Bavaria 2016 (3/4). Hochries to the top

If Day 1 was all about lakes, Day 2 was, needless to say, entirely devoted to the mountains. While watching the sunset upon our arrival in Samerberg, Andi had anticipated that on Sunday we’d be going hiking to Hochries.

It took me 48 hours to learn and spell the actual name correctly, but when he pointed a finger toward the mountain range behind us on the hill and showed it to us, well, it took me one second to memorise what it looked like. It was, if not the tallest, the second tallest of all. The top was not pointed, but had a flat profile, and you could see distinctly the outline of the hut on its very top. ‘That’s where we’re going’, Andi said. Yaay. I couldn’t wait.

bavaria_10_w

Despite the weather scare we got on Saturday night, when we checked the forecast and saw that it would be rather cloudy and rainy the day after, around 10 o’clock on Sunday morning we left Andi’s place and drove to the hiking trail. It had just stopped raining. Some thirty minutes later, we were officially hiking to Hochries. Heavy clouds, but still no rain in sight.

It would take me a reasonably great amount of time to put together an orderly description of the ascent. A hike is one of those experiences that are best described through images than words. Yet, this blog is more about writing about things than uploading photo galleries (which you may still find, occasionally).

bavaria_11_w

So in this case the best way to explain what it was (and felt) like to hike to Hochries top is probably to list the most recurrent snapshots I can still picture in my head if I think back to it:

green valleys dotted with sparse trees a darker shade of green, rocky walls bursting at the seams with grass and flowers, narrow trails twisting and turning on the mountain slopes, cows grazing in slow motion all over the place, trail included, ‘but as long as it’s not a mother cow, there’s nothing to fear’ (thus spoke Andi).

bavaria_12_w

At some point Andi pointed at a valley somewhere in the distance, saying that from our standing point we could see all four Samerberg communities. ‘One, two, three, and… four! Where there’s a church, there’s a community’. You could easily make out four conglomerates of houses whose churches and bell towers made them easier to identify.

bavaria_16_w

We weren’t rushing, so the ascent took between two and a half and three hours. Every now and then we’d stop for a minute only to turn around and see how the landscape had changed. And, when we reached the top, our fatigue was deservedly repaid with… fog. I’d been eagerly waiting for a stunning view from the top for hours, so I literally almost ran the last few steps to the hut.

Once there, all I could see was nothing but a thick wall of fog that prevented any glimpse of the landscape below. LOL. It was rainy, windy, foggy and cold. This all might sound a tad (or hugely) disappointing, but hey, you can’t argue with the mountain, and despite the lack of view I felt nonetheless super excited. In fact, I felt (and sort of was) on top of the world.

bavaria_15_w

Right before we entered the hut, Andi fumbled in his slicker, and produced a tiny, handmade Bavarian-Italian flag. He’d made it so we could plant it on the top of the mountain. It had the Bavarian lozenges on it, except they weren’t white and blue: they were green, white and red, the colours of the Italian flag.

bavaria_13_w

Andi handed the flag to Robi, who went over to the huge wooden cross next to the hut overlooking the valley, and solemnly planted its tiny wooden mast (i.e. a skewer stick).

The next step was lunch. While the guys went for bratwurst, I had potato pancakes with apple sauce and OH. MY. GOD. Thank you Bavaria. It was delicious.

bavaria_14_w

To get back to Samerberg we had to take the funicular. Our bus was leaving from Munich in the evening, and we had to make sure we’d be leaving for Munich early enough (Trubi was driving us to the bus station). The funicular left us somewhere unspecified, after which we kept to the main footpath to return to the car park.

We walked through the woods, then vainly went for a shortcut through the meadows, which left me ankle-deep in the mud (why does it always, invariably happen?). So we thought that main path sounded good, and returned to it, and then the sun appeared out of nowhere, and the grass was, as Bobby put it, ‘greener than green’.

bavaria_12b

As we drove to Samerberg, we briefly stopped somewhere (there was green grass, there were trees, and that was it), and Andi showed us where he used to play as a kid. It only took a minute to walk to the spot, but you couldn’t see it from the road.

In the woods there was a stream, and an earthy clearing next to it, and that is where Andi and his friends met up and played when they were kids. It was shady and silent, but for the noise of the stream, and it was beautiful.

bavaria_17_w

We arrived home only to discover that Andi’s mother had made soup, and the table was set, and we’d have a restoring hot meal before leaving for Munich. Bobby, Robi and I were lost for words, as we saw the large soup pot, but I guess we experienced exactly the same surge of gratitude at Andi’s Mum’s thoughtfulness.

Only after two portions of soup and two slices of chocolate cake did we muster up the courage to say goodbye.


Baviera 2016 (3/4). Hochries fin su in cima

Se il giorno 1 era dedicato ai laghi, il giorno 2 era ovviamente dedicato alle montagne. Mentre guardavamo il tramonto, appena arrivate a Samerberg, Andi ci ha anticipato che la domenica avremmo fatto un’escursione fin su in cima al monte Hochries.

Perché mi restasse in mente il nome ci sono voluti due giorni, ma per memorizzare l’aspetto della montagna mi è bastato un secondo, quando Andi ha indicato il paesaggio in lontananza. Hochries era, se non la più alta, la seconda montagna più alta che si vedeva. La cima non era a punta, ma aveva un profilo orizzontale e si vedeva distintamente il rifugio. ‘Ecco, andremo là’, ha detto Andi. Sììì. Non vedevo l’ora.

