Norway 2017 (3/6). Bodø: A Day in the (Unexpected) Sun

[Italian version below]

Day 1 in Bodø started around 8 o’clock in the morning with an ice storm by the coast, and my persona standing in the very eye of the storm.

I left my hostel (conveniently situated in the very train station building – it’s the Hostelling International, highly recommended if you’re looking for budget accommodation in Bodø!), and obviously it wasn’t even raining. So I ventured toward the pier right behind, right next to the Hurtigruten pier. Suddenly round bits of the whitest ice were pouring down like they were being fired from all sides. It was hailing sweetener tablets. I hid my face in my scarf and stood motionless by a tiny cabin right there, which really was the most pointless thing I did that day. 3… 2… 1… Soppy wet.

Ten minutes, and it was all gone: the ice rain stopped, the sky brightened up, and it was sunrise. I cautiously left my (un)safe spot, and headed back toward Sjøgata and the city centre. It was still a bit dark, the city half asleep, but the air was crisp and the sky clearing up fast. I almost accidentally came across two of the countless street art works scattered all over Bodø and soon found myself in front of the Tourist Office. Ten minutes later I was booked on the three-hour ‘Arctic Walk’ organised by Stella Polaris around beaches north of Bodø.

It was easy to ‘kill the time’ as I waited for 12.30, when I would meet the guides and the other ‘walkers’ by the Hurtigruten pier (i.e. basically behind my hostel). I had quite a stroll around the centre, visited the Domkirke (Bodø Cathedral) on Torvgata, walked past the (beautiful) library and the (beautiful) concert hall and, finally, made it to the harbour.

I went straight to the very tip of the pier, where there’s (also) a colourful lighthouse and where, I believe, in the summer locals and tourists spend hours on end on a sunny day. Right then I was there alone, and the pier was all silent but for the noise of the anchored boats quietly rolling in the low waves. The sky was pink, and cast a pinkish hue on all things around. It’s funny how ‘breathtaking’ does turn out be an understatement at times.

The side of the pier overlooking the open sea is lined with seven large granite stones that would look rather ordinary and shapeless if it wasn’t for the large, perfectly round see-through holes drilled through them. The stones form the installation Utten Titel (Untitled) by super famous contemporary artist Tony Cragg. The work was put in place in 1993, and symbolises the close connection between nature and culture, but also the sea and the land. It does look perfectly integrated in the landscape.

I stayed at the harbour for as long as I could, till I noticed it was 12.20ish, so I rushed back to the pier, because I didn’t want to be late.

The bus was there, and so were our two guides, while the other ‘walkers’ (around 15-18 in total) were only just getting off the Hurtigruten and approaching the bus. They would get back on board straight after the walk, headed toward Lofoten.

The shortest bus ride, and it was all nature around us but for a few cabins by the water.

Now, usually I’m not a fan of group visits and group tours, especially when I’m travelling. I must say, though, I did have a great time, and the group included a lot of super interesting people. Like, there was a super professional photographer that had the hugest camera I’ve ever seen, and when (spoiler alert) a sea eagle flew right over us all of a sudden must have taken loads of super cool close-ups.

And another woman knew a lot about birds, and did some quality ‘bird-talking’ with one of the guides. Coincidentally, I was standing just between the two of them as we walked on, so I listened intently and tried making mental notes of the cool things I didn’t know, which they were casually mentioning during the conversation. Amongst them, the bird called guillemot, which is a fairly recurrent sight around Bodø. I had never even encountered this word, so much so that it took me a while to figure out the correct spelling and Google it properly (God, I’m such a beginner! And by the way, it’s pronounced /ˈɡɪlɪˌmɒt/). As it turned out, that was the first in a long list of things I learned throughout the walk, and about loads of subjects: sea eagles, the Vikings, moose and reindeers, the deep-water coral reef, and Doggerland.

As we walked down to the shore, one of the guides told us we’d be visiting three beaches. While she said the third on the list was called Ausvika, she didn’t mention the names of the first two (or maybe I failed to catch them). So right then and there I thought I could title my post about beaches ‘Where The Beach Has No Name’. Then I kind of managed to call all three by name, so I came up with a new title.

It took me a while to identify the first. In fact, I thought I’d have to give up. Then I did some extra Google-mapping and Google-Earthing, and my educated guess is that it was Løpsvika. But I am not absolutely sure, so I will call it Løpsvika from now on, but if I got it wrong and you know it, heads-up are more than welcome. As for the second beach, I believe it was Gravenbukta: it was very close to the first, and it was equally stunning. The third and most popular among the three was indeed officially introduced as Ausvika.

