Brno 2017 (17/n). Two sides of Podyjí National Park [1/2]

Part I. TECHNICALITIES

13/17 Jul 2017. I first came across Podyjí National Park while looking for a nice hiking destination for my next day off work. I glimpsed it almost by chance on the map, but could easily tell it was more than just one in many green areas in the region.

 

ABOUT THE PARK

Google and all its friends confirmed it: the Podyjí National Park (‘Podyjí Narodní Park’ in Czech) is one of the Czech Republic’s four national parks. It sits in the very south of South Moravia, just between Znojmo and Vranov nad Dyjí, and borders with Austria’s Thayatal National Park.

Znojmo, on the way to Hradistě

Though technically they are two different parks, on the map it’s hard to tell where one ends and the other begins: they look like one large park, cut through by the national border and the Dyje river (‘Thaya’ in German), which also happens to be one of its crucial (and most dramatic) features.

The others include forest, wetlands, broad plateaus, rocky hills and natural monuments, with one too many variations on a theme and quite a unique and diverse amount of wildlife population.

Oh, and of the four national parks in the country, the Podyjí one is the smallest. Imagine the others.

Podyjí National Park

 

THE VISIT (AND WHERE I WENT)

The park is huge (despite the statement above) and ideally, imho, it would take at least three visits to be able to say quite confidently that you’ve (almost) seen it all.

I’ve been there twice so far, and the key sights by the Austrian border are still on my ‘to-do list’.

On the way to Kralův stolec

Getting to Podyjí from Brno is easy and straightforward, nor does it take long, if you’re willing to have an early start so as to make the most of your day.

From Zvonařka bus station take bus 108 to Znojmo. As you get off the bus (Znojmo is the final stop), you want to walk through the centre to St. Nicholas Church, then head downhill toward the Dyje river.

Don’t cross the bridge over the Dyje. Turn right instead, keep the river on your left and walk on. Walk past the International Cycling Tourism Service and Information Centre (Mezinárodní cycloturistické centrum služeb a informací v ČR). In fact, while you’re at it, pop in and grab a map of the park. The centre guy I spoke with knew everything about the park and gave me plenty of super useful tips and info about trails and services.

A few metres further, you will then spot the first trail signs. Pick the (green) ‘Hradistě’ sign, which takes you straight (back) uphill.

Needless to say, the trail options are countless, so feel free to choose the one you find most inspiring there and then. This was my pick and one you can also go for:

 

13 Jul. SIDE A (aka first Podyjí visit)

– The green trail from Hradistě to Kralův stolec

– From Kralův stolec to Andělský mlýn

– From Andělský mlýn to Podmolí (where you can sit by the pond – or at the café by the pond – and take a well-deserved break)

– From Podmolí, you want to head south by following the ‘U miliře’ sign

– Keep going all the way down to Devět Mlýnů and Šobes

– Follow the yellow trail to Sealsfiedův kámen

– Once you get there, let the view amaze you and leave you speechless (more in the next post)

– From Sealsfiedův kámen follow the yellow trail back to Znojmo.

Fyi, when you get back into Znojmo, you will find yourself by the dam, on the opposite side of the river to the one you were when you started the hike.

Outside Podmolí

Outside Lukov

 

17 Jul. SIDE B (aka second Podyjí visit)

(This itinerary is especially recommended if you aim to reach Vranov nad Dyjí, at the western end of the park. I did want to make it there, so I had to make sure I’d get to the western part of the park as quickly as I could.)

– From Hradistě follow the street sign to Masovice and keep to the road (Masovická, predictably enough)

– Bus ride from Masovice to Lukov (via Podmolí)

– From Lukov to Čižov through the forest

– From Čižov follow the bike trail to Vranov

– On the way, allow yourself the detour to Ledové sluje (the signs will show you the way)

– Then head back to the main trail, and you will get to Zadní Hamry

– Keep going, and… Vranov, at last.

Admittedly, the final bit I could have arranged better, but I didn’t think I’d actually make it to Vranov, and that’s why I didn’t focus too much on it.

