Chernobyl 2017 (2/4). One-Day Tour. So it began

[Italian version below]

3 Sept 2017. We were super lucky that we managed to book a convenient tour option, i.e. a one-day semi-private visit that ended up to be a private one. Just the two of us, plus the guide and the driver. At 7.50 on a bright September morning ‘our’ car was already waiting for us in front of our Kiev hostel. Ready set go.

The Exclusion Zone is located around 110 km north of Kiev. After we left the capital, I don’t think we drove through any other urban entity that could rightfully be labelled as ‘city’. There were villages, the odd bunch of wooden houses here and there, lonesome bus stops randomly scattered along the road, and the occasional local standing by the road, waiting for a bus or a private car to pick them up. The rest was all blue sky, cornfields and a few isolated houses that made the connection with Everything Is Illuminated even too immediate.

Almost there

The checkpoint by the main entrance is the first in a number of checkpoints you might have to go through during the visit. Soon after we got off the car, we noticed several groups already queuing by the checkpoint, ready for the standard passport control performed by the soldiers monitoring the gates.

That was also when a blonde, bright-eyed young woman came over to our van introduced herself as Yulia, our guide. She then briskly trotted off toward the checkpoint, where she got us to skip the queue and have our passports checked before all the groups. Wow. The soldiers stepped aside and let us in, while our driver drove the car past the gates. We then got back into the car and Yulia handed us a waiver to sign, and gave us a rough idea of the itinerary for the day. Then we zoomed down the main road of the 30-km Exclusion Zone.

Zalissya. House of Culture

Zalissya. Abandoned building

First stop: Залiсся (Zalissya)

The first stop is a village called Залiсся (Zalissya). We got off the car (our driver would be waiting there for us), and moved over to a monument erected a few metres away, which celebrated soldiers fighting in World War II. Then Yulia said: ‘Okay, now let’s go and have a look at the old farm’, and she disappeared into the woods.

The ‘farm’ used to be a small collective farm in the Soviet meaning of the word, i.e. a kolkhoz (колхоз), based on joint ownership and shared agricultural production.

We walked down what looked like a footpath in the forest. All around us were bushes, trees and the earthy ground, with the odd wooden, one-storey building peeking through. We stopped by one of them, and went in: what remained of the door was wide open anyway. The room was empty but for the remains of what looked like a counter of some sort, while the floor was half-covered with debris, the walls all peeled out.

Zalissya. Abandoned shop

Yulia told us it was a shop. A shop. And there were more of them around. People lived there, and walked that street (yes, it was an actual street) every day, and bought food and other products from the shops. They even drove cars down that road, as an old Zhiguli (Жигули) car ‘parked’ outside a house seemed to want to remind. The car looked like it had been gutted by fire. In fact, as everything else, it had been gutted by time – which, clearly, can produce a very similar result. Everything in the Zone is as it was left in early May 1986, when the evacuation began. Apart from the occasional ‘unofficial visitor’ rummaging through things, all has been left untouched.

Zalissya. Abandoned house

Zalissya. Zhiguli car

A bit further on down the path, we entered a white concrete building with a temple-like façade. It was the House of Culture. There used to be a House of Culture in almost every town and village: it’s where throughout the year meetings and events would be held on a regular basis and with a daily dose of propaganda, as the main hall of the Zalissya building seemed to point out. The room itself was all derelict and dusty, but you could still make out the ‘inspirational’ quote above the stage, which read more or less: ‘Long live Communism – A Bright Future for all Humanity’.

Zalissya. House of Culture

Zalissya. House of Culture

I guess it takes a while (and a few clarification questions, if necessary) to realise how the Zone visit works. At some point, though, a basic strategy dawns on you: always and invariably picture things in your head as they were. True, it takes a good amount of imagination, but it also has an eye-opening effect. At least, that’s how it worked for me. Seeing things as they are now is striking, to say the least, but if you keep in mind that those places were inhabited, that there was life all around, that’s when the ‘striking’ becomes ‘mindblowing’ and you get the actual extent of it.

