Norway 2017 (4/6). Saltstraumen and all that snow

[Italian version below]

If you’re in Bodø, you go to Saltstraumen. Or, if you don’t, you’ve got to have a super valid reason for not going – e.g. you’ve already been there at least once. I’ve now been to Saltstraumen once (so far), but honestly, not even that counts as good enough a reason to not go back again.

Saltstraumen is a small strait around 10 km southeast of Bodø. The channel connects Salten-fjord to Skjerstadfjord, and is where the world’s strongest tidal current happens to be.

The direction of the current changes every six hours or so: that’s when the maelstrom is at its most powerful. As the Visit Bodø webpage reads, ‘almost 400 million cubic metres of water pass through the 3km long and 150 metre wide strait… at speeds of up to 20 knots [almost 40 kph]’. The times of the day when the current is at its strongest vary, so there’s a dedicated, super detailed daily timetable to refer to. This way, one can easily double-check in advance when it’s best to go on a specific day of the year.

Safaris and group trips with local guides are very popular among tourists. What’s more, Saltstraumen is super rich in marine fauna and seabirds, which explains why sports divers and birdwatchers also like it a lot. Last but not least, it is a haven for fishermen, who take advantage of the current in the hope of a big catch.

I didn’t want to visit Saltstraumen on a group tour – nor did I know whether there’d be any planned at all during the winter season. So, because I was on my own and with no car, I had to rely on public transport. But, again, also due to the season, buses were not uber frequent, so I checked the bus times super carefully the day before. It was my one chance to go to Saltstraumen during my stay in Bodø, I didn’t want to blow it only because I failed to check buses in advance.

The tide would be at its strongest around 10.22 in the morning, so I had to go for the 7.41 bus. The next bus would be too late: I wanted to make sure I’d be around the strait in the daylight.

The day before I even went to check out a couple of bus stops around the city to make sure I knew how long it’d take to walk there. I’d be so sleepy in the morning, the last thing I wanted was to get lost and risk missing the bus.

The thing that welcomed me in the morning was… SNOW – and a lot of it. It had snowed nonstop overnight, and Bodø was coated in white. (Spoiler alert: it wasn’t going to stop. At all.)

Around 7.30 I was at the bus stop. I took bus 4 from Bodø sentrum. You have to get off at the very final stop, Høgåsen, and… wait. Yes, because around 30 minutes later another bus 4 will come, whose first stop is just Høgåsen. You get on, and get off at the stop ‘Saltstraumen’.

During the bus journey I couldn’t see a thing: the windows were all blurry and it was pitch black outside. I had no idea where I was, and I was counting the stops in my head to keep up with the bus route. I got off at Høgåsen, and the bus left. I stood there alone in the silence for about half an hour. I could almost hear the noise of the snowflakes as they hit the ground. Daylight came, but felt much darker than the day before.

I boarded the second bus, and the whole journey I was the only passenger. I got off at my stop and, again, the bus left. I was completely alone in the snow by the road. Then I started growing familiar with the surroundings. There was a church (closed), the Saltstraumen museum (also seemingly closed), the deserted road and… the bridge! The bridge over the strait! I knew my way.

Okay, be prepared: once you find your way around the strait, it’ll be tough to make an orderly plan of what to see in which order, because you will want to go everywhere first. I believe the itinerary I picked kind of made sense, as it allowed me to see pretty much everything in the area.

When I got to the bridge I realised I still had some time before the maelstrom reached its peak, so I thought I’d explore the area underneath the bridge first. It’s easy if you take the path right to its left. As I headed downhill, I came across a café (closed) and a souvenir shop (also closed). I walked past, straight toward the channel. There the path turned right and, suddenly, the landscape was like straight out of a winter fairy tale, with snow-covered red cabins and a narrower channel right next to the strait.

The footpath then goes up the hillside, where it offers stunning views of the strait, the bridge itself and the open sea. On top of the hill you glimpse an obelisk-like monument. If you get there, you will find yourself right in front of the Saltstraumen Hotel, which makes for alternative, comfortable-looking accommodation if you don’t feel like staying right in the city. The building is very well integrated into the surroundings, and if there’s one thing you won’t miss, it’s certainly the view.

Please, watch your step as you make your way around there, especially if it gets snowy. This way, at least you won’t be falling three times, the most painful of which head down on the steps by the obelisk.

As I walked back to the bridge, I noticed that the current had gained strength. I soon found myself standing by one of the bridge concrete pillars. There’s an iron railing, so you can (relatively) safely watch the current, and see for yourself how fast the water flows. It’s unbelievable! There’s also a tiny lighthouse just there, but apart from that, it’s all rocky shore and the rumbling noise of the water.

