Brno 2017 (14/n). Babí Lom 2.0 and the long walk back to Brno

23 May 2017. What I like about this post is that it was born in real time, right where and when the events described occurred. In fact, throughout the day, while out and about at Babí Lom, I Facebook-messaged myself multiple times, telling myself (I wasn’t typing, I was literally recording messages to myself) random things I noticed along the way, and things I wanted to write about and dwell on at a later stage. So, because it all happened in real time, I’ll be writing about it accordingly, i.e. not recounting the events as they unfolded in the past, but as I’d have written about them while they were taking place. Because it makes sense, that’s why.

It’s fair to say that I’m not one of those people that tend to go back to the same place multiple times, at least not on a regular basis. Every rule has its own exceptions, though, and I suspected that Babí Lom might be one of these. So here I am, back in Lelekovice, to prove (or deny) my point.

Ten minutes up the main trail (the one going uphill, which I walked up last time as well), and I’m already amazed by the extent to which the landscape and the forest have changed since March. Any trace of wintery look is gone, replaced by the brightest shade of green. The trees are now so thick with leaves that two thirds of the trail are shady, almost enveloped in semi-darkness.

I reach the junction where, if you turn left, you go for the hilltop. This time, though, I keep to the main path, and finally get to see the ‘chata’, i.e. the tree house. I missed out on it the first time, but I know it’s a popular sight around Babí Lom, and I’m curious to see it myself. The house is just off the main trail, literally in the middle of the woods, yet it stands out (once you’ve spotted it), because its light wood is the starkest contrast to the dark brown of the tree trunks in the surroundings.

I head back to the trail and I do make my way to the hilltop now, while rumbling sounds in the distance announce an impending storm. I’m just about to wonder how it can possibly be thundering, being the sun high and warm, but I quickly dismiss the thought. Are you seriously going to be surprised if you are out hiking and it rains? Are you? (Clue: the answer is ‘LOL nope’.)

This stretch of trail is potentially one of my favourite, because it’s pine trees everywhere and, pine trees being one of my favourite trees, well, you can easily draw your own conclusions, right? It’s all shady, and it actually smells like pine trees all over the place. It does speak for itself.

As soon as I reach the hilltop, instead of heading straight for the watchtower, I decidedly turn right. I reach what looks like a crafty but impressive staircase made with rocks, which leads up to the very top of Babí Lom. Wow! The treetops make it impossible to enjoy the view, but it still feels cool to be here. Plus, the scenographic impact of the rocky, Indiana-Jones-like steps in the wild is matched by the marble plaque placed on one of the rocks, which commemorates ‘the founders of the tourist facilities around Babí Lom’ (‘zakladateli turistických zařizení na Babím Lomě‘), Carl Ripka amongst them.

Oh and obviously that is when it starts raining. At first it’s only a few raindrops, then it’s drizzle, and then it’s actual and proper rain. I pace up as I make my way back to the main trail, now heading straight for the watchtower. A few minutes, and the rain stops. A few minutes, and it resumes. I’m standing on a flat, rocky spot when I stop and think. Suddenly I realise I’m wearing my usual green raincoat (which I’ve been wearing for six years now), and it feels exactly like two and a half months ago, when I first went to Babí Lom, and I was hiking this very stretch of rocks when it started raining hard.

It only lasts for a second, though, because as I look around, everything is so, so much greener than it looked back then. There are flowers blossoming on tree branches all around, and the smell of flowers and moss fills the air, and it’s nothing like it was in March.

And I look at the view, and it’s as amazing as I remembered it, if not more. Except, the hills are now covered with broad patches of yellow, i.e. the fields of rapeseed. They look like stickers cut out and stuck against hill slopes that would otherwise be green and green ‘only’ (if green counts as ordinary in this case). Funny how a place can be the same yet look so utterly different, depending on the season.

To add to the picture, there is no one in sight, not a single person. The only sounds I hear are the leaves rustling in the wind and the raindrops drumming against my hood. So I’m just here, standing still on a rock, my eyes tirelessly roaming in all directions to make sure they don’t miss out on anything. And, really, the smell of rain remains, as always, one of the most pleasant.

I remember how, when I wrote about the Curonian Spit in Lithuania, I said that it makes for a ‘multisensory experience’. Well, I can positively say that today’s hike around Babí Lom has been very much like that so far. Also, regardless of any other hikes I might go on around Moravia (which I hope there will be a long list of, at some point), Babí Lom will always be one of my favourite places. It’s grown into a friendly, familiar place, and it’s the first hiking area I’ve gone back to after hiking there for the first time.

