Brno 2017 (11/n). Babí lom, to begin with

7 Mar 2017. It was Alina who first mentioned Babí lom to me. She said she’d been there, and because I like hiking I should go at some point. It took me a few days, but I eventually did realise why the name rang a bell. I’d made this list, some time in early January, where I’d listed places outside Brno I wanted to visit, and Babí lom was top list. So, because I had 7 March off, and because I sort of needed a one-/half-day escape, and somehow the name of the place had been stuck in my head for a while, I resolved to go. It just made sense.

Babí lom is not far from Lelekovice, a tiny village outside Brno, which can easily be reached by public transport. I boarded tram 1 in Mendlovo náměstí and got off at Semilasso. I crossed over to the bus 41 stop, which is literally just round the corner, and… well, waited a good 45 minutes, because the bus had. just. left.

As the next bus drove out of Brno, you could easily tell you were heading to the hills. One minute you were still on Palackého třída, all surrounded by colourful shop fronts and the urban hustle and bustle, and the next the bus was driving down a quiet road flanked by grassy patches, and not a person in sight (but for the few waiting at the bus stops).

Buildings also grew sparser, and block of flats were quickly replaced by detached or semi-detached houses. Some resembled the standard, stereotypical mountain hut, all wood and bare bricks, while others displayed rather bold, daring architectural styles, as if their being isolated was enough to exempt them from conforming to the standards of a more sober, nondescript cityscape.

I was just literally having this thought, when I turned around distractedly to check whether we were getting any closer to Lelekovice (my seat was facing the rear of the bus), but:
1. seriously, like I know what Lelekovice looks like;
2. wait a second. I first glimpsed, then followed with my eyes the flat, verdant profile of the hill crest, and spotted it. Not that you could miss it: the watchtower looked like an intruder arbitrarily pinned to the very top, like a white buoy in a sea of green.

The watchtower was my goal for the day. I’d read a couple of blog posts and checked out maps and websites over the previous few days, and the photos I’d come across were actually very promising. So there it was. I was fretting. And I was also suspiciously eyeing the people getting on at every stop, because I was well aware that my bus ticket didn’t cover the area I was in, and ticket inspectors in (and around, I assume) Brno may reveal themselves when you least expect it. Just please not here and not now.

When I got off at Lelekovice náves bus stop (still with no inspectors around), it was easy to know where I should go. In fact, the whole of the hiking trail is uber well marked, thanks to actual signs and recurrent symbols of the individual trails you can choose from. I made a left turn to leave the main road, and delved into the woods.

For the next 30 minutes (maybe it was 40, or 50, the truth is I’ve no clue how long it took) the path was super smooth. In fact, it was an actual paved road going uphill, also for cars (not that I saw any, but just to give an idea). The woods surrounding it were amazing, entirely consisting of super tall, slim trees, mostly bare but for a bunch of sort-of-pine trees whose funny branches were sticking out like perfectly horizontal lines.

I kept going for a while, and at every twist half hoped half expected I would sort of at least see where the road led. In fact, at every bend the eye could only stretch as far as the next bend, which was only some 40 or 50 metres ahead.
Then it started raining.
Then it stopped.
Then it started again.
Then it stopped again.
Seriously, Moravian weather, get a grip.

I finally reached a clearing with picnic tables and a promising orderly row of signs. None of them mentioned the watchtower, but there were three or four ‘Babí lom’ signs pointing in opposite directions. Oookay. I then spotted one that read ‘Babí lom (rozhl.)’ and followed the ‘red tourist trail’ (‘po červené turistické značce’). I remembered that the author of the blog post I’d read also followed a red trail to reach the tower and, well, she made it there. So I thought that made for scientific enough a reason for me to pick that trail, also because it meant leaving the main road, which was something I very much wanted to do.

The terrain was earthy, flanked by thick woods, and surprisingly dry, though technically it had rained overnight. Within a few minutes I found myself standing at the top of the hill, which had quite a funny shape. It kind of looked like its originally roundish shape had been squashed on two opposite sides to make it oblong, and to make the hill thinner and taller. You know, like when you’re building a sand castle and you press the sides of the fortified walls to make them higher.

