Faves. Food #1. A Taste of Czech cuisine in Brno

[Italian version below]

If there’s one thing that makes Brno known internationally, it’s its bars. Even the New York Times has come to realise that, and repeatedly praised in dedicated articles the Moravian capital’s bar and pub scene. In fact, when it comes to nightlife and drinks, the offer in the Czech Republic’s ‘second city’ really is every bit as good as that you might find in Prague.

Brno, though, has a lot to offer also foodwise, and not only on the subject of exotic cuisines, such as Indian and Vietnamese (which still deserve a post of their own). Traditional cuisine is extremely rich and diverse, and it’s worth trying local specialties. I have recently been to two places I can definitely recommend if you wish to try typically Czech ‘stuff’: Skanzeen and Pegas. Okay, let’s go!

 

1. Skanzeen

Let’s start from Skanzeen, because it doesn’t get more typical than that. Opened in 2002 in Pekařská Street, it wisely combines unique interiors and great food. Entering the place is a bit like stepping into a rural Czechoslovak house from the old days, a bit like our (great-)grandparents probably also had. Its interiors are all dark wood boards and white walls, while the dim lights make it look like candles and oil lanterns are strategically placed everywhere in the rooms. Here you will notice old pieces of furniture (e.g. cupboards, wardrobes and even a sleigh!), hand-decorated tableware on the shelves and bunches of cobs hanging from the ceiling in the room at the end of the corridor.

Weather and season permitting, you can also eat in the open-air room, ‘zahrádka’ (garden) by name, but in fact more similar to a veranda. The fake fireplace on the wall ensures a rustic atmosphere outside as well.

Skanzeen

The menu includes plenty of traditional Czech and Slovak options. We ordered what is universally acknowledged as the most typical Czech and Slovak dish, i.e. halušky, flake-shaped gnocchi made with flour and potatoes that look kind of similar to Tyrolean spätzle. Make sure you don’t confuse the Czech and the Slovak version of the dish (or, if you are confused about which is which, don’t let it show if you’re hanging out with locals! I have at least two Czech friends that would cringe at the sheer thought).

If you wish to try the Slovak version, order a portion of bryndzové halušky, where ‘bryndzové’ comes from bryndza, the sheep cheese used, alongside crispy bacon, to dress the halušky. If you choose to ‘go Czech’, ask for strapačky The gnocchi type is the same, but in the Czech version they’re dressed with bacon and cabbage. No bryndza here, do bear that in mind.

A kind of ‘intermediate’ version is also available, i.e. ‘beskydské halušky’. They have everything: bryndza, bacon and cabbage. If you’re tempted to try them, but not too sure, go for Slovak halušky. As part of the dish, you will also get a small bowl of cabbage, so you will be able to try them both bryndzové and beskydské.

The choice between bryndzové halušky and strapačky is objectively a tough one. I personally love bryndza, though, so at least this time I gave in to the Slovak variation of the dish.

Skanzeen. Bryndzové halušky

With second courses you’re equally spoilt for choice. If you’re into meat, you can opt for local specialties, or pick from the selection of Austrian and Hungarian traditional recipes on the menu. If you’re looking for The Czech Second Course by definition, go for svičková na smetaně (whose full name on the menu is svičková na smetaně, domácí žemlový knedlík, brusinkový terčík). It’s beef meat (svičková, that is) served on the sauce by the same name. Alternatively, you can have the equally typical fried cheese with buttered potatoes and homemade Tatar sauce (smažený sýr, vařené brambory s máslem a pažitkou, domácí tatarská omáčka). In one word: yummy.

Skanzeen. Smažený sýr (Fried cheese)

Should you for some reason not be full (hard to believe, but you never know), yes, you can have dessert. The menu includes two versions of sweet dumplings called knedlíky. A portion of knedlíky is potentially a meal in itself. We chose those filled with strawberry jam, plus breadcrumbs, butter and coating sugar (tvarohové knedlíky plněné jahodami sypané strouhankou, cukrem a přelité máslem, as the Czechs would have it).

Long story short, be ready for large portions and strong flavours. When you leave Skanzeen, you will be more than replete!

Skanzeen. Knedlíky (Sweet dumplings)

Skanzeen
Pekařská 246/80 – 
60200 Brno
Tel. +420 543244962
http://www.skanzeen.cz
reservace.pekarska@gmail.com
Hours: Mon-Fri 10.30-22 / Sat 11-22 / Sun closed

 

2. Pegas

The second stop of this mini tour tour around Czech traditions and food is a super cool restaurant and pub, which I particularly like. If you’re in Brno for lunch or dinner, I’d say: make a mental note. Off we go to Pegas!

If you’re coming from Moravské náměstí, take Rašínova Street and then take the first on your right, Solniční. Walk a few steps, and you will see Pegas on the left-hand side of the street.

Now, forget all about the quiet, relaxed vibe of Skanzeen. Pegas is the kind of place where you have to speak loudly if you want to have a conversation! The rooms are large and a little disorienting (especially if your table is in one of the tiny side rooms), but the atmosphere is so pleasant and warm that after the first time you will want to go back a second and a third, of that I’m sure.

