Lapland 2013 (2/5). Santa Claus and my first snowmobile drive

[Italian version below]

I will skip the part where, straight after landing in Rovaniemi, the bus that picked us up at the airport drove us (read: ‘escorted us’) to this remote building somewhere outside the city, where all flight passengers were gathered in order to listen carefully to the rules they were expected to follow the whole weekend. On the upside, they gave us proper winter clothes that we would need to resist to arctic temperatures and even lower temperatures we’d be experiencing around the Finnish taiga.

2_rovaniemi_prima_sera_1

As soon as we dropped our bags at the hotel (at laaast), I left to explore the surroundings. It took me around 30 minutes to cross the main bridge near the hotel, walk along one side of the frozen pond, cross another bridge, and walk along the opposite side of the frozen pond. It was one of the shortest walks of all times, yet it was hugely refreshing, plus there was snow all around, and the air was so cold and so crisp that I could barely believe it was real: I was in Lapland!

2_rovaniemi_prima_sera_2

The morning after, needless to say, I was super excited, even though I was aware that at least the whole morning would be entirely devoted to Santa Claus and all of his friends. But let me tell you a bit more in detail how day 1 in Rovaniemi unfolded.

Santa Claus

The queue outside Santa’s house was already long at 8.30 in the morning, but I guess that wasn’t our problem, as we happened to find ourselves right outside the main entrance, and everybody was actually standing behind us. I still don’t get how we ended up at the very front of the queue, but yes, Marti and I were the very first visitors of Santa’s house that morning.

At a strictly personal level, that wasn’t the most exciting thing we did that day, but if I’d been shown around those rooms back in the old days, my eight-year-old self would probably have shared my nieces’ enthusiasm.

2_rovaniemi_santa_claus_1

Everything was there, from elves collecting toys to dream-like decorations that often made adults ‘oooh’ and ‘aaah’ even more often than their little ones, and cheerful music playing in the background. Needless to say, the best is saved for last, and coincides with the official meeting with Santa Claus himself. He sits comfily on a chair in the most colourful room of the house, and welcomes visitor after visitor with his joyful manners and an impeccable moustache.

2_rovaniemi_santa_claus_2

The meeting lasts only a bunch of seconds, and ends with an (er, expensive…) official group portrait that for many little guests becomes ‘The One and Only Souvenir’, which souvenir is (maybe) equalled only by Santa’s Official Post Office, which is located a few metres from his house, in the very same square. Which kid wouldn’t want to post their Christmas letter to Santa from the post office that makes all the other post offices in the world look lame and ordinary?

2_rovaniemi_santa_claus_3

Snowmobile drive

After leaving Santa’s ‘manor’, we all (diligently) strolled down a snowy path toward the area where around fifteen snowmobiles had been prepared for us. I knew the moment would come when the group leader would have us board a snowmobile, and ask who wanted to drive and who wanted to be carried. I wasn’t sure which option I’d go for. I mean, I’ve never even driven a moped, let alone a motorbike. Could I trust myself to drive a snowmobile?

3_rovaniemi_snowmobile_1

But then I thought I didn’t know whether I’d even get a second opportunity to drive a snowmobile through Lapland taiga, and how can you possibly miss out on that. So I said ‘yes’, and my Mum was brave enough to say she wanted me to carry her, so she sat behind me, and I started the engine. Ok no, a group leader started all snowmobiles’ engines, gave us tips and recommendations on what (NOT) to do, and off we zoomed down the whitest path.

3_rovaniemi_snowmobile_2

Driving a snowmobile counts as one of the greatest and most amazing things I’ve ever done in my life, and it could be equalled only by a second (and third, and fourth…) snowmobile drive. I mean it: it was truly mindblowing. I couldn’t keep the visor down, because everything was so purely white that, if I kept that down, I couldn’t tell where the path ended and where the open field began. Because of that, and because of the cold and the wind, I had tears pouring down my cheeks the whole time, and freezing instantly, which really was super hilarious!