Okay, before Bodø I had never been to the Arctic in winter. I had always wanted to, but never got round to. Standing on that beach that afternoon is one of those memories that got instantly and forever engraved in my mind even before they could become memories at all effects. Blame it on the silvery light, the light blue-greyish water, snowy Landegode Island in the distance, and the seal unexpectedly peeking its round black head out of the water. Everything was perfect and mesmerising.

Our guide pointed out the shells and, especially, the corals scattered all over the beach. As she explained, the corals come from the deep-water coral reef located off Norwegian mainland at a depth of up to 400 metres below sea level. They looked funny, all whitish and vaguely shaped like brains of different sizes. They came from afar.

Spot the seal!

I called the second beach Gravenbukta, because when, shortly after the trip, I looked up Bodø beach names on the Internet, I came across a photo gallery where one of snapshots was amazingly identical to a photo I took during the walk. The beach in the photo from the website was Gravenbukta, so there was little doubt that the one I had photographed might not be the same.

During the ten minutes’ walk from the first to the second beach the sun peeked out without warning, and the landscape changed suddenly. It must have been shortly before 2 o’clock, and a timid tinge of orange in the sky already suggested that sunset was on its way.

If you go to Ausvika it’s easy to guess why it’s thronged with people when the season allows it. The beach is nestled in a small bay whose shape from above looks like a perfect fan. The location is obviously super scenic, kind of similar to Gravenbukta, but more spacious and slightly more remote.

As we left the beach, the final stretch of the tour took us down a path in the grass, partially through the trees (i.e. the very few trees around). We walked past what used to be a burial ground from the age of the Vikings. The tombs had been subsequently looted at some point (hard to tell when), as suggested by the shape of the earth mound, where the Vikings had been buried with their – by now long gone – valuables.

Near Ausvika, we stopped on a hill, where the rocks overlooked the sea. That is when our guides produced two huge flasks from their bags, and generously poured boiling hot meadowsweet tea into paper cups aptly handed around to all of us. So we stood there, sipping tea with the sea and the mountains all around us, while the wind blew hard and the sun prepared to set. Just then a sea eagle thought it’d be nice to fly across the blue sky just over our heads. I goofily reached for my camera and, despite its crappy performance that day, I managed not only to take a photo, but to take one where the eagle does look like an actual bird, and not some random flying otter.

On the way back to the bus I had this amazing conversation with an elderly British lady, where in the span of ten minutes we managed to talk about British politics from the past two or three years, separatist movements in Europe, and dissertations. Wow. We found the bus waiting for us by the main road.

When we got back to the pier, everyone (but myself and the two guides) hurried back to the Hurtigruten, where they’d be off to Lofoten for the next few hours. As for myself, I went back to the city centre in search for a café where I could recollect the memory of the beauty I had just seen and, finally, make a list of all the things I’d just learned. /ˈɡɪlɪˌmɒt/ included.

Extra photos below…

 


Norvegia 2017 (3/6). Bodø: Un giorno di (inaspettato) sole

Il mio giorno 1 a Bodø è iniziato intorno alle 8 del mattino con una tempesta di ghiaccio proprio vicino alla costa e la mia persona lì in piedi proprio in mezzo alla bufera.

Quando sono uscita dall’ostello (comodamente situato nell’edificio della stazione – è l’Hostelling International, super consigliato se cercate una sistemazione a prezzo decoroso a Bodø), ovviamente non pioveva. Così sono andata verso il molo proprio dietro l’angolo, accanto al molo dell’Hurtigruten. All’improvviso tondini di ghiaccio bianchissimo hanno cominciato a piovere dal cielo come sparati a gran velocità da ogni direzione. Sembrava piovessero pastigliette di dolcifi-cante. Sono sprofondata nella sciarpa e sono rimasta in piedi immobile vicino a un gabbiotto che c’era lì, probabilmente la cosa più inutile che io abbia fatto quel giorno. 3… 2… 1… Bagnata fradicia.

