Norway 2016 (7/9). Hiking in muddy Bymarka

[Italian version below]

It’s barely three o’clock in the afternoon, but I already feel like this is one of the longest days of my life. I’ve been walking down this path for some fifty minutes now, and I have literally no idea where I am. And there is literally no one to ask for directions.

A couple of hours ago, after leaving the Grønnlia hut, I went downhill toward the lake Skjellbreia. The view was stunning. There was a glare, so the water looked like it was made out of silver, and melting with the sky. Tiny blue dragonflies were flapping all over the place, and a tiny wooden bridge looked like it had been placed there to provide the hiker with the perfect snapshot.

9_norway_1_bymarka_3

Soon, however, it no longer felt as idyllic: the path grew very narrow, and there was mud everywhere. That is when, for the second time in a bunch of hours, I cursed the moment I didn’t pack hiking boots or, at least, running shoes. So here I am, in the middle of Bymarka natural reserve (around two kilometres west of Trondheim) after a night of heavy rain, wearing a worn out pair of Tiger sneakers. I’ve had soppy feet virtually since I’ve been around the reserve.

9_norway_1_bymarka_4

Back at the hut I checked wooden signs pointing uphill. ‘Skistua’, read one of them. Skistua is, alongside Grønnlia, one of the most popular Bymarka spots. That’s where I’m heading for, I thought. The trail was rather demanding, but simply stunning. I walked up this steep, narrow path covered in muddy earth and roots. The roots were thick, web-like, now and then forming sort of nature-shaped stairs leading uphill. Had it been sunny (which it wasn’t), I wouldn’t have noticed anyway, so thick were the branches above me. I could barely see the sky at all.

9_norway_1_bymarka_5

After nearly two kilometres uphill, the path went down. More ‘Skistua’ signs. But there, on the left, was another lake. Vintervatnet, I guessed. I ran to the shore, and dipped my hands in the cold, transparent water. Standing by the lake, I looked around to take in the immense, borderless nature surrounding me. The only human traces visible to the eye were the cables of the ski tow (now closed) beside the lake. The silence of nature was hugely powerful and belittling.

9_norway_1_bymarka_6

I’d have loved to stay longer, but because I had no idea where I was, and it would take me a while to find my way back, I chose to return to the path. Except, I obviously and expectedly failed to return to the Skistua trail I was following. I found myself strolling down a broader path covered in tiny gravel instead.

So here I am now, at the point where I’ve no clue where I’m going. The sky is now overcast, I’m expecting heavy rain any minute now. Suddenly, signs reappear. As I’m carefully scanning the orderly wooden rows of place names, I see it: ‘Storheia 2.2[km]’. Here it is. The highest peak in the reserve (565 mt). I’ve secretly wanted to go up Storheia all day but, not having hiking boots, I thought I would make do with other trails. But hey, I wasn’t looking for this sign, it’s the sign that coincidentally happened to find me. There is no hesitation, not one second. Go.

9_norway_1_bymarka_7

The next forty-five minutes consist of the following.

1. Mud, mud everywhere. Even the wooden boards covering the muddy ground along the muddy trail are covered in mud.

2. Slippery rocks. A couple of times I instinctively have to randomly hold on to a twig of one of the sparser and sparser trees flanking the trail as I walk on. (Like a twig could save me from a fall. But hey somehow it works.)

9_norway_1_bymarka_11

3. The sky. The sun is now shining bright, it’s so warm, and the sky gets bluer and bluer as I approach the top. I’m too focused on the steep rocks to stare at the sky for too long, but every now and then I have to look up. I can’t miss it.

4. You know when you’re hiking to the top of the mountain, you’re almost there, and when you get to a flat spot, you’re like ‘I’ve made it!’. Except, as you turn around to congratulate yourself, you see the actual mountaintop fiercely showing off on your left, the tiniest Norwegian flag fiercely flapping on the very top.

‘Oh wait, that is the top!’, I say aloud, as I head for the top (for real, this time). I really am laughing with myself (kind of laughing at myself to a certain extent) when I finally make it.

9_norway_1_bymarka_8

This is beauty in its purest form. I am standing, completely alone, on the top of the mountain. The wind is strong, whistling powerfully in my ears. The mountains are green, covered in trees, with random rocky patches here and there and a couple of lakes that look deep blue from a distance. The air is clean, transparent, faithfully mirroring the clear, blue sky.

