Brno 2017 (7/n). Dam(n) frozen Brněnská Přehrada

5 Feb 2017. This post requires two preliminary clarifications:

1. the pun in the title hints at the Czech word ‘přehrada’, which is the name of the place this post is about, and whose meaning is in fact ‘dam’ or ‘reservoir’;
2. the ‘Francesco’ repeatedly mentioned below is an Italian friend and colleague. He demanded that I mention his name (alongside Bobby’s) in this post, which seems legit, since it was he who suggested that we should go for a walk around the reservoir on one of the (few) Saturdays we (namely, I) had off.

We got off tram no. 1 around 3pm: from Mendlovo square (the public transport ‘hub’ right next to the city centre) it’s only a 20/25-min ride.

During and after the tram ride I was still mildly knackered and exhausted from the three night shifts in a row I’d just had (which obviously led to a LOT of uncontrollable humming and singing REM’s ‘Daysleeper’ for hours on end), so much so that for a while I seriously feared I wouldn’t survive a whole afternoon outdoors – or that I would survive it badly. It wasn’t even too icy cold, so I couldn’t rely on that to keep me fully awake and alert the whole time.

If I had known what it was going to be and look like, I wouldn’t have worried about falling asleep in the first place. I’m all about winter and cold and frozen landscapes the whole time, but I really couldn’t have foreseen the absolute beauty that opened up in front of us within a bunch of minutes of strolling down the path toward the lake.

The ‘lake’ is in fact 100% artificial in itself, being the result of the construction of a dam on the Svratka river. It’s commonly referred to as ‘Brno Reservoir’ or, as I discovered later, when I looked up extra info about it, ‘Prýgl’ (that would be the local slang).

The first thing you can’t help noticing as you approach the lake is the huge anchor-shaped monument (also white, obviously) artfully placed by the shore. The second is the boat-restaurant/pub right next to it, with the reassuring ‘Starobrno’ beer sign in plain sight. The third is the lake itself, at which point it will take you a while to be distracted by anything else.

Seriously, the reservoir is like a giant black-and-white painting you couldn’t possibly fit into the largest frame. It’s like one of those 19th-century lesser known canvases painted by some lesser known Impressionist author whose artworks take up lesser visible spots in a museum room and, because they weren’t preserved exceptionally well throughout the decades, they are covered by the thinnest layer of dust.

With the reservoir, it’s the mist that gives everything a dusty, blurry look and feel, but while with paintings dust usually signals poor maintenance, around ‘Prýgl’ mist adds uniqueness to the landscape instead of diminishing its beauty.

The Přehrada is also a real-life handbook of ‘Winter Pastimes according to Czech people’. It’s amazing how much they can get out of a frozen lake. During the winter months, people spend time on, by and along a frozen surface in the same way that people usually spend time in a park in a summer afternoon. I mean: how crowded is it? From a distance they look like tiny coloured dots scattered all over the snowy surface of the lake.

There are people strolling and running along the lake surface, people practising cross country ski (don’t get in their way, or else do so at your own risk – true story, tell Francesco), people removing the snow and polishing stretches of ice to play hockey or ice skate, and people snowmobiling their way around.

We began our afternoon walk by happily strolling along the reservoir, but soon enough we felt we had to go straight to the point, i.e. we had to literally head toward the actual lake and make the most of it.

And that is exactly what we did. We walked down the lake surface for a non-specific amount of time and with no specific destination or goal in mind. We didn’t go as far as Veveři Castle (which is located on a hill overlooking the lake and must be super cool): it was a bit too distant, plus it would expectedly get dark fairly soon. We resolved to go back some other time.

The lake itself is largely surrounded by the forest, a number of restaurants and bars here and there, a sports centre that apparently offers a noteworthy sauna (though Francesco got this information by non-Czech people, so I can’t guarantee how reliable it is on a scale from 1 to 10), and random sculptures (preferably phallic-shaped, because… well, because Brno, that’s why).

When we felt we could do with a break, we sought (and found) shelter in one of the bars/cafes by the reservoir. An hour or so and a drink later, we left the bar, hopped back onto the reservoir, and… Well, it looked like a wholly different place than it did when we’d got there. Mostly it was because it’d got even foggier while we were inside, plus it was already dark. The result was that you literally could not tell where the sky finished and the ground started. There was nothing to cling to, which could help us navigate our way back to the anchor-shaped monument. It was stunningly otherworldly.