No sooner had we got back into the car than we had to get out again. We were standing by the Chernobyl entrance sign, i.e. a blue writing on a white-brick ‘wall’, also displaying a stylised version of the plant. Just there and then, we also happened to notice a long, snake-like pipe running high above the street and then swerve downwards toward the grass, but always above ground. The pipe was largely wrapped in something akin to tin foil. Yulia must have read the puzzled looks on our faces, and explained that after the explosion they started building overground pipes for security reasons, i.e. to avoid the contact with highly contaminated soil.

Chernobyl

Next stop: Чорнобиль (Chernobyl)

And by Chernobyl I mean the actual city, which in my previous post I repeatedly called ‘Chernobyl itself’. You get to spend quite a while around Chernobyl as part of the tour, not because you visit a large portion of the city, but because there’s quite a high concentration of key spots in a relatively small area.

We stopped by the ‘Ukraine State Agency on the Exclusion Zone Management’, which, as I mentioned in my previous post, also deals with the management of guided tours. Right next to it is a statue of Lenin, and not just one in a number, but the only Lenin statue in the whole of Ukraine still standing, all the others having been taken down.

Chernobyl

If you look left while facing the statue, you will see the actual ‘beating heart’ of Chernobyl. There’s an earthy footpath running in the middle of a meadow. The path is lined on both sides with street signs of the 160-something villages, towns and cities directly impacted by the explosion (and therefore evacuated). On one side of the sign the place name a red slash across it.

As you will notice, some of the signs are painted black (the city/village name in white), while others are white (name in black). Funny story: all the signs were initially supposed to be black, but oh the irony, too soon did they run out of black paint, and they had to leave the others white. I don’t know if, reading between the lines, it means that they didn’t expect there to be so many of those signs, although in fact they did know how many urban entities were to be listed out on them. But then, it is the same for visitors: you know it was a huge disaster, yet such a long lists of place names you wouldn’t expect to read through.

Chernobyl

Chernobyl

In the same grassy area there are a few other sculptures are displayed. Amongst them, you will see a joint Ukrainian-Japanese monument that commemorates both the Chernobyl explosion and other, similarly catastrophic events (namely the Hiroshima atomic bomb in 1945 and the Fukushima nuclear disaster in 2011). The main body of the monument consists of two paper cranes (made from metal), which, as I learned, are a powerful symbol of the movement for a world without nuclear weapons. Coincidentally (or, more likely, not), our driver also had a tiny paper crane dangling from the rear-view mirror of the car.

Chernobyl

Halfway down the ‘corridor of signs’ you encounter a number of Soviet-looking mailboxes, which still serve their original purpose, while at the very end what you find is the iron sculpture of a trumpet-playing angel and, level with the ground, a very large white, Zone-shaped slab, where the 30-km and 10-km areas are marked and where each city, town and village is also marked by a candle-holder. Every year on 26 April celebrations are held in Chernobyl, around that very monument (imagine the white slab all lit up by candles in the dark) and in the museum across the street from it.

But the street signs, those are something I won’t easily forget.

Chernobyl

After getting back into the car, we stopped briefly at the small shop/food store (магазин), which, by the way, sells exclusively products imported from outside the Zone. While our guide and our driver popped out for a coffee, I noticed the high number of dogs populating the area. I had only spotted a few of them till then, one when we stopped by the farm and a couple of others on the side of the main road. Now there were several of them around the shop, though, and we would see more of them during the day. As Yulia then told us, the number of dogs was steadily increasing over the months and years, so much so that measures (i.e. sterilising the dogs) were taken to prevent the situation from spiralling out of control.

A bit further on, we stopped by a more solemn-looking monument that commemorates the hard work and efforts of the ‘liquidators’ (лiквiдатори in Ukrainian), i.e. civil and military representatives that took immediate action when the explosion took place. Apart from the two dogs seeking shade underneath the monument, it does have a solemn feel to it. What struck me most is the stark contrast between the image of strength and resistance it conveys, and the apparent fragility it displays, what with the grey of its colour making it look like made from clay.