I also meant to go to Hardegg Castle (on the Austrian side) before heading to Vranov or, at least, make it to the viewpoint overlooking the castle. As it happens, the viewpoint is fairly close to Čižov (around 2.5 km).

But then, you can’t have it all, and anyway I wasn’t sure how long it would take me to get back to Znojmo from Vranov (i.e. which, how many buses and when they left), so I had to make choices and rule spots out. Which also means that the next time I go back I will stick to the Austrian border as much as I can. (Incidentally, I can’t wait to go back.)

Outside Lukov

 

I don’t mean to diminish or lessen the breathtaking, hardly describable beauty of the landscape and nature around the park – which, in fact, is one of the main subjects of the next post.

But if there is one thing I truly enjoyed about the Podyjí visits is how ‘imperfect’ they were. I loved how the park itself repeatedly reminded me of how powerful and sublime nature can be, how it can scare you, at times, and make you feel utterly and completely lost (which you sometimes do get, because you pick the wrong signs – but that’s not the point here), only to present you with the perfect view when you least expect it.

Pod Šobesem

I loved that it reminded me of how nature demands and requires and deserves respect every step of the way, yet it also respects you in return, and sometimes even (literally) shows you the way, just when you thought you’d lost it – again.

More to follow…

Znojmo, Masovická


Brno 2017 (17/n). I due lati del Parco Nazionale Podyjí [1/2]

Prima parte. INFO TECNICHE

13/17 lug 2017. Mi sono imbattuta nel Parco Nazionale per puro caso, mentre cercavo una meta per la prossima escursione che avevo programmato. L’ho notato proprio di sfuggita sulla mappa, ma ho subito pensato che fosse più di una semplice area verde fra le tante della regione.

 

IL PARCO

Google e compagnia me l’hanno confermato: il Parco Nazionale ( in ceco) è uno dei quattro parchi nazionali della Repubblica Ceca. Si trova proprio all’estremo sud della Moravia del Sud, fra Znojmo e Vranov nad Dyjí, e confina con l’austriaco Parco Nazionale Thayatal.

Se tecnicamente si tratta di due parchi distinti, sulla mappa è difficile dire dove finisce l’uno e dove inizia l’altro: sembrano formare un solo, grande parco, tagliato in diagonale dal confine e dal fiume (‘Thaya’ in tedesco), che, guarda caso, ne costituisce anche uno degli elementi fondamentali.

Gli altri includono foreste, acquitrini, vaste pianure, colline rocciose e monumenti naturali, il tutto caratterizzato da innumerevoli variazioni sul tema e una flora e fauna assai varia e più unica che rara.

Ah, e fra l’altro, dei quattro parchi nazionali del paese il Podyjí è il più piccolo. Immaginate gli altri.

 

COME GIRARE IL PARCO (E DOVE SONO STATA)

Il parco è enorme (nonostante l’affermazione di cui sopra) e idealmente, secondo me, ci si dovrebbe andare almeno tre volte per poter dire di aver visto (quasi) tutto. Io ci sono stata due volte finora e i luoghi di interesse sul versante austriaco sono ancora sulla mia lista di ‘cose da vedere’.

Arrivare al Podyjí da Brno è veramente facile, né ci si mette molto, a patto che si abbia voglia di partire presto la mattina così da sfruttare al meglio tutto il giorno.

Dalla stazione dei bus prendete il bus 108 per Znojmo. Scendete a Znojmo (che è il capolinea) e, a quel punto, attraversate il centro fino alla chiesa di San Nicola. Da lì scendete verso il fiume Dyje.

Non attraversate il ponte sul fiume. Al contrario, girate a destra, tenendovi il Dyje sulla sinistra, e proseguite dritto. Passerete accanto al Centro Internazionale Informazioni e Servizi per il Tu-rismo a due ruote (Mezinárodní cycloturistické centrum služeb a informací v ČR). Già che ci siete, fateci un salto e procuratevi una mappa del parco. Il ragazzo del centro con cui ho parlato io sapeva un sacco di cose e mi ha dato dritte e indicazioni di ogni tipo su percorsi e servizi a dispo-sizione di ciclisti ed escursionisti.

