Brno 2017 (18/n). Two sides of Podyjí National Park [2/2]

[Italian version below]

PART II. LISTICLES

I repeatedly wondered how I’d be describing Podyjí National Park and its highlights without pointlessly and exaggeratedly droning on about them.

I soon came to the conclusion that there’d be too many spots to talk about, and that recounting each and every one in details would be too demanding of both the kindest, most accommodating hypothetical reader, and myself.

So I thought I’d recollect my Podyjí highlights in a more casual fashion, and that listicles would serve such purpose particularly well.

Let’s give it a try.

 

3 MOMENTS THAT MADE ME RELATE TO SNOW WHITE LOST IN THE WOODS (LOL)

1. The creaky noises and the borderlessness of the park

I’m not particularly fond of Snow White. And, my (long) list of fears doesn’t really feature being alone in the deep of the woods. Yet, throughout my Podyjí visits a kind of eerie feeling crept over me a couple of times. I blame it on two factors, mostly.

The first is the wind. On my first hike around the park it was quite windy the whole time. Now, the sound of leaves rustling and swishing on tree branches is soothing and pleasant to hear. The somewhat sinister creak of slender trunks banging against each other, though, unique as it may sound, does have a kind of alarming feel to it, especially after the ‘a-tree-has-just-fallen-across-the-path’ Pálava experience.

In fact, a couple of times I did run stretches of forest trail when the wind blew hard and the trees violently hitting against each other.

The second factor is ‘The Unknown’. On previous hikes in the Brno/South Moravia area I was usually close (or fairly close) to the nearest town or village most of the time, or I bumped into hikers and walkers on a regular basis. Neither of these conditions applied around Podyjí. In fact, slowly but increasingly I grew aware of how actually huge the park was, and how utterly and completely alone and isolated I was the whole time. I barely ever bumped into anyone along the way – which also made for one of the closest encounters with nature I have ever experienced.

It just felt slightly disquieting from time to time right there and then. But uniquely so.

 

2. The screaming kid

This is objectively one of my favourite bits to recount. I’d just got out of the woods somewhere between Andělský mlýn and Podmolí. I found myself strolling down an earthy path, flanked by thick forest on the left and the largest wheat field in the history of wheat fields on the right.

(I know, I know I’ve talked about wheat fields countless times when writing about Pálava, but really, this one truly outweighs all the others sizewise.)

Suddenly, out of the woods zoomed a kid on a bike. He stopped right in front of me. He was probably 11 or 12, a black helmet covering his blondish hair. He muttered something in Czech, way too fast for me to catch it.

‘Hey, are you lost?’, I tentatively asked in Czech/Slovak. He said yes.

Bloody hell.

‘Okay, are you looking for your parents? Do you know where they might be?’, I continued.

He replied in Czech, but again, too fast for me to follow him. ‘Okay, I don’t know which specific place you’re looking for, but see, just over there there’s a whole set of signs, it might help you…?’.

Could I be any more socially awkward than that?

He had a vaguely puzzled look on his face (which I can’t blame him for). He muttered something in reply, and then mounted on his bike and pedalled away as fast as he could.

Oookay, kid. I resumed walking.

Shortly after he’d disappeared into the woods, I heard him call out (in Czech): ‘Daaad!’, ‘Daaaaad!!!’, ‘DAAAAAD!!!’. Seriously, it went on for a good ten minutes, the shouting growing more and more distant as the kid (probably) cycled on through the forest.

‘What the…‘, was all I could think about.

What should I do? Chase after him, find him and help him reunite with his family? But how am I going to find him again now? Plus, he has a bike, he’ll be moving much faster than I can walk. I wouldn’t know where to start anyway.

So I stood there like frozen for a few minutes. I stared at the spikes and pondered. The shrieks eventually subsided and there was silence again everywhere. I walked on.

I still don’t know whether I did the right thing by not going after the kid. In fact, to some extent I’m sure I didn’t, though rationally I can’t help thinking I had no other options right there and then. But it was somewhat sad. And somewhat creepy. Mostly sad, though.

 

3. The stretch of trail from Lukov to Čižov

I could tell I was being overly cautious and wary as I got off the bus in Lukov and followed the ‘Čižov’ signs toward the fields. The map clearly stated I was doing it right, yet I couldn’t help wondering why no one else was picking the same path.