Chernobyl. Monument to the liquidators

Chernobyl. Machinery on display

Not far from the monument is also a display of machinery and vehicles that were (and in some cases, are) used to cope with the ‘after-accident’ (e.g. to remove debris or carry materials away from the plant). They come in bright colours and funny shapes and, as reads the poster by the fence, they were borrowed or donated from a number of countries all over the world. It’s funny how, at first sight, they closely resemble large-scale toys one used to play as a kid. You soon learn, though, that the bright colours are usually the result of repainting, and that the level of radiation they emit is dangerously high. That also explained why our dosimeters started beeping like crazy as we approached the fence enclosing the machinery display.

Back in the car. Next stop: Chernobyl 2.

 


Chernobyl 2017 (2/4). Tour di una giornata. È iniziato così

3 set 2017. Quando abbiamo prenotato la visita ci è andata super bene: abbiamo scelto un tour semi-privato di un giorno che è poi diventato un vero e proprio tour privato. Solo noi, più l’autista e la guida. Alle 7.50 di una bellissima mattina di sole il ‘nostro’ autista era già lì ad aspettarci fuori dal nostro ostello di Kiev. Pronti via.

La Zona di alienazione si trova circa 110 km a nord di Kiev. Lasciata la capitale, penso di poter dire che non abbiamo attraversato nessun’altra entità urbana che potesse a buon diritto chiamarsi ‘città’. C’erano solo paesini, gruppetti di case in legno qua e là, solitarie fermate del bus sul ciglio della strada e, ogni tanto, qualcuno in attesa che un bus o un’auto si fermasse a farlo salire. Il resto erano cielo azzurro, campi di granturco e, ogni tanto, casette in mezzo al nulla che sembravano uscite da Ogni cosa è illuminata.

Il posto di blocco all’ingresso principale è il primo di una serie che dovrete attraversare nel corso della visita. Quando siamo scese dalla macchina, c’erano già diversi gruppi in fila davanti ai soldati che controllano i passaporti dei visitatori.

Proprio in quel momento una ragazza bionda con gli occhi azzurri si è avvicinata alla nostra macchina e si è presentata come Yulia, la nostra guida. Yulia è andata dritta verso il posto di blocco e ci ha permesso di saltare la coda, così che i soldati controllassero i nostri passaporti prima di quelli di tutti i gruppi. Wow. I soldati ci hanno fatto passare, mentre al nostro autista aprivano i cancelli per l’ingresso dei veicoli. Quando siamo risalite in macchina, Yulia ci ha fatto firmare i documenti del caso e ci ha spiegato a grandi linee il programma. E poi via, giù per la strada principale della Zona dei 30 km.

 

Prima fermata: Залiсся (Zalissya)

La prima fermata è un paese chiamato Залiсся (Zalissya). Scese dall’auto (il nostro autista ci a-spettava su), ci siamo accostate a un monumento lì vicino, che ricordava I soldati caduti durante la Seconda guerra mondiale. Poi Yulia ha detto: ‘Okay, andiamo a vedere la vecchia azienda agricola’, ed è sparita nel bosco.

L’‘azienda agricola’ era un’azienda agricola collettiva di stampo sovietico, un kolkhoz (колхоз), fondato su proprietà comune e condivisione della produzione.

Camminavamo lungo un sentiero nel bosco. Tutt’intorno c’erano alberi, cespugli e terra. Giusto ogni tanto si intravedeva qualche casolare nel verde. Ci siamo avvicinate a uno di questi e siamo entrate: quel che restava della porta era comunque spalancato. Il pavimento coperto di detriti vari e i muri scrostati. Nella stanza c’era solo lo scheletro di quello che doveva essere un banco frigo.

