Norway 2016 (6/9). My very own fjord pilgrimage

FOREWORD

Ok, so I’m writing this post after the events described actually took place, which is unfortunate on the one hand, as what I write might sound slightly less immediate than if I was writing in real time. On the other hand, though, writing about something particularly amazing after you’ve experienced it gives you time to let it cool down, especially if it’s something that left you particularly speechless and overwhelmed.

Well, this time I should say it’s a good thing that I’m not writing about Trondheimsfjord in real time. It’s hard enough to write about it in retrospect and make objective or, at least, measured statements about it.

Point being, Trondheimsfjord did leave me speechless and utterly overwhelmed.

8_norway_5_fjord_10

THE FJORD

After walking Trondheim streets nonstop for a whole day, I couldn’t wait to leave the city centre and get lost in nature. And lose myself I did, and for a change, only metaphorically, as I managed to follow the exact route I had meticulously planned the night before.

I thought that the best way to reach Ladestien, the fjord trail, would be to follow the pilgrimage route right from the hostel. This way, I’d be able to get as far as the Væresholmen Peninsula, which was my ideal destination. My actual ideal destination was Hell, a town located some 26km east of Trondheim. Except, because I didn’t want to take any public transport, so I had to walk one way and then walk back, and the following day I wanted to go hiking, I had to make sure I wouldn’t be exaggeratedly tired in the evening. Væresholmen sounded about right.

8_norway_5_fjord_15b

I left the hostel early in the morning. I walked to Ringve Music Museum, cut through its gardens, and kept to the main road until I knew I had to leave it to cross through a residential area, where I soon gained access to the coast. At first, when I finally saw the water, I couldn’t believe I was already there, but as it turned out, I was.

8_norway_5_fjord_2

It was stunning beyond words. The horizon was broad and spacious, the water was so calm it looked almost perfectly still, and the sky was thick with clouds. Each element of the landscape had its own colour, but the green of the trees, the grey of the sky and the blue of the water came in so many different shades that you wouldn’t know where to start to list them.

8_norway_5_fjord_2b

The woods cover an ample stretch of land all the way down Trondheimsfjord, which also explains why you’re unlikely to get lost: there’s one trail to follow, and one only. As long as you keep to it, you’re doing it right.

After several minutes of contemplating the landscape, I realised I had to speed up, if I wanted to make the most of the day. I had no idea how long the walk to Væresholmen would take, plus the sky was already heavily overcast with occasional drizzling. I resolved to walk nonstop straight to Væresholmen. If I wanted to stop somewhere along the way, I could do it on the way back to Trondheim.

8_norway_5_fjord_3

It took me around two and a half hours to reach the peninsula. Along the way, the widest variety of landscape snapshots played before my eyes like a slideshow. First, plain woods. Then, a clearing with grain spikes that formed waves as the wind blew and, a bit further on, an odd fountain sculpture that every now and then produced a somewhat sinister noise.

8_norway_5_fjord_4

Then, woods again, after which came the beach. That’s when I almost got lost because I couldn’t find the trail. But then, a tiny wooden plaque hanging from a tree caught my eye. It had the pilgrimage symbol on it: exactly what I was looking for!

8_norway_5_fjord_1

The slideshow resumed, while the sky grew a bit darker, so thick and dense were the clouds. I walked along a stretch of wetland, then past a church and its graveyard, then through what appeared like a newly-built residential area that looked almost uninhabited but for a few open windows and blinds. Then, more woods.

8_norway_5_fjord_5

Only one thing never changed throughout the walk: the railway tracks running along the coast like a dark, seemingly endless line cutting through the green.

Just when, according to the map, I was about to reach the peninsula, it started raining hard. I tried to find shelter under a tree, but to no avail. I was standing in what looked like a small car park surrounded by trees, no road in sight. What now?

8_norway_5_fjord_7

After running around the place for no good reason, I spotted a trail. Yes! I ran toward it, and noticed it led straight to… the peninsula. There it was. Yes.

8_norway_5_fjord_6

I ran down in the pouring rain, and sought shelter under a red toilet cabin roof. Thank you. It was still raining hard. I knelt down to shake some rain off my slicker and hoodie, get hold of some chocolate from my bag, and when I stood up… I was lost for words.

8_norway_5_fjord_8

It had stopped raining, the sky was clearing up, and the water itself turned into an iridescent light blue blanket. I ran to the peninsula, where I bumped into a friendly Norwegian couple that offered me (more) chocolate. We talked a bit, took a photo together, then waved each other goodbye. I stood there and contemplated the landscape for a bit longer.

8_norway_5_fjord_9

On the way back to Trondheim, I walked off the main path and followed a sign to a cafe, ‘Pinnsvin Crossing’. Turned out, the cafe was in fact a house. The owners were a couple that opened their garden to travellers and hikers, and offered them coffee and/or ice cream. As they explained (actually, I spoke to the wife, an American from California that had moved to Norway to be with her Norwegian husband), they turned the building adjacent to the house, formerly a barn, into a boutique selling vintage items of all sorts. They were amazing. And so was the place itself.

