Norway 2015 (2/6). The urban landscape of Kristiansand

After a good night’s sleep, we left our hostel quite early in the morning. Yes, we stayed in a hostel. We had the smallest private room with the smallest private bathroom, but the building itself was a hostel, bunk beds and shared kitchen included. So yes, for the first time in her life my Mum had the (next to) whole hostel experience. Isn’t she cool.

2_norway_4_centre_1

One of the first things I noticed about Kristiansand is its strikingly Mediterranean atmosphere. The gorgeous weather certainly helped, but it was more than just that. There was something about the colours, the light, the flowers and the fountains near the fortress that led me to this conclusion. Coincidentally (or not), the Kristiansand area includes several popular seaside resorts.

Our first day was all about the city centre. If there is one thing that struck me when I had first checked the map of Kristiansand, it was the layout of the centre. It looked like it was exactly split into two halves: one was like a neat, near-perfect web of perpendicular straight lines, while the other looked like a giant green stain with a few blue dots randomly scattered across the area.

As I understood, it was Christian IV (the city founder) that outlined the city plan: 56 rectangular blocks shaped by 9 horizontal and 6 vertical streets crossing through the city. I actually counted 8 vertical and 11 horizontal, but I don’t mean to be fussy!

With such a layout, how else could Kristiansand’s central borough be named if not ‘Kvadraturen’? Well, that’s where our sightseeing started from.

Kvadraturen largely consists of white wooden buildings (especially toward the area called Posebyen, which also happens to be the oldest), shops and restaurants. Honestly, you can’t get lost inside the city centre.

2_norway_4_centre_4

Town Square is the ideal, as well as geometric, focal point of the city. Not only is the cathedral Domkirke located on one side of the square; it’s like all roads lead to Town Square. When we got there, we were blinded by sunlight (yes, it was that sunny! Spoiler alert: it didn’t last…), and the square was crammed with tourists and locals having a stroll around the city centre, resting on a bench or simply taking in as much sunlight as they could.

2_norway_4_centre_3

2_norway_4_centre_2

Soon after lunch we resolved to leave temporarily the city centre and head north, toward the ‘green stain’ I was talking about. As I read on the guide, the ‘green stain’ consisted in fact of two green areas: Baneheia and Ravnedalen. I wasn’t sure I’d understood correctly: it looked and sounded like a sort of forest, with lakes and woods, right next to the city centre. It was too good to be true.

3_norway_4_baneheia_1

3_norway_4_baneheia_2-jpg

Well, it was true, in fact. We were so close to downtown Kristiansand, yet so far. One minute we were crossing over at the traffic lights and the next we were immersed in the silence of nature, the only noises the voices of the (not many) people having a walk around the area or swimming in one of the lakes.

3_norway_4_baneheia_3

3_norway_4_baneheia_4

Sadly, Baneheia is especially known for the so-called ‘Baneheia murders’, the murder of two little girls aged 10 and 8 that were raped and killed near one of the lakes, their bodies concealed in the woods until they were retrieved a few days after they had disappeared. The events occurred back in 2000, but left their mark on the Sørlandet and, more generally, Norwegian society – and understandably so.

3_norway_4_baneheia_6

3_norway_4_baneheia_7

After contemplating water lilies (so many water lilies floating on the ponds!), dipping out feet in the water and socialising with local ducks, we thought we’d go back downtown. We headed straight toward the sea. Strandepromenaden is, predictably enough, the street that runs along the coast.

4_norway_4_centre_4

4_norway_4_centre_5

Right in the middle, just off the main road, there’s Christiansholm Festning, Kristiansand fortress. It’s a round, thick-walled building with cannons around the balcony overlooking the sea.

4_norway_4_centre_3

A bit further on, right at the end of Strandepromenaden, there’s Bystrand Beach, probably my favourite spot in the city. Yes, because Kristiansand has a tiny stretch of beach right next to the centre. I mean, wow. By the time we arrived at the beach the sky had clouded over, and there was virtually no one around. Not one person. Only silence and wind.

4_norway_4_centre_2

The sky was, if not fifty, at least forty shades of grey, and the sea looked almost black and borderless. There was the most annoying drizzle and the air was getting chillier by the minute. Mum and I had a stroll along the beach as far as Verven street, after which she said she’d be heading back to the hostel. I didn’t feel like going back yet, so after showing her the way, I went back to Verven, right to the tip of the small peninsula, picked my spot, and sat on the rocks.

4_norway_4_centre_1

Those forty minutes or so by the sea are amongst my favourite memories of Kristiansand. There was no one around. I like sunny weather, but I love it when it’s all clouded and windy. I love it when the sky is lit by a dim, whitish light that makes the clouds look like they’re backlit, thick and dense, and you can make out their profiles.

5_norway_4_jegersberg_11

When the rain grew very thick I eventually made my way back to the hostel. By then I could say I had experienced quite a satisfactory range of weather patterns in one day.

This post first appeared on the website Norway Traveller on 10 November 2016. Click here to have a look 🙂


Norvegia 2015 (2/6). Il paesaggio urbano di Kristiansand

Dopo una bella dormita, siamo uscite dall’ostello piuttosto presto la mattina. Ebbene sì, eravamo in ostello. Avevamo una stanza privata (piccolissima) e un bagno privato (piccolissimo), ma si trattava pur sempre di un ostello, letto a castello e cucina in comune incluse. Per la prima volta nella sua vita mia mamma ha avuto (quasi) una vera e propria esperienza in ostello. Fantastica.

