Brno 2017 (5/n). Hidden Brno (on the map)

2 Jan 2017. Really, I’m a ‘mapaholic’. I’m not even sure this word exists or makes sense in the first place, but I’m confident that, should it not be the case, its meaning can still be easily grasped. I love maps and, even though I’m a tireless supporter of the notion of aimless wandering about, I still can’t help studying meticulously the map of the very same city whose streets I like walking without knowing where I’m heading for.

To me, these two approaches (i.e. inductive and deductive, remember?) complement each other exceptionally well, and are equally essential and necessary when it comes to growing familiar with a city that still comes across as largely unknown. I regularly refer to the Brno maps I’ve collected since I arrived in the city, and I’m happy to say that, so far, places initially spotted and marked on the map, and subsequently explored in first person, have always turned out to be amongst the greatest surprises.

I realise that the ‘mapping-checking out-being left in utter bewilderment’ sequence works particularly well with parks, woodlands, and green areas in general. All in all, I’m not surprised. Yes, because, however accurate and detailed the map, it is inevitably much tougher to mark each individual trail or footpath on a city map where, incidentally, all green areas look invariably alike, and are inevitably marked by green monochrome ‘stains’, often of unidentifiable shapes. Which makes it easier to get lost, but also to come across marvellous spots or views literally by chance, if not by mistake.

Wilsonův les (Wilson Wood) is a case in point: it truly made my day when I first ended up there, purely by chance, on a sunny winter afternoon. I actually learned its name only hours later, when, comfily sat at my kitchen table, I google-mapped it, eager to find out where I had spent (and would be spending) so much of my time.

I’d carefully planned that afternoon walk in the morning, using the Brno map that, of all the Brno maps I have, showed a much broader urban area than the city centre alone. Weatherwise, I coincidentally picked one of the most perfect days ever: I don’t think I’ve ever seen such clear blue sky over Brno since I’ve been around, and even the sun kept your cheeks warm, despite the crispy winter air.

I wanted to go to Náměstí Miru (Peace Square), because I’d seen it written on the front of a tram no. 4 (of which it’s the final stop), and I wanted to see what it looked like. I don’t know, it had a solemn feel to it. Also, Bobby accidentally mentioned Kraví hora (Kraví hill) was also located in the area, and that also sounded interesting, so I thought I’d go and have a closer look.

I soon realised that Náměstí Miru is at the very top of Údolní Street, and that, despite being fairly large, it’s not as vast as the name suggested, as St. Augustine Church and the tram stop take up a good two thirds of the square. As for Kraví hora, it lies on the right of the square, as green and relaxing as a desktop background, but real and popular with locals.

The walk from Údolní St. to the square confirmed a recurrent impression of Brno I’d already got a couple of times when I visited less crowded, less central areas of the city, i.e. how these areas look nothing like the centre, but exceptionally similar to each other and, to some extent, to a sparsely populated mountain locality.

This ‘rural’ look is actually justified by the fact that the Brno district where Wilsonův les is located (Žabovřesky) results from the grouping of three villages (formerly agricultural settlements), which went on to become part of what is known as the ‘Greater Brno’. Long story short, this area is somewhat peripheral by definition.

Before ascending the hill (where, incidentally, the Planetarium, the Observatory and some to-be-visited-asap Dinosaurs’ museum are located), I had a casual look around. Except, I happened to walk down Krondlova St. and, well, next thing I knew, I was strolling down a narrow trail in the middle of a previously unexplored urban forest, which overlooked the city and consisted entirely of tall, thin bare trees.

I had no idea where I was going, but I just kept going: I wanted to see where I would end up. Plus, it was utterly beautiful. I mean, it wasn’t what I thought I’d get, but thank you for inadvertently showing me the way to the beginning of the path. Apart from the occasional local, busy escorting (or being escorted by) their dog(s) along the trail, all I could see were trees and blue sky, and all I could hear was silence.

The sun was already going down, so I walked faster, as I had no clue how long it would take me to get back to square one. I eventually found myself on Wurmova St., which, surprisingly, led straight to the bottom of Kraví hora.

The sun was more like sinking slowly by then, and the light had a warm yellow tinge to it, which cast a golden shadow on the grass covering the hill. I made a mental note of going back to Kraví hora in due time, as the UFO crash site and the dinosaur silhouette behind the glass wall of the museum qualified the site as a highly appealing point of interest.

As I walked down the hill slope on the opposite side from Náměstí Miru, it suddenly started getting chillier by the minute. I did my best to walk down Veveři St. for as long as I could, but after Veveři changed into Mlinka St. (and I felt like I was a hundred light years away from the Brno I’d known until then), my feet and I felt we’d had enough, so I walked back to the very bottom of Veveři, which happens to lead straight to Moravské náměstí.

By the time I got there the sun was long gone, the sky was almost dark, and the ten minutes left before my bus came surely too many for my icy frozen toes. Yet, I couldn’t help thinking: ‘Oh but I loved this’.


Brno 2017 (5/n). La Brno nascosta (sulla mappa)

2 gen 2017. Davvero, sono una ‘mappofila’. Che non so neanche se esiste o ha senso come parola, ma confido che se ne intuisca almeno il significato. Amo le mappe e, per quanto io difenda strenuamente l’idea di camminare/passeggiare senza meta, non posso fare a meno di studiare meticolosamente la mappa di quella stessa città che pure amo girare senza sapere di preciso dove sto andando.

Ritengo che questi due approcci (induttivo e deduttivo, ricordate?) siano straordinariamente complementari e siano ugualmente indispensabili e necessari quando si impara a conoscere una città ancora per lo più sconosciuta. Butto regolarmente un occhio alle mappe di Brno che ho raccolto da quando sono qui e, con mia grande gioia, posso dire che i posti che sono andata a visitare dopo averli individuati sulla mappa si sono sempre rivelati sorprese inaspettate e molto belle.