Despite the (truly) terrible weather, two fishermen were effortlessly standing on the rocks by one of whirlpools, patiently waiting for some big fish to make their day. Only the birds were even cooler than the fishermen: they were perched in small groups right along the edge of the vortex, lulled by the waves, seemingly oblivious to the strength of the maelstrom. They were so funny.

The view from the bridge doesn’t get less amazing. In fact, it’s from there that you really appreciate the proportion of the phenomenon and the size of the whirlpools. Because of the thick snowfall, I could barely see a thing. The horizon was all blurry, it was white all around, and the water was almost black, except by the whirlpools, where it gradually changed to light blue, almost aquamarine.

I reached the opposite side of the bridge and went down to the shore. Again, please be extra careful if you go down that way. Bear in mind that the wooden staircase has a couple of funny/missing steps and watch out for the rocks, which are super slippery. If you don’t feel safe and/or the weather is too bad, just don’t go, but walk back to the bridge instead, and enjoy the view from there.

I walked back to the bus stop in the heavy snow and, as two women hurried to the same bus shelter where I was standing, I realised that (aside from the fishermen) those were the first people I’d seen since I’d got off the bus a couple of hours earlier. In fact, I do believe the weather, the season and the consequent absence of people contributed to making my Saltstraumen experience fairly unique overall, and that’s is something I’m quite excited about. Just because I’ve been there once, though, it’s not that I don’t want to go back again. If you know what I mean 😉

P.S. Just to recap, useful links are the following:
https://www.177nordland.no (easy and handy to check out transport connections in Bodø and around)
Saltstraumen timetable (the current timetable for the whole of 2018).

And here’s a few extra photos…

 


 

Norvegia 2017 (4/6). Saltstraumen e tutta quella neve

Se uno va a Bodø, va a Saltstraumen. O, se non ci va, deve avere una ragione più che valida, tipo esserci già stato almeno una volta. Che poi, io ci sono stata una volta sola (finora), ma di sicuro non considero l’esserci già andata come una ragione abbastanza valida per non tornarci.

Saltstraumen è un piccolo stretto circa 10 km a sud-est di Bodø. Il canale college il Saltenfjord con lo Skjerstadfjord ed è il luogo in cui, guarda caso, si trova la più potente corrente al mondo.

La direzione della corrente cambia circa ogni sei ore ed è proprio in quei momenti che raggiunge la potenza massima. Come spiega il sito di Visit Bodø, ‘lo stretto, lungo 3 km e largo 150 metri, … è attraversato da quasi 400 milioni di metri cubi di acqua fino a 20 nodi [quasi 40 km/h] di velocità’. Gli orari del giorno in cui il fenomeno si manifesta variano, per cui esiste una tabella oraria super dettagliata a cui fare riferimento. Così, uno può controllare in anticipo quando gli conviene andare in un giorno ben preciso dell’anno.

Safari e uscite di gruppo con guide locali sono assai popolari fra i turisti. Fra l’altro, la zona di Saltstraumen ha una fauna marina ricchissima, che spiega perché sia molto amata anche da chi fa immersioni e chi fa birdwatching. Senza contare che è un paradiso per i pescatori, i quali approfittano della corrente per catturare qualche ‘pesce grosso’ (letteralmente).

Non volevo andare a Saltstraumen con un gruppo – né sapevo se in inverno venissero organizzate uscite del genere. Essendo sola e senza macchina, mi sono affidata ai mezzi pubblici. Ma, anche qui, per via della stagione i bus non erano propriamente frequenti, per cui li ho guardati bene il giorno prima. Era la mia unica occasione di vedere Saltstraumen mentre ero a Bodø: non volevo perderla solo perché non avevo controllato gli orari in anticipo.

La corrente avrebbe raggiunto il picco intorno alle 10.22, per cui mi toccava prendere il bus delle 7.41. Quello successivo era troppo tardi: volevo essere a Saltstraumen quando c’era luce.

Il giorno prima ho anche controllato le fermate del mio bus in giro per la città per essere sicura di sapere dove dovevo andare. Con il sonno che avrei avuto al mattino, non volevo perdermi e, quindi, perdere anche il bus.

Il benvenuto del mattino è stata… LA NEVE – e quanta. Aveva nevicato tutta la notte e Bodø era coperta di bianco. (Spoiler: non avrebbe smesso. Neanche un po’.)

Verso le 7.30 ero alla fermata. Ho preso il 4 da Bodø sentrum. Dovete scendere al capolinea, Høgåsen, e… aspettare. Sì, perché tipo mezz’ora dopo arriva un altro bus 4, il cui percorso parte da Høgåsen. Prendete quello e scendete alla fermata ‘Saltstraumen’.

