Norway 2013 (3/6). D(alsnuten)-Day

[Italian version below]

FOREWORD

I went to the Tourist Office first thing in the morning (after an actual good night’s sleep) to collect maps, leaflets and recommendations on ‘day trips or hikes in the area. Nothing too demanding, I’m not that much of an expert’. The young woman at the desk was very friendly, and loaded my rucksack with maps, leaflets and recommendations. ‘The bus to Preikestolen was running until yesterday, so now, unless you have a car, you can’t really get there’.

Oh seriously.

‘But Dalsnuten makes for a nice hike in the surroundings’, she said. Her words stuck with me as I left the office. No hike to Preikestolen, then. But Dalsnuten sounds cool.

norway_2013_3_w

 

THE LONG WAY TO DALSNUTEN

Even the simplest things about this hike were harder than usual. Like, taking the bus: not the toughest accomplishment, right? Well, turned out, to reach the starting point of the hike to Dalsnuten one bus was not enough. I had to take one bus, wait at Sandnes bus station for a good thirty minutes, take a second bus and get off at the final stop. After which, once the bus had left, I realised I was standing in the middle of nowhere in the pouring rain (of course it started raining as soon as I got off the bus), there were no signs, and I had no clue about anything, only a growing feeling that something was not right.

I went for the trail uphill at first, but really, it was going nowhere, and no one to ask for directions. I thought I should have got off at some previous stop (who knew which). So I started walking down the main (and only) road, following the bus route in the hope that some ‘Dalsnuten’ sign would show me the way. Some twenty minutes later, nothing had changed. I was surrounded by all shades of green on all sides. From above, the road must have looked like a zigzag crack in the greenest of surfaces. It was beautiful, but like: where was the hiking trail?

norway_2013_3b_w

A person! A human being! I instantly went off the main road, running for a wooden building. I saw a person! Norwegians really are the kindest to travellers. This woman was working in her office when I asked for directions, and she went upstairs to speak to a colleague, who checked the way to Dalsnuten on Google maps and printed off a map for me. I love you people.

I was super excited when I left the two. I knew where I was going! At the first junction I made a left turn, kept walking and, right there in all its whiteness, the Dalsnuten sign. Thank you. Let the hike begin.

norway_2013_4_w

The first thirty minutes were exactly as I expected: thick woods, flat spots with lakes, increasingly narrow paths. I love the colour of the water when the sky is overcast. It’s a mix of blue, black, green and grey which, put together, give the surface the most intense shade of a colour you can’t quite identify. Such was the colour of the larger lake I came across when it started raining again, and quite hard. I had only just waved hello to three fellow hikers when the path suddenly grew steeper. I mean, steeper.

I’m wearing Tiger sneakers, I thought, I’m not ready for slippery rocks and mud and slippery rocks and mud. I kept walking. The path grew more even, less muddy, then steeper again. Ok then it grew very steep and very muddy. I kept walking again, although at that point I felt it was getting potentially risky. I was completely alone, and there was mud everywhere. If I fall down the slope and get hurt, I thought, there’s no way I can call for help. There’s no signal. Yay me.

norway_2013_8_w

At that point each step was taking ages. I was sort of awkwardly half walking half climbing, there was no path, only slippery rocks and slippery grass that formed a poorly sown patchwork blanket. I had no idea where I was going, the only familiar sign being an orange T-shaped sign painted on the rocks. Which is when it dawned on me: BLOODY HELL I’M CLIMBING A MOUNTAIN. I’m actually getting to the actual top of an actual mountain. Dalsnuten is the name of the peak. And the Tourist Office woman said it was an easy hike. Honestly.

Ok, I had to stay focused. I had to keep going at that point, right? And, somehow, I did stay focused and I did keep going. The last few steps were the toughest, but there was no way I was going back.

Then, it was there. I was there.

norway_2013_5_w

Ohmygod. I’m standing on top of a mountain, I thought. This is what a 360-degree view from above looks like. That is Stavanger, over there. That is the sea, that way. Ohmygod, and the rainbow. This is too much. Too much beauty, too much greatness, too much perfection. I don’t recall ever being as overwhelmed by nature as I am now, I said to myself. I was kneeling down rather awkwardly on the rocks. The wind was so strong it was almost deafening, and my wet hair was freezing on my head. The sky was blue, the sun was shining, as if to add to the scenery the warmest shade of gold.

norway_2013_6_w

Some things you just can’t put into words.

I sat there still, frozen (in so many ways), for as long as the wind permitted. I had no idea how to get back to Stavanger, but right then it didn’t matter. All I could think was, I want to do this again, and multiple times. I love hiking.

