Cervia Salt Pan (2/2). Where the Sea Salt is

[Italian version below]

On the Saturday of the trip the sky was clear blue, the air clean and no clouds in sight. In fact, it was blisteringly hot, but hey you can’t have it all. After collecting our tickets at the Salt Pan Visitor Centre and having a look at the small exhibition in the building, we waited for our guides and the other people that were joining our guided tour. When everybody was there, the guides walked us through the meadows to the canal, where two boats were waiting for us. We were split into two groups, and off we sailed down the canal.

cervia_3_w

The boat tour at sunset lasts roughly one and a half hours, and consists of three parts: sailing to the Pan, walking through the salt fields, and sailing back. At some point, while sailing to the fields (and on the way back), passengers are asked to wear plastic helmets: the boat has to go underneath a (very) low bridge, so you have to wear the helmet and crouch down as the boat approaches it, or you’ll bang your head against the concrete. The boat journey takes around twenty minutes, and is nearly as stunning as the salt fields themselves. The boat is so low you can almost touch the water if you stretch your arm. Plus, as we sailed down the canal, we got to see a lot of plants and herbs characteristic of the wetland environment.

cervia_4_w

The guide called each one of them by name, and even let us taste a leaf of glasswort (that’s ‘salicornia’ in Italian), which, as everything else in the area, has a very high salt content, but apparently can be used (instead of salt) to season some dishes. Every now and then, birds appeared out of nowhere in the sky (the area is a heavenly place for birdwatchers), and the guide called them also by name (how could he tell from a distance?). I was amazed. Everybody was asking about flamingos, though. Even at the Visitor Centre people asked about flamingos as they collected their tour tickets. In fact, flamingos are the most popular bird species of the reserve, and it’s not that uncommon to see them in the reserve. To all those who asked the guide gave the same answer: ‘Yes it is possible to see them, but don’t expect to see them this time of the year’.

cervia_5_w

As we got off the boat, the salt fields were right there in front of us. There were six (roughly square) fields, three on each side of the earthy path in the middle. They were like a giant mirror for the sky. Plus, the water surface looked waveless, which made the reflection even more still. We walked past the first pair of basins, while the guide explained how salt is formed, how the bottom of all basins is made of loam, and how each pair of basins contains salt at different stages of formation.

cervia_2_w

We were allowed to walk off the path to the very shore of a basin where salt was almost formed, touch the water and then taste it off our fingers. The shore was covered in salt crystals, and the water looked like ‘water’, but when you touched it you could tell it was dense, almost greasy, so high was the concentration of salt in it. It was surreal. And it tasted salty beyond imagination.

The guide went on to explain that, once formed, the salt was collected and carried in special lorries to the factory nearby, where it was properly cleaned and processed until it was turned into the finished product, i.e. Europe’s purest salt.

Cervia salt (or ‘Salfiore’, as it is also called) is indeed unique: it is known as ‘sweet salt’, even though it’s as salty as the other salt types. The difference is that, unlike the others, it contains no bitter minerals. It is also known as ‘the Pope’s salt’, because every year the first salt of the harvest used to be taken to Rome and donated to the Pope.

cervia_6_w

We walked past the second pair of basins, where we saw smaller wooden basins that contained pink salt. The salt was pink because of tiny little organisms living in the water, as the guide showed us after collecting a sample of water in a plastic bottle. These aquatic organisms, which are in fact shrimps, are almost red, and are responsible for the bright pink/orange colour of the flamingos’ feathers. Yes because flamingos are light grey when they are born, but because they feed on these shrimps, they grow pinker and pinker as they grow up.

We kept walking, while the sun quickly went down, as if melting with its reflection in the water. Anywhere you turned you saw pink: the salt, the sky, the sun, the water and the shrimps. And then we saw the flamingos. A whole flock, in fact. Except, they looked the opposite of pink: they were flying in the distance, right past the sun, and they looked like black silhouettes made from cardboard. But like, wow.

cervia_7_w

Suddenly it was twilight, and time to return to the boats. The most annoying little girl in the universe (who happened to be in our group) was throwing stones into the basins, despite the guides made it clear that it was strictly forbidden, as they made the salt dirty. Her mother saw her the whole time, but didn’t say a word. Well I did, and I’m positive they both hated me right there and then, but who cared. I uttered the words, then nonchalantly turned around and caught up with Bobby down the path. Even they couldn’t spoil the magic of the place.

We sailed back to the Visitor Centre, still mildly inebriated by the (pink) beauty of things. If I think I’ve only seen a tiny portion of the whole reserve, I can’t help wondering how long it would take to walk through the whole area and back. Maybe next time.

cervia_8_w

 


 

Saline di Cervia (2/2). Là dove nasce il sale dolce

Il sabato della visita il cielo era azzurrissimo e l’aria limpida. Non una nuvola. In realtà faceva un caldo indecente, ma non si può avere tutto, no? Ritirati i biglietti, abbiamo dato un’occhiata alla piccola mostra che ospitava il Centro Visite. Intanto, aspettavamo le guide e gli altri partecipanti al nostro tour. Quando eravamo tutti lì, sono arrivate le guide, che ci hanno portato nei campi fino al canale. Lì c’erano due barche, pronte a caricarci a bordo. Ci siamo divisi in due gruppi, siamo saliti e siamo partiti lungo il canale.

