Bavaria 2016 (2/4). Around Chiemsee

Bavaria is well known for the beauty of its lakes and its mountains. That I knew even before I first visited Bavaria.

When we went to Regensburg (and Munich and Nurnberg), because it was winter, we couldn’t make the most of Bavarian nature in its purest form, and privileged the (still amazing) urban landscape instead.

This time we only stayed a couple of days, but they were more than enough to get a taste of the full Bavarian-nature experience.

bavaria_2b

Day 1 was all about lakes. Andi chose to show us around Chiemsee, which, judging by the amount of people crowding the ferry terminal at 9.30 on a Saturday morning, must be a very popular destination with both tourists and locals.

As we waited for the ferry, I took photos of the lake. It was incredibly sunny and incredibly warm, and the view from the terminal was a bit like a race between the sky and the lake playing ‘who’s bluer than whom’. The lake was so huge you could barely see the opposite shore. In fact, at some point you couldn’t see it at all.

bavaria_3_w

The (first) ferry took us to Herreninsel (Men’s Island), where King Ludwig II had the (insane) idea of having a castle built on the island. And not any castle, but an exact copy of the palace of Versailles.

Ludwig II was a huge fan of Louis XIV, and demanded that his Chiemsee palace be identical to Versailles in all its parts, paintings on the wall and rugs included. Except, the king was always too busy to actually live in the castle. In fact, he only went there a handful of times to check how the whole Versailles thing was coming along.

bavaria_4_w

Apart from that, the palace was uninhabited (with the exception of the servants) until the king’s death, after which it stood there, abandoned and half built (incidentally, the king also went broke, amongst other things).

The guide will tell you a lot about the building process, and will also guide you through an unfinished portion of the castle, i.e. the king’s private staircase. That structure consists of four red walls and, quite expectedly, a staircase, also made of bricks. Yes, that’s it.

bavaria_5_w

Once you’ve seen it (you won’t miss it, or any of the guide’s stories, as the only way to visit the rooms is with a guided tour), you will hardly believe that also underneath the stuccoed ceilings, the colourful frescoes and the gold-leaf walls in the other rooms are exactly the same bare, monochrome red bricks.

So yes, the visit was very enjoyable, and King Ludwig II definitely a megalomaniac. Also, the woods and the meadows surrounding the palace are stunning, so make sure you have enough time for a walk through the leafy trees.

After a brief walk through the leafy trees (which, needless to say, we made sure we had), we returned to the ferry terminal, and off we went to our next stop, which, as you may guess if you’re familiar with the Chiemsee area, was Fraueninsel (Women’s Island).

bavaria_6_w

As soon as I got off the ferry and had a look around, one question sprang to mind: why on Earth is there a sumptuous Versailles palace on Men’s Island, while the largest and main building on Women’s island is a monastery? Blame it on the old days.

We lay our blankets on the grass and had a homemade sandwich picnic, while a duck cautiously tried to make friends with us (especially with Andi). Then everybody fell asleep. I didn’t, so off I went for a walk down the path along the shore. The island was crowded with tourists and locals, yet you could barely hear their voices. It was incredibly silent, and the shore was full of quiet spots, tiny private piers, and holiday homes overlooking the lake.

bavaria_7_w

I strolled happily around, soon joined by Andi, for a good twenty minutes, only to realise at some point that I had already seen those buildings and those piers. That’s because we’d walked all the way around the island (which also tells you how small it is), and had begun a second lap.

The view from the shore, though, was still beautiful. The silvery water matched the grey of the sky, which by the time the guys dozed off had clouded over. The lake surface was dotted with sailboats that looked like they were sliding along.

bavaria_8_w

Plus, you know when you’re walking around in (almost) any city centre in the world, and squares and roofs are always crowded with pigeons? Okay, replace pigeons with ducks, and you’ve got an idea of what Fraueninsel looks like. I mean, ducks are literally everywhere, effortlessly cool in their wandering about the path or walking in neat rows in the grass. I love ducks.

When everybody awoke from their power naps, we headed back to the mainland, the sky by then heavily overcast. Our Chiemsee experience, though, was far from over. Andi drove us to some other place around the lake, i.e. a sandy beach whose exact location he himself barely knew.

bavaria_9_w

By the time we got there it was windy, drizzly and cold, but not even that prevented us from sipping the red wine Andi had in his rucksack while dipping our feet in the icy cold water. To top our afternoon, we had top quality ice cream at an ice cream parlour in the area, picked up a friend of Andi’s at his place, and then drove back to Andi’s in the raging storm.

bavaria_9b

Nothing warms you up as the comfiness of a Bavarian wooden house and an enjoyable dinner in good company. Put the two things together, and you have an accurate picture of our Saturday night, which went very quickly between random talk about any imaginable topic (EU, Brexit and US elections included) and the occasional glass of beer (at times truly indispensable in order to discuss some of those very topics). Literally one of the best Saturday nights I’ve ever had.


Baviera 2016 (2/4). In giro per il Chiemsee

La Baviera è ben nota per la bellezza dei suoi laghi e delle sue montagne. Questo lo sapevo anche prima di andare in Baviera per la prima volta. Quando siamo andate a Regensburg (e a Monaco e a Norimberga), dato che era inverno, non abbiamo potuto ammirare la natura bavarese nella sua forma più pura. Abbiamo quindi privilegiato il (pure meraviglioso) paesaggio urbano.

Stavolta in Baviera ci abbiamo passato solo un paio di giorni, che però sono stati più che sufficienti per cogliere appieno l’essenza della natura nella zona.