I had the rocky downhill slope right in front of me, and two trails, also rocky, running along the crest on both sides.
Where to now?
More signs, one of them marked ‘Watchtower’ (in English). Yes. I turned left, and followed the hill crest. It took me a while to take in the utter beauty of everything around me. The trail along the crest was a mixture of leaf-covered earthy ground and piles of rocks, some of which were a little tricky to climb over. On my left the slope was covered by a rug of leaves so thick you could barely see the ground, and the bare trees seemed to painfully stretch their pitch black branches toward the sky. On my right I had more trees, rocks, and a sweep of hill after hill after hill stretching out in the distance.

The light was mesmerising. The sky was overcast, with random showers lasting less than a minute, but the clouds cast a greyish, silver hue on everything: the leaves, the fallen trunks, and the bright, velvety moss that covered at least half of the rocks in the whole of the reserve. Yes, Babí lom is a ‘přírodní rezervace’ (natural reserve), as several signs here and there in the area solemnly point out. But like, where exactly is the watchtower?

Then it started hailing (seriously, hailing), and for a few minutes the perfect silence of nature was covered by the metronome-like sound of hailstones the size of mints. Even they were delicate in their drumming sound, like they feared their downward motion would cause too much noise if they pounded the rocks more heavily. Then the hail was gone, still no watchtower in sight.

I glimpsed it in the distance shortly after the zillionth shower, just when I was growing to believe it had been removed from its standing point in the previous couple of hours or so. There it is! When I reached it, I climbed the stairs to the lower outlook point, a balcony running along the roundish wall of the tower. It was spectacular. The air was chilly, and the mist partially covered the hills in the background: they seemed to literally disappear into thin air.

Then I climbed the iron spiral staircase to the upper outlook point, at the very top of the tower. Okay, truth is, as soon as I got there I went straight back downstairs, because I was joined by this kid, shrieking and jumping all over the place, and then by his sisters plus mother plus aunt-or-friend-or-who-knows-who, and they were so loud and so annoying and… I’m out of here. Luckily enough, they left a couple of minutes later, and got lost somewhere in the woods, which is when I went back to the (by then) silent tower top I’d been hoping to find.

I loved how the chromatic scale of the landscape changed by the second. The greyest clouds attempted to cover up the line of the horizon, but the wind prevented them from keeping a firm grip. Then the sun peeked out, timidly at first, then elbowing its way through, as if saying: ‘Move aside, kids, I am the star here (literally and metaphorically)’. For a few minutes patches of clear sky appeared out of the blue; the meadows covering the hillsides brightened up and, as The Postal Service would have it, ‘everything looks perfect from far away’. There was this specific spot where a bunch of tall trees huddled up, their trunks perfectly aligned with each other, like soldiers standing to attention as they wait for the next order from above.

I had my lunch right by the tower, and then I made to head back to Lelekovice. The trail was super smooth, and made for an extremely pleasant descent. The terrain was earthy, not too steep, and marked by the occasional outlook point through the trees. I was back to the beginning of the trail in no time at all.

The sun was shining fiercely, the air all springy and warm. As I sat on the bench by the bus stop, patiently and contentedly waiting for the bus, I thought to myself: I’m soo not done with Babí lom. I still haven’t seen the tree house, and there’s also that ‘Švinošice’ sign at the junction near the top, which I want to check out. Plus all the other signs pinned to the tower wall: it’s good that I took a photo of them, so I can google them later on. So when is my next day off again?


Brno 2017 (11/n). Babí lom, tanto per cominciare

7 mar 2017. La prima volta che ho sentito parlare di ‘Babí lom’ è stato quando me l’ha nominato Alina. Mi ha detto che ci era stata e, visto che mi piace camminare nella natura, ci sarei dovuta andare assolutamente. Ci ho messo qualche giorno, ma alla fine ho capito perché il nome del posto mi suonava familiare. A inizio gennaio avevo fatto questo elenco di posti fuori Brno in cui volevo andare, e Babí lom era in cima alla lista. Così, visto che il 7 marzo avevo il giorno libero, e visto che avevo molto bisogno di una fuga di una o mezza giornata, e visto che in qualche modo non mi ero più scordata di questo posto, ho deciso di andare. Era giunto il momento.

Babí lom si trova non lontano da Lelekovice, piccolo paesino fuori Brno facilmente raggiungibile con i mezzi. Io ho preso il tram 1 da Mendlovo náměstí e sono scesa a Semilasso. Ho attraversato la strada fino alla fermata del bus 41, che è letteralmente dietro l’angolo e… e ho aspettato un buon 45 minuti, perché il mio bus. se. n’era. appena. andato.