3_rovaniemi_snowmobile_3

The only noise I could hear was the engine of the snowmobile, apart from which everything was enveloped in a thick layer of white that kept any audible sound at distance. How I’d have wanted to stop for a second, get off what had already become one of my most favourite means of transport, and stare at the landscape. But that was strictly forbidden, as my snowmobile was only one ring in a long chain of snowmobiles speeding (or, at least, attempting to speed) through the woods at a safe distance from each other.

3_rovaniemi_snowmobile_4

Actually, at some point we were told to stop for a minute and wait for those that had fallen behind. I tried as much as I could to not listen to any man-made noise or sound, and did stare at the landscape. I’m quite confident that that scenery I will remember fondly for a very long time. The sun was barely above the horizon, and anyway we couldn’t see it from where we were standing.

The light was transparent, almost light blue, and it projected the same shade of icy blue onto the snow. Snowy trees stretched as far as the eye could see, and the snow was like the whitest, most deceptive of duvets. Fine, Santa, if this was the price for posing with you in your giant toy house, I have to say: nice trade.

 


 

Lapponia 2013 (2/5). Babbo Natale e la mia prima motoslitta

Tralascerò la parte in cui, subito dopo l’atterraggio, il bus che ci è venuto a prendere ci ha portato (leggi: ‘scortato’) in questo edificio sperduto da qualche parte fuori città. Qui ci hanno fatto sedere tutti in una stanza perché ascoltassimo attentamente le regole che avremmo dovuto seguire per tutto il weekend. Il lato positivo è che ci hanno dato i vestiti termici necessari a resistere alle temperature artiche e super artiche che avremmo dovuto affrontare nella taiga finlandese.

Lasciati i bagagli in hotel (finalmenteee), sono subito uscita a darmi un’occhiata in giro. Ci ho messo circa mezz’ora ad attraversare il ponte accanto all’hotel, costeggiare una riva del laghetto ghiacciato, attraversare un altro ponte e costeggiare la riva opposta del laghetto. È stata una delle passeggiate più brevi di sempre, ma ci voleva un sacco per prendere una boccata d’aria, senza contare che era tutto bianco e l’aria era così fredda e pungente che ancora non riuscivo a crederci: ero in Lapponia!

Il mattino dopo, ovviamente, ero super esaltata, anche se sapevo che almeno l’intera mattinata sarebbe stata dedicata tutta a Babbo Natale e i suoi amici. Ma andiamo con ordine. Queste sono tutte le cose che ho fatto il primo giorno a Rovaniemi.

Babbo Natale

La mattina alle 8.30 la coda fuori dalla casa di Babbo Natale era già lunga. Non che la cosa riguardasse noi, visto che per qualche motivo a me oscuro ci siamo ritrovate proprio per prime davanti all’entrata: erano tutti dietro di noi. Ancora non mi spiego come sia successo, comunque sì, io e Marti quel mattino eravamo le prime ospiti della casa di Babbo Natale.

Da un punto di vista strettamente personale, non è stata quella la parte più esaltante della giornata, ma devo ammettere che se mi avessero portato in giro per queste stanze un po’ di anni fa, la me stessa di otto anni avrebbe probabilmente condiviso l’entusiasmo delle mie nipoti lì fuori.

C’era tutto, dagli elfi che facevano i sacchi di giocattoli a decorazioni da sogno che, a vederle, suscitavano esclamazioni di stupore nei genitori anche più che nei figli, alla musica gioiosa sempre in sottofondo. Va da sé che il meglio viene alla fine, ovvero con l’incontro ufficiale con Babbo Natale in persona. Lui se ne sta lì seduto su una sedia nella stanza più variopinta della casa e accoglie i visitatori uno dopo l’altro con modi cordiali e un impeccabile mustacchio.