Il giorno 1 è stato dedicato ai laghi. Andi ha deciso di portarci al lago Chiemsee, che, a giudicare dalla quantità di gente che c’era alla fermata del traghetto alle 9.30 di sabato mattina, dev’essere molto popolare fra turisti e gente del posto.

Mentre aspettavamo il traghetto, io ho fatto un po’ di foto al lago. C’era un gran sole e faceva incredibilmente caldo. A guardare il panorama, sembrava che il cielo e il lago facessero a gara a ‘chi era più blu’. Il lago, poi, era così grande che a malapena si vedeva la riva opposta, che, anzi, a volte non si vedeva affatto.

Il (primo) traghetto ci ha portato a Herreninsel (letteralmente ‘Isola degli Uomini’). Lì re Ludwig II ha avuto l’idea (poco normale) di farsi costruire un castello. E non un castello qualsiasi, ma una copia esatta della reggia di Versailles.

Ludwig II era un grande fan di Luigi XIV e voleva che il palazzo di Chiemsee fosse identico a Versailles in ogni sua parte, quadri e tappeti inclusi. Peccato che il re fosse troppo occupato per vivere nel castello, che ha visitato solo poche volte per controllare lo stato dei lavori.

A parte quello, il palazzo è rimasto disabitato (fatta eccezione per il personale di servizio) fino alla morte del re, dopo la quale è rimasto lì, abbandonato e costruito a metà (fra le altre cose, il re a un certo punto è rimasto senza un soldo).

La guida vi racconterà un sacco di cose sul processo di costruzione e vi porterà a vedere una porzione rimasta incompiuta, ovvero la scalinata privata del re. La struttura include quattro mura in mattoni rossi e, ovviamente, una scalinata, anch’essa di mattoni. E basta.

A vedere la scalinata (che senz’altro vedrete, come tutto il resto, tanto più che l’unico modo per visitare gli interni è con un tour guidato) si fatica a pensare che i soffitti in stucco, gli affreschi variopinti e i muri in foglia d’oro nelle altre stanze celino gli stessi muri in mattoni monocromi.

Insomma, la visita è molto piacevole e divertente, mentre Ludwig II era decisamente un megalomane. I boschi e i prati che circondano il palazzo sono magnifici e vale la pena tenersi un po’ di tempo per fare un giro all’ombra degli alberi.

Dopo aver fatto un giro in mezzo agli alberi (ovvio che l’abbiamo fatto), siamo tornati alla fermata del traghetto e abbiamo raggiunto la nostra tappa successiva, che, come probabilmente non è difficile immaginare per chi conosce la zona, era Fraueninsel (l’Isola delle Donne).

Appena scesa dal traghetto, ho dato un’occhiata in giro e una domanda mi è sorta spontanea: ma perché sull’Isola degli Uomini c’è una simil-Versailles da re, mentre l’edificio principale dell’Isola delle Donne è un monastero? Mah, sarà colpa dei tempi antichi.

Abbiamo steso le coperte sull’erba e fatto un picnic con i nostri panini fatti in casa, mentre una papera si avvicinava cautamente per fare amicizia con noi (soprattutto con Andi). Poi tutti si sono addormentati, mentre io, non avendo sonno, sono andata a fare un giro sul lungolago. L’isola era piena di turisti e gente del posto, eppure le loro voci si sentivano a malapena. C’era un silenzio incredibile e la riva era piena di angoli isolati, piccoli moli privati e case vacanze affacciate sul lago.

Ho passato una ventina di minuti a passeggiare gioiosamente sul lungolago, a un certo punto insieme a Andi, finché mi sono accorta che stavo guardando case e moli che avevo già visto. Sì, perché avevamo fatto un giro completo dell’isola e avevamo iniziato il secondo (il che la dice lunga su quanto è piccola).

La vista del lago continuava a essere magnifica. L’acqua era d’argento e si intonava alla perfezione con il cielo grigio, ormai nuvoloso da quando gli altri si erano addormentati. Il lago era punteggiata di barche a vela che sembravano scivolare lungo la superficie.

E poi, avete presente quando siete in giro in qualche città e le piazze o i tetti sono (quasi) sempre popolate da piccioni? Ecco, sostituite i piccioni con le papere e avrete un’idea di com’è Fraueninsel. Le papere sono ovunque: vagano sul sentiero oppure camminano in fila indiana sull’erba, come se fosse la cosa più normale del mondo. Amo le papere.

Quando tutti erano di nuovo svegli, siamo tornati sulla terraferma, mentre il cielo annunciava il diluvio. Ma la nostra giornata sul lago era tutt’altro che finita. Andi ci ha portato in un altro posto, una spiaggia con la sabbia che neanche Andi sapeva bene dove fosse.

Quando siamo arrivati c’era un gran vento, pioveva e faceva freddo, ma niente ci ha dissuaso dal sorseggiare il vino rosso che Andi aveva nello zaino e, intanto, mettere i piedi a bagno nell’acqua gelata. Il nostro pomeriggio si è concluso con un gelato super buono lì in zona. Poi siamo andati a prendere un amico di Andi e siamo tornati a casa, mentre fuori imperversava la tempesta.

Niente è più confortevole del calore di una casa bavarese in legno e una piacevole cena in compagnia. Mettete insieme le due cose e avrete un’idea chiara e puntuale del nostro sabato sera, che è passato in frettissima fra conversazioni a caso su mille argomenti diversi (UE, Brexit ed elezioni USA comprese) e un bicchiere di birra (a volte molto necessario per affrontare gli argomenti suddetti). Davvero uno dei migliori sabati sera di sempre.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

three × 3 =