Even if you’re only in the mood for beers, Pegas is the right place for you: it’s also a brewery (as well as a hotel), and brews a few types of beer worth tasting.

Pegas

If you’re indeed hungry, brace yourself. Leafing through the menu and making up your mind might require some time (at least) the first time, and not because the menu is hard to read (it’s in Czech and English), but because the offer is huge. Again, meat plays a key role, and the highlights include:

– svičková na smetaně (yes, same as that from Skanzeen);

– duck breast cooked in wine with red cabbage and two types of knedlík (kachní prsa na vině, filovaná, červené zelí, houskový a karlovarský knedlík);

– beef tartare with egg (tatarák z práve svíčkové);

– pork shank (obviously served on a chopping board) with traditional sauces and pickled peppers (zapečené uzené koleno).

On the table you’ll likely find a ‘simpler’ version of the menu, with a selection of dishes and their pictures. It looks like the ‘menu version’ of the ‘for dummies’ book series, but in fact it’s super handy.

Pegas. Duck breast

And there’s even a (modest) section for vegetarians, plus, needless to say, the by now well known fried cheese we mentioned about Skanzeen. At Pegas I usually order the broccoli and niva pie (gratinovaná brokolice s nivou), where niva is a super-tasty cheese similar to roquefort but made from cow milk. I also invariably order a portion of potatoes: either roasted rustic potatoes (americké brambory) or bramboračky, super tiny fried potato pancakes, also traditional, also yummy.

Pegas. Bramboračky

Pegas
Jakubská 4

60200 Brno
Tel. +420 542210104
http://brnorestauracepivnice.hotelpegas.cz
hotelpegas@hotelpegas.cz
Hours: Mon-Thu 10-24 / Fri 10-1 / Sat 10-24 / Sun 11-23

 

I’m just going to leave here a final ‘reminder’ that potentially applies to both the places we’ve talked about (and not only those). Don’t let the dish names make it hard for you, long and hardly pronounceable as they might look and sound. If you keep the translation at hand, you’ll just have to point your finger at the dish(es) you wish to order from the menu, and… Enjoy! Or better, ‘Dobrou chut‘’!

 


 

Faves. Food #1. Un assaggio di tradizione ceca a Brno

 

Se c’è una cosa che rende Brno nota a livello internazionale sono i suoi locali. Perfino il New York Times se n’è accorto, al punto da elogiare più di una volta l’offerta di bar e pub della città morava. Anzi, quando si parla di vita notturna e buon bere, la ‘seconda città’ della Repubblica Ceca non ha proprio nulla da invidiare neppure alla capitale Praga.

Ma Brno la sa lunga anche in fatto di ristoranti, e non solo quando si tratta di cucine esotiche, quali quella indiana e quella vietnamita (che pure meritano un post dedicato). La cucina tradi-zionale è assai ricca e variegata e vale decisamente la pena assaggiare le specialità locali. Di recente sono stata in due locali che consiglierei decisamente a chiunque volesse provare ‘cose’ tipicamente ceche: Skanzeen e Pegas. Pronti, via!

 

1. Skanzeen

Partiamo da Skanzeen, ristorante tipico che più tipico non si può. Aperto nel 2002 in via Pekařská, Skanzeen fonde abilmente spazi suggestivi e cucina di qualità. Entrare nel locale è un po’ come entrare in una casa cecoslovacca di una volta, una casa rurale, simile a quelle in cui forse hanno vissuto anche i nostri (bis)nonni. I muri bianchi si alternano alle travi in legno scurissimo, mentre, grazie alle luci soffuse, si ha l’impressione che candele e lampade a olio siano distribuite in punti strategici per tutto il locale. Non mancano mobili vecchi (quali credenze, armadi e perfino una slitta!), stoviglie decorate a mano sulle mensole e mazzi di pannocchie a ornare la sala in fondo al corridoio.

Se la stagione lo permette, potete scegliere di mangiare nella sala all’aperto, ‘zahrádka’ (giardino) di nome, ma di fatto più simile a una veranda, con tanto di finto focolare sulla parete per mantenere l’atmosfera rustica del locale.

Nel menu la cucina tradizionale ceca e slovacca fa da padrona. Noi abbiamo ordinato quello che è a buon diritto riconosciuto come piatto tipico per eccellenza della cucina ceca e slovacca, ovvero gli halušky, gnocchetti a base di patate e farina il cui aspetto ricorda un po’ gli spätzle del Ti-rolo. Ma attenzione a non confondere le varianti dei due paesi (o, se non avete le idee chiare, occhio a non farvi sentire da chi è del posto! Ho almeno due amiche ceche a cui farebbe un po’ male il cuore se lo sentissero).

Se volete assaggiare la versione slovacca, ordinate un piatto di bryndzové halušky, dove ‘bryndzové’ viene da bryndza, formaggio di pecora utilizzato, insieme alla pancetta croccante, per condire il piatto. Se preferite provare la variante ceca, chiedete un piatto di strapačky. Gli gnocchetti sono gli stessi, ma qui sono conditi con pancetta e crauti e, dettaglio fondamentale, senza bryndza. Tenetelo a mente.

