Norway 2017 (2/6). Street Art looks good on you, Bodø

[Italian version below]

If there’s one thing you can’t help noticing is that street art is a thing in Bodø. You might fail to notice some graffiti once or twice, only because it happens to be on the wall behind you as you walk down the street. At some point, though, you will necessarily be confronted with its beauties, so you’d better be ready for it. In fact, why not set yourself the goal to (also) devote a couple of hours of your time to a mini tour of the key street art works around the city? Keep an eye out and, fear not, you won’t miss them!

You might wonder why there are so many street art works in a relatively small city. Well, in 2016 Bodø was home to the UpNorth Festival, an urban art festival that first took place in Sulitjelma (in 2015), and drew so much attention and interest that the experiment was replicated, also succesfully, in Bodø.

Alte Østrem

Now, there are six main pieces you don’t want to miss out on. They’re all equally monumental and stunningly beautiful. There’s no specific order to follow to track them down. As long as you know where to find them, you can easily zig zag your way around as you wish.

Btw here you can find additional information on the authors and their art styles. I made good use of the tips on offer there, especially when it came to the exact location of each work. So let’s go have a look.

 

Phlegm

I started from the street called Sjøgata, one of the two ‘high streets’ in Bodø (and also the street of my hostel). Walk down Sjøgata from the train station, and keep to the left-hand side of the street. When you reach number 18, stop and turn around. You’re likely to see it just there. What? Well, it’s not that easy to explain.

The work is called Phlegm and the author is a British artist by the same name. His works are almost exclusively monochrome and look like they’re out of a storybook.

Phlegm

Phlegm is named after one of the four temperaments in ancient Greek medicine (blood, yellow bile, black bile and phlegm), and is no exception. Entirely painted in black and white, it’s a gigantic half-human half-animal creature whose potentially scary effect owes more to its size than to its looks.

Its face is all wrinkly and its protruding nose is vaguely similar to a beak, while its hands made me think of a sloth – which also goes well with the title, synonym with apathy. All in all, it is stunning, and the technique used makes it look like a large-scale pencil drawing. Take a closer look and see for yourself.

 

Golden Eagle

Ready for the next? Okay, if you are, it’s very easy to find. Keep walking down Sjøgata, and… Well, you really don’t need any further directions, because by the time you reach Tollbugata 13 (which runs parallel to Sjøgata), you will be already staring in awe at the Golden Eagle by Belgian artist Dzia.

Painted on the wall right next to the Tourist Office, it displays the graphic, kind of geometric style of its author. Its dynamic pose and penetrating gaze, though, are as powerful as they can get. I read that the artist ‘paints quickly and in situ to ensure that the original idea remains true to its form’. I can only imagine what he can do when he takes his time.

Golden Eagle

Golden Eagle

 

Malstrøm

The next stop is also not very far from Tollbugata. The easiest way to get there is by going back to Sjøgata and walking to the very end of the street. At that point turn left and, just when the streets starts going uphill and curving to the left, stop and look right. That’s Soløybuilding (address Moloveien 20 fyi), and there, on the wall, is Spanish artist David de la Mano’s Malstrøm.

If one had to give a very simplistic description of this work, that’d be ‘a vortex of stick men with root-like feet’, or something along those lines. In fact, the ‘crowd’ of black silhouettes that float all over the façade deserves more than that. The slender figures look like they’ve just been blown away by a strong current they couldn’t resist. Apparently, this kind of monochromatic image is also very typical of its author.

Also, Saltstraumen, the strongest current in the world is coincidentally just a few kilometres from this mural. If it is a coincidence. (And, coincidence within the coincidence, I went to see Saltstraumen the very day after I saw this piece. Ha!)

Malstrøm

 

A kiss between cultures

At Moloveien 20 you’re super close to stop number four. If you keep Malstrøm behind you, you just have to walk around the block of buildings in front of you. For example, cross over and take Dronningens gate (to the left of the building). The first street on your right will be Sandgata, and that’s where you have to turn (right, obviously). Reach number 6 and…

Yes, you’ll be standing in one of the most nondescript spots in the whole of Bodø. But that also happens to be the location of A kiss between cultures by Animalito (aka Graciela Gonçalves Da Silva), self-taught illustrator and graphic designer from Argentina.