I reached the open field, stood there and honestly felt lost for a good twenty minutes or so, so much so that I feared I’d have to go back to Lukov and pick a different, better-marked trail. There were no signs around there, and the trail leading up through the forest didn’t look about right. I made an attempt to follow it, but eventually resolved to walk back to the field instead.

Suddenly I heard a swooshing noise coming from the wheat fields, so I turned around and, whoa, something like a deer was hopping across the field!

I could only glimpse it for a bunch of seconds, as it only briefly emerged from the spikes. Plus, it must have been around one o’clock, and the sun was high, and that, coupled with the heat and the brightness of the field, made it hard to stare at it for too long.

I eventually spotted a bright orange arrow sign sprayed on a wooden plate in the distance. I cut through the field and finally realised I’d found the actual trail to Čižov!

As I walked on through the woods, silence is what struck me the most. I soon realised I was trying to be as inconspicuous as I could and move as noiselessly as I could. I didn’t want anything to disrupt The Perfect Silence, let alone my own steps.

I came across a round pond at some point, then a paved road, which the signs told me to follow uphill. There I came across the ‘Welcome-to-Čižov’ sign. It felt almost unreal. Beautifully unreal. Not one soul in sight along the way.

 

3 VIEWS THAT PROVE THAT ‘NICE’ IS THE UNDERSTATEMENT OF THE HIKE

Like when you show a friend a photo of a place you visited, which you loved and are super excited about, and your friend goes ‘Ooh nice!’, smiling and nodding in assent. And you think to yourself: ‘Nice?’. Seriously, did you just say ‘NICE’?. How about ‘mindblowingly amazing and utterly breathtaking, wooow’? Because adjectives matter, that’s why.

So, my ‘Podyjí views of the heart’ include:

 

1. Kralův stolec

Kralův stolec is the first ‘hotspot’ I came across upon entering the park. At least, I grew to believe that when I saw that both the map and the signs marked it as ‘panoramic viewpoint’ (‘vyhlídka’).

I didn’t even know how I would know I’d reached it, nor was I sure what to expect of it. Well, after a few kms through the woods the trail leads up to a small, rocky clearing marked by a wooden gazebo and labelled ‘Kralův stolec’. There you go.

You have to reach the gazebo and stand on it to get the full view. That is also when amazement kicks in full blast.

Kralův stolec makes for The Perfect View. The Dyje waters flow glistening and blue in between the hills, whose perfectly green profile shapes the landscape all the way to the horizon. Just there, as if specially placed on top of them, Znojmo peeks out over the hills, its urban profile hardly mistakable despite the distance.

Any additional remarks about the view would be redundant. Go see for yourself. Really.

 

2. Sealsfiedův kámen

‘5.5 km’, read the yellow sign by Pod Šobesem. That’s how far Sealsfiedův kámen was from where I was right then. That, plus another 6.5 km back to Znojmo castle. It was around 3 o’clock when I came across the signs at Pod Šobesem, and knew instantly Sealsfiedův kámen would be my next stop. It was marked by the ‘viewpoint’ symbol on the map, how could I miss out on that.

The first 2.5 kms or so consist of flat, earthy ground, and take you through the woods and along the river (whose rocks underwater look bright red from a distance). Then the trail grows steeper and steeper, rockier and rockier, but as the trail goes uphill, so increasingly grows anticipation.

Just when you think you’ve got used to the trail, eyes glued to the ground to avoid tricky, pointed rocks, you will notice that the path grows flatter and broader. That’s a good time to look up, because you will realise you’ve reached the top.

I can quite positively say that Sealsfiedův kámen is My Favourite Podyjí Spot (with Kralův stolec close second). It’s hard to find suitable words to describe the view. Even adjectives like ‘mindblowingly amazing and utterly breathtaking, wooow’ fail to convey the full extent of the amazement it triggers. Blame it on the sea of hills, whose green slopes stretch out in the distance as far as the eye can see. Blame it on the river, meandering at the bottom, as if shaping the landscape. Also blame it on the sky, whose flat blue made the leafy hill slopes look even crustier and bulgier.

Piece of advice: pick a rocky spot (or sit on the wooden trunk bench you find there), and stare ahead for as long as you deem necessary.

 

3. Ledové sluje (Ice Caves)

Any list of Podyjí’s key points of interest most probably features Ledové sluje, and rightly so. To reach the site you have to (literally) ‘go the extra mile’ off the main trail to Vranov, but the view is more than worth the detour.

