Brno 2017 (16/n). The Pálava Red Trail, aka vineyards and more

29 Jun 2017. I turned right into the tree-flanked road going downhill, and realised that was it. I’d walked/hiked all the 18ish kms of the Pálava Red Trail from Mikulov to Popice. I was tired beyond exhaustion, and I still didn’t know I’d have to find a way to make it back to Mikulov in time to board at least the 18.10 bus to Brno, the 17.10 one being already technically gone.

The road was beautiful, neatly lined with trees, wheat fields and cornfields stretching on opposite sides of the road as far as the eye could see.

I can quite positively say I’ve never seen as broad and seemingly borderless wheat fields as along the Red Trail. But then, the degree of amazement remained fairly high throughout the whole trail, and I would struggle more than a bit if I had to rate the sights I enjoyed and the countless views I took photos of during the day.

It all started around 10 o’clock in the morning, when I got off bus 105 outside Mikulov train station. I was still moderately sleepy from the nap I’d taken on the bus, and rather lost as to where I could find some proper information on the trail or, possibly, the city centre altogether.

‘Thanks’ to my phone’s crappy Internet signal, I couldn’t download the screenshots of the Mikulov area I’d made the day before, so I was rather clueless as to which direction I should pick, when leaving the train station. Thankfully, all streets in Mikulov seem to take to the city centre, so finding my way and getting hold of actual maps (one of them being the very map I’d carefully – and pointlessly, with hindsight – screenshot the day before) turned out to be easier than expected.

I want to go everywhere, was my instinctive reaction when I sat on a bench outside the info centre and precariously unfolded the map on my legs to mark some key spots I couldn’t miss out on.

Mikulov looked lovely, the street leading up to the main square flanked by polished, brightly coloured buildings, each erected in its own style and colour scale.

I had a (quick) look around, then I decidedly headed for the first point of interest on my list, Svatý kopeček (Holy Hill).

Svatý kopeček is exactly what the name suggests, i.e. a hill in the most elementary meaning of the word. From the square it looks like the hills you would draw as a child, green and ‘panettone-shaped’ with buildings precariously standing on its slopes in defiance of any gravity law. In one word, a ‘Peppa-Pig-style’ hill.

The hill is scattered with tiny little chapels depicting sculpture scenes from the Calvary, while at the very top stands the chapel of Saint Sebastian in all its whiteness.

I did not ascend the hill for religious purposes. In fact, I was aiming for the view, which does make the ascent worth the effort. From the top Mikulov looks like a blanket of red roof tiles casually draped over the white buildings lying underneath.

The pale sun filtering through the clouds turned the air pearly, almost silver-white. It looked perfect.

 

I soon grew to realise that by my very own standards of solo hiking, there were far too many people around, so I quickly resolved to leave Mikulov centre and follow the Red Trail from the map. Which, as it happens, is actually very easy, even though you’re only vaguely familiar with its numerous landmarks. Which, as it happens, are almost evenly distributed along the way.

From Svatý kopeček I followed the signs pointing to the ‘Na Turoldu’ caves. At first I thought I’d visit them, but then I thought better of it, not because it wouldn’t be worth, but because I had no clue how long the visit would take, and my actual priority was to make it as far as I could down the trail.

From the caves the red signs take you up a seemingly ordinary, average narrow trail. For a good half an hour (or was it longer?) the standard landscape invariably consists of trees on the right and vineyards on the left.

(Note to self no. 1: A couple of days earlier, a colleague and friend had warned me there would be a lot of wine/vineyards involved in the Mikulov/Pálava area, so when I first saw the vineyards, I naively assumed that was pretty much the extent of it, and I was in fact looking at a broad expanse of vineyards. LOL.)

Then, unexpectedly, a road cuts off the trail. The trail ends without warning, just like that, with dry earth turning into asphalt. No fear, though: you will soon notice the odd red sign here and there, instructing you on how to turn left and just follow the main road.

First, allow yourself a few minutes to take in the huge amount of nature you happen to be surrounded by, i.e. vineyards, meadows and wheat fields. That’s it.