Durante il viaggio in bus non si vedeva nulla, tra i finestrini appannati e il buio totale fuori. Non avevo la più pallida idea di dove fossi e contavo a mente le fermate per seguire il percorso. Sono scesa a Høgåsen e ho visto il bus ripartire. Sono rimasta lì ferma circa mezz’ora, immobile nel silenzio. Mi sembrava quasi di sentire il rumore dei fiocchi di neve che toccavano terra. Ha fatto giorno, ma era molto meno luminoso del giorno prima.

Sono salita sul secondo bus, unica passeggera per tutto il viaggio. Sono scesa alla mia fermata e, di nuovo, ho visto il bus ripartire. Ero da sola nella neve sul ciglio della strada. Poi ho cominciato a orientarmi. C’era una chiesa (chiusa), il Museo di Saltstraumen (apparentemente chiuso), la strada deserta e… il ponte! Il ponte sul canale! Capito tutto.

Okay, preparatevi: una volta che saprete orientarvi, sarà dura decidere cosa vedere e in che ordine, perché vorrete vedere tutto subito. Forse il giro che ho fatto io ha avuto abbastanza senso, perché ho visto circa tutto lì in zona.

Giunta al ponte, ho visto che mancava ancora un po’ prima che la corrente aumentasse, per cui ho pensato di esplorare la parte sotto il ponte prima. Se prendete il sentiero subito a sinistra del ponte, è facile. Mentre andavo giù, ho superato un caffè (chiuso) e un negozio di souvenir (chiuso anche quello). Quando ero quasi al canale, il sentiero ha piegato verso destra e, all’improvviso, il paesaggio era quello di una fiaba invernale, con le cabine rosse coperte di neve e un canale più stretto accanto a quello principale. Il sentiero sale poi su per la collina, dove si ha una vista meravigliosa dello stretto, del ponte e del mare. In cima alla collina c’è un monumento simile a un obelisco. Se arrivate là, vi troverete davanti l’Hotel Saltstraumen, che offre una sistemazione alternativa ma confortevole, se non volete alloggiare in città. L’edificio è ben integrato nel paesaggio e se c’è una cosa che non vi mancherà lì, è senz’altro il panorama.

Vi prego, state attenti mentre andate in giro lì intorno, soprattutto se nevica. Così, almeno voi eviterete di cadere tre volte, la più dolorosa delle quali a faccia in giù sui gradini accanto all’obelisco.

Mentre tornavo verso il ponte, ho visto che la corrente si era fatta più intensa. In un attimo mi sono ritrovata vicino a uno dei piloni di cemento del ponte. C’è anche una ringhiera di ferro, per cui da lì si può guardare la corrente da vicino in (relativa) sicurezza e vedere quanto velocemente scorre l’acqua. È incredibile! C’è anche un piccolo faro ma, a parte quello, solo le rive rocciose e il gorgogliare dell’acqua.

Nonostante il tempo (veramente) terribile due pescatori stavano lì sulle rocce come se niente fosse, aspettando pazientemente che un vortice gli facesse il regalo della giornata. Meglio dei pescatori erano solo gli uccelli: se ne stavano ‘appollaiati’ in gruppetti lungo il profilo del vortice, cullati dalle onde, apparentemente ignari della potenza della corrente. Che buffi.

La vista dal ponte è ugualmente pazzesca. Anzi, è proprio da lì che uno si rende conto delle effettive proporzioni del fenomeno e delle dimensioni dei vortici. Per via della neve fitta, vedevo poco o niente. L’orizzonte era tutto offuscato, era tutto bianco ovunque, mentre l’acqua era quasi nera ovunque tranne che in prossimità dei vortici, dove si schiariva e diventava quasi acquamarina.

Arrivata sul lato opposto del ponte, sono scesa verso la riva. Ancora una volta, vi prego, state super attenti se scendete di lì. Tenete a mente che un paio di gradini della scala di legno sono rotti/mancanti e le rocce sono moolto scivolose. Se non vi sentite sicuri e/o il tempo è proprio brutto, non scendete, ma tornate sul ponte e godete della vista da lì.

Sono tornata alla fermata del bus nella neve più fitta e, quando due signore sono arrivate sotto la mia stessa pensilina, mi sono resa conto che (pescatori a parte) quelle erano le prime persone che vedevo da quando ero scesa dal bus un paio d’ore prima. In effetti, penso proprio che il tempo, la stagione e la conseguente assenza di gente abbiano contribuito a rendere abbastanza unico il mio giro a Saltstraumen. Il che mi piace un sacco. D’altra parte, non è che, perché ci sono stata una volta, adesso non ci voglio tornare di nuovo. Non so se mi spiego 😉

P.S. Giusto per ricapitolare, un paio di link utili:
https://www.177nordland.no (perfetto e facilissimo da usare per usare i mezzi pubblici a Bodø e dintorni);
orari Saltstraumen (il calendario degli orari della corrente per il 2018).

Più sopra trovate anche qualche altra foto…

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

8 + 6 =

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.