Chernobyl 2017 (1/4). The Exclusion Zone. Preliminary remarks

[Italian version below]

FOREWORD

I was still two years old when Reactor no. 4 exploded in the early hours of the morning of 26 April 1986, so the Chernobyl catastrophe is, alongside the fall of the Berlin Wall and the dissolution of the USSR, one of those super crucial historical events I can only vaguely recall, if at all, as it happened.

What I do remember is how, over the following years, the impact of the accident and the effects of radiation exposure kept making the headlines always and invariably.

Exclusion Zone. Zalissya

A zillion years and a Chernobyl visit later, I can confidently say that walking around the Chernobyl site and seeing it with my own eyes is one of those things that will leave me in a very long while, if ever. Countless times had I Googled photos, read articles, watched videos and documentaries on the subject. Regardless of the amount of information collected, the visit itself reminded me of how, with some things at least, there is nothing like embracing them with your own eyes. The Chernobyl site is a case in point.

I apologise in advance to the courageous reader that will bring her/himself to read my four Chernobyl posts in their entirety. I’m sorry, I can’t help but share as much information as I can. Which might sound inappropriate on my part, as it might sound like I’m taking it for granted that the reader knows as little on the subject as I knew before the visit (I did know something, but really, less than I thought I did). Well, that’s not my intention. Maybe I’m jotting it all down just for myself, because I want to make sure I remember everything I saw and heard. Because, really, it’s not something you will ever want to forget.

Exclusion Zone. Pripyat’

TECHNICAL INFORMATION

At first I thought the Chernobyl site consisted of two basic entities: the ‘town’ and the nuclear plant. At a later stage I learned about Pripyat’, and other towns and villages that had been evacuated after the disaster.

As it turned out, visiting the site is a whole lot more than visiting ‘Chernobyl itself’. In fact, there’s so much more to it than that I’m not even too sure where to start.

What you visit as part of the tour is not ‘Chernobyl itself’, but the Chernobyl Exclusion Zone (Зона вiдчуження Чорноьильскоï АЕС). The Exclusion Zone is an area of approximately 2,600 square km around the nuclear plant, where radioactive contamination is (still) at its highest. When our guide mentioned the area covered by the Zone I could hardly believe it: I barely know how to picture 2,600 square km in my head in the first place.

Exclusion Zone. Zalissya, abandoned building and former House of Culture

Exclusion Zone. Zalissya, abandoned building

The heart of the Exclusion Zone consists of two areas: an external area of 30-km radius from the Reactor and a more internal zone of 10-km radius in the immediate vicinity of the reactor, i.e. the actual ‘hotspot’.

As for ‘Chernobyl itself’, well, Chernobyl is a city located very close to the reactor, but is not the city where the reactor is located. Overall, over 160 villages (село), towns (селище мiського типу, or с.м.т.) and cities (мiсто) were evacuated after the explosion. Over one hundred and sixty. Chernobyl and Pripyat’ are the only urban entities labelled as cities.

Exclusion Zone. Chernobyl, map of the Zone

Some of the towns and villages affected are still as empty and deserted as they were left after the evacuation. Pripyat’ itself, obviously, is a case in point. In 1986 50,000 people lived there, and the plan was to bring the overall population of the city up to 80,000 within a few months or so. Which is hard to believe, given the emptiness and decay that uniquely identify it today.

Other towns and cities, however, have seen people go back over the years. Take Chernobyl, where before the catastrophe lived around 14,000 people. Now it has a little more than 3,000 inhabitants (mostly workers), a post office, a shop, a few hotels and the ‘Ukraine State Agency on the Exclusion Zone Management’, which, amongst other things, deals with the management of guided tours (e.g. by issuing permissions for the guides and the visitors themselves).

Elsewhere within the Zone, around 145 people in total have gone back to where they used to live before 26 April. They call them ‘returners’ or ‘resettlers’, and there’s too few of them anyway for the silence to not be as deafening as it is, (almost) anywhere in the Zone.

Exclusion Zone. Pripyat’, Policcya Hotel and Pripyat’ high street

As part of the tour, you get to visit both the 30-km and the 10-km Exclusion Zone. The car (or, if you’re in a group, the bus) follows a standard itinerary across the two areas. It calls at key spots along the way, where you get off and follow your guide around one or more points of interest.
The standard tour is the one-day visit, though tours of more than one day are also available, in which case overnight accommodation in a Chernobyl hotel is included in the price of the booking.

Visits are organised by state-owned agencies. You can’t visit the site unless as part of a guided tours. All tours start and finish in Kiev, where a dedicated vehicle picks you up early(ish) in the morning and drops you off around dinner time.

Fifteen is the maximum number of consecutive days a person can spend inside the Zone. After fifteen days, you have to leave it and be outside the Zone for at least one day. After that, you can go back. That is also what guides do, when they are scheduled for several tours in a row or are busy with multi-day tours.

But enough with the technical information.

Exclusion Zone. Pripyat’

 


Chernobyl 2017 (1/4). La Zona di alienazione. Considerazioni preliminari

 

PREMESSA

Non avevo neanche tre anni quando il reattore n. 4 esplose nelle primissime ore del 26 aprile 1986, per cui il disastro di Chernobyl è, al pari della caduta del Muro di Berlino e del crollo dell’URSS, uno di quegli eventi storici topici di cui ho solo ricordi vaghi, se non molto vaghi.