The immensity of the 360-degree view from a mountaintop cannot be put into words, I’m not even attempting to do that. It is so utterly stunning and breathtaking.

9_norway_1_bymarka_10

I feel so belittled I can barely stand. I mean, literally, I’m sort of awkwardly crouched, hands tightly clutched to the rocks. I keep turning my head back and forth to make sure I’m not missing anything.

It takes me a good fifteen minutes to regain some composure. Then, after one last look at the horizon, I hurry back downhill. When I finally make it back to the tram stop I am so overwhelmed by the past eight hours I cannot believe it has really happened.

9_norway_1_bymarka_9

If I went back to Bymarka I would wear hiking boots the whole time and I would clutch a map of the reserve in my hand the whole time. Usually I am a better hiker.

But let me say, oh the beauty of discovering places as you come across them. The beauty of not knowing, for once, everything in advance, and not missing it. Norway is my safest haven, and it’s one of those places where nature looks at its best. Rocky mountains meet salty water, and everything looks like it’s perfectly in place. Bymarka seems to be there to prove it.

9_norway_1_bymarka_13

Mental notes on how to get there: from Trondheim city centre take tram no. 1 to Lian (tram stop at the top of St Olavs Gate, off Kongens gate) or bus no. 10 to Skistua (bus stop in Kongens Gate).

9_norway_1_bymarka_1

This post first appeared on the website Norway Traveller on 17 October 2016. Click here to have a look 🙂

 


 

Norvegia 2016 (7/9). In giro nel fango per la Bymarka

Non sono neanche le tre del pomeriggio e già mi sento come se questo fosse uno dei giorni più lunghi della mia vita. È da cinquanta minuti che cammino su questo sentiero e non ho la più pallida idea di dove mi trovi. E non c’è anima viva a cui chiedere indicazioni.

Un paio d’ore fa, ho lasciato il rifugio Grønnlia per scendere verso il lago Skjellbreia. Che vista magnifica. Il riverbero era talmente forte che l’acqua sembrava fatta d’argento e si fondeva con il cielo. C’erano tante piccole libellule blu che svolazzavano ovunque e un piccolo ponte in legno che sembrava messo lì ad arte per chi volesse fare una foto perfetta.

È bastato poco perché l’idillio finisse: il sentiero è diventato strettissimo e pieno di fango. Lì, in quel momento, ho maledetto me stessa per la seconda volta in poche ore per non aver messo in valigia gli scarponi o, almeno, le scarpe da corsa. Così mi sono ritrovata a girare la riserva naturale della Bymarka (circa due chilometri a ovest di Trondheim), dopo una notte di pioggia torrenziale, con su un paio di Tiger logore. Ho i piedi fradici praticamente da quando sono arrivata anella riserva.

Quando ero ancora al rifugio ho guardato i cartelli che indicavano i sentieri in salita. Uno indicava il rifugio ‘Skistua’, che, insieme al Grønnlia, è uno dei punti di riferimento principali della Bymarka. Ecco, vado lì, ho pensato. Il sentiero non era proprio facilissimo, ma era meraviglioso. Era un sentiero stretto stretto coperto di terra un po’ fangosa e radici. Le radici erano così fitte che sembravano una ragnatela e ogni tanto formavano quasi dei gradini naturali. Se anche ci fosse stato il sole (che comunque non c’era), non credo me ne sarei accorta, tanto erano fitti i rami sopra di me. Vedevo a malapena il cielo.

Dopo quasi due chilometri in salita, il sentiero andava giù. C’erano altri cartelli che indicavano la direzione di Skistua, ma lì sulla sinistra c’era anche un altro lago. Ho pensato fosse il Vintervatnet e sono corsa verso la riva a sentire l’acqua, che era gelida e trasparente. Lì in piedi sul lago, mi sono guardata intorno per realizzare quanto fosse immensa e infinita la natura che mi circondava. Le uniche tracce di presenza umana erano i cavi dello skilift (chiuso) accanto al lago. Il silenzio della natura era talmente forte da farmi sentire piccolissima.

Avrei voluto restare un po’ di più, ma non era il caso: già non avevo idea di dove fossi e, in più, ci avrei messo un attimo a ritrovare la strada, così sono tornata verso il sentiero. Solo che, come era prevedibile, ho ovviamente sbagliato strada e non ho ripreso il sentiero per Skistua che stavo seguendo prima. Mi sono invece ritrovata a camminare su un ampio sentiero in ghiaia.

