Brno 2016 (4/n). Hidden Brno (before my eyes)

[Italian version below]

18 Dec 2016. If the title of this post tricked you into believing I would be talking about Brno’s most hidden corners and concealed spots that are worth visiting but only known to locals, sorry to break it like this: that’s not the case.

In fact, if you voiced your disappointment or accused me of creating false expectations, I would probably redirect you to what I (intentionally) wrote in brackets up there, which, self-referential as it may be, means exactly what it says.

Yes, because over the past few days and weeks I’ve grown to realise the extent to which adjectives like ‘beautiful’, ‘interesting’ and/or ‘amazing’ successfully apply to a number of Brno spots and streets I had never even noticed before, yet I’d been (worryingly often, I should add, and most unknowingly) ‘seen’ countless times from the bus until then.

To me there are two categories of urban elements ‘left unseen’: those that I glimpse from buses and/or trams on my way to work or to the centre (inductive process), and those that I’d only observed on the map before going out there and see them for real (deductive process). Let’s talk about the inductive process first.

It’s amazing how you end up driving past the coolest urban spots when you’re on the bus (or tram), but you’re not paying the least bit of attention to what’s outside the vehicle.

In fact, let’s say you’re on the bus (or tram), and you’re focused on one or more of the following activities: reading, napping, alternatively reading and napping, reading another passenger’s book by glancing over their shoulder (more typically in the underground, but you can never be too sure), listening to music from your phone, listening to music from somebody else’s phone (whose volume is so unbelievably high that you can actually sing along the lyrics and not fall out of tune), and/or staring blankly ahead.

It happens that, just as you stop doing what you’re doing to glance outside of the window, you realise the bus is driving past what you identify as:

a) something you’ve wanted to go and see properly but you still haven’t had time to, and ‘ooh look, there it is! I’m soo going to return asap!’;

b) something that looks like a crucial landmark, if not a symbol of the city, and ‘how could I possibly not know? Now that I know that it exists and its location, I’ll certainly be back at some point, when I’ve got time!’;

c) something that (also) looks super important or curious or unusual, but you only just realise that when, obviously at the very last second, you look away from the book you were engrossed in (or falling asleep on) or you suddenly ‘see’ things instead of just staring blankly ahead.

Option c) is my favourite and most familiar scenario of all. My favourite bit is when I resolve to hunt down the spot I’d previously briefly and coincidentally glimpsed, only to realise I have no idea where it is or what it’s called. Seriously, not a clue.

This often leads to sessions of incessant and aimless wandering, the majority of which (luckily) turn out to be successful. Otherwise, in some cases it takes me a while to remember the exact location of the something I’m after. In other cases the whole thing has no follow up at all, because either I forget about that random glimpse from the bus window (rarely) or I do not forget, but really have no idea how to identify its exact location again.

This whole process of involuntary sightseeing has unexpectedly led me to discover a number of super interesting urban spots I’ve grown familiar with in the past couple of weeks, which urban spots I’m growing increasingly fond of.

Take the obelisk near Šilingrovo náměstí (Šilingrovo Square). I’d spotted it at least three times before I actually went to see it and found out what exactly it was.

I’d first noticed it on my way to a viewing in Mendlovo náměstí (Mendel Square) with Bobby. We were waiting for the green light at the traffic lights, when I saw a solemn-looking column standing all lit up on high ground some 200 mt to my left. ‘Look, Bobby! Let’s go see what it is at some point!’, we agreed.

I glimpsed the obelisk two more times in the following weeks, both times from tram no. 5 on my way to the city centre. The first time it was dark, so, again, all I could see was the lit up monument disappearing into the distance as the tram turned into Husova St. The second time it was daytime, so when I looked out of the window I could see that the column was surrounded by green. There had to be a park or garden up there.

Because no city guides or maps went as far as including the obelisk in their lists of interesting Brno spots (let alone, describe it), Bobby, our friend Paola and I resolved to go and have a closer look. As it turned out, the obelisk stands in the heart of a small park, which also offers one of the best views of the city and its cathedral. Not even there, though, were we able to find out much about the column, only (as was written on its four sides) that it was somehow connected with the Austrians and that it commemorated soldiers and victims of some unspecified war or battle.

Seriously, I had to Google ‘brno obelisk austrians’ to learn that the ‘small park’ where the column is located is in fact Denisovy Sady (Denis Gardens), and the obelisk was erected there in 1818 to commemorate the end of the long-lasting Napoleonic wars, during which Brno was occupied by the French. The park is named after French historian Ernest Davis, who contributed to spreading Czech history abroad and even founded a Czech library in Paris.