Quando il bus successivo è partito, non ci è voluto molto per capire che stavamo andando verso le colline. Un attimo eravamo ancora in via Palackého třída, tutta fiancheggiata da insegne colorate di negozi e avvolta dal viavai di gente, e un attimo dopo eravamo in una strada tranquilla e silenziosa, circondata da spiazzi erbosi e nessuno in giro (tranne i pochi che aspettavano il bus alle fermate).

Anche gli edifici si sono fatti più radi, i palazzi e condomini prontamente sostituiti da villette e case monofamiliari. Alcune ricordavano molto le classiche case di montagna, tutte in legno e pietre a vista, mentre altre si facevano notare per forme e stili architettonici piuttosto arditi, come se il loro essere isolate nel prato le esentasse dall’obbligo di obbedire a un paesaggio urbano sobrio e omogeneo.

Stavo giusto facendo questa considerazione con me stessa quando mi sono voltata per vedere se ci stavamo avvicinando a Lelekovice (da seduta davo le spalle alla strada). Che poi:
1. come se sapessi com’è fatta Lelekovice;
2. aspetta un attimo. Ho alzato gli occhi e poi seguito con lo sguardo il profilo orizzontale e verdissimo della collina e l’ho vista. Non che si potesse non notare: la torre sembrava fosse stata appoggiata un po’ a caso lì sulla cima, come una boa bianca in un mare tutto verde.

La torre panoramica era il mio obiettivo del giorno. Avevo letto un paio di post su altrettanti blog e avevo guardato siti e mappe nei giorni prima: le foto che avevo visto promettevano molto bene. Ed eccola lì. Non vedevo l’ora di scendere. E intanto ‘curavo’ le persone che salivano a ogni fermata, perché sapevo benissimo che il mio abbonamento del bus non andava bene per la zona in cui mi trovavo e i controllori a Brno (e dintorni, presumo) appaiono quando meno te l’aspetti. Che mi sta anche bene, solo non ora e non qui.

Scesa a Lelekovice (senza controllori in giro), è stato facile capire dove andare. L’intero percorso è infatti segnalato benissimo dai cartelli e dagli onnipresenti simboli dei vari sentieri fra cui si può scegliere. Ho girato a sinistra e sono entrata nel bosco.

Per una buona mezz’ora (o 40 minuti o 50 minuti, la verità è che non ne ho la più pallida idea) il sentiero è stato super tranquillo. Era infatti una normale strada asfaltata in salita aperta anche alle macchine (non che io ne abbia viste, ma è tanto per dare un’idea). I boschi tutt’intorno erano più che suggestivi, con alberi altissimi e sottili, quasi tutti spogli tranne un gruppo di pini con i rami perfettamente orizzontali.

A ogni curva speravo e/o mi aspettavo almeno un pochino di vedere o intuire dove portasse la strada. Invece riuscivo solo a vedere i 40 o 50 metri che portavano alla curva successiva.
Poi ha cominciato a piovere.
Poi ha smesso.
Poi ha ricominciato.
Poi ha ri-smesso.
Tempo moravo, facciamo che ti decidi.

Alla fine sono arrivata a uno spiazzo con tavoli da picnic e un’incoraggiante fila di cartelli. Nessuno si riferiva alla torre, ma in compenso ce n’erano quattro che indicavano ‘Babí lom’ e puntavano in direzioni opposte. Molto bene. Poi ne ho visto uno che segnalava la torre, ‘Babí lom (rozhl.)’, e il ‘percorso turistico rosso’ (‘po červené turistické značce’). Ricordavo che l’autrice del blog che avevo letto aveva seguito anche lei un sentiero rosso per raggiungere la torre e ci era effettivamente arrivata. Ho pensato che questo ragionamento fosse abbastanza scientifico perché anche io scegliessi quel percorso, tanto più che mi avrebbe permesso di lasciare la strada principale, cosa che volevo molto fare.

Il terreno era morbido, fiancheggiato da alberi fitti e incredibilmente asciutto, visto che a regola la notte prima aveva piovuto. In pochi minuti mi sono ritrovata in cima alla collina, che aveva, fra l’altro, una forma un (bel) po’ buffa. Sembrava che la sua originaria base tondeggiante fosse stata schiacciata su due lati opposti per renderla oblunga e per farla diventare più alta e più stretta, come quando uno fa un castello di sabbia e preme i lati delle mura che congiungono le torri per farle diventare più alte.