E così eccomi qui, al punto in cui non ho idea di dove io stia andando. Il cielo è coperto e mi aspetto che piova da un momento all’altro. All’improvviso, ecco altri cartelli. Proprio mentre li passo tutti attentamente in rassegna, lo vedo: ‘Storheia 2.2 [km]’. È da stamattina che in cuor mio voglio andare in cima a quella montagna ma, non avendo gli scarponi, ho pensato che mi sarei accontentata di fare altri percorsi. Quindi tecnicamente non sono io che ho cercato questo cartello, ma è lui che per puro caso ha trovato me. Decido all’istante, senza dubbio alcuno: vai.

I tre quarti d’ora successivi comprendono i seguenti elementi:

1. Fango, fango ovunque. Perfino le assi di legno che coprono il sentiero fangoso sono fangose.

2. Rocce scivolose. Un paio di volte mi sono aggrappata d’istinto al rametto di uno degli alberelli che costeggiavano il sentiero. (Come se poi un rametto mi potesse reggere se rischiavo di cadere. Ma in qualche modo funziona.)

3. Il cielo. Adesso c’è il sole, fa caldo e il cielo diventa sempre più sereno man mano che mi avvicino alla cima. Sono troppo concentrata sulle rocce ripide per perdermi troppo a lungo a guardare il cielo, ma ogni tanto devo per forza alzare gli occhi: non me lo posso perdere.

4. Avete presente quando state facendo un’escursione in montagna, siete quasi in cima e, raggiunto un piccolo spiazzo pianeggiante già molto in alto, vi dite: ‘Sììì, ce l’ho fatta!’? Solo che, proprio mentre vi guardate intorno per rendervi conto che ce l’avete fatta davvero, notate sulla vostra sinistra quella che è la vera cima della montagna, su cui svolazza una piccola bandierina norvegese.

‘Oddio aspetta, quella è la cima!’, mi dico ad alta voce e mi dirigo in quella direzione. Mi viene un po’ da ridere (e anche un po’ da darmi della tonta), ma alla fine in cima (quella vera) ci arrivo.

Ecco, questa è la bellezza nella sua forma più pura. Sono qui, completamente sola, sulla cima di una montagna. C’è il vento forte che mi soffia nelle orecchie, le montagne sono verdi, coperte di alberi, mentre qua e là si aprono aree rocciose e un paio di laghetti che da qui hanno un colore blu intenso. L’aria è pulita, trasparente, proprio come il cielo chiaro e limpido.

Non esiste un modo per descrivere a parole l’immensità di una vista a 360 gradi dalla cima di una montagna, quindi non ci provo nemmeno. È talmente incredibile e meraviglioso.

Mi sento talmente piccola e insignificante che riesco a malapena a restare in piedi. Cioè, proprio letteralmente: sono qui accovacciata e goffamente aggrappata alla roccia. Continuo a girarmi da una parte e dall’altra per essere sicura che non mi sto dimenticando di guardare niente.

Mi ci vuole un quarto d’ora buono a riprendermi. Poi, dopo aver guardato l’orizzonte ancora una volta, comincio a scendere. Quando raggiungo la fermata del tram, sono talmente sopraffatta dalle otto ore appena trascorse che fatico a credere sia successo tutto quello che è successo.

Se tornassi nella Bymarka, partirei già con gli scarponi e mi terrei la mappa a portata di mano tutto il tempo. Di solito sono un pochino più abile come escursionista.

Ma in fondo, nulla è più bello dello scoprire un posto solo quando in quel posto ti ci trovi per caso. Nulla è più bello del non sapere, per una volta, tutto già in partenza, e pure non sentire il bisogno di saperlo. La Norvegia è il mio vero posto del cuore, è uno di quei posti in cui la natura dà il meglio di sé. Le montagne rocciose incontrano l’acqua del mare e tutto sembra essere esattamente lì dove è giusto che sia. La Bymarka è la conferma di tutto ciò.

Nota a margine su come arrivare: dal centro di Trondheim prendete il tram 1 per Lian (la fermata è all’inizio di St Olavs Gate, una laterale di Kongens gate) oppure il bus 10 per Skistua (la cui fermata è in Kongens gate).

Questo post è apparso per la prima volta sul sito Norway Traveller il 17 ottobre 2016. Premete qui per dare un’occhiata 🙂

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

five × 4 =