciglio della strada. Come mi ha visto, mi è corso incontro come se mi avesse ricono-sciuto e ha cominciato a strusciarsi contro le mie gambe. Mi sono fermata lì un po’ con lui e poi, quando ho fatto per andar via, ha cominciato a seguirmi. Mi sono fermata ancora un po’, poi un po’, poi… Ha continuato a seguirmi. ‘Perfetto’, ho pensato. ‘È la fine’. Già mi vedevo a portare in giro il gatto porta a porta alla ricerca del legittimo proprietario.

Ho fatto un ultimo tentativo. Ho aspettato che si girasse un attimo e in quella sono andata via subito a passo spedito senza voltarmi. Quando ho osato guardare indietro un attimo, lui era (per fortuna) ancora là, a godersi il (pallido) sole seduto in mezzo alla neve. Fiuuu.

Sono tornata in ostello abbastanza presto da recuperare lo zaino e andare con calma in aeroporto. Nonostante il ghiaccio di Keiservarden e il gatto rosso, sapevo per certo che non avrei perso il mio volo, dopotutto. In parte è stato un sollievo. In parte.

Il monte Rønvik e Keiservarden sono la dimostrazione che il paesaggio artico in inverno è di una bellezza sconvolgente e più unica che rara. E, devo dire, mi manca per davvero.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

ten + 19 =

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.