Ledové sluje is located in the western part of the park, so I went there on my second Podyjí hike. The hilly view from the top is potentially very similar to that from Sealsfiedův kámen. The still, cool-ish air and the white-clouded sky, though, painted a wholly different, equally beautiful, picture.

The viewing spot is quite narrow, squeezed between the forest, the wooden fence and the yellow obelisk commemorating ‘illustrious’ (‘nejjasnější’) Helena Mniszková, countess and true, dedicated Ledové sluje lover.

 

3 RANDOM-NOT-SO-RANDOM ‘HOTSPOTS’ ALONG THE WAY

1. The park ‘entrance’, aka first glimpse

One second you’re walking past St. Hippolytus’ Church up Hradistě, and the next thing you know is you’re strolling down an earthy path flanked by vast expanses of dry, yellowish grass. How did this happen?

Don’t ask don’t tell. Welcome to Podyjí National Park. Pick your trail colour and walk on. (PS. I picked the green trail.)

 

2. Šobes/Pod Šobesem

Šobes is one of the oldest vineyards in the Czech Republic, and one of the best vineyard areas in the whole of Europe.

It took me a while to realise I’d got there. (Which is not surprising in itself, because that’s what I do.) Thankfully, the signs were there to help, and help they did.

Pod Šobesem is one of the quietest spots I’ve come across throughout my Podyjí hikes. The landscape in the area is idyllic in the most authentic meaning of the word. The river is just there, and you can stand (or sit) by it, and dip your feet in it. Or you can cross over the suspended bridge to the other side, and head further south – or make a left turn toward Sealsfiedův kámen (highly recommended).

 

3. The bus road to Masovice (Masovická)

Masovická just shows how beautiful and non-ordinary a seemingly ordinary paved road can get.

On my second hike, I went back up Hradistě, looking for some straightforward(ish) way to Podmolí and Lukov. An elderly woman took pity on the blank look on my face as I stood in front of the signs. She asked if I needed help. Huh, course I do. I told her I was looking for the actual road to Masovice, and she instructed me on how to reach it.

A few minutes later, I was happily strolling down a seemingly endless road seemingly leading to nowhere. The sky was blanketed in clouds, with only random bits of blueish here and there, which made the air pearly grey. Both sides of the road were flanked by open fields, with signs on the left marking the border of the national park.

Give it a few kms, and you will be welcomed to Masovice.

PS. If you go hiking around Podyjí, most likely you won’t need to take this road. I did because I wanted to get to Lukov as quickly as possible with the aid of public transport. But it’d be unfair to say that it was merely instrumental to my trip plan, because I ended up truly enjoying every step.

So hey, enjoy.

 


 

Brno 2017 (18/n). I due lati del Parco Nazionale Podyjí [2/2]

Seconda parte. LISTE

 

Mi sono chiesta più volte come avrei potuto raccontare il Parco Nazionale Podyjí e i suoi luoghi chiave senza dilungarmi in modo esagerato e prolisso.

Alla fine sono giunta alla conclusione che ci sarebbe stato troppo da dire su ogni posto e che descriverli in modo dettagliato uno per uno sarebbe stato troppo anche per il lettore ipotetico più volenteroso, oltre che per la sottoscritta.

Così ho pensato che avrei potuto parlarne in modo meno meticoloso e che fare delle liste mi avrebbe fatto comodo.

Vediamo se funziona.

 

3 MOMENTI CHE MI HANNO AVVICINATO A BIANCANEVE PERSA NEL BOSCO

 1. I rumori sinistri e gli spazi sconfinati del parco

Non amo particolarmente Biancaneve, né la mia (lunga) lista di paure include il fatto di trovarmi da sola nel bosco. Eppure. Entrambe le volte che sono stata al Podyjí un paio di volte c’è stata un po’ di inquietudine. Dò la colpa soprattutto a due fattori.

Il primo è il vento. Quando sono andata al la prima volta, c’è stato quasi sempre il vento. Ora, il fruscio delle foglie tra i rami è piacevole da ascoltare e quasi rilassante. Ma il rumore vagamente sinistro dei tronchi sottili che sbattono l’uno contro l’altro, per quanto suggestivo in sé, mi ha messo un po’ d’ansia addosso, devo dire, soprattutto dopo l’episodio di Pálava in cui ‘attenzione-un-albero-è-caduto-lungo-il-percorso’.