8_norway_5_fjord_16

8_norway_5_fjord_17

After the nicest chat, I found the strength to head back to the trail. At some point I must have failed to return to my original starting point, because I found myself pacing down a trail I hadn’t seen before. Which was cool, because this way I was able to walk through Korsvika beach and reach the very beginning of the Ladestien trail.

8_norway_5_fjord_18

8_norway_5_fjord_19

Just outside Trondheim I came across the gigantic megaphone donated to the city by the University of Science and Technology. I then walked through Svartlamoen and Lademoen quarters without having a clue where I was going, and without a care in the world.

8_norway_5_fjord_20

Then, suddenly, I was back in town. I found myself by the Nidelva, near Solsiden, where I sat for a moment. I was utterly knackered, but I’d made it. It was such an exhilarating feeling I’d still find it hard to explain it with words.

AFTERWORD

I can quite positively say that the Ladestien walk was one of the most amazing I’ve ever taken. Plus, because I went there on a Sunday, I bumped into all sorts of locals, including families with kids, solitary hikers and bikers, and couples of all ages strolling hand in hand. Norwegians love spending their spare time in close contact with nature, and can you blame them?

8_norway_5_fjord_12

Only in the evening, lying comfily in my bunk bed, did I realise the unimaginable amount of photos I’d taken in one day. I couldn’t help myself, though, and rightly so. As I said, the landscape looked like it was constantly changing. And it was, in fact: there are no two snapshots alike from that day.

8_norway_5_fjord_14

Oh Trondheim.

This post first appeared on the website Life in Norway on 2 June 2017. Click here to have a look 🙂


Il mio pellegrinaggio lungo il fiordo

PREMESSA

Scrivo questo post dopo che gli eventi descritti hanno effettivamente avuto luogo, che da una parte non è il massimo, perché quello che scrivo può risultare un po’ meno immediato rispetto a quanto sarebbe se scrivessi in tempo reale. Dall’altra, però, scrivere di qualcosa di bello dopo che lo si è visto aiuta a prendere un minimo le distanze, soprattutto se è qualcosa che ti ha lasciato particolarmente estasiato e senza parole.

Devo dire che stavolta è un bene che io non scriva del Trondheimsfjord (il fiordo di Trondheim) in tempo reale. È già abbastanza impegnativo descriverlo a posteriori e scrivere frasi circa obiettive o comunque non troppo entusiastiche.

Il punto è che il Trondheimsfjord mi ha effettivamente lasciato estasiata e senza parole.

IL FIORDO

Dopo aver girato senza sosta le strade di Trondheim per un giorno intero, non vedevo l’ora di lasciare la città e perdermi nella natura. E mi ci sono decisamente persa, per una volta, fra l’altro, solo per modo di dire, visto che sono riuscita a seguire alla lettera il sentiero che avevo pianificato sulla mappa la sera prima.

Ho pensato che il modo migliore di raggiungere Ladestien, il percorso del fiordo, fosse seguire il percorso del pellegrinaggio già dall’ostello. Così, sarei riuscita ad arrivare fino alla penisola di Væresholmen, mia meta ideale. Ok no, la mia meta ideale inizialmente era Hell, una cittadina che si trova circa 26 km a est di Trondheim. Il fatto è che non volevo prendere nessun mezzo pubblico, bensì camminare sia all’andata sia al ritorno e, in più, fare un’escursione in montagna il giorno dopo, quindi dovevo riuscire a non essere esageratamente distrutta la sera. Væresholmen era lontana al punto giusto.

Ho lasciato l’ostello la mattina presto e sono arrivata fino al Ringve, il museo della musica. Lì ho attraversato i giardini del museo e poi ho seguito la strada principale, fino a che non ho capito che dovevo tagliare attraverso un quartiere residenziale da cui si arrivava sulla costa. All’inizio, quando ho visto l’acqua, non credevo di essere già arrivata, ma invece sì, c’ero davvero.

Era di una bellezza che non si spiega. L’orizzonte era ampio e spazioso, l’acqua era talmente calma da sembrare ferma e il cielo era denso di nuvole. Ogni elemento del paesaggio aveva il suo colore, ma il verde degli alberi, il grigio del cielo e il blu dell’acqua avevano talmente tante sfumature diverse che non saprei da dove cominciare per elencarle.

Un ampio tratto di costa del fiordo è coperto da boschi, che in parte spiega anche perché è difficile perdersi: uno e uno solo è il sentiero principale che si può seguire. Finché seguite il sentiero, non potete sbagliare.

Dopo parecchi minuti di contemplazione del paesaggio, ho pensato che dovevo darmi una mossa, se volevo sfruttare al meglio il tempo che avevo a disposizione. Non solo non sapevo quanto effettivamente distasse Væresholmen, ma il cielo era già tutto coperto e già ogni tanto pioveva. Ho deciso che avrei camminato senza pausa fino a Væresholmen e, se volevo fare fermate intermedie, le avrei fatte mentre tornavo a Trondheim.