Dieci minuti ed era finito: ha smesso di ‘nevicare’ ghiaccio, il cielo si è schiarito, ed ecco l’alba. Ho cautamente abbandonato il mio cantuccio (in)sicuro e sono tornata verso Sjøgata e il centro. C’era ancora poca luce e la città si stava ancora svegliando, ma l’aria era frizzante e il cielo si stava aprendo rapidamente. Quasi per caso mi sono imbattuta in due delle tante opere di street art che colorano Bodø e in un attimo mi sono trovata davanti all’Ufficio Turistico. Dieci minuti dopo ero prenotata per la ‘Passeggiata artica’ di tre ore organizzata da Stella Polaris sulle spiagge a nord di Bodø.

È stato facile ‘ingannare il tempo’ fino alle 12.30, quando era previsto il ritrovo con le guide e gli altri partecipanti vicino al molo dell’Hurtigruten (praticamente dietro il mio ostello). Ho fatto una passeggiata in centro, ho visitato la Domkirke (la cattedrale di Bodø) in Torvgata, sono passata accanto alla (bellissima) biblioteca e al (bellissimo) teatro e, finalmente, sono arrivata al porto.

Sono andata dritta fino in fondo al molo, dove c’è (anche) un faro colorato e dove, immagino, in e-state residenti e turisti passano ore e ore al sole. Lì quel mattino ero da sola e il silenzio assoluto era rotto solo dal rumore delle barche ancorate che ondeggiavano appena mosse dalle onde. Il cielo era rosa e faceva sembrare tutto vagamente rosa. È buffo che anche una parola come ‘incredibile’ a volte suoni banale.

Il lato del molo che affaccia sul mare aperto è scandito da sette rocce di granito, che sarebbero abbastanza anonime e informi se non fosse per i fori perfettamente tondi scavati all’interno tipo groviera. Le rocce formano l’installazione Utten Titel (Senza titolo) del noto artista contemporaneo Tony Cragg. L’opera è stata inaugurata nel 1993 e simboleggia lo stretto legame che unisce natura e cultura, ma anche mare e terra. L’installazione è perfettamente in armonia con il paesaggio.

 

Sono rimasta al porto più a lungo che ho potuto, finché non si sono fatte le 12.20 e mi sono dovuta precipitare al molo, perché non volevo far tardi. Il bus era là e così anche le due guide, mentre gli altri partecipanti (15-18 persone in tutto) stavano scendendo dall’Hurtigruten proprio in quel momento. Ci sarebbero risaliti subito dopo il giro, diretti alle Lofoten.

È bastato un brevissimo viaggio in bus perché intorno a noi ci fossero solo natura e giusto qualche casetta vicino all’acqua.

Ora, di solito non amo particolarmente visite e tour di gruppo, soprattutto quando viaggio. Devo dire, però, che è stato super bello e il gruppo includeva un sacco di persone interessanti. Tipo, c’era un fotografo professionista con la macchina fotografica più gigante che io abbia mai visto. Quando (attenzione: spoiler) un’aquila di mare ci è volata sopra la testa deve averle fatto un sacco di foto pazzesche.

Un’altra tizia sapeva il fatto suo in fatto di volatili e ha fatto una gran chiacchierata con una delle guide. In quella io ero proprio lì vicino a loro due, per cui ho ascoltato e mi sono fatta note mentali di cose ‘da sapere’ che non sapevo e che sentivo nominare durante la conversazione. Fra queste c’era anche l’uccello chiamato guillemot, che capita di avvistare nei cieli sopra Bodø. Non avevo mai sentito questo nome, tanto che mi ci è voluto un po’ per capire come si scrivesse e, quindi, Googlarlo come si deve (che dilettante che sono! E comunque si pronuncia /ˈɡɪlɪˌmɒt/). Quella si è poi rivelata essere una fra le tante cose che ho imparato durante il giro, e sugli argomenti più vari: aquile di mare, Vichinghi, alci e renne, la barriera corallina d’acqua fredda e Doggerland.

Mentre scendevamo verso la riva, una delle guide ci ha detto che avremmo visitato tre spiagge. La prima delle tre si chiamava , mentre delle prime due non ci ha detto il nome (o forse non l’ho sentito io). Lì sul momento ho pensato che avrei potuto chiamare il post sulle spiagge ‘Là dove le spiagge sono senza nome’. Poi sono circa riuscita a trovare i nomi di tutte, così ho dovuto pensare a un altro titolo.