Qualche metro più avanti, troverete finalmente i primi cartelli. Se seguite quello verde che punta verso ‘Hradistě’, arriverete direttamente in cima alla collina.

Ovvio, le possibilità di percorso sono infinite, per cui potete andare d’istinto e seguire il cartello che più vi ispira lì sul momento. I percorsi che mi sono ritrovata a seguire – e che sono alla portata di tutti – sono questi:

 

13 lug – LATO A (ovvero prima escursione)

– Il percorso verde da Hradistě a Kralův stolec

– Da Kralův stolec a Andělský mlýn

– Da Andělský mlýn a Podmolí (dove ci si può sedere in riva al laghetto – o al bar accanto al laghetto – per una sosta più che meritata)

– Per andare verso sud da Podmolí, seguite il cartello ‘U miliře’

– Proseguite sempre dritto fino a Devět Mlýnů a Šobes

– Seguite il cartello giallo per Sealsfiedův kámen

– Una volta arrivati lassù, prendetevi del tempo per restare senza parole davanti al paesaggio (vedi prossimo post)

– Da Sealsfiedův kámen seguite I cartelli gialli che vi riportano Znojmo.

Nota tecnica: il percorso giallo vi rirporta a Znojmo proprio dove c’è la diga. Sarete sul lato opposto del fiume rispetto a quello da cui eravate partiti.

 

17 lug. LATO B (ovvero seconda escursione)

(Questo percorso funziona soprattutto se da Znojmo si vuole raggiungere Vranov nad Dyjí, all’estremità occidentale del parco. Io ci tenevo abbastanza ad arrivarci, per cui ho dovuto fare in modo di spostarmi su quel lato del parco quanto prima.)

– Da Hradistě seguite I cartelli per Masovice e seguite la strada principale (prevedibilmente chiamata Masovická)

– Prendete il bus da Masovice a Lukov (passa per Podmolí)

– Andate da Lukov a Čižov attraverso il bosco

– Da Čižov seguite il sentiero ciclabile fino a Vranov

– Durante il percorso, permettetevi la deviazione fino a Ledové sluje (trovate I cartelli lungo la via)

– Poi tornate sul sentiero di prima e arrivate a Zadní Hamry

– Proseguite ancora e… finalmente, Vranov.

Ammetto che l’ultimo tratto di percorso avrei potuto pianificarlo un po’ meglio. Il fatto è che non pensavo sarei davvero arrivata a Vranov, per cui non mi ci sono soffermata più di tanto.

Prima di andare a Vranov volevo anche arrivare al castello di Hardegg (già sul versante austriaco) o, per lo meno, raggiungere il belvedere che si affaccia sul castello e non dista molto da Čižov (circa 2,5 km).

Purtroppo non si può fare tutto e, comunque, non sapevo quanto ci avrei messo a tornare da Vranov a Znojmo (leggi: quanti bus c’erano e quali erano gli orari), per cui ho dovuto scegliere ed e-scludere alcune tappe. Il che significa che la prossima volta che vado cercherò di stare il più possibile in zona Austria. (Ovviamente non vedo l’ora di tornarci).

 

Lungi da me l’idea di sminuire anche solo in minima parte l’autentica e spettacolare bellezza na-turale del parco – che, non a caso, è uno degli argomenti principali del prossimo post.

Se c’è una cosa che ho veramente apprezzato delle escursioni che ho fatto in giro per il Podyjí, è senza dubbio la loro ‘imperfezione’. Il parco mi ha veramente ricordato quanto potente e sublime possa essere la natura, quanto a volte possa spaventare e far sentire completamente persi (a volte perché ti perdi davvero, perché segui i cartelli sbagliati – ma non è questo il punto), salvo poi regalare il Paesaggio Perfetto quando meno te l’aspetti.

Il parco mi ha ricordato di quanto la natura richieda e meriti rispetto a ogni singolo passo, ma anche di come lei a sua volta rispetti te e, a volte, ti mostri perfino (letteralmente) la strada, proprio quando pensavi di esserti perso – di nuovo.

Continua…

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

11 + sixteen =