Ci ho messo circa due ore e mezza ad arrivare alla penisola. Lungo il percorso, mi sono passate davanti agli occhi le più varie immagini di paesaggio. Prima, boschi. Poi, una radura con le spighe che si piegavano come onde mosse dal vento , poco più in là, una specie di fontana-scultura che ogni tanto emetteva suoni un po’ sinistri.

Poi, di nuovo boschi fino alla spiaggia, che è dove mi sono quasi persa perché non trovavo più il sentiero. Poco avanti, ho intravisto una targhetta di legno che pendeva da un ramo e aveva su il logo del pellegrinaggio: eccolooo!

E di nuovo è ricominciata la sequenza di immagini, mentre il cielo diventava ancora più scuro, tanto le nuvole erano fitte e dense. Prima ho costeggiato una zona in cui la riva era piena di alghe e arbusti, poi ho attraversato un camposanto con la chiesa, poi un quartiere residenziale nuovo di zecca che sembrava quasi disabitato, non fosse stato per qualche finestra e tenda aperte. Poi, boschi.

Solo una cosa è rimasta uguale durante tutto il percorso: i binari della ferrovia che corrono lungo il fiordo come linee nere che attraversano il verde senza fine apparente.

Proprio quando ero praticamente arrivata alla penisola (secondo la mappa), ha cominciato a diluviare. Ho provato a ripararmi sotto un albero. Inutile. Ero lì in piedi in questa specie di parcheggio circondato da alberi e non c’erano sentieri. E ora??

All’inizio ho corso un po’ lì intorno, che sembravo anche un po’ scema, ma poi a furia di correre il sentiero l’ho trovato. Ha! L’ho raggiunto di corsa e ho visto che era in discesa e portava… alla penisola. Eccola lì. Sììì.

Ho fatto la discesa sotto la pioggia battente e mi sono riparata sotto la tettoia della cabina adibita a bagno pubblico. Grazie. Pioveva ancora tanto. Mi son messa giù ad asciugare un po’ la felpa e la giacca, prendere del cioccolato dallo zaino e quando mi sono rialzata… ero senza parole.

Non solo aveva smesso di piovere, ma il cielo si stava aprendo e aveva trasformato l’acqua in una coperta iridescente. Ho fatto una corsa lungo la penisola, dove ho trovato una coppia di norvegesi che mi hanno offerto (di nuovo) del cioccolato. Abbiamo chiacchierato un po’, fatto una foto insieme e poi ci siamo salutati. Io sono rimasta lì ancora un po’ a guardare il paesaggio.

Mentre tornavo verso Trondheim, ho fatto una deviazione quando ho visto un cartello che indicava un caffè, ‘Pinnsvin Crossing’. Ho poi capito che il caffè era in realtà la casa di una coppia, lui norvegese, lei californiana trasferitasi tempo prima in Norvegia per stare con il marito. I due aprono la loro casa a viaggiatori ed escursionisti che passano di lì, offrendo loro caffè e gelato. Mi ha spiegato la moglie che l’edificio accanto alla casa era un granaio, che loro hanno trasformato in negozio vintage in cui vendono di tutto. Fantastici, loro e il posto in cui vivono.

Dopo una piacevolissima chiacchierata, ho trovato la forza di alzarmi e tornare sul sentiero. A un certo punto devo aver sbagliato a seguire il percorso, perché mi sono ritrovata lungo un sentiero che non avevo fatto all’andata. Ma mi è andata bene, perché così sono riuscita a passare dalla spiaggia di Korsvika e ad arrivare proprio all’inizio del percorso di Ladestien.

Proprio fuori Trondheim sono anche passata accanto al  gigantesco megafono donato alla città dall’Università di Scienza e Tecnologia. Ho poi attraversato i quartieri di Svartlamoen e Lademoen senza avere la più pallida idea di dove fossi e senza preoccuparmi minimamente della cosa.

Poi, all’improvviso, ero di nuovo in città: mi sono trovata davanti il Nidelva proprio vicino al Solsiden, e lì mi sono seduta un attimo. Ero veramente distrutta, ma ce l’avevo fatta. Era una tale sensazione talmente esaltante che non credo riuscirei a spiegare a parole.

EPILOGO

Posso dire senza dubbio che il sentiero di Ladestien è uno dei più belli che abbia mai percorso. Fra l’altro, ci sono andata di domenica, quindi ho incontrato un sacco di gente del posto: famiglie con bambini, passeggiatori e ciclisti solitari e coppie di tutte le età che passeggiavano per mano. I norvegesi amano stare in mezzo alla natura nel tempo libero, e come puoi biasimarli.

Solo la sera, comodamente spalmata sul letto in ostello, mi sono resa conto della quantità incalcolabile di foto che avevo fatto in un giorno. Eppure, non ho potuto farne a meno. L’ho detto, no, che il paesaggio cambiava continuamente. E cambiava davvero: non c’è una sola foto che sia identica a un’altra.

Oh Trondheim.

Questo post è apparso per la prima volta sul sito Life in Norway il 2 giugno 2017. Cliccate qui per dare un’occhiata

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

11 + 18 =