Il tour in barca dura circa un’ora e mezza e comprende tre parti: il tragitto fino alle saline, il giro attraverso i bacini di sale e il viaggio di ritorno.

A un certo punto, sia all’andata sia al ritorno, i passeggeri devono indossare dei caschi di plastica. La barca deve passare sotto un ponte (veramente) basso, quindi bisogna mettere il casco e accovacciarsi sulla barca, altrimenti si va a sbattere la testa contro il cemento.

Il viaggio in barca dura circa venti minuti e il paesaggio è bello quasi quanto le saline in sé. La barca è talmente bassa che basta allungare il braccio e si tocca l’acqua. Mentre si procede lungo il canale, è possibile vedere erbe e piante caratteristiche dell’ambiente delle saline. La guida le nomina tutte una per una, e ci fa anche assaggiare le foglie di salicornia, che, come tutto nella zona, è salatissima. Pare che sia molto buona usata (al posto del sale) per cucinare certi piatti. Ogni tanto appare dal nulla qualche uccello (la zona è un paradiso per chi ama il birdwatching), e la guida li nomina tutti uno per uno (come fa a riconoscerli così da lontano?). Sono basita.

Tutti, però, vogliono sapere se vedremo i fenicotteri. Anche al Centro Visite c’era chi chiedeva dei fenicotteri mentre ritirava i biglietti. In effetti, i fenicotteri sono i volatili più famosi tra quelli che popolano la riserva, e non è così raro vederli durante una visita. A chiunque chiedesse se avremmo visti, la guida dava la stessa risposta: ‘Sì, è possibile vederli, ma non tanto in questa stagione’.

Siamo scesi dalla barca e le saline erano lì davanti a noi. C’erano sei bacini (circa quadrati), tre su ogni lato di un sentiero sterrato. Era come un enorme specchio per il cielo. Senza contare che la superficie dell’acqua era del tutto priva di onde, per cui il riflesso era letteralmente immobile. Mentre proseguivamo lungo il sentiero la guida ha descritto come si forma il sale, ha spiegato che il fondo dei bacini è ricoperto di limo e ha precisato che ogni coppia di bacini contiene sale a diversi stadi di formazione.

A un certo punto ci ha detto che potevamo andare sulla riva di un bacino, toccare l’acqua e sentirne il sapore sulle dita. La riva era interamente coperta di cristalli di sale. L’acqua sembrava normale acqua, ma al tatto aveva una consistenza densa, quasi oleosa, tanto era alta la concentrazione di sale al suo interno. Era quasi surreale. Ed era salata oltre ogni immaginazione.

La guida ha poi aggiunto che, una volta terminato il processo di formazione, il sale viene raccolto e trasportato su mezzi ad hoc fino alla fabbrica lì accanto, dove viene debitamente pulito e lavorato fino ad ottenere il prodotto finito, ovvero il sale più puro d’Europa.

Il Sale di Cervia (noto anche come ‘Salfiore’) è davvero unico. È chiamato ‘dolce’, anche se in realtà è salato come gli altri tipi di sale. Solo che, a differenza di questi, non contiene minerali amari. È chiamato anche ‘il sale dei Papi’, perché ogni anno il primo sale del raccolto veniva tradizionalmente portato a Roma e donato al pontefice.

Attraversato anche il secondo blocco di bacini, abbiamo notato che c’erano piccole vasche in legno che contenevano sale rosa. Il colore rosa era dovuto alla presenza di piccoli organismi che vivevano nell’acqua. La guida ha raccolto un campione di acqua in una bottiglia di plastica e ce li ha mostrati. Si tratta di minuscoli gamberetti quasi rossi, che, fra l’altro, spiegano anche perché i fenicotteri hanno le piume di colore rosa/arancione intenso. Sì, perché, alla nascita, i fenicotteri sono grigio chiaro ma, poiché si nutrono di questi micro gamberetti, diventano rosa man mano che crescono.

Mentre camminavamo attraverso le saline, il sole è calato rapidamente. Sembrava volesse fondersi con la sua immagine riflessa nell’acqua. Ovunque ci si voltasse, c’era del rosa: il sale, il cielo, il sole, l’acqua e i gamberetti. E poi abbiamo visto i fenicotteri. Uno stormo. Non erano rosa, però: volavano in lontananza, proprio vicino al sole, quindi sembravano sagome di cartoncino nero appena ritagliate. Eppure erano bellissimi.

All’improvviso era il crepuscolo, ed era ora di tornare alle barche. La bambina più molesta dell’universo (che, si dà il caso, era nel nostro gruppo) era lì che tirava sassi nei bacini, anche se le guide avevano chiarito che era severamente vietato farlo, perché i sassi rendevano il sale più sporco. La madre era lì con lei, ma non le diceva niente. Così gliel’ho detto io. E probabilmente entrambe mi hanno odiato, ma chi se ne frega. Le ho detto che la guida aveva detto che era vietato, poi mi sono voltata come se niente fosse e ho raggiunto Bobby, già avanti con il resto del gruppo. Neanche loro potevano rovinare la magia di quel luogo.

Siamo tornati al Centro Visite ancora storditi dalla bellezza (rosa) di tutto. Se penso che abbiamo visto solo una porzione minima dell’intera riserva, non posso fare a meno di pensare quanto ci possa volere a percorrerla tutta avanti e indietro. Magari la prossima volta.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

6 + one =