Her mural has much in common with cartoons and videogames, and portrays the most spontaneous human gesture of love. The scene, though, exudes such a genuine sweetness that it will be hard to suppress a smile as you look at it. (Your faith in humanity will also potentially be restored, though only briefly.)

And, yes, the car park where the graffiti was painted is indeed as ordinary as a car park can get, yet the colours of the mural are too bright for one to fail to notice it.

A Kiss Between Cultures

 

Insomnia

We’re nearing the end of this walking tour around street art works in Bodø, and the next is not the easiest to spot – at least, it took me a while to realise how and where exactly to find it. The address is technically Storgata 30, but I believe it’s easier to get there another way.

From Sandgata 6 just go back the way you came, turn right into Dronningens gate, and keep going straight. Turn left into Havnegata (the third street come across), and then keep keep an eye on your left. That’s the tricky bit, because you have to enter the small car park that’s right there (this spot is called Tjærandsengården). The mural is on one of the walls overlooking the car park, and you can’t see it from the street.

Insomnia

Insomnia, by Italian artist Millo (born Francesco Camillo Giorgino), is a large-scale scene of ordinary, everyday life. I read that in his works Millo uses mostly black and white with touches of bright colours here and there. The window is also a recurring element.

One of my favourite things is how he manages to paint such a huge mural, yet make it look like he has jotted it down on a post-it without even having that much time to ‘do it properly’. Obviously, it’s perfect as it is.

 

After School

Okay, I’ve saved the best for last. Or, to be fair, my favourite for last. In fact, this is easily one of my favourite things ever, whether we’re talking about street art of figurative stuff in general. This one I just love.

After School, by Russian artist Rustam QBic, is a bit further away from all the other artworks we’ve talked about so far. Go back to Havnegata and walk up the street till you get to Kongens gate, where you have to turn left and just keep going for about five minutes or so. You will know when you get there (the address is Kongens gate 20), because it just doesn’t go unobserved. I mean, it’s a little girl painting the northern lights with a spray can, how can you not see it?

After School

When I got off the bus from the airport to the city centre, I picked the wrong stop, so I found myself standing in a random street in the dark (8 o’clock on a November night, what do you expect). I had no clue where my hostel was, so I just walked down the street without knowing whether it was the right direction.

Only a few steps on, I found myself in front of this mural, which appeared out of nowhere in the semi-darkness. This was the first ‘something familiar’ I saw in the city. I’d seen photos of this graffiti before I went to Bodø, and so when I came across the real thing I couldn’t help thinking: ‘I really am in Bodø’. (I did go back the next day to see it in the daylight, though!)

After School

It really is as the photos suggest: beautiful and superb technique wise. I won’t even go as far as describing the subject in detail, so poetic it is without adding unnecessary extra words to it. I’d just like to thank Rustam QBic for painting it. The UpNorth page highlights the artist’s ability to juxtapose ‘the familiar with the unexpected’. With After School this description couldn’t be any truer.

 

And a lot more

There is a lot more to street art in Bodø than the six murals I have described. For one thing, there must be more of the large-scale kind, which I missed out on due to lack of time to explore the city and the simple fact that I didn’t come across them and didn’t know their exact location. (So if you do spot them, feel free to share the discovery!)

The only large graffiti I came across (while looking for Millo’s work) is one that portrays two young boys wearing hoodies in what resembles a scene of bullying or mocking a third younger, unidentified boy.

I honestly and genuinely don’t know whether I’d be able to find it again. It’s somewhere between Torvgata and Havnegata and, again, it’s in a car park. If you spot a black-haired lady wearing lipstick (see photo below), you’re in the right place, as the two pieces were painted on adjacent buildings.

Apart from the larger pieces, there are loads of smaller, more casual-not-casual works you will undoubtedly spot here and there around the centre. Those I came across include:

– The abstract graffiti by Alte Østrem just outside Torghallen, near Glashuset (see photo at the top);

– The ‘Banksy-like’ figure sharing wisdom on Sjøgata (on the same side as Peppes Pizza, right next to a staircase – to some, myself included, the upper half might look like a monkey);

– A couple of black-and-white ‘posers’ right next to Phlegm;

– An ‘apology’ on a wall that was supposed to be white, but is not because that’s where the apology was written (this one is in the same car park as A Kiss Between Cultures);

– A random bikini with no-body wearing it (see photo above);

– A ‘logo’ of the city, which includes the outline of a sea eagle. Why? Because Bodø is a city of sea eagles! But that’s another story, so it deserves a post of its own. Maybe the next.