(Note to self no. 2: Hey, more vineyards! There really is a lot of them!)

I was truly mesmerised by everything, equally struck by the light (as bright as sunlight can get on a gloriously windy summer day, i.e. VERY bright) and belittled by the 360-degree view.

The hill slopes depicted a perfectly two-toned landscape, where the green of the grass and the trees was neatly juxtaposed to the yellow of the wheat fields. And I’m talking about a perfect juxtaposition: no smears, not the tiniest.

Speaking of which, I could write a whole paper about wheat fields, and I’d still have something left to add on the subject.

First of all, they are the colour of gold. When it’s sunny, the spikes are all shiny and glossy, but wait for the sky to cloud over even by the tiniest bit, and they all go pale and opaque, as if seen through a filter.

Second, a wheat field does look like the sea from above. Not long after I started following the road, I glimpsed a lonesome protruding rock on the opposite side of the road. As I crossed over, I realised I’d reached Kočíčí skála (Cat Stone), i.e. one of the Red Trail spots I’d labelled as ‘to see’.

I climbed the low rock, sat on its top and stared at the wheat fields below like transfixed. A strong wind blew, and the spikes were casually floating about, making the field all wavy and shaky. They looked weightless and much softer than the scratchy feel you actually get when you brush your palm across the field surface.

Third, they make a rustling noise, kind of like a whisper, but one that grows louder as the wind blows harder. While I was around Pálava, the wind blew hard the whole time.

Shortly after Kočíčí skála, my phone lost its already precarious Internet signal. I was disconnected, it said, and if I wanted to be reconnected, I was going to have to pay some extra fees or whatever. Right then and there I felt I didn’t care enough anyway, and turned off Internet altogether. Sometimes being disconnected is the only way, and it feels good.

Soon after that, the ascent to Stolová hora (Table Mountain) began.

Stolová hora turned out to be one of my favourite spots along the Red Trail.

Blame it on the (extremely fortunate) series of coincidences that contributed to The Perfect View, namely:

the high, yellowish grass covering the slope (the Pálava area appears to be one of the driest in the whole of the Czech Republic),

the horses I bumped into along the trail – I attempted some first contact with them, but they were too busy grazing and chilling in their fenced area on the hilltop to care,

a bit further on, the ruins of Sirotči hrad (Orphan Castle), peeking through the trees.

Also blame it on the sky, all scattered with white, shapeless clouds, made fluffier by the wind. Clouds are so beautiful. I like how they bring out the actual spaciousness of the sky, the opposite of ‘the flat hostile blue of a midsummer sky in bright sunlight, a blue that shuts you out’, as Margaret Atwood would put it. Blue sky is nice, but clouds make it nicer.

I couldn’t tell how far I’d made it along the trail, so I resolved to keep going, reach the ‘lake’ and only then eat my sandwich, while evaluating my hiking options. (Of course there was a lake! Technically it was more like a reservoir, flowing out of and into the Dyje river, but from the hilltop it did look like a lake.)

I walked across more vineyards, up what turned out to be the steepest stretch of the trail (though the sea of trees seen from above was priceless) and, finally, to the ruins of Dívčí hrad.

(Note to self no. 3: Look, more vineyards! On a side note, let me just say how very photogenic they are.)

The castle is loftily perched on the rocky top of the hill like it owns the place. But then, everybody deviates from the main path to walk the short stretch leading up to the castle, so I reckon its loftiness is somewhat justified.

Plus, the ruins are beautifully evocative and, though almost toppled over by the wild-wind-if-not-dust-storm blowing hard, I couldn’t help wondering what the castle looked like in the old days.

As I trotted downhill, through the woods and toward Dolní Věstonice (where the reservoir was), I was briefly entertained by two middle-aged Czech women, who gravely warned me that a tree had just fallen right across the path. I realised I’d just heard a loud, clicking noise myself, so I put two and two together and figured the noise must have been the tree falling over.