L’incontro dura solo pochi secondi e si conclude con una (ahem, costosa) foto ufficiale di gruppo che per molti piccoli ospiti diventa ‘Il Souvenir Unico e Solo’ del viaggio. Questo è (forse) eguagliato solo dall’Ufficio Postale di Babbo Natale, che si trova poco distante dalla casa, nello stesso piazzale. Quale bambino non vorrebbe imbucare la propria letterina a Babbo Natale all’ufficio postale al cui cospetto tutti gli altri uffici postali diventano tristi e banali?

Giro in motoslitta

Lasciata la ‘tenuta’ di Babbo Natale, abbiamo (diligentemente) percorso un sentiero innevato che portava a uno spiazzo in cui c’erano circa quindici motoslitte messe tutte in fila apposta per noi. Sapevo che sarebbe giunto il momento in cui la guida ci avrebbe fatto salire su una motoslitta e ci avrebbe chiesto chi voleva guidarla e chi voleva farsi portare. Non sapevo bene cosa fare, tanto più che non ho mai neanche guidato un motorino, figuriamoci una moto. Potevo fidarmi?

Poi, però, ho pensato che non sapevo neanche se avrei mai avuto una seconda occasione di guidare una motoslitta nella taiga lappone: come potevo lasciarmela scappare? Così ho detto sì e mia mamma ha avuto abbastanza coraggio da dire che si fidava a venire con me, così si è seduta dietro di me e ho acceso il motore. No, un attimo, il motore l’ha acceso una delle guide, che l’ha poi acceso a tutti e ci ha dato dritte e consigli su cosa (NON) fare. Ciò detto e fatto, siamo partiti. Davanti a noi, il sentiero più bianco che c’è.

Guidare una motoslitta rientra senz’ombra di dubbio fra le cose più fantastiche e straordinarie che io abbia mai fatto nella vita. Forse la può eguagliare solo il fatto di guidarla una seconda (e terza, e quarta…) volta. Seriamente: è stato incredibile.

Non riuscivo a tenere il visore sulla faccia, perché era tutto troppo bianco e, se lo tenevo giù, non riuscivo a capire dove finiva il sentiero e dove iniziava il campo aperto. Il risultato era che mi scendevano le lacrime sulle guance per via del freddo e del vento, solo che ghiacciavano all’istante, sembrava assurdo!

L’unico rumore che sentivo era il motore della motoslitta. A parte quello, tutto era avvolto in uno spesso strato di bianco che allontanava qualsiasi suono udibile all’orecchio umano. Come avrei voluto fermarmi un attimo, scendere da quello che era già diventato uno dei miei mezzi di trasporto preferiti e guardare il paesaggio.

Ma non potevo fermarmi, perché la mia motoslitta era solo un anello in una lunga catena di motoslitte che sfrecciavano (o, per lo meno, ci provavano) nel bosco a rigorosa distanza di sicurezza l’una dall’altra.

A un certo punto, però, ci siamo dovuti fermare davvero un paio di minuti per aspettare quelli che erano rimasti indietro. È lì che ho effettivamente provato a non ascoltare nessun rumore o suono prodotto da atri esseri umani, ma solo a guardare il paesaggio. Sono abbastanza sicura che quel paesaggio lo ricorderò a lungo come uno fra i più belli di sempre. Il sole era a malapena sopra l’orizzonte, e, comunque, dal punto in cui ci trovavamo non riuscivamo a vederlo.

La luce era trasparente, tanto che sembrava quasi azzurra e proiettava sulla neve la stessa sfumatura di azzurro ghiaccio. Gli alberi innevati erano un mare che si perdeva nell’orizzonte e la neve sembrava un bianchissimo fino piumone. E va bene, Babbo Natale, se questo è un modo per ripagarmi del fatto che abbia dovuto posare con te nella tua casa giocattolo gigante, lascia che ti dica: è un piacere fare affari con lei.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

three × two =