* I do apologise for the arguable quality of a number of photos included in this post. My camera gave me some trouble with focalisation, which at times resulted in not-too-sharp snapshots or light that was, well, not the best, to say the least.

 


Norvegia 2017 (2/6). La street art ti dona, Bodø

Se c’è una cosa che è impossibile non notare è che la street art è una cosa seria a Bodø. Ci sta che magari uno non noti uno o due graffiti, giusto perché magari l’opera si trova sul muro alle sue spalle mentre uno cammina. Prima o poi, però, ve la ritroverete davanti in tutta la sua bellezza, sappiatelo. Anzi, perché non decidere di dedicare un paio d’ore del vostro tempo proprio a un mini tour attraverso le principali opere di street art che arricchiscono la città? Fateci caso e, statene certi, queste non passeranno inosservate!

Vi starete anche chiedendo perché c’è così tanta street art in una città relativamente piccola. Dunque, nel 2016 Bodø ha ospitato l’UpNorth Festival, festival di arte urbana la cui prima edi-zione, svoltasi a/in Sulitjelma (nel 2015), ha destato tanta attenzione e tanto interesse che l’esperimento è stato replicato, con altrettanto successo, a Bodø.

Ora, ci sono cinque opere che sicuramente non volete perdervi. Sono tanto monumentali quanto meravigliose. Non occorre seguire un ordine specifico per andare a vederle. Vi basterà sapere dove trovare ciascuna e potrete tranquillamente girare a zonzo per la città come vi torna più comodo.

A proposito, qui trovate ulteriori informazioni sugli artisti coinvolti nel progetto e i loro stili di riferimento. Le dritte che ci sono sul sito hanno fatto molto comodo anche a me, soprattutto per individuare la collocazione esatta di ogni lavoro. Andiamo a dare un’occhiata.

 

Phlegm (Flemma)

Sono partita dalla via che si chiama Sjøgata, che è anche una delle due strade principali di Bodø (nonché la via in cui si trovava il mio ostello). Partendo dalla stazione ferroviaria, proseguite lungo Sjøgata e state sul lato sinistro della strada. Quando arrivate al civico 18, fermatevi e voltatevi. Ve lo troverete proprio lì davanti. Cosa? Okay, non è tanto facile spiegarlo.

L’opera in sé si chiama Phlegm (Flemma) e l’autore è l’omonimo artista britannico. I suoi lavori sono principalmente monocromi e sembrano usciti da un libro di storie. Il titolo Phlegm si riferisce a uno dei quattro temperamenti della medicina dell’antica Grecia (sangue, bile gialla, bile nera e, appunto, flemma) e non fa eccezione. Interamente realizzato in bianco e nero, raffigura una gigantesca creatura a metà fra l’umano e l’animale, il cui potenziale spaventoso si deve più alla dimensione che all’aspetto in senso stretto.

La faccia è tutta rugosa, con il naso aquilino quasi simile a un becco. Le mani mi fanno pensare a un bradipo – che ci sta anche bene col titolo, visto che ‘flemma’ fa rima con apatia. Nel complesso, è un graffito pazzesco e la tecnica usata lo fa sembrare un disegno a matita su scala monumentale. Avvicinarsi per credere.

 

Golden Eagle (Aquila Dorata)

Pronti per la prossima tappa? Okay, in quel caso trovarla è facilissimo. Proseguite lungo Sjøgata e… Non avete bisogno di fare tanta strada. Vi basterà arrivare a Tollbugata 13 (parallela a Sjøgata) e vi troverete davanti la Golden Eagle (Aquila Dorata) dell’artista belga Dzia.

Realizzata sulla parete esterna proprio accanto all’Ufficio Turistico, deve molto a uno stile grafico, quasi geometrico. La sua posa dinamica e il suo sguardo penetrante, però, sono potentissimi. Ho letto che l’artista ‘ha un tratto veloce e lavora in situ per far sì che l’originale non tradisca la propria forma’. Non oso immaginare cosa sappia fare quando lavora con calma.