The turning point in my second Babí Lom hike occurs between one and two o’clock (I’m sorry I can’t give a more accurate time reference here), when, back at the main trail ‘crossroads’, I follow the ‘Brno-Řečkovice – 16.5km’ sign that points downhill. I’m going back to Brno on foot, I think to myself. I’m walking back to Brno. Yes, you’re walking back to Brno, a tiny voice replies. You don’t know what you’re doing, but it’s cool in its own way, the tiny voice continues. It’s too late to change my mind, anyway, and despite more rumbling sounds in the distance mean that there will soon be more rain. I’m walking back to Brno, how exciting is that?

For a good hour or so I kind of know where I’m going. I mean, it’s all woods, pine forest and regular signs, which make me increasingly confident about the trail I’ve chosen. Then, suddenly, the trail is gone, the sky overcast, and I’m walking along what look like boundless fields of rapeseed. Seriously, wow.

After some more woods, I find myself walking on the edge of a road flanked by the greenest fields. Except, cars are racing past and I’m hoping I will be spared. Soon after that, I’m strolling down Tišnovská, which kind of makes me doubtful as to whether I’m heading back to Brno or I’m actually going to Tišnov instead – which name does ring a bell, as a couple of colleagues of mine are from Tišnov, so if I do end up there I know who to call to ask for directions.

But no, here I am, walking past Kuřim train station (and where is Kuřim anyway??), and then crossing through a couple of tiny little villages (one is Moravské Knínice, and of the other I shamelessly cannot remember the name). I ascend another hill, which provides more breathtaking views (plus the sky is now clearing up), and then I’m suddenly in the pine forest again. The ground is muddy, but beautifully dark because of the fresh rain, and the sun peeking through makes the earth glisten beneath my feet.

I’ve no idea where I am, I haven’t spotted a sign in a while, and my phone has a low battery and no signal. It’s already 4 o’clock.

Luckily enough, I do come across more trail signs at some point, and learn that Řečkovice is 6 km away. These 6 km, as it turns out, consist entirely of the following:
– more stretches of forest thick with trees whose leaves are still heavy with raindrops;
– more green fields and green hills which seem to match perfectly the now mostly blue sky only partially covered by harmless, fluffy white clouds;
– well, that’s basically it, apart from the odd variation on the theme.

One minute I’m surrounded by trees so tall I can barely glimpse the sky above my head, and the next I feel like I’m walking through some large-scale Windows desktop theme whose colours are too bright to be real. Except, everything is.

I wish I had someone to share the view with, yet I’m selfishly content with savouring the unspoilt nature and silence all by myself.

It takes me a (long) while, but I eventually do manage to reach the Řečkovice tram stop. I guess I’m mildly knackered, half soaked and half sunburnt, and excited beyond words. But my Mum rings me up as I’m waiting for the tram, and I help her solve a geometry problem my 11-year-old niece is struggling with, so it can’t be that bad, can’t it?

Sitting in the tram, as I head back to Mendlovo, I recollect the events from the previous eight hours: the trail uphill, the treehouse (finally!), the actual top of Babí Lom, the watchtower (2.0), the 16.5km-sign, the forest, the yellow fields, Kuřim, Tišnovská, Moravské Knínice, the second forest, the Veverská Bítýška and Jinačovice signs, Velká Baba (yet another forest, yes) and then, unbelievably, Řečkovice. After hiking and walking a non-specific amount of km (most of which not having a clue as to where the trail would take me), I can quite positively say that my attempt to prove that Babí Lom was an exception to my rule has worked out pretty well.


Brno 2017 (14/n). Babí Lom 2.0 e come tornare a Brno a piedi

23 mag 2017. Di questo post mi piace che è nato in tempo reale, proprio dove e mentre si stavano svolgendo gli eventi di cui parlo. Durante la giornata, infatti, mentre vagavo per Babí Lom, mi sono mandata più e più messaggi su Facebook, commentando (proprio a voce, ho registrato dei messaggi vocali nella conversazione che ho con me stessa) cose che notavo e cose di cui volevo scrivere e su cui volevo soffermarmi più a lungo. Quindi, visto che tutto è iniziato in tempo reale, ho deciso di scriverne nello stesso modo, ovvero non parlando degli eventi come si sono svolti nel passato, ma come se li avessi effettivamente raccontati mentre succedevano. Perché ha senso, ecco perché.

 Allora, non mi considero una di quelle persone che tendono a tornare nello stesso posto un sacco di volte, per lo meno non sempre. È pur vero che ogni regola ha le sue eccezioni e sospettavo che Babí Lom fosse una di quelle. E così (ri)eccomi di nuovo a Lelekovice, per vedere di confermare (o smentire) la mia intuizione.