With the Špilberk hill side on Husova St. it was more or less the same. Tram no. 5 drives through Husova St. before turning right into Česká St., in the very city centre. I couldn’t help noticing that, at some point, on the left-hand side of Husova St. buildings were replaced by green grass and cobbled paths going uphill.

One day, after work, I went back to that very spot, and found out that those cobbled streets take you straight to the top of the hill where Špilberk Castle is located. Bobby and I had been to the top of that hill once, but it’d been raining so hard that we hadn’t been able to enjoy the view properly. Also, we’d approached the hill from Mendlovo náměstí, which happens to be on the opposite border of the city centre.

When I reached the hilltop from Husova St. I therefore realised that:

1. the hill on top of which Špilberk Castle was erected is actually much bigger than it looks, and it stands literally in the middle of the city (which is cool oh so cool);

2. from the top of the hill, if you’re even remotely familiar with the city, you can actually identify streets and buildings, and on a clear night you can enjoy the most stunning view of Brno.

In one word: wow.

I’ve also got things to say about the deductive process of discovering places (i.e. locating them on the map and then visiting them). However, I feel I should start a new post to discuss it properly, as this one is already rambling enough as it is.

 


 

Brno 2016 (4/n). La Brno nascosta (davanti agli occhi)

18 dic 2016. Se il titolo del post vi ha portato a pensare che parlerò degli angoli nascosti della città, di quelli che sono ‘assolutamente da vedere’ ma che conosci solo se sei del posto, mi dispiace: non è così.

Se mi rispondeste che ci siete rimasti male o che ho creato false aspettative, vi farei notare quello che ho (intenzionalmente) scritto fra parentesi nel titolo, che, per quanto molto autoreferenziale, va preso alla lettera.

Sì, perché ultimamente mi sono resa conto quanto aggettivi come ‘bello’, ‘interessante’ e ‘fantastico’ valgano (anche) per parecchie zone e strade di Brno che non avevo mai notato prima, ma che fino ad allora avevo comunque (spesso, ma inconsapevolmente) visto un sacco di volte dal bus.

Ritengo ci siano due categorie di angoli urbani ‘visti ma non visti’: quelli in cui mi imbatto mentre sono sul bus (o sul tram) per il lavoro o verso il centro (processo induttivo) e quelli che avevo solo visto sulla mappa prima di andare a vederli di persona (processo deduttivo). Parliamo prima del processo induttivo.

È incredibile come uno si ritrovi a passare accanto ad alcuni fra gli angoli più belli della città proprio mentre è in bus (o in tram), ma non ci faccia minimamente caso.

Per esempio, diciamo che siete sul bus (o sul tram) e vi dedicate a una o più fra le seguenti attività: leggere, pisolare, leggere e pisolare, leggere il libro di un altro passeggero sbirciando da sopra (di solito in metropolitana, ma non si può mai dire), ascoltare la musica dal proprio telefono, ascoltare la musica dal telefono di qualcun altro (il cui volume è talmente alto che riuscite a seguire il testo della canzone e non perdere il filo) e/o fissare il vuoto davanti a voi.

Capita che, proprio nel momento in cui smettete di fare quello che state facendo e guardate fuori dal finestrino vi rendiate conto che il bus sta passando accanto a quello che identificate come:

a) qualcosa che già volevate andare a vedere o visitare, senza che abbiate ancora avuto tempo o modo di farlo, nel qual caso penserete: ‘ooh ma guarda, è qui questo posto! Ci torno assolutamente al più presto!’;

b) qualcosa che sembra essere un punto di maggiore interesse, se non un simbolo, della città e ‘com’è possibile che non lo conoscessi? Ora che so che esiste e dove si trova, ci tornerò di sicuro appena ho tempo!’;

c) qualcosa che, a vederlo, ha l’aria di essere super importante o curioso o strano, solo che ve ne accorgete solo quando, ovviamente all’ultimo, distogliete lo sguardo dal libro che stavate leggendo (o su cui vi stavate addormentando) o all’improvviso ‘vedete’ cose di fronte a voi al posto del vuoto che stavate fissando.

L’opzione c) è la mia preferita, nonché quella che mi è più familiare. La mia parte preferita è quando decido di risalire al posto che ho visto solo di sfuggita, salvo poi rendermi conto che non ho la più pallida idea di dove sia o come si chiami. Seriamente, neanche vagamente.