So we did something super naïve in its simplicity: because we’d turned left to step off the ‘main path’ and reach the bar, when we left the bar we turned right and kept going straight. There was not a living soul in sight. Which may sound eerie and Shining-like, but was in fact strangely fascinating at the same time, as it meant standing in nature and in winter and in silence at the same time. And how often does it happen these days.

Only halfway through the walk did we resolve to abandon the icy cover and keep to the path running along the lake. It was safer and better signalled, we thought. LOL. Not only did we end up walking along the kerb of the street, right where cars drove past (thankfully not so frequently); it was also equally dark and equally deserted. At least we had decent mobile torches.

We eventually did return to the monument. First, streetlamps suddenly appeared on both sides of the path, so it wasn’t dark anymore. Then there were actual people interacting with other actual people, so it wasn’t silent and secluded anymore. By the time we arrived at the tram stop, everything was back into its own eminently urban form again.

At a strictly personal level, the sight of the frozen reservoir was mesmerising. The lake was (and is, so far) the largest frozen surface I’ve ever actually walked on. What struck me the most, though, was how unbelievably black the ice can get. Blame it on the (rather dim) light of the day and/or on the frozen dirt trapped (literally) below the surface: it took me a while to realise I was already walking on the lake, and was no longer on earthy ground.

I guess there’s a reason I’m all about winter and cold and frozen landscapes the whole time. Well, Brněnská Přehrada gave me a few extra reasons to add to the list.


Brno 2017 (7/n). Saluti e baci(ni) dalla Brněnská Přehrada*

5 feb 2017. Questo post richiede due considerazioni preliminari:

1. il gioco di parole nel titolo allude alla parola ceca ‘přehrada’, che è il nome del sito a cui l’articolo è dedicato e che in ceco significa ‘diga’ o ‘bacino’;
2. il ‘Francesco’ più volte citato nel testo è un amico e collega italiano. Ha preteso che facessi il suo nome (oltre a quello di Bobby) in questo articolo, che mi sembra una richiesta ragionevole, visto che è stato lui a suggerire di andare a fare un giro intorno al lago in uno dei (pochi) sabati di non lavoriamo (leggi: per me).

Siamo scesi dal tram 1 verso le tre: da piazza Mendlovo (lo ‘snodo’ dei mezzi pubblici vicino al centro) ci si mette tipo 20/25 minuti.

Finché eravamo in tram, ero ancora mezza distrutta dai tre turni di notte che avevo appena finito (e che ovviamente hanno portato a sessioni di ascolto ripetuto, incessante e ossessivo di ‘Daysleeper’ dei REM), tanto che per un attimo ho temuto che non avrei resistito a un intero pomeriggio all’aperto – o che comunque avrei resistito male. Fra l’altro, non faceva esageratamente freddo, quindi non potevo nemmeno contare sul gelo per tenermi sveglia a vigile tutto il tempo.

Se avessi saputo come sarebbe stato, non avrei neanche contemplato la remota possibilità che mi venisse sonno. Lo so che sono sempre lì a dire che mi piacciono l’inverno, il freddo e i panorami      ghiacciati, ma davvero non avrei saputo prevedere la bellezza del paesaggio che ci siamo trovati da-vanti dopo aver percorso la (poca) strada che dal tram porta fino al lago.

Il ‘lago’ in sé è in realtà artificiale, in quanto è il risultato della costruzione di una diga sul fiume         Svratka. È noto come il ‘bacino di Brno’ o anche, come ho poi scoperto leggendo cose sull’argomento, ‘Prýgl’ (nella lingua del posto).

La prima cosa che noterete avvicinandovi al lago è l’enorme monumento a forma di ancora (bianca, ovviamente) posizionata ad arte sulla riva. La seconda è la barca-ristorante/pub lì accanto, con la rassicurante insegna della birra ‘Starobrno’ in bella vista. La terza è il lago stesso, anche se a quel punto vi ci vorrà un po’ per essere distratti da altro.

Seriamente, il bacino è come un gigantesco quadro in bianco e nero che non sta nella cornice. È come una di quelle tele ottocentesche meno note dipinte da qualche impressionista meno noto ed e-sposte nell’angolo più decentrato di una sala di museo, che poi, non essendo stata conservata benissimo, è coperta da un sottile strato di polvere.

Nel caso del bacino è la foschia che fa sembrare tutto opaco e ‘impolverato’, solo che, mentre con i quadri la polvere è per lo più indice di scarsa manutenzione, sul ‘Prýgl’ la foschia non fa che rendere il paesaggio ancora più unico.