My attempts at replying that I’d carefully dodge the trunk lying on the earthy ground, were either unclear or ignored altogether. In fact, they were met by additional remarks on the fallen tree (‘Spadl strom! Spadl strom!’), matched with pointing and gesturing toward said tree.

I wanted to say again the message was clear, but I feared there would be more pointing and gesturing, and I hoped I could reach the ‘lake’ before more trees fell over, so I enthusiastically thanked the women and left.

I briskly paced downhill and quickly made it to Dolní Věstonice. Then I had this memorable Forrest-Gump-like moment, where ‘I figured, since I’ve gone this far, I might as well’ cross the bridge. So I crossed the bridge.

All the way to the other side I kind of struggled to even stand, so hard the wind was blowing. The view, though, was quite something, what with the creased water surface, the ever-changing sky and the castle ruins still visible in the distance.

Then, at the very end of the bridge, I entered the tiny village of Strachotín. As I walked down the main road, I heard a trumpet playing and noticed a church on the right-hand side of the street. ‘Niice, there’s a band playing, how cool!, I thought, only to realise a funeral was just about to start, and the music must have been some (particularly lively by the sound of it, tbh) march. I put on a grave face and silently walked on, while fumbling in my bag for my sandwich.

A bunch of kilometres of fields and vineyards separate Strachotín from Popice, the ‘finish line’ of the Red Trail.

Shortly before getting there, I walked along a perfect stretch of vineyards (duuh) and past a kind of wooden bench-monument supposedly resembling a match, but in fact suspiciously phallic-shaped (but then again, it’s the Brno area, no surprises here). That’s when I turned right into the tree-flanked road I mentioned above, and I was there.

Popice looked surprisingly deserted and signless, which obviously didn’t help when my clueless self had to figure out how to get back to Mikulov. The train station was empty (but thank you Bobby for checking out train times from afar), and the one bus stop I came across only showed unfamiliar place names.

After asking twice (to the only two people I found along the way), I reached a (deserted) bus stop near the fields, and patiently waited a good 40 minutes for the (only) bus to Mikulov. So I made it back in time to board my 18.10 bus to Brno.

As I sat on the bus and recollected random bits of the hike, I thought how funny time is, and how eight hours can feel like a week-long day. Because that was how I felt, and morning felt like it had happened ages before.

And I also thought about butterflies, and the countless pairs of colourful flapping wings I’d glimpsed and spotted and photographed along the way.

I’m aware that so far I’ve only hiked a small portion of the overall Pálava area. However, if the Red Trail is to give an idea of the landscape standards of the region, I have to say that my expectations have rarely been this high.


Brno 2017 (16/n). Il percorso rosso di Pálava, ovvero vigneti e altro

29 giu 2017. Ho girato a destra nel vialetto alberato in discesa e ho capito che ero arrivata. Avevo percorso i (circa) 18 km del percorso rosso di Pálava, da Mikulov a Popice. Ero distrutta e ancora non sapevo che avrei dovuto trovare un mezzo per tornare a Mikulov in tempo per prendere almeno il bus delle 18.10 per Brno, visto che quello delle 17.10 tecnicamente era ormai andato.

La strada era bellissima, incorniciata dagli alberi, mentre ai lati si vedevano solo campi di spighe di grano e granturco senza fine.

Credo di poter dire con certezza di non aver mai visto campi di grano così infiniti come lungo il sentiero di Pálava. Che poi, il grado di meraviglia si mantiene su livelli piuttosto alti su tutto il percorso e farei non poca fatica a fare una classifica dei posti che mi sono piaciuti di più, fra tutti quelli che ho visto e fotografato nell’arco della giornata.

 

Tutto è iniziato verso le dieci del mattino, quando sono scesa dal bus 105 proprio davanti alla stazione di Mikulov. Ero ancora piuttosto assonnata (perché mi ero addormentata sul bus) e non sapevo dove e come trovare informazioni dettagliate sui percorsi escursionistici o, per dire, magari il centro della stessa Mikulov.