Mi rendo conto che la sequenza ‘segnare sulla mappa-andare a vedere di persona-rimanere senza parole’ funziona particolarmente bene se applicata a parchi, boschi e, in generale, aree verdi. La cosa, tutto sommato, non mi sorprende più di tanto. In fondo, anche una mappa dettagliata e accurata difficilmente riporta ogni singolo sentiero o tracciato, tanto più che di solito le aree verdi sembrano tutte uguali: delle ‘macchie’ monocrome, spesso e volentieri un po’ informi e tutte dello stesso colore. Il che fa sì che ci si perda più facilmente, ma aumenta anche le probabilità di imbattersi per caso (per non dire ‘per errore’) in angoli o viste meravigliose.

Ne è la prova Wilsonův les (bosco Wilson): mi ha veramente lasciato a bocca aperta quando ci sono capitata la prima volta, ovviamente per caso, un pomeriggio d’inverno. Fra l’altro, ne ho imparato il nome solo ore dopo, quando, comodamente seduta al tavolo della cucina, ho volute cercare su Google maps il posto in cui avevo passato (e avrei continuato a passare) così tanto tempo.

Il giro a piedi di quell pomeriggio l’avevo pianificato al mattino, usando la mappa di Brno che, fra tutte quelle che ho, mostrava un’area urbana più estesa rispetto al solo centro città. Il tempo è stato particolarmente generoso, vista la perfezione meteorologica di quel giorno. Non credo di aver mai visto un cielo tanto azzurro da quando sono a Brno e, nonostante l’aria fredda, il sole arrivava perfino a scaldare le guance.

Volevo arrivare a Náměstí Miru (Piazza della Pace), perché avevo visto la scritta sul tram 4, di cui è il capolinea. Volevo vedere com’era: aveva un nome così solenne. Bobby, poi, aveva nominato quasi per caso Kraví hora (collina Kraví), anch’essa situata in zona e, visto che anche quella mi suonava bene, avevo deciso di andare a dare un’occhiata.

Mi sono poi resa conto che Náměstí Miru si trova alla fine di via Údolní e che, benché parecchio ampia, la piazza non è tanto immensa come il nome me la faceva immaginare: per due terzi è occupata dalla Chiesa di Sant’Agostino e dalla fermata del tram. Kraví hora, invece, si trova a destra della piazza ed è verde e rilassante come il salvaschermo di un desktop, solo che è reale e parecchio battuta dalla gente del posto.

La passeggiata da via Údolní alla piazza ha confermato un’impressione che Brno mi aveva fatto già un paio di volte, quando ero andata a visitare zone più tranquille e decentrate della città, ovvero quanto queste zone non c’entrino nulla con lo stile architettonico o l’aspetto urbano del centro storico, ma siano invece incredibilmente simili fra loro e, in un certo senso, simili a località di montagna con poca gente in giro.

Questo aspetto ‘rurale’ si spiega in parte con il fatto che il distretto di Brno in cui si trova il bosco Wilson (Žabovřesky) è il risultato della fusione di tre villaggi (già insediamenti agricoli), che sono poi diventati parte di quella che è nota come ‘area urbana di Brno’. Per farla breve, la zona di Náměstí Miru è un po’ periferica per definizione.

Prima di salire sulla collina (dove, fra l’altro, si trovano il planetario, l’osservatorio e un museo di dinosauri da-visitare-quanto-prima), mi sono data un’occhiata in giro. Solo che si dà il caso che io abbia deciso di fare due passi in via Krondlova e… diciamo che poco dopo mi sono ritrovata a passeggiare lungo uno stretto sentiero nel mezzo di un bosco urbano mai visto prima, affacciato sulla città e fatto di alti e sottili alberi spogli.

Non avevo idea di dove stessi andando, ma ho proseguito: ormai volevo vedere dove portava. Senza contare che era bellissimo. Seriamente, non mi aspettavo di ritrovarmi in un posto così, ma che fortuna essere capitata per sbaglio davanti a uno dei sentieri. A parte qualcuno del posto, impegnato a portare fuori il cane (o a farsi portare in giro da quest’ultimo), c’erano solo alberi, cielo blu e silenzio.

Il sole stava già calando, quindi mi sono affrettata: non avevo idea di quanto ci avrei messo a tornare al punto di partenza. Alla fine mi sono ritrovata in via , che mi ha inaspettatamente riportato proprio ai piedi di Kraví hora.

Il sole stava ormai sprofondando lentamente e la luce aveva una tonalità calda che faceva sembrare dorata anche l’erba della collina. Mi sono fatta l’appunto mentale di tornare con calma a Kraví hora, perché il sito di atterraggio degli UFO e il dinosauro che si intravedeva attraverso la vetrata contribuivano a fare della zona un luogo di interesse di tutto rispetto.

Mentre scendevo per il sentiero sul lato della collina dalla parte opposta a , è diventato sempre più freddo. Ho fatto del mio meglio per passeggiare lungo via Veveři più a lungo possibile, ma quando via Veveři era diventata via Mlinka già da un po’ (e sembrava di essere lontana anni luce dalla Brno conosciuta fino ad allora), io e i miei piedi abbiamo detto basta. Ho quindi rifatto via Veveři fino all’inizio, dove la strada sbuca su Moravské náměstí.

Quando sono arrivata lì, il sole era sparito da un pezzo, il cielo era quasi buio e i dieci minuti rimasti prima che arrivasse il bus decisamente troppi per le mie dita congelate. Eppure, riuscivo solo a pensare: ‘Oddio ma che bello’.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

three × two =