Brno 2016 (1/n). Preliminary remarks

[Italian version below]

7 Nov 2016. This is how the Lonely Planet webpage about Brno introduces the city:

‘Among Czechs, Moravia’s capital has a dull rep; a likeable enough place where not much actually happens. There was even a hit movie a few years back called Nuda v Brně (Boredom in Brno).’

However, it then adds:

‘The reality, though, is very different… There’s plenty to reward a stay of a couple days.’

2_brno_namesti_svobody

The additional remark is more than appropriate. I arrived in Brno only four and a half days ago, yet I’ve already come to understand two things:

1. Brno looks the opposite of nudný (boring), and 2. I’m quite grateful I’ll be spending more than ‘a couple days’ in the city, because I’m afraid the list of things to do and see Bobby and I have put together might require a bit longer than that.

This weekend I’ve had plenty of time to have a look around, grow familiar with the city centre and identify the largest green areas in the city. Brno’s main park, Lužánky park, happens to be right across the street from the temporary flat where I’ll be living until mid November, and I have to say, autumn foliage fits perfectly with its paths and meadows.

1_brno_luzanky

So does the other most popular Brno park, i.e. the park surrounding Špilberk Castle. It’s all cobblestones and wooden benches, and its narrow paths run all around the hill on top of which the castle was built.

I’ve yet to get as far as visiting the castle itself, but I don’t think I’m wrong if I guess that Špilberk is a cultural beacon of primary importance in Brno.

As for the city centre, it’s lovely and interesting, and it looks like a lot of buildings should be pointed at, while walking Brno streets, rich in history as they are. At first sight it looks deeply Central European, sort of a bit like Vienna (of course, MUCH smaller and MUCH LESS sumptuous), Bratislava (some streets of Brno centre remind me of Obchodná ulica) and Prague (but really, I’ve seen very little of it in Brno so far).

3_brno_spilberk

I can say for sure that, at first sight, Brno is not a Slavic city. So maybe there won’t be any kiosks selling pirogi (little pies) on the street, but there will definitely be plenty of halušky, smetana (sour cream) and knedľa bread. Thank you.

If you put it all together, it sounds like quite a melting pot of a city, which explains why I’m already forward to next weekend for some more exploring!

 


 

Brno 2016 (1/n). Considerazioni preliminari

7 nov 2016. La pagina web della Lonely Planet dedicata a Brno esordisce così nel descrivere la città:

‘Fra i cechi, la capitale della Moravia ha la reputazione di città noiosa: un posto che non è brutto, ma in cui non succede quasi niente. Qualche anno fa hanno anche fatto un film intitolato Nuda v Brně (Noia a Brno).’

Poi, però, aggiunge:

‘La realtà è ben diversa… Per quello che c’è da vedere, vale la pena passarci un paio di giorni.’

L’ultima osservazione è più che doverosa. Sono arrivata a Brno solo tre giorni e mezzo fa, ma di sicuro ho già tratto due conclusioni:

1. Brno è l’opposto di nudný (noiosa) e 2. Mi fa piacere sapere che passerò più di ‘un paio di giorni’, perché temo che la lista delle cose da fare e vedere che abbiamo messo insieme io e Bobby possa richiedere un po’ di tempo in più.

Questo weekend ho avuto abbastanza tempo per guardarmi intorno, capire cosa è dove e identificare le due aree verdi più estese della città. Il parco principale di Brno, Lužánky, si trova proprio di fronte all’appartamento in cui vivremo fino a metà mese e, devo dire, le foglie d’autunno donano un sacco ai suoi prati e sentieri.

Lo stesso vale anche per l’altro parco più importante, quello che circonda il Castello Špilberk. È tutto attraversato da sanpietrini e panchine in legno e I suoi sentieri attraversano da un capo all’altro la collina su cui sorge il castello.

Non ho ancora visitato il castello in sé, ma credo di non sbagliarmi se penso che lo Špilberk sia un punto di riferimento culturale fondamentale a Brno.

Quanto al centro, è delizioso e molto interessante. Ci sono un sacco di edifici sui quali ci sarebbe un sacco da dire, vista la ricchezza storica che li caratterizza. A prima vista Brno ha un aspetto molto mitteleuropeo, un po’ come Vienna (ovviamente su scala MOLTO inferiore e MOLTO meno sontuosa), Bratislava (soprattutto per alcune strade, che mi ricordano Obchodná ulica) e Praga (ma ho visto veramente poco a Brno finora).

Posso dire sicuramente che Brno non è una città slava. Il che vuol dire che magari non ci saranno bancarelle che vendono pirogi (piccoli tortini salati), ma a regola ci saranno halušky, smetana (panna acida) e knedľa (pagnotte di pane) a volontà. Grazie.

A mettere tutto insieme, dà l’idea di essere una città parecchio cosmopolita. Il che spiega perché già non vedo l’ora del prossimo weekend per scoprire altre parti ancora inesplorate della città.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

20 − six =

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.