‘Grazie’ alla misera connessione del mio telefono, non ero riuscita a scaricare gli screenshot della mappa della zona che avevo preparato il giorno prima, né sapevo che direzione prendere dalla stazione.

Per fortuna, tutte le strade di Mikulov sembrano portare in centro, per cui capire dove andare e a procurarmi mappe degne di questo nome (una, fra l’altro, quella che avevo accuratamente – e, col senno di poi, per niente – fotografato il giorno prima) è stato anche più facile del previsto.

Voglio andare ovunque, è stato il mio primo pensiero quando mi sono seduta sulla panchina fuori dal centro informazioni e ho precariamente appoggiato la mappa sulle gambe per segnare i posti che volevo vedere.

Mikulov è deliziosa: la strada che porta alla piazzetta centrale è fiancheggiata da edifici colorati e curatissimi, ognuno costruito secondo stile e scala cromatica unici.

Ho dato un’occhiata (rapida) in giro e poi sono andata dritta verso la mia prima meta: Svatý kopeček (Collina Santa).

Svatý kopeček è esattamente quello che il nome suggerisce: una collina nell’accezione più elementare del termine. Dalla piazza sembra la classica collina che uno disegna da bambino, verde e a forma di panettone, con edifici in precario equilibrio su tutto il pendio, alla faccia della gravità. Tipo le colline di Peppa Pig, per intenderci.

Lungo il percorso che porta in cima sono distribuite piccole cappelle con scene scultoree del Calvario, mentre in cima si trova la bianchissima cappella di San Sebastiano.

Non avevo motivi religiosi per arrivare in cima. Il mio obiettivo era il panorama, che, devo dire, vale la salita. Da su Mikulov sembra una trapunta di tegole rosse drappeggiata senza rigore sugli edifici bianchi sottostanti. C’era un sole pallido che filtrava attraverso le nuvole e rendeva l’aria quasi perlata, argentata. Era perfetto.

Mi sono ben presto resa conto che, per i miei standard di gite in solitaria, c’erano anche troppe persone lì intorno, così ho deciso di lasciare Mikulov e seguire il sentiero rosso della mappa. Che, fra l’altro, è molto facile, anche se uno ne conosce a malapena i punti di interesse. Che, fra l’altro, sembrano distribuiti lungo il percorso a intervalli quasi regolari.

 

Da Svatý kopeček ho seguito i cartelli per le grotte ‘Na Turoldu’. All’inizio volevo anche visitarle, ma poi ci ho ripensato, non perché non ne sarebbe valsa la pena, ma perché non sapevo quanto ci avrei messo e la mia priorità era arrivare il più lontano possibile lungo il percorso.

Dalle grotte i cartelli portano su per un sentiero stretto e apparentemente abbastanza ordinario. Per una buona mezz’ora (o di più?) il paesaggio di riferimento include unicamente alberi sulla destra e vigneti sulla sinistra.

(Nota personale n. 1: Un paio di giorni prima un collega e amico mi aveva anticipato che avrei trovato un bel po’ di vino/vigneti nella zona di Mikulov/Pálava, per cui, quando ho trovato i primi vigneti, ho pensato che bene o male avessi visto quello che c’era da vedere e che quella che avevo davanti fosse un’ampia distesa. LOL.)

Poi, all’improvviso, una strada taglia il sentiero. Questo finisce senza preavviso, così, dallo sterrato all’asfalto. Niente paura, però: noterete ben presto qua e là i rettangolini rossi che vi dicono che dovete girare a sinistra e seguire la strada.

Prima, prendetevi un attimo per realizzare l’effettiva quantità di natura che vi circonda: vigneti, prati e campi di grano. E basta.

(Nota personale n. 2: Altri vigneti! Quanti ce ne sono!)

Ero veramente estasiata da tutto, sia dalla luce (abbagliante quanto può esserlo il sole d’estate in una giornata di vento, ovvero MOLTO abbagliante!) sia dalla vista a 360 gradi, di quelle che ti fanno sentire piccolo così.