 

Malstrøm (Vortice)

La prossima tappa non è lontana da Tollbugata. Il modo migliore per arrivarci è tornare in Sjøgata e arrivare in fondo alla strada. Lì girate a sinistra e, proprio quando la strada comincia a salire e curvare verso sinistra, fermatevi e guardate a destra. Il palazzo si chiama Soløybuilding (l’indirizzo esatto è Moloveien 20) e quella lì sul muro è l’opera Malstrøm, dell’artista spagnolo David de la Mano.

Dovendone dare una descrizione super sommaria, uno potrebbe definirla ‘un vortice di omini stilizzati con i piedi simili a radici’, o qualcosa del genere. In realtà, la ‘folla’ di sagome nere che fluttua sulla facciata merita di più. Sembra che le sottili figure siano state colpite da una forte corrente alla quale non sono riusciti a resistere. Pare che questo tipo di immagini monocromatiche siano molto tipiche del loro autore.

Fra l’altro, Saltstraumen, la corrente più forte del mondo, si trova proprio a pochi chilometri dal graffito. Che coincidenza – se è una coincidenza. (E, coincidenza nella coincidenza, sono andata a vedere Saltstraumen proprio il giorno dopo aver visto questo affresco. Ha!)

 

A kiss between cultures (Un bacio fra culture)

A Moloveien 20 siete già super vicini alla tappa numero quattro del percorso. Se tenete Malstrøm dietro di voi, dovete solo girare intorno al blocco di edifici di fronte a voi. Per esempio, attraversate la strada e prendete Dronningens gate (sulla sinistra dell’edificio). La prima via che avrete sulla destra sarà Sandgata, che è proprio quella in cui dovete girare (a destra, appunto). Arrivate al numero 6 e…

Sì, vi troverete in uno degli angoli meno caratterizzati di tutta Bodø. È lì, però, che si trova A kiss between cultures (Un bacio fra culture) di Animalito (all’anagrafe Graciela Gonçalves Da Silva), illustratrice e graphic designer argentina autodidatta.

Il suo murales ha molto in comune con cartoni e videogiochi e rappresenta il gesto d’amore umano più spontaneo che c’è. D’altra parte, la scena emana una dolcezza così genuina che vi sarà difficile trattenere un sorriso mentre lo guardate. (Ritroverete potenzialmente anche una certa fiducia nell’umanità, seppur per poco.)

E, sì, il parcheggio in cui si trova l’opera è effettivamente anonimo come tutti i parcheggi. Eppure i colori dell’opera sono così sgargianti che, quelli no, non passeranno inosservati.

 

Insomnia (Insonnia)

Siamo quasi alla fine della passeggiata attraverso la street art di Bodø. il prossimo lavoro non è così facile da trovare – o meglio, a me ci è voluto un po’ per capire dove e come trovarlo. Tecnicamente si trova in Storgata 30, ma secondo me ci si arriva meglio facendo un’altra strada.

Da Sandgata 6 tornate da dove siete venuti, svoltate a destra in Dronningens gate e proseguite dritto. Girate a sinistra in Havnegata (la terza che incrociate) e poi tenete d’occhio il lato sinistro della strada. Questa è la parte che frega, perché dovete entrare nel parcheggino che c’è lì (che si chiama Tjærandsengården). Il murales si trova su uno dei muri affacciati sul parcheggio e non si vede dalla strada.

Insomnia (Insonnia), dell’italiano Millo (vero nome Francesco Camillo Giorgino), è una scena di vita quotidiana su scala monumentale. Ho letto che nei suoi lavori Millo usa soprattutto bianco e nero, a cui alterna tocchi di colori sgargianti. La finestra è un altro motivo che ricorre spesso.

Una delle mie cose preferite è il modo in cui è riuscito a dipingere un murales gigantesco come se l’avesse abbozzato appena su un post-it e senza neanche avere tanto tempo per farlo bene. Invece, ovviamente, è perfetto così com’è.

 

After School (Dopo la scuola)

Okay, ho tenuto il meglio per ultimo. O, a dirla tutta, ho tenuto per ultimo il mio preferito. Questo, anzi, è uno dei miei lavori preferiti di sempre, che si parli di street art o di arte figurativa in genere. Questo lo adoro.