I eventually did manage to get back to Stavanger. I slipped and landed in the mud on my way back, then I slipped again, then I almost slipped a third time. But I did return to the main road. At the bus stop I waited forty minutes or so for the bus, and had the most pleasant chat with a young Norwegian girl, who eyed me suspiciously when she arrived at the bus stop, and then asked me if I was an adventure photographer. If only. I liked the way she spoke (in flawless English) about her country. She was curious about the world, but she was also curious about Norway, and loved the mountains, the fjords, the sea.

It took me a while, but I safely arrived back in Stavanger early enough to buy food for dinner. I was still slightly overwhelmed by events as I (slowly, very slowly, I had sore muscles like never before) walked uphill back to the hostel. I was knackered. But as happy as I’d rarely been in my life.

norway_2013_9_w

 

AFTERWORD

Laying in bed after dinner, I googled ‘Dalsnuten’ to learn more about the hike I’d just been on. Turned out (as I expected), it was an easy hike, and the mountain was only 324mt high.

If it hadn’t been so muddy and slippery, or if I’d been wearing hiking boots, or if I’d known more about the trail(s) to the top, it wouldn’t have felt so adventurous. I’d been to the mountains several times in my life, and I’d often gone hiking before the Dalsnuten hike, but I’d never gone hiking all on my own, plus I’d always been around with someone that knew the trail like the back of their hand.

So yes, if I’d known more about the Dalsnuten hike in advance I’m not 100% sure I would have gone for it. With hindsight, I’m so grateful I did.

 


 

Norvegia 2013 (3/6). Il giorno di Dalsnuten

 

PREMESSA

La prima cosa che ho fatto il giorno dopo (dopo aver dormito come un sasso) è stata andare all’Ufficio Turistico a chiedere se avevano mappe, depliant e ‘qualche dritta su giri in montagna da fare in giornata nella zona. Niente di impegnativo, non sono proprio un’esperta’. La ragazza dell’Ufficio, super gentile, mi ha dato un sacco di roba, fra mappe, depliant e suggerimenti. ‘Il bus per il Preikestolen c’era fino a ieri, quindi se non hai una macchina, non riesci più ad arrivare’.

Seriamente?

‘Però Dalsnuten è una bella gita di una giornata da fare qui nei dintorni’, ha aggiunto. Ho continuato a pensarci quando sono uscita: ok niente Preikestolen (mannaggia), però dai Dalsnuten sembra bello.

 

LA LUNGA STRADA PER DALSNUTEN

Quando ripenso al giorno in cui sono andata a Dalsnuten mi rendo conto che anche le cose più semplici sono state più difficili della media. Tipo, prendere il bus: non è tanto difficile, no? Solo che per arrivare all’inizio del percorso un bus non basta. Bisogna arrivare (in bus) a Sandnes, lì aspettare alla stazione dei bus per una buona mezz’ora, poi prendere un secondo bus e scendere al capolinea. Solo quando il bus è ripartito dal capolinea, mi sono resa conto che ero lì in mezzo al nulla sotto la pioggia battente (ovviamente aveva iniziato a piovere appena ero scesa dal bus), non c’erano cartelli e non sapevo nulla di nulla, se non che doveva esserci qualcosa che non andava.

All’inizio ho provato a prendere il sentiero in salita, ma non mi portava da nessuna parte, né c’era nessuno a cui chiedere informazioni. Ho pensato che sarei forse dovuta scendere a una fermata precedente del bus (quale poi, chi lo sa). Così ho preso la strada principale (e unica) che c’era, quella che aveva fatto il bus. Magari avrei trovato qualche cartello che mi diceva dove andare per ‘Dalsnuten’. Venti minuti dopo, non era cambiato nulla. Ero circondata da tutte le possibili sfumature di verde. Dall’alto la strada doveva apparire come una crepa nel verde più verde di sempre. Era davvero super bello, ma tipo: dov’era il sentiero?

Una persona! Un essere umano! Mi sono fiondata verso una casa in legno poco lontana. Ho visto una persona! I norvegesi sono veramente di una gentilezza rara nei confronti dei viaggiatori. La ‘persona’ che ho rincorso era una signora che lavorava nel suo ufficio. Quando le ho chiesto informazioni è andata al piano di sopra a chiedere a un suo collega, che ha cercato Dalsnuten su Google Maps e mi ha stampato la mappa con la strada per arrivarci da lì. Vi voglio tanto bene.

Ero super carica quando ho salutato i due. Sapevo dove andare! Al primo incrocio ho svoltato a sinistra e, dopo un po’, ecco il cartello ‘Dalsnuten’, bianco, bello e con la freccia. Grazie. Diamo inizio alla camminata.