Ricordo, però, come negli anni a seguire l’impatto dell’incidente e gli effetti dell’esposizione alle radiazioni continuarono a essere un ricorrente argomento di discussione.

Mille mila anni e un tour guidato dopo, posso dire con un buon margine di certezza che vedere e attraversare di persona il sito di Chernobyl è una di quelle cose che mi poterò dietro per un bel po’. Se mai smetterò di portarmelo dietro. Un sacco di volte avevo Googlato foto, letto articoli, guardato video e documentari sull’argomento. A prescindere dalla quantità di informazioni che già mi erano note, la visita mi ha ricordato come certe cose facciano veramente la differenza, quando uno le vede con i propri occhi. Chernobyl appartiene a questa categoria.

Mi scuso fin da ora con il coraggioso lettore che avrà la forza di leggere i miei quattro post di Chernobyl nella loro interezza. Mi dispiace, ma non posso fare a meno di condividere più informazioni che posso. Che forse è anche inopportuno da parte mia, perché magari sembra che io dia per scontato che il lettore sa dell’argomento il poco che sapevo anche io prima della visita (sapevo qualcosa, ma di sicuro meno di quanto pensassi). Non è questa l’impressione che voglio dare. Forse mi sono messa a scrivere tutto solo per fare un favore a me stessa, perché voglio essere sicura ricordarmi tutto quello che ho visto e ascoltato. È una di quelle cose che uno non vuole dimenticare.

 

INFORMAZIONI TECNICHE

All’inizio pensavo che il sito di Chernobyl comprendesse fondamentalmente due cose: la ‘città’ e la centrale nucleare. In un secondo momento ho scoperto dell’esistenza di Pripjat’ e altre città/villaggi che erano stati evacuati dopo l’esplosione.

Di fatto, visitare il sito non vuol dire solo visitare ‘Chernobyl in sé’. C’è così tanto da vedere che non so bene da che parte cominciare a raccontarlo.

Il tour guidato non riguarda ‘Chernobyl in sé’, bensì la Zona di alienazione di Chernobyl (Зона вiдчуження Чорноьильскоï АЕС). La Zona di alienazione è un’area di circa 2.600 kmq tutt’intorno alla centrale, in cui i livelli di contaminazione radioattiva sono (ancora) molto alti. Quando la nostra guida ha nominato la superficie dell’intera zona non ci potevo credere: riesco a malapena a figurarmeli in testa 2.600 kmq.

Il cuore della Zona di alienazione comprende due ‘sottozone’: un’area esterna che si estende fino a 30 km intorno al reattore e una più interna fino a 10 km dalla centrale, la vera e propria ‘zona calda’.

Quanto a ‘Chernobyl in sé’, la città si trova sì, vicino al reattore, ma non è la città del reattore. Nel complesso, più di 160 fra villaggi (село), cittadine (селище мiського типу, or с.м.т.) e città (мiсто) sono state evacuate dopo l’esplosione. Più di centosessanta. Di queste, Chernobyl e Pripjat’ sono le uniche entità urbane classsificate come ‘città’.

Alcune delle località colpite sono ancora deserte come l’evacuazione le ha lasciate. Pripjat’ è, ovviamente, una di queste. Nel 1986 ci vivevano in 50.000 e l’intenzione era portare la popolazione totale a 80.000 persone nel giro di poco. Uno stenta a crederlo, quando vede la desolazione e il vuoto totali che la identificano oggi.

Altri posti, invece, si sono ripopolate nel corso degli anni. È il caso della stessa Chernobyl, dove prima della catastrofe vivevano 14.000 persone. Oggi ci sono poco più di 3.000 persone (per lo più lavoratori), un ufficio postale un negozio, alcuni hotel e l’‘Agenzia di Stato Ucraina per la Gestione della Zona di Alienazione’, che, fra le altre cose, regolamenta lo svolgimento dei tour sul territorio (per esempio rilasciando i relativi permessi tanto per le guide quanto per i visitatori).

Altrove, nella Zona, circa 145 persone sono tornate là dove risiedevano prima del 26 aprile. Li chiamano ‘quelli che sono tornati’ (‘resettlers’ in inglese, che rende molto l’idea). Ce ne sono comunque troppo pochi perché il silenzio non sia assordante come invece è, ovunque (o quasi) nella Zona.

 

Il tour comprende la visita a entrambe le aree (30km e 10 km) della Zona di alienazione. L’auto (o, se partecipate a un tour in gruppo, il bus) con cui vi spostate segue un itinerario predefinito nella Zona, sostando in corrispondenza di siti e luoghi chiave lungo il percorso. Questi vengono poi attraversati o visitati a piedi.

Il tour standard dura una giornata, ma ne esistono anche di più giorni, nel qual caso il prezzo della prenotazione include il pernottamento in un hotel di Chernobyl.

I tour vengono organizzati da agenzie statali: è possibile accedere alla Zona solo all’interno di vi-site organizzate. Il punto di partenza e arrivo è sempre Kiev: un mezzo di trasporto ad hoc viene a prendervi di prima mattina e vi riporta nello stesso punto entro la serata.

All’interno della Zona si possono trascorrere al massimo quindici giorni di fila, al termine dei quali bisogna uscire e rimanere fuori dalla Zona per almeno una giornata prima di rientrarvi. Anche chi lavora come guida segue lo stesso regime, quando ha in programma tante visite o diversi tour di più giorni una di seguito all’altra.

E con le informazioni tecniche direi che può bastare.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

2 × 2 =