Ammetto che un paio di volte mi sono messa a correre nel bosco, tipo quando il vento era forte e gli alberi sbattevano altrettanto forte gli uni contro gli altri.

Il secondo fattore è ‘L’Ignoto’. Nelle altre escursioni in zona Brno/Moravia del Sud mi sono (quasi) sempre trovata (abbastanza) vicina a qualche città o paesello oppure mi è sempre capitato di incrociare altre persone con una certa frequenza. Nessuna di queste due condizioni si è mai realizzata al Podyjí. Anzi, un po’ per volta mi sono resa conto di quanto effettivamente grande fosse il parco e di come tutto il tempo fossi completamente sola e isolata. Non ho incontrato quasi nessuno durante il percorso – e questo ha fatto del Podyjí uno degli ‘incontri’ con la natura più autentici e ravvicinati che mi siano mai capitati.

È stato giusto un po’(chino) inquietante di tanto in tanto. Inquietante a modo suo.

 

2. Il bambino urlante

Questo è obiettivamente uno dei miei episodi preferiti, se ci ripenso. Ero appena uscita dai boschi fra Andělský mlýn e Podmolí. Mi sono ritrovata a camminare lungo un sentiero sterrato fiancheggiato sulla sinistra dal bosco e sulla destra dal campo di grano più gigantesco nella storia dei campi di grano.

(Lo so, lo so che ho parlato un sacco dei campi di grano quando ho scritto di Pálava, ma veramente, questo a livello di vastità non teme confronti.)

All’improvviso, fuori dal bosco è spuntato un ragazzino in bicicletta e mi si è fermato proprio davanti. Avrà avuto 11 o 12 anni e il casco nero da bici gli copriva quasi tutti i capelli biondi. Ha farfugliato qualcosa in ceco, troppo in fretta perché potessi seguirlo.

‘Ehi, ti sei perso?’, ho provato a chiedere in ceco/slovacco. Mi ha detto di sì.

Perfetto.

‘Okay, stai cercando i tuoi genitori? Hai idea di dove potrebbero essere?’, gli ho chiesto.

Mi ha detto qualcosa in ceco, ma comunque troppo veloce perché riuscissi a stargli dietro. ‘Okay, non so di preciso dove devi andare, ma vedi laggiù, ci sono un sacco di cartelli, magari ti possono aiutare…?’

Madonna sto ragazzino penserà che sono socialmente tonta.

Aveva uno sguardo un po’ interrogativo (per il quale non posso biasimarlo). Ha farfugliato ancora qualcosa, poi è salito di nuovo sulla bici ed è ripartito a gran velocità.

Oookay, bambino. Ho ripreso a camminare.

Pochi minuti e l’ho sentito chiamare a gran voce (in ceco): ‘Papààà’, ‘Papààààà’, ‘PAPÀÀÀÀÀ!!!’.

Seriamente, è andato avanti dieci minuti buoni così, mentre le grida si facevano sempre più lon-tane man mano che (probabilmente) pedalava nella foresta.

‘Ma che…’ era tutto ciò a cui riuscivo a pensare.

Che dovrei fare? Corrergli dietro, ritrovarlo e farlo ricongiungere alla sua famiglia? Ma come lo recupero adesso? Lui ha anche sì la bici, va più veloce di quanto veloce io potrei mai camminare. Né saprei comunque da dove cominciare.

Così sono rimasta lì ferma qualche minuto, a guardare le spighe e rimuginare. Le grida a un certo punto non si sentivano più e ovunque era tornato silenzio. Ho ripreso a camminare.

Non sono sicura di aver fatto la cosa giusta, non correndogli dietro. Cioè, per certi aspetti sono sicura di non averla fatta, anche se razionalmente non posso fare a meno di pensare che non avessi altre opzioni lì sul momento. è stato un po’ triste. E anche un po’ inquietante. Ma triste, soprattutto.

 

3. Il tratto di sentiero fra Lukov e Čižov

Se ci ripenso, mi rendo conto che sono stata anche troppo cauta quando sono scesa dal bus a Lukov e ho seguito i cartelli per ‘Čižov’che portavano verso i campi. Per quanto la mappa dicesse chiaramente che stavo facendo giusto, non mi capacitavo del fatto che proprio nessuno seguisse lo stesso sentiero.