Il sabato sera abbiamo temuto di non riuscire ad andare per via del meteo, che dava nuvole e pioggia. Invece, alle 10 della domenica siamo partiti in macchina, diretti verso l’inizio del sentiero. Aveva appena smesso di piovere. Mezz’ora dopo, l’escursione era ufficialmente iniziata e, ancora, continuava a non piovere.

Mi ci vorrebbe parecchio tempo per mettere insieme una descrizione compiuta e ordinata del percorso. Un’escursione in montagna è una di quelle cose che si spiegano meglio con le immagini che con le parole. È pur vero, però, che questo blog è fatto di parole più che di gallerie fotografiche (che pure, qua e là, ci sono).

Quindi, in questo caso, il modo migliore per spiegare come è stato salire sull’Hochries è probabilmente elencare le istantanee più frequenti che ho fotografato nella mia mente e che, se chiudo gli occhi, ancora riesco a visualizzare alla perfezione:

valli di un verde intenso punteggiate di alberi radi di un verde più scuro; pareti rocciose da cui spuntano erba e fiori, come fossero state cucite male ai bordi; stretti sentieri tortuosi lungo i pendii; mucche che brucano flemmatiche ovunque (sentiero incluso), ‘ma finché non è una mucca madre, non c’è nulla da temere’ (Andi dixit).

A un certo punto Andi ha indicato un punto lontano e ha detto che, dal punto in cui eravamo, si vedevano tutte e quattro le comunità di Samerberg. ‘Una, due, tre e… quattro! Dove vedete una chiesa, c’è una comunità’. Si distinguevano chiaramente i quattro agglomerati di case, anche grazie alle rispettive chiese e campanili.

Non avevamo fretta, quindi per arrivare in cima ci abbiamo messo fra le due ore e mezza e le tre ore. Ogni tanto ci fermavamo un attimo, anche solo per guardarci intorno e vedere come era cambiato il paesaggio. E, una volta in cima, la nostra fatica è stata debitamente ripagata da… nebbia. Era ore che immaginavo il panorama pazzesco che avrei visto da su, tanto che gli ultimi passi fino al rifugio li ho fatti letteralmente di corsa.

Una volta lì, si vedeva solo un muro di nebbia talmente fitta che il paesaggio si poteva proprio solo immaginare. LOL. Pioveva, c’era vento, c’era nebbia e faceva freddo. Il che può senz’altro suonare come un po’ (tanto) deludente, ma la verità è che con la montagna non ci puoi fare niente e, con o senza vista mozzafiato, io ero comunque al settimo cielo.

Subito prima di entrare nel rifugio, Andi ha frugato nella tasca del k-way e ha tirato fuori una piccola bandiera italo-bavarese artigianale. L’aveva fatta lui, così che potessimo piantarla sulla cima della montagna. Era fatta a losanghe, come quella bavarese, ma queste erano bianche, rosse e verdi, come quella italiana.

Andi l’ha data a Robi, che si è avvicinata alla gigantesca croce di legno affacciata sulla valle, proprio accanto al rifugio, e ha solennemente piantato la bandierina (fatta con uno stuzzicadenti da spiedino) nel terreno.

Il passo successivo è stato il pranzo. Mentre gli altri hanno optato senza indugio alcuno per le salsicce bavaresi, io ho mangiato le frittelle di patate con la salsa di mela. Che dire? WOOOW. Grazie Baviera. Era una bontà.

Per tornare a Samerberg abbiamo dovuto prendere la funicolare. Il nostro bus partiva la sera stessa da Monaco, quindi dovevamo partire per tempo (con Trubi, che ci avrebbe portato in stazione). La funicolare ci ha lasciato in un posto non meglio precisato, da cui partiva il sentiero che teoricamente ci riportava al parcheggio.

Abbiamo attraversato un pezzo di bosco e cercato invano una possibile scorciatoia attraverso i prati, in cui sono sprofondata nel fango fino alla caviglia (perché mi succede sempre?). Ci abbiamo quindi ripensato e siamo tornati sul sentiero asfaltato. E all’improvviso è uscito il sole e l’erba era, come già aveva detto Bobby, ‘più verde del verde’.

Una volta in macchina, sulla strada per Samerberg, ci siamo fermati da qualche parte (c’erano prati, alberi e basta) e Andi ci ha mostrato dove giocava da piccolo. Ci è voluto un minuto per arrivare, ma dalla strada era impossibile vederlo.

C’era un torrente in mezzo agli alberi e, lì accanto, una radura: lì Andi giocava con i suoi amici quando era bambino. C’era un sacco di ombra e, rumore dell’acqua a parte, c’era silenzio assoluto. Che meraviglia.

Arrivati a casa, abbiamo trovato un calderone di zuppa calda preparata dalla mamma di Andi, che aveva anche apparecchiato la tavola, così che potessimo mangiare qualcosa di caldo prima di ripartire. Io, Bobby e Robi eravamo senza parole, ma sono quasi sicura che abbiamo provato tutte e tre lo stesso profondo impeto di gratitudine nei suoi confronti.

Solo dopo due piatti di zuppa e due fette di torta al cioccolato abbiamo trovato il coraggio di salutare tutti.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

11 + 12 =