Questo porta a sessioni di ricerca incessante a tappeto, che (fortunatamente) di solito portano a qualcosa. Altrimenti, a volte mi ci vuole una vita a ricordarmi dove si trova esattamente il posto che sto cercando. Altre volte invece non mi ci raccapezzo più, perché mi dimentico di aver visto qualcosa che mi interessava (raramente) o perché, pur ricordandomi, non so davvero dove andare per ritrovarlo.

Questa specie di ‘giri turistici involontari’ mi ha portato a scoprire alcune zone super belle e interessanti di Brno che ho imparato a conoscere nelle ultime due settimane circa e che mi piacciono sempre di più.

Ad esempio, l’obelisco vicino a Šilingrovo náměstí (piazza Šilingrovo) l’ho (intra)visto tipo tre volte prima di andarci e capire effettivamente cosa fosse.

La prima volta l’avevo visto mentre io e Bobby andavamo a vedere una stanza in Mendlovo náměstí (piazza Mendel). Eravamo ferme al semaforo quando ho notato una colonna dall’aspetto super solenne e tutta illuminate circa 200 metri alla mia sinistra. ‘Guarda, Bobby! Andiamo a vedere cos’è qualche volta!’ Deciso.

Ho poi rivisto l’obelisco altre due volte nelle settimane successive, in entrambi I casi mentre andavo in centro con il tram 5. La prima volta c’era buio, quindi, ancora, riuscivo solo a vedere il monumento allontanarsi mentre il tram svoltava in via Husova. La seconda volta era pieno giorno e, infatti, quando ho guardato fuori ho notato che la colonna era circondata dal verde. Doveva esserci un parco o un giardino lì intorno.

Visto che non c’erano guide o mappe che includessero l’obelisco nei luoghi di interesse elencati (figuriamoci descriverlo), io, Bobby e la nostra amica Paola abbiamo deciso di andare a vederlo. Effettivamente, il monumento si trova nel cuore di un piccolo parco, da cui, fra l’altro, si gode di una delle migliori viste sulla città e sulla cattedrale. Neppure lì, tuttavia, siamo riuscite a scoprire molto dell’obelisco, se non che (come è riportato sui quattro lati) c’entrano in qualche modo gli Austriaci e commemora le vittime di qualche guerra o battaglia.

Seriamente, ho dovuto googlare ‘brno obelisk austrians’ (‘brno obelisco austriaci’) per scoprire che il ‘piccolo parco’ in cui si trova sono in realtà i Denisovy Sady (Giardini di Denis) e che il monumento vi è stato eretto nel 1818 per commemorare la fine delle estenuanti guerre napoleoniche, durante le quali Brno era stata occupata dai francesi. Il parco prende il nome dallo storico francese Ernest Davis, che contribuì a divulgare la storia ceca all’estero e fondò una biblioteca ceca a Parigi.

Con il lato di collina dello Špilberk affacciato su via Husova è andata più o meno allo stesso modo. Il tram 5 percorre via Husova per poi svoltare a destra in via Česká, in pieno centro città. Non ho potuto fare a meno di notare che, a un certo punto, sul lato sinistro di via Husova al posto degli edifici ci sono prato verde e sentieri acciottolati che vanno in salita.

Così un giorno, dopo il lavoro, sono tornata in quel punto e ho scoperto che quei sentieri portano dritti in cima alla collina del Castello dello Špilberk. Una volta io e Bobby eravamo state in cima a quella collina, ma pioveva talmente tanto che non eravamo tanto riuscite a goderci il panorama. Fra l’altro, noi eravamo salite da Mendlovo náměstí, che si trova sul lato opposto del centro.

Solo quando sono arrivata sulla collina da via Husova, mi sono resa conto che:

1. la collina sui cui è stato costruito il castello è effettivamente molto più estesa di quanto sembri e sorge proprio nel centro della città (che è super bella come cosa);

2. dalla cima, se uno ha un minimo di conoscenza di base della città, si riescono a identificare con precisione strade ed edifici e, se c’è limpido, la vista di Brno da lì è la migliore che c’è.

In una parola: wow.

Ho anche cose da dire a proposito del processo deduttivo di scoperta dei luoghi (ovvero identificarli sulla mappa e poi andare a vederli), ma credo che rimanderò il discorso a un altro post: questo è già abbastanza pieno di informazioni sconclusionate così com’è.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

eighteen − 7 =