Sono dieci minuti che cammino lungo il sentiero principale (quello in salita, lo stesso dell’altra volta) e già mi stupisco per quanto il paesaggio e la foresta sono cambiati rispetto a marzo. Qualsiasi traccia di inverno è sparita e al suo posto c’è il verde più brillante di sempre. Gli alberi sono talmente carichi di foglie che il sentiero è per due terzi all’ombra, praticamente al buio.

Arrivo all’incrocio dove, svoltando a sinistra, si va verso la cima della collina. Stavolta, però, resto sul sentiero principale e finalmente riesco a vedere la ‘chata’, ovvero la casa sull’albero. Me l’ero persa la prima volta, ma so che è un punto di interesse noto in zona Babí Lom e sono curiosa. La casa è proprio appena giù dal sentiero, letteralmente in mezzo agli alberi, ma (una volta che uno la trova) non si può non notarla, perché il suo legno chiaro contrasta un sacco con il marrone scuro dei tronchi che la circondano.

Torno sul sentiero di prima ed effettivamente vado verso la cima della collina, mentre strani rumori in lontananza fanno pensare a un imminente temporale. Sto giusto per chiedermi come possa mai tuonare, visto che il sole è alto e caldo, ma poi ovviamente smetto subito. Seriamente ti stupisci se piove mentre sei in giro per boschi? Seriamente? (Indizio: la risposta è ‘nooo!’)

Questo tratto di sentiero è potenzialmente fra i miei preferiti, perché è pieno di pini e i pini sono fra i miei alberi preferiti. Facile. È tutto in ombra, e anche l’aria profuma di pini. Che dire.

Giunta in cima, anziché andare dritta verso la torre, vado decisa a destra. Raggiungo tipo delle scale di pietra, ‘artigianali’ ma molto suggestive, che portano proprio sulla cima di Babí Lom. Sììì! Gli alberi bloccano completamente l’accesso al paesaggio, ma è bello lo stesso essere qui. E poi, l’impatto delle scale di pietra tipo Indiana Jones fa la sua scena, a cui contribuisce la lastra in marmo incassata in uno dei blocchi di roccia lì accanto. Questa ricorda ‘i fondatori delle strutture turistiche a Babí Lom’ (‘zakladateli turistických zařizení na Babím Lomě‘), fra cui Carl Ripka.

Ah e poi ovviamente inizia a piovere. Prima qualche goccia, poi pioggerella, poi vera pioggia. Allungo il passo mentre torno verso il sentiero principale, stavolta sì, verso la torre. Pochi minuti e non piove più. Pochi minuti e ricomincia. Sono in piedi su un tratto di roccia piatto, quando mi fermo e penso. Ho su il mio solito k-way verde (che metto sempre ormai da sei anni) e sembra quasi di essere ancora a marzo, quando sono venuta qui la prima volta e si è messo a piovere pesantemente proprio mentre passavo circa in questo tratto di percorso.

Dura solo un attimo, però, perché mi basta guardarmi intorno per rendermi conto di quanto tutto sia più verde di quella volta. Ci sono i fiori sugli alberi, proprio qui vicino a me, e si sente proprio il profumo sia dei fiori sia del muschio: niente è come era a marzo.

Il paesaggio, invece, quello sì, è tanto suggestivo quanto mi ricordavo, se non di più. Solo che le colline ora sono a tratte coperte da fazzoletti gialli, che sono in realtà campi di colza. Sembrano adesivi ritagliati e appiccicati sul pendio di colline che altrimenti sarebbero completamente verdi e ‘solo’ verdi (se il ‘solo’ vale come elemento penalizzante). È buffo come lo stesso posto sia uguale eppure diversissimo solo a seconda della stagione.

Come se non bastasse, non c’è anima viva. Nessuno. Si sentono solo le foglie mosse dal vanto e le gocce di pioggia che mi battono sul cappuccio. E insomma, sono qui in piedi su una roccia che mi guardo intorno continuamente per essere sicura di non perdere di vista nulla. E, obiettivamente, l’odore della pioggia è sempre uno dei più belli.

Ricordo quando, parlando della penisola di Neringa, in Lituania, l’ho definita ‘esperienza multisensoriale’. Bene, posso dire con certezza che anche il giro di oggi è stato molto così finora. E poi, a prescindere da quante altre escursioni farò in Moravia (spero tante, in verità), Babí Lom sarà sempre uno dei miei posti preferiti. È un posto familiare, un posto che conosco, oltre che il primo posto in cui vado a fare un’escursione per poi tornarci una seconda volta.