Una delle prime cose di Kristiansand che ho notato è stata l’atmosfera incredibilmente mediterranea. Il tempo bellissimo sicuramente aiutava, ma non era solo quello. C’era qualcosa, nei colori, nella luce, nei fiori e nelle fontane vicino alla fortezza, che mi portava a fare quell’osservazione. Fra l’altro, proprio la zona di Kristiansand include alcune località di villeggiatura assai popolari. Che (non) sia una coincidenza?

Il primo giorno ci siamo dedicate al centro. Se c’è una cosa che mi ha colpito quando ho visto per la prima volta la mappa della città, è stata la planimetria del centro. Sembrava diviso esattamente a metà: da una parte c’era un reticolo perfetto di strade perfettamente perpendicolari fra di loro, mentre dall’altra c’era un’enorme macchia verde con alcune chiazze blu chiaro qua e là.

Da quel che ho capito, è stato re Cristiano IV, fondatore della città, a delinearne la pianta: 56 blocchi rettangolari definiti dall’incrocio di 9 strade orizzontali e 6 verticali. Io ne ho contate 8 verticali e 11 orizzontali, ma non voglio essere pignola!

Con una planimetria del genere, come altro poteva chiamarsi la zona del centro se non ‘Kvadraturen’? Ed è proprio da lì che è iniziato il nostro giro in città.

Kvadraturen comprende per lo più edifici bianchi in legno (soprattutto verso l’area chiamata Posebyen, che è anche la più antica), negozi e ristoranti. Davvero, perdersi nel centro di Kristiansand è impossibile.

Town Square (Piazza della Città) è l’ideale e geometrico centro focale della città. Non solo la cattedrale Domkirke si trova su un lato della piazza; è proprio che tutte le strade portano lì. Quando ci siamo arrivate noi, c’era una luce accecante (sì, c’era così tanto sole! Spoiler: non è durato…) e la piazza era gremita di turisti e gente del posto: chi passeggiava per il centro, chi si rilassava su una panchina e chi semplicemente si beava della bellissima giornata.

Poco dopo pranzo abbiamo deciso di allontanarci temporaneamente dal centro e siamo andate verso nord, a vedere quella che era la ‘macchia verde’ sulla mappa. Ho poi letto sulla guida che la ‘macchia verde’ è composta in realtà da due zone verdi: Baneheia e Ravnedalen. Non ero sicura di aver capito bene: sembrava proprio una foresta, o n laghi e boschi, praticamente in centro città. Era troppo bello per essere vero.

Eppure era proprio vero. Eravamo incredibilmente vicine al centro di Kristiansand eppure incredibilmente lontane. Un attimo stavamo attraversando al semaforo e l’attimo dopo eravamo immerse nel silenzio della natura, un silenzio in cui gli unici rumori erano le voci delle (non molte) persone che passeggiavano sul sentiero o nuotavano in uno dei laghetti.

Purtroppo Baneheia è tristemente nota per i cosiddetti ‘omicidi di Baneheia’, il duplice omicidio, appunto, di due bambine di 10 e 8 anni, violentate e uccise vicino a uno dei laghetti prima che i loro corpi venissero nascosti nel bosco e ritrovati un paio di giorni dopo la scomparsa. I fatti risalgono al 2000, ma hanno comprensibilmente lasciato un segno duraturo nella regione e, più in generale, nel paese.

Dopo aver contemplato per un po’ le ninfee (c’erano così tante ninfee sui laghetti!), aver pocciato i piedi nell’acqua e aver socializzato con le papere locali, siamo tornate in centro e siamo andate dirette verso il mare. Strandepromenaden, come si intuisce dal nome, è la via lungo la costa. Proprio in mezzo, accanto alla strada, c’è Cristiansholm Festning, la fortezza di Kristiansand. È un edificio tozzo, con le mura spesse e, intorno al perimetro esterno, i cannoni sulla balconata che affaccia sul mare.

Poco più avanti, proprio alla fine di Strandepromenaden, c’è la spiaggia di Bystrand, che probabilmente è anche il mio posto preferito in città. Sì, perché Kristiansand ha una spiaggetta proprio accanto al centro. Capito? No, dico, wow. Quando siamo arrivate noi ovviamente si era ormai rannuvolato e non c’era praticamente nessuno. Nessuno. Solo vento e silenzio.

Il cielo aveva, se non cinquanta, almeno quaranta sfumature di grigio e il mare sembrava quasi nero e sconfinato. C’era la pioggerella più molesta di sempre e l’aria si faceva sempre più freddina. Io e mia mamma abbiamo fatto un giro fino a Verven, poi lei ha deciso di tornare in ostello. Visto che volevo star fuori ancora un po’, ho fatto un pezzo di strada con lei e poi sono tornata a Verven, proprio sulla punta del piccolo istmo dove curva la strada, e mi sono seduta sulle rocce.

Quei quaranta minuti vicino al mare sono fra i miei ricordi più belli di Kristiansand. Non c’era veramente nessuno. Mi piace quando c’è il sole, ma amo quando il vento e le nuvole. Amo quando c’è una luce appena fioca, bianca, che fa sembrare le nuvole retroilluminate, fitte e dense e se ne distingue il profilo.

Quando la pioggia è diventata veramente troppa, sono tornata in ostello anch’io. A quel punto avevo assistito a una gamma sufficientemente ampia di variabilità meteorologica in un giorno solo.

Questo post è apparso per la prima volta sul sito Norway Traveller il 10 novembre 2016. Cliccate qui per dare un’occhiata 🙂

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

5 × 3 =