La prima mezz’ora è stata esattamente come me l’ero immaginata: bosco fitto, radure con laghetti, sentieri sempre più stretti. Amo il colore dell’acqua quando il cielo è carico di nuvole. È un misto di blu, nero, verde e grigio che, messi insieme, danno alla superficie una sfumatura così intensa di un colore indefinibile. Era di quel colore anche il lago, più grande degli altri, che stavo guardando quando ha iniziato a piovere di nuovo, e anche abbastanza forte. Poi, subito dopo aver incrociato e salutato altri tre escursionisti, mi sono trovata davanti a un sentiero sempre più ripido. E con ‘ripido’ intendo ripido.

Ho su le Tiger, ho pensato, come faccio con il fango, le rocce scivolose, il fango, le rocce scivolose… Ho proseguito. Il sentiero è tornato pianeggiante, meno fangoso, poi di nuovo ripido. Poi molto ripido e molto fangoso. Ho proseguito ancora, ma a quel punto non mi sentivo più molto sicura. Ero completamente sola, non c’erano indicazioni o cartelli, fango ovunque. Se casco e mi faccio male, come faccio a chiamare qualcuno? Nessuno, il telefono non prende. Ottimo.

Ci stavo mettendo un sacco per ogni passo che facevo, tipo che goffamente camminavo e allo stesso tempo scalavo. Non c’era più nessun sentiero, solo rocce ed erba che, messe insieme, sembravano una coperta cucita male e dannatamente scivolosa. Non avevo idea di dove stessi andando, l’unica cosa che riconoscevo era il segno arancione a forma di T riportato sulle rocce. Che è proprio quando ho avuto l’illuminazione (tardiva): ODDIO STO SCALANDO UNA MONTAGNA. Cioè, sto proprio arrivando sulla cima di una vera montagna. Dalsnuten è il nome della montagna. E la tizia dell’Ufficio Turistico mi ha detto che era una camminata facile. Facile.

Ok, calma. A questo punto devi andare avanti, mi son detta. E in qualche modo, con calma, sono andata avanti. Gli ultimi passi sono stati i più difficili, ma non esisteva che tornassi indietro.

E poi, d’un tratto, c’ero: ero su. Oddio. Sono sulla cima di una montagna. E questa è una vista a 360 gradi dall’alto. Là c’è Stavanger. Là c’è il mare. Oddio, c’è anche l’arcobaleno. È troppo, veramente troppo. Troppa bellezza, troppa grandezza, troppa perfezione. Non ricordo di essere mai stata tanto sopraffatta dalla natura come adesso, penso fra me e me. Ero goffamente inginocchiata sulle rocce. Il vento soffiava talmente forte da stordirmi e avevo i capelli bagnati che mi congelavano la testa. E il cielo era blu, con il sole che brillava e tingeva tutto di una calda luce dorata.

Alcune cose non si possono esprimere con le parole. Sono rimasta lì seduta, immobile finché il vento me lo ha permesso. Non avevo idea di come tornare a Stavanger, ma lì sul momento non mi importava. Riuscivo solo a pensare: voglio fare altri giri così, e non una volta. Amo andare in montagna.

Alla fine sono anche riuscita a tornare a Stavanger. Mentre scendevo dalla montagna sono cascata nel fango, poi sono cascata di nuovo, poi sono quasi cascata ancora. Ma ho ritrovato la strada, e anche una fermata del mio bus. Mentre aspettavo il bus (che è arrivato tipo quaranta minuti dopo) ho anche chiacchierato con una ragazzina norvegese super carina. Quando è arrivata alla fermata mi ha guardato un po’ circospetta, poi mi ha chiesto se ero una fotografa d’avventura. Magari. Era bello il modo in cui parlava (in inglese perfetto) del suo paese. Era curiosa, voleva girare il mondo ma anche la Norvegia, di cui amava le montagne e il mare.

Ci ho messo un (bel) po’, ma sono tornata a Stavanger abbastanza presto per procurarmi la cena al supermercato. Quando ho fatto la salita per l’ostello (camminando lentamente, molto lentamente) ero ancora un po’ sopraffatta dagli eventi. Ero a pezzi. Ma felice come poche altre volte nella vita.

 

EPILOGO

Svaccata sul letto dopo cena, ho googlato ‘Dalsnuten’ perché volevo capire un po’ meglio il giro che avevo fatto. Mi sono resa conto che era effettivamente un giro facile e che la montagna era alta solo 324 metri.

Se non ci fossero stati tutto quel fango e tutta quella pioggia, se avessi avuto le scarpe da montagna, o se avessi saputo un po’ meglio che tipo di giro era, mi sarebbe sembrato meno avventuroso. Ero già stata parecchie volte in montagna e avevo fatto diverse escursioni simili, ma non ero mai stata a fare escursioni del genere da sola, anzi, ero sempre con qualcuno che conosceva a memoria i sentieri e la zona.

Quindi, sì, se avessi saputo di più com’era il giro di Dalsnuten non sono sicura al 100% che l’avrei fatto. Col senno di poi, menomale che l’ho fatto.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

seven − 3 =