Le colline disegnavano una bicromia perfetta nel paesaggio, in cui il verde dei prati e degli alberi era perfettamente accostato al giallo dei campi di frumento. E intendo proprio ‘perfettamente’, perché non c’era una sola sbavatura.

Che poi, sui campi di grano potrei scriverci un papiro e ancora avrei qualcosa da dire sull’argomento.

Innanzitutto, sono davvero del colore dell’oro. Quando c’è il sole, le spighe sono tutte lucide e brillanti, ma appena appena arriva una nuvola, diventano tutte pallide e opache, come viste attraverso un filtro.

Poi, un campo di grano visto dall’alto sembra veramente il mare. A un certo punto, mentre seguivo la strada, ho intravisto una roccia sporgente lì sul ciglio de campo, dall’altra parte della strada. Mentre attraversavo, ho capito di aver raggiunto Kočíčí skála (Roccia del Gatto), uno dei punti del percorso che avevo segnato sulla mappa.

Sono salita sulla roccia, mi sono seduta in cima e sono stata lì a guardare i campi di sotto, ipnotizzata. Il vento era forte e le spighe si muovevano a caso, disegnando vere e proprie onde. Sembravano così leggere e soffici, più della ruvida sensazione che si ha sfiorando la superficie del campo con il palmo della mano.

E ancora, il rumore che fanno è simile a un fruscio: sembra un sussurro, ma diventa fortissimo quando aumenta il vento. mentre ero a Pálava, il vento non è mai calato.

Poco oltre Kočíčí skála, il mio telefono ha perso anche il poco Internet che già aveva. Ero disconnessa, mi ha detto, e se volevo essere riconnessa rischiavo di pagare tariffe extra, o qualcosa così. Ho deciso che lì sul momento non me ne fregava abbastanza, così ho spento del tutto Internet. A volte bisogna proprio disconnettersi e si sta bene così.

 

Poco più in là è iniziata la salita verso Stolová hora (Montagna del/a Tavolo).

Stolová hora si è rivelata essere uno dei miei punti preferiti lungo il percorso.

Sarà per via della (assai fortunata) serie di coincidenze che hanno portato alla Vista Perfetta, ovvero:

l’erba alta che colorava la collina di giallo scuro (pare che la zona di Pálava sia una delle più a-ride dell’intera Repubblica Ceca),

i cavalli che ho trovato sul sentiero – ho anche cercato di costruire un dialogo, ma erano troppo presi a mangiare l’erba nella loro area cintata perché mi notassero,

poco più avanti, le rovine di Sirotči hrad (Castello dell’Orfano).

Sarà per via del cielo, solcato qua e là da nuvole bianche e informi, rese ancora più soffici dal vento. Che belle le nuvole. Mi piace il modo in cui fanno vedere la profondità del cielo, al contrario dell’‘ostile azzurro piatto di un cielo di metà estate in piena luce, un azzurro che respinge’, come direbbe Margaret Atwood. Il cielo azzurro è bello, ma con le nuvole è più bello.

Non so quanto fossi arrivata in là lungo il percorso, così ho deciso di proseguire, arrivare al ‘lago’ e, lì, mangiare e considerare le mie opzioni di escursione. (Ovvio che c’è di mezzo anche un lago! Tecnicamente era più un bacino che si apriva lungo il corso del fiume Dyje, ma dalla cima della collina sembrava davvero un lago.)

Sono quindi passata per altri vigneti, quello che si è rivelato essere il tratto più ripido del sentiero (anche se il mare di verde visto dall’alto vale la salita), finché ho raggiunto le rovine di Dívčí hrad.

(Nota personale n. 3: Vigneti, ancora! Fra l’altro, mi preme far notare quanto siano fotogenici.)

Il castello è abbarbicato sulla cima rocciosa della collina, come se ci fosse solo lui. È pur vero che deviano tutti dal sentiero principale per arrivare fin lassù, quindi non ha tutti i torti a fare l’‘esclusivo’ a tutti i costi.