La svolta del mio secondo giro a Babí Lom si verifica tra l’una e le due del pomeriggio (non so essere più specifica in questo caso, mi spiace), quando, tornata sul sentiero principale, dove ci sono tutti i cartelli, seguo quello che va in discesa e indica ‘Brno-Řečkovice – 16.5 km’. Sto tornando a Brno a piedi, mi dico. Sì, esatto, stai tornando a Brno a piedi, risponde una vocina. Non sai quello che fai, ma a modo suo tutto ciò è molto bello, continua questa. Tanto è comunque troppo tardi per ripensarci, per cui chi se ne frega anche dei tuoni che si sentono in lontananza, che ovviamente annunciano altra pioggia. Sto tornando a Brno a piedi, che cosa bella.

Per un’ora abbondante penso di sapere circa dove sto andando. È tutta foresta, ci sono i pini e ci sono tanti cartelli, che mi danno certezze sul sentiero che ho scelto. Poi basta, il sentiero finisce, il cielo carico di nuvole, e mi ritrovo a costeggiare un campo di colza potenzialmente sconfinato. Veramente, che meraviglia.

Seguono altri boschi e poi mi ritrovo a camminare sul ciglio di una strada fiancheggiata da campi verdi. Solo che passano le macchine e spero molto che mi evitino. Poco dopo sto camminando in via Tišnovská, che mi fa venire il dubbio che io non stia in realtà tornando a Brno, ma stia invece andando a Tišnov – e Tišnov ce l’ho più o meno presente, perché due miei colleghi sono di Tišnov. se mi ritrovo davvero là, almeno so chi chiamare per farmi spiegare la strada.

Invece finisco con l’attraversare la stazione dei treni di Kuřim (che poi, dov’è Kuřim?) e un paio di villaggetti (uno è Moravské Knínice, dell’altro proprio non riesco a ricordare il nome). Salgo quindi su un’altra collina, da cui c’è una vista bellissima (e il cielo ora si sta aprendo), e poi sono di nuovo nel bosco. Il terreno è fangoso, ma super bello, perché è reso scuro scuro dalla pioggia e il sole fra gli alberi lo fa brillare ancora di più.

Non ho idea di dove sono, è un po’ che non vedo cartelli e il mio telefono è scarico e non c’è se-gnale. E sono già le quattro.

Mi va bene che a un certo punto incrocio degli altri cartelli sul percorso e scopro che Řečkovice dista 6 km. Questi 6 km si rivelano interamente costituiti da:
– altri tratti di bosco in cui i rami degli alberi sono ancora carichi di gocce di pioggia;
– altri campi e colline verdi che si intonano perfettamente con il cielo, ora a tratti sereno con la sola eccezione di innocue nuvole bianche;
– in realtà basta, solo queste due cose giusto con qualche variazione su tema.

Un minuto sono circondata da alberi così alti che a malapena si vede il cielo e quello dopo mi sembra di essere finita in qualche sfondo desktop della Windows dai colori troppo brillanti perché siano veri. Invece lo sono eccome.

Vorrei avere qualcuno con cui condividere il paesaggio, ma allo stesso tempo sono molto contenta di avere questa natura e questo silenzio tutti per me.

Mi ci vuole un po’ (tanto), ma alla fine ce la faccio ad arrivare alla fermata del tram di Řečkovice. Credo di essere piuttosto stanca, mezza zuppa e mezza scottata dal sole, ma super contenta. Poi mia mamma mi chiama mentre aspetto il tram e la aiuto a risolvere un problema di geometria che sta facendo con mia nipote di undici anni e allora dai, mi dico, sono lucida.

Sul tram, mentre torno verso Mendlovo, metto insieme i pezzi delle ultime otto ore: il sentiero in salita, la casa sull’albero (finalmente!), la cima di Babí Lom, la torre (2.0), il cartello dei 16.5 km, il bosco, i campi di colza, Kuřim, via Tišnovská, Moravské Knínice, il secondo bosco, I cartelli di Veverská Bítýška e Jinačovice, Velká Baba (l’ennesimo bosco) e poi, incredibile ma vero, Řečkovice. Dopo aver camminato e camminato per un numero imprecisato di km (la maggior parte dei quali senza sapere dove stessi andando), posso dire con un buon margine di certezza che il mio tentativo di dimostrare che Babí Lom è un’eccezione alla regola ha funzionato piuttosto bene.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

12 − 6 =