After School (Dopo la scuola), del russo Rustam QBic, è un po’ decentrato rispetto alle altre cose descritte finora. Tornate in Havnegata e proseguite lungo la strada (in salita) fino a che non incrociate Kongens gate. Lì girate a sinistra e proseguite per circa cinque minuti o poco più. Sa-prete quando sarete arrivati (l’indirizzo esatto è Kongens gate 20), perché il murales non passa i-nosservato. Voglio dire, è una ragazzina che disegna l’aurora boreale con una bomboletta spray, come si fa a non notare?

Quando sono scesa dal bus che dall’aeroporto mi ha portato in centro, ho sbagliato fermata e mi sono trovata in una strada a caso al buio (otto di sera a metà novembre, cosa ti aspetti). Non avevo idea di dove fosse il mio ostello, così ho cominciato a camminare a caso, non sapendo se avessi preso la direzione giusta.

Pochi passi e mi sono trovata davanti quest’opera, apparsa dal nulla nella penombra. Questa è stata la prima cosa ‘familiare’ che ho visto in città. L’avevo visto in foto prima di partire per Bodø’, per cui, quando me lo sono visto davanti per davvero, ho pensato: ‘Sono davvero a Bodø’. (Poi però ci sono tornata il giorno dopo a vederlo con la luce!)

È veramente come le foto suggeriscono: bellissimo e tecnicamente pazzesco. Non sto neanche a descrivere il soggetto più in dettaglio: è talmente poetico così com’è, anche senza metterci altre parole. Però grazie, Rustam QBic, grazie per averlo dipinto. La pagina dell’UpNorth sottolinea la capacità dell’artista di accostare ‘il familiare con l’inaspettato’. Per After School non potrebbe esserci descrizione più azzeccata.

 

E molto altro

Di street art a Bodø c’è ben più dei sei murales che ho citato io. Intanto, ci sono sicuramente altri lavori monumentali, che io non ho visto per mancanza di tempo e perché, banalmente, non ne conoscevo la collocazione precisa. (Anzi, se vi ci imbattete, segnalateli anche a me!)

L’unica altra opera di grandi dimensioni in cui mi sono imbattuta (mentre cercavo quella di Millo) è quella che rappresenta ragazzini con felpe e cappucci che sembrano fare i bulli o sparlare di un terzo ragazzino più piccolo non identificato.

In tutta sincerità, non so se sarei capace di ritrovarla. È da qualche parte fra Torvgata e Havnegata e anche questa è in un parcheggio. Se vedete una ragazza con i capelli neri e il rossetto (quella nella foto qui sotto), siete nel posto giusto: i due lavori sono dipinti su edifici adiacenti.

A parte i pezzi più grandi, qua e là in giro per il centro ci sono anche un sacco di lavori di street art più piccoli e (non) casuali. Almeno alcuni li noterete senz’altro. Quelli che ho visto io sono:

– il murale astratto realizzato da Alte Østrem proprio fuori da Torghallen, di fronte al Glashuset (vedi foto in cima);

– la figura in stile Banksy che dispensa perle di saggezza in Sjøgata (sullo stesso lato di Peppes Pizza, proprio vicino a una scalinata – ad alcuni, tipo me, la parte superiore potrebbe ricordare una scimmia);

– un paio di figuri in bianco e nero in posa proprio accanto a Phlegm;

– le ‘scuse’ trascritte su un muro che doveva essere bianco, ma non lo è perché è lì che hanno scritto la nota di scuse (questo è nello stesso parcheggio di A Kiss Between Cultures);

– un bikini ‘sospeso’ nel vuoto e non indossato da nessuno;

– Un ‘logo’ della città, che include la sagoma di un’aquila di mare. Perché? Ma perché Bodø è città di aquile di mare! Ma questa è un’altra storia e merita un post a parte. Il prossimo, magari.

 

* Mi scuso sinceramente per la qualità discutibile di alcune delle foto incluse in questo post. La mia macchina fotografica mi ha dato qualche problema di messa a fuoco, per cui alcuni scatti non sono particolarmente nitidi, mentre in altri la luce non è decisamente delle migliori.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

5 × two =