Ho raggiunto il campo e mi sono fermata lì. Mi sono sentita persa per un buon venti minuti, tanto che ho pensato di tornare a Lukov e scegliere un altro percorso, magari meglio segnalato. Non c’erano cartelli nei dintorni e il sentiero nel bosco non mi convinceva. Ho provato a seguirlo, ma poi sono tornata nel campo.

All’improvviso ho sentito un fruscio. Veniva dal campo di grano. Mi sono voltata e, oooh, un animale tipo un cervo saltellava nel campo!

L’ho visto giusto pochi secondi, quando emergeva dal campo durante il salto. Fra l’altro, era circa l’una, il sole era alto e, fra quello e il giallo delle spighe, era difficile tenere lo sguardo fisso.

Alla fine ho intravisto un cartello di legno su cui era stata disegnata con lo spray una freccia arancione. Ho tagliato attraverso il campo e finalmente ho preso il sentiero per Čižov!

Mentre proseguivo nel bosco, era il silenzio che mi sorprendeva più del resto. Mi rendevo conto che mi muovevo il più piano possibile perché non volevo che niente, tantomeno i miei passi, ro-vinassero Il Silenzio Perfetto.

Di strada si passa accanto a un laghetto rotondo e poi si incrocia una strada asfaltata, che i cartelli dicono di seguire in salita. Là, finalmente, ecco il cartello del ‘Benvenuti a Čižov‘. È stato quasi surreale. Meravigliosamente surreale. Non ho incontrato nessuno per strada.

 

3 PUNTI PANORAMICI CHE DEFINIRLI ‘BELLI’ È ALQUANTO RIDUTTIVO

È come quando fai vedere a qualcuno una foto di un posto in cui sei stato, che hai amato e che ti ha entusiasmato. E questo qualcuno la commenta dicendo: ‘Che bello!’. ‘Bello?’. Hai detto ‘BELLO’? Perché invece non dire ‘Meravigliosamente bellissimo e incredibilmente wooow’? Gli aggettivi sono importanti.

La mia lista dei ‘posti del cuore nel Podyjí ‘ include:

 

1. Kralův stolec

Kralův stolec è il primo ‘luogo chiave’ in cui mi sono imbattuta nel parco. Ho intuito che valesse la pena andarci perché sia la mappa sia i cartelli lo indicavano come ‘punto panoramico’ (‘vyhlídka’ in ceco).

Non sapevo come avrei capito di esserci arrivata, né cosa aspettarmi. Dopo qualche chilometro di boschi, il sentiero ha deviato in salita vero un piccolo spiazzo, mezzo roccioso. Lì c’era una specie di gazebo in legno ‘etichettato’ ‘Kralův stolec’. Ecco appunto.

Dovete raggiungere il gazebo e affacciarvi per godere appieno della vista. E restare senza una sola parola.

Kralův stolec è davvero La Vista Perfetta. Le acque blu del Dyje scorrono brillanti fra le colline, i cui profili perfettamente verdi formano il paesaggio fino all’orizzonte. Lì, quasi ‘appoggiato’ di proposito, si intravede il profilo di Znojmo, inconfondibile nonostante la distanza.

Qualsiasi ulteriore commento sul panorama sarebbe superfluo. Andate, andate a vederlo con i vostri occhi.

 

2. Sealsfiedův kámen

‘5,5 km’, diceva il cartello giallo a Pod Šobesem. Tanto distava Sealsfiedův kámen dal punto in cui ero in quel momento. Più altri 6,5 km fino al castello di Znojmo. Erano circa le tre quando ho trovato i cartelli e già sapevo che sarebbe stata la tappa successiva. Vicino al nome c’era il simbolo del panorama: come potevo non andarci.

Per i primi 2,5 km il sentiero, morbido e pianeggiante, vi porta attraverso il bosco e lungo il fiume (le cui rocce a filo d’acqua sembrano rosse da lontano). Poi va su e diventa sempre più ripido e roccioso, ma con la salita aumenta anche la curiosità.

Proprio quando pensate di esservi abituati al percorso e camminate con un occhio a terra per evitare le rocce, ecco che il sentiero si apre e torna pianeggiante. È un buon momento per guardare su e rendervi conto che siete in cima.