Yulia ci ha detto che era un negozio. Un negozio. E lì intorno ce n’erano altri. Persone ci vivevano, camminavano lì per strada (sì, perché era una strada) ogni giorno, compravano cibo e prodotti nei negozi. Ci guidavano pure su quella strada, come sembra voler ricordare la Zhiguli (Жигули) abbandonata accanto a una casa. L’auto sembrava fosse stata distrutta dal fuoco. In realtà, come anche il resto, era stata distrutta dal tempo – che, evidentemente, in alcuni casi ha un effetto esattamente identico. Tutto, nella Zona, è come era a inizio maggio nel 1986, quando è iniziata l’evacuazione. A parte il ‘visitatore illegale’ di turno, tutto è rimasto com’era. Nessuno ha toccato niente.

Poco più avanti, lungo la strada, siamo entrate in un edificio bianco in cemento con la facciata tipo tempio greco. Era la Casa della Cultura. C’era una Casa della Cultura praticamente in ogni paese o città: era lì che si tenevano regolarmente incontri ed eventi durante l’anno, il tutto ‘aggiustato’ con la giusta dose di propaganda, come racconta la sala principale dell’edificio di Zalissya. La stanza in sé è ormai in rovina, ma si legge ancora alla perfezione la citazione sopra il palco, che dice più o meno così: ‘Lunga vita al Comunismo – Un futuro luminoso per l’Umanità’.

Penso ci voglia un attimo (e magari qualche domanda di chiarimento) per capire come funziona la visita nella Zona. A un certo punto, però, uno capisce la strategia di base da applicare: sempre e comunque immaginarsi le cose come erano. Vero, ci vuole un bel po’ di fantasia, ma un ap-proccio del genere ti apre gli occhi un bel po’. Per lo meno, con me ha funzionato. Vedere le cose come sono ora colpisce parecchio, ma se uno pensa che quei posti erano popolati, che c’era vita ovunque, ecco, il ‘colpisce’ diventa ‘sconvolge’ e si riesce a cogliere la vera portata della cosa.

Eravamo appena risalite in macchina che già era ora di scendere di nuovo. Eravamo davanti al ‘cartello’ di ingresso a Chernobyl, un ‘muretto’ bianco con la scritta blu e, ovviamente, una rap-presentazione stilizzata della centrale. Proprio lì abbiamo notato una lunga tubatura che correva sopraelevata sopra la strada e poi curvava bruscamente in giù, ma comunque sempre fuori terra. Fra l’altro, era quasi tutta avvolta in una specie di carta stagnola. Yulia deve aver letto la nostra aria interrogativa, perché ci ha spiegato che dopo l’esplosione le tubature sono sempre state costruite fuori terra per ragioni di sicurezza, ovvero evitare il contatto con suolo altamente contaminato.

 

Prossima fermata: Чорнобиль (Chernobyl)

E con ‘Chernobyl’ intendo proprio l’omonima città, quella che nel post precedente ho più volte chiamato ‘Chernobyl in sé’. La visita prevede una sosta abbastanza lunga a Chernobyl, non tanto perché si gira un’ampia zona della città, ma perché ci sono parecchie cose da vedere in un’area relativamente ristretta.

Ci siamo fermate davanti all’‘Agenzia di Stato Ucraina per la Gestione della Zona di Alienazione’ che, come ho detto nel primo post, si occupa anche di gestire le visite guidate. Proprio lì accanto c’è una statua di Lenin, e non una qualunque, ma l’unica statua di Lenin ancora in piedi in tutta l’Ucraina. Le altre sono state tutte rimosse o abbattute.

Se guardate a sinistra mentre siete davanti alla statua, vedrete quello che è il vero ‘cuore pulsante’ di Chernobyl. C’è un sentiero sterrato in mezzo al prato. Su entrambi i lati del sentiero ci sono i cartelli stradali delle 160-e-passa entità urbane colpite dall’esplosione (e quindi evacuate). Su uno dei due lati del c’è una sbarra rossa sul nome del posto.

Vedrete anche che alcuni cartelli sono tutti neri (con la scritta bianca), mentre altri sono bianchi (con la scritta nera). Retroscena: tutti i cartelli dovevano essere neri, ma, ironia della sorte, la vernice nera è finita troppo presto, così hanno dovuto lasciare gli altri bianchi. Non so se, leggendo fra le righe, ha senso pensare che non si aspettassero di dover pitturare così tanti cartelli, benché sapessero comunque quanti centri urbani erano in elenco. Ma tant’è, anche per i visitatori funziona nello stesso modo: uno sa che è stato un disastro di immense proporzioni, eppure comunque non si aspetta una lista di nomi così lunga.