La Přehrada è anche un manuale vivente di ‘Passatempi invernali secondo i cechi’. È incredibile quante cose si possano fare avendo a disposizione un lago ghiacciato. Nei mesi invernali la gente del posto ci passa il tempo nello stesso modo in cui di solito si passa il tempo al parco in un pomeriggio d’estate. E poi: quanta gente c’è? Da lontano le persone sembrano piccoli puntini colorati sparpagliati sulla superficie innevata.

C’è chi passeggia o corre sul lago, chi lo usa per fare sci di fondo (non finite nella loro traiettoria oppure fatelo a vostro rischio e pericolo – davvero, chiedete a Francesco), chi toglie la neve dalla superficie e ‘lucida’ il ghiaccio per poi giocarci a hockey o pattinarci e chi lo attraversa in motoslitta.

All’inizio abbiamo provato a fare due passi lungo il sentiero che costeggia il bacino, ma è durata poco, perché poi siamo dovuti andare dritti al punto, ovvero verso il lago e soprattutto sul lago.

E così abbiamo fatto. Abbiamo attraversato il lago per una quantità imprecisata di tempo e senza meta o destinazione alcuna. Non siamo arrivati fino al Castello di Veveři (che si trova su una collina affac-ciata sul lago e dev’essere veramente bello): era un po’ troppo lontano e nel giro di poco avrebbe probabilmente fatto buio. Abbiamo deciso di tornarci un’altra volta.

Intorno al lago ci sono boschi, qualche bar e ristorante, un centro sportivo che a quanto pare ha una sauna degna di nota (ma a Francesco questa cosa l’hanno detta dei non-cechi, quindi non so quanto sia affidabile su una scala da 1 a 10) e sculture a caso (preferibilmente di forma fallica, perché… perché Brno, ecco perché).

Per fare una pausa (necessaria a un certo punto) abbiamo cercato (e trovato) riparo in uno dei bar/caffè lungo il lago. Circa un’ora e un drink dopo, siamo usciti, siamo tornati sul lago e… Sembrava di essere in un posto completamente diverso da quello in cui eravamo prima. Sarà che la nebbia si era fatta ancora più fitta mentre eravamo dentro e che ormai c’era quasi buio. Il risultato era che era letteralmente impossibile dire dove finiva il cielo e dove iniziava la terra. Non c’era nessun punto di riferimento, niente che potesse aiutare a capire dove andare per raggiungere il monumento dell’ancora. Sembrava di essere sulla Luna.

Così alla fine abbiamo fatto una cosa potenzialmente molto ingenua nella sua semplicità: visto che per raggiungere il bar avevamo svoltato a sinistra, abbiamo semplicemente svoltato a destra. Non c’era anima viva, fra l’altro, che magari fa pensare a un’atmosfera spettrale, tipo da Shining, ma invece era super affascinante: eravamo immersi nella natura, nell’inverno e nel silenzio, tutto nello stesso tempo. Quando capita, di questi tempi.

Più o meno a metà strada abbiamo deciso di abbandonare il lago e proseguire sul sentiero che lo costeggiava, perché era più sicuro e meglio segnalato. LOL. Non solo ci siamo ritrovati a camminare sul ciglio della strada dove passavano le macchine (poche, per fortuna), ma anche lì c’era comunque buio pesto e non c’era nessuno. Menomale che avevamo le torce dei cellulari.

Alla fine ce l’abbiamo fatta a tornare al monumento. Prima sono riapparsi dal nulla i lampioni, quindi non era più buio. Poi c’erano persone vere che interagivano con altre persone vere, quindi non c’era più il silenzio ovattato di prima. Quando siamo tornati alla fermata del tram, tutto aveva ripreso la sua solita forma rigorosamente urbana.

A livello strettamente personale la vista del lago ghiacciato mi ha lasciato abbastanza senza parole. Il bacino è finora la più ampia superficie ghiacciata su cui ho mai camminato. Una delle cose che mi hanno colpito di più è quanto nero possa essere il ghiaccio. Sarà colpa della (scarsa) luce del giorno e/o dei detriti congelati (letteralmente) sotto la superficie, ma resta il fatto che ci ho messo un po’ a rendermi conto che stavo già camminando sul lago, perché invece sembrava quasi terra.

Probabilmente c’è un motivo se sono sempre lì a dire che mi piacciono l’inverno, il freddo e i panorami ghiacciati. Devo dire che la Brněnská Přehrada me ne ha dato qualche altro da aggiungere alla lista.

Bobby, I owe you one.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

20 + 14 =