Posso dire con certezza che Sealsfiedův kámen sia il mio Posto Preferito nel Podyjí (con Kralův stolec secondo di poco). È difficile descrivere la vista. Perfino aggettivi come ‘Mera-vigliosamente bellissimo e incredibilmente wooow’ non rendono appieno l’idea.

Sarà per via del mare di colline, che si perde all’infinito all’orizzonte, oppure pe via del fiume, che si snoda sinuoso a valle in mezzo al verde. Sarà anche per via del cielo, talmente blu e piatto da far sembrare le colline ancora più ruvide.

Piccolo consiglio: scegliete un punto sulla roccia (o sulla panchina-tronco che trovate lì) e guar-datevi intorno per il tempo che serve.

 

3. Ledové sluje (Ice Caves)

Tutte le liste di posti da vedere nel Podyjí probabilmente includono Ledové sluje (Ice Caves) – e non è una coincidenza. Per raggiungerle dovete (letteralmente) ‘spingervi più in là’ rispetto al sentiero per Vranov, ma la vista da lassù vale la deviazione.

Ledové sluje si trova nella metà occidentale del Podyjí. Io ci sono andata la seconda volta che ero là. Il panorama dalla cima è potenzialmente molto simile a quello da Sealsfiedův kámen. Al mio secondo giro, però, l’aria ferma e il cielo bianco hanno rivelato un paesaggio diversissimo, benché ugualmente suggestivo.

Il ‘belvedere’ è piuttosto stretto, ritagliato com’è fra il bosco, il recinto di protezione e l’obelisco giallo che commemora la ‘illustre’ (‘nejjasnější’) Helena Mniszková, contessa alla quale Ledové sluje doveva piacere proprio tanto.

 

3 POSTI-A-CASO-MA-NON-A-CASO ALL’INTERNO DEL PARCO

1. L’‘ingresso’ del parco, ovvero ‘a prima vista’

Un attimo state passando accanto alla Chiesa di Sant’Ippolito su a Hradistě e l’attimo dopo siete lungo un vialetto fiancheggiato da campi sconfinati di erba gialla. Come è successo?

Non fatevi troppe domande. Benvenuti al Parco Nazionale Podyjí. Scegliete un percorso e partite. (PS. Io ho scelto il verde.)

 

2. Šobes/Pod Šobesem

Šobes è una delle più antiche zone di vigneti della Repubblica Ceca e una delle più belle di tutta Europa.

Ci ho messo un attimo a capire che ci ero arrivata. (Che di per sé non stupisce, perché ho tempi di reazione abbastanza lunghi.) Per fortuna c’erano i cartelli, così ce l’ho fatta anch’io.

Pod Šobesem è uno degli angoli più pacifici di tutto il Podyjí. il paesaggio è veramente idillico. Il fiume è lì: vi potete sedere (o anche stare in piedi) proprio sulla riva e anche bagnarvici i piedi. Oppure potete attraversare il ponte sul fiume e spingervi ancora più a sud – oppure girare a sinistra verso Sealsfiedův kámen (super consigliato).

 

3. La strada del bus verso Masovice (Masovická)

Masovická dimostra quanto possa essere insolitamente bella una strada asfaltata apparentemente simile a tante altre.

Al secondo giro, su a , cercavo un modo potenzialmente rapido e (circa) diretto per arrivare verso e Lukov. Una signora anziana lì fuori di casa deve aver notato (e compatito) il mio sguardo vuoto di fronte ai cartelli e mi ha chiesto se mi serviva una mano. Signora, si vede tanto, lo so. Le ho detto che cercavo la strada per Masovice e in un attimo mi ci ha praticamente portato per mano.

Il passo successivo è stato ritrovarmi a passeggiare sul ciglio di una strada in apparenza senza fine. Il cielo era coperto di nuvole con qualche scorcio di azzurro. L’aria era quasi perlata. Su entrambi i lati della strada c’erano solo campi, con i cartelli sulla sinistra a ricordare che lì c’è il parco nazionale.

Nel giro di qualche km vi darà il benvenuto Masovice.

PS. Se andate a fare una o più escursioni al Podyjí, è facile che non prenderete questa strada. Io l’ho presa perché volevo arrivare al Lukov il più in fretta possibile con l’aiuto del trasporto pubblico. Ma non sarebbe giusto dire che mi ha fatto solo comodo in quel senso, perché la verità è che mi sono goduta ogni passo.

Oh, allora buon giro.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

13 − ten =