Le rovine, poi, sono super evocative e, per quanto avvolta e travolta dal vento-quasi-tempesta-di-sabbia che soffiava, mi sono più volte chiesta come doveva essere quando il castello era ancora in piedi.

 

Mentre tornavo giù, attraverso il bosco e verso Dolní Věstonice (dove c’era appunto il ‘lago’), mi hanno fermato due signore ceche di mezza età, che mi hanno solennemente avvertito che un albero era appena caduto proprio sul sentiero. In effetti, poco prima avevo sentito un rumore sordo e netto, per cui lì per lì ho dedotto che fosse appunto l’albero che cascava.

Ho cercato di fargli capire che avrei accuratamente evitato il tronco che giaceva sul sentiero, ma o mi sono spiegata male io o mi hanno ignorata loro. Sì, perché in tutta risposta mi hanno ripetuto più volte che l’albero era appena caduto (‘Spadl strom! Spadl strom!’), gesticolando e indicando vigorosamente il suddetto albero poco distante.

Volevo rispondere che avevo capito, ma temevo che, se l’avessi fatto, ci sarebbe stato altro indicare e gesticolare e speravo di arrivare al ‘lago’ prima che di alberi ne cadessero altri. Così le ho ringraziate entusiasta e sono andata.

Ho allungato il passo e sono arrivata a Dolní Věstonice. Poi ho avuto questo momento da Forrest Gump, tipo che ‘visto che sono arrivata fino a qui, tanto vale che’ attraversi anche il ponte. Così l’ho attraversato.

Lungo il ponte il vento era talmente forte che facevo quasi fatica a stare in piedi. La vista, però, era veramente sublime, con l’acqua tutta increspata, le nuvole veloci e le rovine del castello ancora visibili in lontananza.

Alla fine del ponte, mi sono ritrovata a Strachotín. Mentre proseguivo lungo la strada principale del paesino, ho sentito la melodia di una tromba e ho visto una chiesa sulla destra. ‘Che bello, c’è la banda che suona!’, ho pensato, salvo poi realizzare che stava per iniziare un funerale, quindi la musica era probabilmente una (obiettivamente vivace, a giudicare dal tono) marcia funebre. Ho assunto un’espressione seria e sono andata, cercando di pescare il panino dallo zaino.

Qualche chilometro di campi e vigneti separa Strachotín da Popice, punto di arrivo del percorso rosso.

Poco prima di arrivarci, ho attraversato una distesa di vigneti (ovviamente) e sono passata accanto a una specie di panca-monumento in legno, tecnicamente a forma di fiammifero ma in realtà alquanto fallica (che poi, siamo in zona Brno, di cosa mi stupisco). Lì è quando ho girato nel vialetto di cui dicevo all’inizio e ho capito di essere arrivata.

Popice era incredibilmente deserta e non c’erano cartelli utili. Molto comodo, soprattutto visto che dovevo capire come tornare a Mikulov e non sapevo da dove cominciare. La stazione dei treni era vuota (ma grazie Bobby per aver guardato gli orari dei treni da lontano) e l’unica fermata del bus che ho trovato mostrava solo nomi sconosciuti.

Dopo aver chiesto due volte (alle uniche due persone in cui mi sono imbattuta), ho raggiunto una fermata del bus (deserta) vicino ai campi, dove 40 minuti dopo è arrivato un bus per Mikulov. L’unico che passa di lì. Così sono riuscita a prendere il bus per Brno delle 18.10.

 

Seduta in bus, ho ripensato al giro appena fatto e ho pensato che il tempo è buffo e a volte una giornata sembra lunga quanto una settimana. Perché mi sembrava proprio così, e quel mattino mi sembrava lontano anni luce.

E ho pensato alle farfalle e a quante paia di ali colorate avevo visto, intravisto e fotografato sulla via.

Lo so, ho visto e girato solo una piccola parte della zona di Pálava. Se però il percorso rosso dà effettivamente un’idea della natura e dei paesaggi nella regione, devo dire che poche volte le mie aspettative sono state così alte.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

19 + eleven =