Nella stessa area verde ci sono anche altre sculture, fra cui un monumento ucraino-giapponese a ricordo sia dell’esplosione di Chernobyl sia di altri eventi catastrofici simili (nella fattispecie, la bomba atomica di Hiroshima del 1945 e il disastro nucleare di Fukushima del 2011). Il corpo principale del monumento comprende due gru di carta (fatte di metallo), che ho scoperto essere un potente simbolo del movimento a sostegno dell’abolizione delle armi nucleari. Caso vuole (ma forse non è un caso), anche il nostro autista aveva una piccola gru di carta appesa allo specchietto retrovisore della macchina.

A metà del ‘corridoio’ di cartelli ci sono alcune cassette della posta di stampo sovietico, che ancora servono allo scopo, mentre alla fine vi troverete davanti la scultura in ferro di un angelo che suona la tromba e, ‘poggiata’ sul terreno, una lastra bianca ‘a forma di Zona’. La lastra, piuttosto ampia, traccia i confini delle due ‘sottozone’ (30 km e 10 km). Ogni città, cittadina e villaggio sono identificati da un portacandela. Ogni anno, il 26 aprile, le celebrazioni a ricordo del disastro si tengono sia accanto a quel monumento (pensatelo al buio, illuminato dalle candele) sia nel museo ospitato nell’edificio lì di fronte.

Ma i cartelli stradali, quelli non me li scorderò facilmente.

Dopo essere risalite in macchina, abbiamo fatto tappa al negozio (магазин) poco distante, che, fra l’altro, vende esclusivamente prodotti importati dall’esterno della Zona. Mentre guida e autista erano dentro a prendere un caffè, ho notato quanti cani c’erano in giro. Ne avevo visti solo alcuni fino a quel momento, uno quando abbiamo visitato l’azienda agricola e un paio lungo la strada. Lì fuori dal negozio ce n’erano parecchi e ancora ne avremmo visti nel resto della giornata. Yulia ci ha spiegato che effettivamente il numero di cani stava aumentando esponenzialmente con il tempo, tanto che hanno dovuto prendere misure ad hoc (ovvero sterilizzare i cani) per evitare che la situazione sfuggisse di mano.

Poco oltre, ci siamo fermati a vedere il monumento che commemora il lavoro svolto dai ‘liquidatori’ (лiквiдатори in ucraino), rappresentanti civili e militari che sono intervenuti subito dopo l’esplosione. Benché ‘sdrammatizzato’ dai due cani che cercavano ombra sotto le statue, il monumento ha un aspetto decisamente solenne. Quel che colpisce è il contrasto fra l’immagine di forza e resistenza che rappresenta e la sua apparente fragilità, dovuta al fatto che, a distanza, il grigio del materiale in cui è realizzato lo fa sembrare fatto di argilla.

Non lontano dal monumento c’è una sorta di esposizione di macchinari e veicoli usati (in passato e, in alcuni casi, ancora oggi) per gestire il ‘post-esplosione’ (per esempio, rimuovere i detriti o trasportare materiali altrove). I macchinari sono per lo più di colori sgargianti e forme buffe e, come spiega il cartello lì davanti, sono stati prestati o donati da svariati paesi in tutto il mondo. Fa quasi sorridere il fatto che, a prima vista, sembrino la versione su larga scale delle ruspe-giocattolo che uno ha da bambino. Poi ti spiegano che sono colorati perché sono stati pitturati e che ancora emettono altissimi livelli di radiazione. E allora capisci perché il tuo dosimetro ha cominciato a suonare senza pausa appena ti sei avvicinato al recinto in cui i macchinari sono esposti.

Tutti in macchina. Si va a Chernobyl 2.

2 Replies to “Chernobyl 2017 (2/4). One-Day Tour. So it began”

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

five × one =