Davanti a me avevo il pendio roccioso della collina, mentre ai lati c’erano due sentieri, pure roccio-si, che correvano lungo la cima. Dove vado?

Ecco altri cartelli, uno che segnalava la torre: ‘Watchtower’ (in inglese). Eccolaa. Sono andata a sinistra e ho seguito il profilo della collina. Ci ho messo un attimo a realizzare la bellezza totale di quello che mi circondava. Il sentiero era un misto di foglie e mucchi di rocce, alcune molto (poco) comode da superare. Alla mia sinistra il pendio era completamente coperto da un tappeto di foglie così fitto che a malapena si vedeva il terreno, mentre gli alberi spogli sembravano tendere i rami nerissimi verso il cielo. Alla mia destra c’erano altri alberi, rocce e una distesa di colline una dopo l’altra che in lontananza sparivano nel nulla.

La luce era pazzesca. Il cielo era tutto coperto, con scrosci a caso di un minuto o poco più, ma le nuvole lasciavano un’ombra grigia, quasi d’argento, su tutto: le foglie, i tronchi caduti e il muschio verde brillante che ricopriva almeno metà delle rocce in tutta la riserva. Sì, Babí lom è una ‘přírodní rezervace’ (riserva naturale), come diversi cartelli qua e là non mancano di ricordare. Ma tipo, la torre?

Poi ha cominciato a grandinare (davvero, a grandinare) e per qualche minuto il silenzio perfetto della natura è stato coperto dal rumore di chicchi grandi come mentine. Sembrava un metronomo. Perfino la grandine era delicata nel venire giù, come se temesse di dare troppo fastidio se fosse caduta in modo più violento. Poi la grandine è finita e, ancora, della torre nessuna traccia.

L’ho vista da lontano poco dopo l’ennesimo scroscio, proprio quando cominciavo a pensare che l’avessero rimossa nelle due ore precedenti. Eccolaa! Quando l’ho raggiunta, sono salita subito al punto panoramico più basso, una specie di balcone che segue il profilo tondeggiante della struttura. Era spettacolare. L’aria era frizzante e la foschia copriva in parte le colline sullo sfondo: sembravano letteralmente sparire nel nulla.

Poi ho fatto la scala a chiocciola che porta al punto panoramico superiore, proprio in cima. Okay, a dire il vero ero appena arrivata su e sono scesa all’istante, perché è salito questo bambino molesto che urlava e saltava, e poi sono arrivate le sorelle e poi la madre e poi la-zia-o-amica-di-famiglia-o-chi-per-lei ed erano così fastidiosi e… basta me ne vado. Per fortuna sono rimasti giusto un paio di minuti e poi se ne sono andati per i boschi. A quel punto sono tornata su e ho trovato (allora sì) il silenzio che speravo di trovare.

Il bello è che la scala cromatica del paesaggio cambiava a ogni secondo. Le nuvole più grigie cercavano di coprire la linea dell’orizzonte, ma il vento le spostava subito. Poi è uscito il sole, prima appena, poi più deciso, come a dire: ‘Fate largo, io sono la stella qui (letteralmente e metaforicamente parlando)’. Per qualche minuto c’erano pezzi di cielo azzurro, i prati sulle colline erano più luminosi e, come direbbero i Postal Service, ‘everything looks perfect from far away’ (‘tutto è perfetto da lontano’). In uno specifico punto del paesaggio c’era poi un gruppo di alberi tutti vicini, con i tronchi perfettamente allineati, come soldati sull’attenti che aspettano ordini dall’alto.

Ho pranzato vicino alla torre e poi sono tornata a Lelekovice. Il sentiero della discesa era agevole, da passeggiata: terroso ma senza fango, non troppo ripido e interrotto qua e là da qualche apertura panoramica fra gli alberi. Mi sono ritrovata giù in un attimo.

Il sole era alto, l’aria calda, quasi di primavera. Mi sono seduta sulla panchina alla fermata del bus e mi son detta: devo fare ancora un sacco di cose in e intorno a Babí lom. Non ho ancora visto la casa sull’albero, e poi anche il cartello ‘Švinošice’ al bivio sotto la torre, e gli altri cartelli sulla cima. C’è di buono che li ho fotografati tutti, così posso cercare i nomi su Google. Allora, quando ho il prossimo giorno libero?

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

4 × one =