Ci ho messo un attimo a identificare la prima, tanto che pensavo ci avrei rinunciato. Poi ho cercato ancora un po’ su Google Maps e Google Earth e ho concluso che potesse essere Løpsvika. Ma non ne sono sicura al 100%, per cui la chiamerò Løpsvika d’ora in poi, ma eventuali dritte ulteriori sono più che benvenute. La seconda credo si chiami Gravenbukta: era molto vicina alla prima e ugualmente meravigliosa. La terza e più nota fra tutte ci è stata ufficialmente presentata come Ausvika.

 

Okay, prima di andare a Bodø non ero mai stata nell’Artico in inverno. Ci volevo andare da una vita, ma non ci ero mai riuscita. Esser lì su quella spiaggia quel pomeriggio è una di quelle cose che sono diventate in un attimo ricordo indelebile e perenne, ancora prima che diventassero effettivamente ricordi. Saranno stati la luce color argento, l’acqua grigio-blu, l’isola di Landegode inne-vata al largo della costa e la foca che dal nulla è spuntata fuori dall’acqua con la sua testa tonda e nera. Tutto era perfetto e incredibile.

La guida ci ha fatto notare che la spiaggia era piena di conchiglie e, soprattutto, coralli. Ci ha spiegato che i coralli vengono dalla barriera corallina d’acqua fredda che si trova al largo della terraferma fino a 400 metri di profondità. Erano quasi buffi, tutti bianchi e dalla forma vagamente simile a un cervello. E venivano da lontano.

Ho chiamato la seconda spiaggia Gravenbukta perché quando, poco dopo il giro, ho cercato i nomi delle spiagge di su Internet, mi sono imbattuta in sito in cui c’era una foto incredibilmente identica a una che avevo fatto io. La spiaggia nella foto del sito era identificata come Gravenbukta, per cui c’erano pochi dubbi che quella della mia foto non fosse la stessa.

Nei dieci minuti che abbiamo impiegato per andare dalla prima alla seconda spiaggia in un attimo è uscito il sole e il paesaggio è cambiato all’improvviso. Dovevano essere quasi le due e una vaga sfumatura arancione nel cielo sembrava già far pensare al tramonto.

A vedere Ausvika, non è difficile immaginare perché si riempia di gente quando la stagione lo permette. La spiaggia si apre in una piccola baia che dall’alto ha la forma di un ventaglio perfetto. Il panorama è ovviamente meraviglioso, simile a Gravenbukta, ma più ampia e un pochino più remota.

Lasciata la spiaggia, abbiamo preso un sentiero in mezzo all’erba, in parte fra gli alberi (leggi: i pochi alberi nei dintorni). Abbiamo superato quello che un tempo era un sito funebre dell’era dei Vichinghi. Le tombe erano state poi saccheggiate in un secondo momento (difficile dire quando di preciso), come suggerito dall’andamento del terreno, in cui i Vichinghi erano stati seppelliti con i loro beni di valore – da tempo scomparsi.

Vicino ad Ausvika ci siamo fermati su una collina, in un punto in cui le rocce erano a strapiombo sul mare. Lì le guide hanno tirato fuori dagli zaini due thermos giganti, hanno distribuito bicchieri di carta e versato generosi bicchieri di tè bollente fatto con un’erba che si chiama olmaria. Siamo rimasti lì a bere tè circondati dal mare e dalle montagne, mentre soffiava il vento e il sole si accingeva a tramontare. Proprio in quel momento un’aquila di mare ha pensato bene di attraversare il cielo blu proprio sopra le nostre teste. Ho afferrato goffamente la macchina fotografica e, nonostante la sua precaria funzionalità quel giorno, sono riuscita a fare non solo una foto, ma una foto in cui l’aquila sembra effettivamente un uccello e non una lontra volante.

Di ritorno verso il bus ho avuto questa conversazione improvvisata con una signora inglese con cui in dieci minuti si è parlato della politica inglese degli ultimi anni, di movimenti separatisti in Europa e di tesi di laurea. Wow. Il bus ci aspettava sul ciglio della strada.

Quando siamo giunti al molo, tutti (tranne me e le guide) si sono affrettati a tornare a bordo dell’Hurtigruten, diretti alle Lofoten. Io sono tornata in centro e ho trovato un bar in cui poter ripensare alla bellezza del pomeriggio e, finalmente, fare l’elenco di tutte le cose appena imparate. /ˈɡɪlɪˌmɒt/ incluso.

Le altre foto sono nella galleria in alto

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

two × 3 =

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.