Brno 2017 (15/n). From B(rno) to Z(nojmo)

[Italian version below]

24 Jun 2017. Once upon a time I had a Saturday off work (‘It’s maaagic!’, I know!), and I thought it would be super cool (and hugely mainstream) to go on a day trip somewhere outside Brno. So we (Bobby and I) shortlisted a number of potentially ideal places of interest (cities, towns and villages) close to (or not too far from) Brno, and… Znojmo happened.

There was the (tiny) city centre, which all gravitates toward the main square, a kind of rectangle whole long sides are lined with colourful buildings as neatly ordered as boxes aligned on a kitchen shelf. To the end of the square you will find the ‘Dyje’ shopping centre (Obchodní dům) and, most importantly, the City Hall tower (Radniční věž), whose funny-shaped top can easily be glimpsed from any side street in the area.

There was the bundle of tiny alleys leading up to St. Nicholas Church (Chrám svatého Mikuláše), all cobblestones, coloured walls and old, evocative shop signs.

There was St. Nicolas square itself, where a truly spectacular view opened up before our eyes, revealing green hills randomly scattered with sparse houses and gardens, a unique bird’s eye view over Znojmo’s red-tiled roofs, and the Dyje river, a strip of intense blue in a sea of green.

From St. Nicolas square you can (and must) walk all the way to the Rotunda of St. Catherine (Rotunda svaté Kateřiny). The (predictably) round-shaped building is, as we learned, the city’s key monument, renowned for the Romanesque style of its own architecture and the unique fresco it features. Which fresco we didn’t see anyway because the Rotunda was under restoration.

The weather greatly contributed to the perfect city portrait. Everything was flooded by sunlight, so much so that stones, walls and tiles lying in the sun felt boiling hot and looked blinding white. It was almost Mediterranean. As pretty and beautiful as it could get.

 


 

Brno 2017 (15/n). Da(lla) B(rno) a(lla) Z(nojmo)

24 giu 2017. C’era una volta quel sabato che non dovevo lavorare (‘It’s maaagic!’, direbbero i Queen, lo so) e ho pensato sarebbe stato super bello (e super mainstream) fare una gita in giornata da qualche parte fuori Brno. Così, insieme a Bobby ho fatto una lista di potenziali mete interessanti (fra paeselli, cittadine e città) vicine a (o non troppo lontane da) Brno e… eccoci a Znojmo.

C’era il centro città, piccolo e tutto raccolto intorno alla piazza principale, una specie di rettangolo sui cui lati lunghi sono allineati edifici di vari colori, quasi come scatole in fila su uno scaffale della cucina. Sul fondo della piazza ci sono invece il centro commerciale ‘Dyje’ (Obchodní dům) e, soprattutto, la torre del Municipio (Radniční věž), con il suo tetto buffo e visibile da quasi tutte le strade e stradine lì intorno.

C’era il groviglio di vialetti che portano alla chiesa di San Nicola (Chrám svatého Mikuláše), tutti ciottoli, muri colorati e vecchie ed evocative insegne.

C’era la stessa piazza di San Nicola, dove ci si è aperto davanti un panorama veramente spettacolare, fatto di colline verdi disseminate di casette e giardini, una vista perfetta sui tetti rossi della città e il fiume Dyje, una striscia blu in un mare di verde.

Dalla piazza si può (e deve) poi fare la passeggiata fino alla Rotonda di Santa Caterina (Rotunda svaté Kateřiny). L’edificio, di forma (prevedibilmente) cilindrica, è il più importante di Znojmo, noto sia per lo stile romanico della sua architettura sia per il pregevole affresco che si trova al suo interno. Noi, a ogni modo, non l’abbiamo visto perché la Rotonda era in restauro e, quindi, chiusa al pubblico.

Il meteo ha contribuito non poco a fare il ritratto perfetto della città. Tutto era inondato di luce, tanto che pietre, muri e piastrelle esposte al sole erano bollenti al tatto e abbaglianti alla vista. Era quasi mediterraneo. Veramente credo non potesse essere più bello di così.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

twenty − nineteen =