Il menu comprende anche una ‘versione intermedia’ fra le due, ovvero i ‘beskydské halušky’, in cui trovate tutto: bryndza, pancetta e crauti. Se vi incuriosiscono ma non siete convinti, ordinate gli halušky slovacchi: insieme al piatto avrete una piccola ciotola di crauti a parte, così che potrete assaggiarli sia come bryndzové sia come beskydské.

Scegliere fra bryndzové halušky e strapačky è obiettivamente difficile. A me, personalmente, la bryndza piace un sacco, quindi, almeno per questa volta, ho ceduto alla variante slovacca del piatto.

Anche a proposito di secondi piatti, le opzioni non mancano. Se preferite ordinare della carne, avete a disposizione sia specialità locali sia piatti della tradizione austriaca e ungherese. Se volete provare Il Secondo Ceco per definizione, per, sul menu cercate la svičková na smetaně (nome completo del piatto: svičková na smetaně, domácí žemlový knedlík, brusinkový terčík). Si tratta di carne di manzo (svičková, appunto) servita sull’omonima salsa. Altrimenti, potete scegliere l’ugualmente tipico formaggio fritto con patate al burro e salsa tatara della casa (smažený sýr, vařené brambory s máslem a pažitkou, domácí tatarská omáčka). Una bontà.

Se non siete ancora sazi (difficile crederlo, ma non si sa mai), sappiate che c’è anche il dolce. Il menu include due tipi di ravioli dolci chiamati knedlíky. Una porzione di knedlíky vale potenzialmente da sola un pasto. Noi ci siamo fatti tentare da quelli ripieni di marmellata di fragole con pangrattato, burro e zucchero a velo (tvarohové knedlíky plněné jahodami sypané strouhankou, cukrem a přelité máslem, per dirla alla ceca).

Insomma, preparatevi a porzioni abbondanti e sapori forti. Quando uscirete da Skanzeen non direte di aver ancora fame!

 

2. Pegas

La seconda tappa di questo mini tour fra locali e tradizioni ceche con un ristorante/pub che amo particolarmente. Se siete a Brno, io mi segnerei il nome da qualche parte. Tutti al Pegas!

Se arrivate da Moravské náměstí, prendete via Rašínova e girate nella prima strada a destra, Solniční: ancora due passi e ve lo trovate sulla sinistra.

Scordatevi l’atmosfera rilassata e quasi silenziosa di Skanzeen. Il Pegas è il classico genere di posto in cui bisogna parlare forte per conversare con chi vi accompagna! Gli spazi sono molto grandi e forse a volte un pochino dispersivi (soprattutto se il vostro tavolo è in una delle salette la-terali), ma l’atmosfera vivace e conviviale è assai coinvolgente e non c’è dubbio che, dopo la prima volta, avrete voglia di tornarci un’altra e poi un’altra ancora.

Se anche avete solo voglia di bere una o due birre, siete comunque nel posto giusto: il Pegas è anche birrificio (oltre che hotel) e produce diversi tipi di birra che vale decisamente la pena provare.

Se invece avete fame, preparatevi, perché (almeno) la prima volta consultare il menu potrebbe risultare impegnativo, e non perché i nomi dei piatti non sono chiari (e indicati sia in ceco sia in inglese), ma perché l’offerta è vastissima. Anche qui la carne la fa da padrona. Piatti particolarmente apprezzati sono:

– la svičková na smetaně (esatto, la stessa di Skanzeen);

– il petto d’anatra cotto nel vino con cavolo rosso e due varianti di knedlík (kachní prsa na vině, filovaná, červené zelí, houskový a karlovarský knedlík);

– la tartare di manzo con uovo (tatarák z práve svíčkové);

– lo stinco di maiale (ovviamente servito sul tagliere) accompagnato da salse tipiche e peperoncini sottaceto (zapečené uzené koleno).

Sul tavolo c’è anche una versione più ‘elementare’ del menu con una selezione più ristretta di piatti corredati da immagini. Sembra un po’ la ‘puntata menu’ della serie ‘per negati’. In realtà è super efficace e rende un sacco l’idea.

E c’è perfino una (modesta) sezione ad hoc per i vegetariani e, ovviamente, l’ormai noto formaggio fritto di cui abbiamo detto a proposito di Skanzeen. Io di solito al Pegas ordino il tortino di broccoli e niva (gratinovaná brokolice s nivou), dove la niva somiglia al roquefort, ma è fatta con latte di mucca ed è super saporita. A questo accompagno una fra le tante varianti di patate dalla sezione ‘contorni’: le patate rustiche (americké brambory) oppure i bramboračky, mini tortini di patate fritti, pure assai tipici (ovviamente) e buoni.

 

Chiudo con un ‘promemoria’ che vale potenzialmente per entrambi i locali (e non solo). Non lasciatevi scoraggiare dai nomi dei piatti, lunghi e difficili da pronunciare. Se tenete a portata di mano la traduzione, vi basterà indicare con il dito i piatti di vostra scelta sul menu e… Buon appetito! Anzi, ‘Dobrou chut‘’!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

5 − 2 =